Está en la página 1de 4

il giornale dalla parte dei carovignesi

francam e nte
Con le pinne, fucile ed occhiali...
...e la natura calzanti, l’assetto idrogeologico del

L’
ultima set-
si ribellò timana di nostro territorio.
Settembre, L’annoso problema delle falde acqui-
nei giorni del 26 e del 27, la Puglia in- fere contaminate e ritrattesi a causa
tera ed in particolare il territorio di Ca- delle infiltrazioni dovute a strutture
rovigno, sono stati interessati da un ina- sorte dove non dovrebbero, è legato in
spettato e violento nubifragio: una per- Puglia, a quello dei canali naturali
turbazione persistente che ha spaventa- troppo spesso soffocati dal cemento
to gli abitanti, inondando (è proprio il oppure deviati, nel loro percorso anti-
caso di dirlo) le strade, le abitazioni, gli co, dall’impianto di nuove costruzioni;
aridi campi e le ormai desolate spiagge questioni che sembrano non avere mai
della costa adriatica…Un nubifragio fine, anzi, diventano prassi quotidiana
che ha arrecato diversi danni, di diversa in una corsa alla devastazione dell’am-
entità, sia a strutture, sia a luoghi... biente legittimata da un’idea distorta
La cosa più straordinaria, però, è che il di sviluppo turistico tuttora in corso.
violento nubifragio ha anche dato un E’ in queste circostanze e alla luce di
nuovo aspetto a molti paesaggi della eventi come questi, che bisognerebbe
nostra lunga costa: spazi naturali che si mettere da parte l’arrivismo personale,
sono aperti in piccole e grandi lame di il puro lucro, per uno scopo più impor-
fronte all’impeto delle acque piovane tante e universale: LA SALVAGUAR-
discese dalle colline dell’entroterra, la- DIA, LA TUTELA, LA PRESERVA-
sciando che quella lunga e inarrestabi- ZIONE DEL PROPRIO TERRITO-
le corsa si fermasse nel “sospirato por- RIO, DELLE FALDE ACQUIFERE,
to”: ...il mare. DELLE LAME MILLENARIE…
I nuovi squarci visibili negli arenili e Non è perciò improbabile che quelle
nei campi, sono stati quanto mai ne- scelte, quelle azioni possano determi-
cessari e allo stesso tempo devastanti, nare in un futuro non molto lontano al-
perché oltre agli elementi naturali che tri disastri …
quella corsa ha dovuto superare, ha to di assetti urbanistici, non pianifica- vere morale e civile di ritenere quella blematiche sopite dai clamori estivi, E quando questo avverrà, la Natura
purtroppo anche superato ed aggirato ti, e di assetti paesaggistici, oggi tra- forza impetuosa scatenata dall’ER- mentre non ci ha ancora portati seria- non avrà perso la retta via, non avrà
tutti quegli elementi antropici (dovu- sformati, la cosa più inaccettabile è RORE UMANO e dalla SPECULA- mente a discuterne, e soprattutto, a ri- compiuto pazzie “di fuori stagione”,
ti all’uomo) realizzati su arenili, por- che noi tutti, sconvolti e impressionati ZIONE EDILIZIA, che ormai da flettere su quanto le nostre scelte e il ma avrà solo fatto, con forza antica e
zioni di costa, lame e allo sbocco di dalla atavica potenza della Natura, ten- molti anni avvelena il nostro territorio, nostro agire (il cosiddetto fattore an- istintiva, quello che noi cittadini del
canali naturali… nella ricerca affanno- diamo semplicemente ad accusarla mortificandolo e degradandolo. tropico) stiano invadendo, modifican- terzo millennio non abbiamo il corag-
sa della propria foce. quale artefice di stranezze fuori tempo Il nubifragio di questo primo autunno do e in taluni casi distruggendo, irri- gio di fare: ABBATTERLE!
In tutto questo profondo stravolgimen- e fuori stagione, invece abbiamo il do- carovignese ha fatto risvegliare pro- mediabilmente e a ritmi sempre più in- LA REDAZIONE

Leggende Il terreno e l’assessore


p a es a ne furbo di uomo politico parlò troppo piano. Pro- Così pensate voi. Ma così non è. Sapete perché?

Q
uel pezzo di terreno era diventato un
tormento per il proprietario. Era pro- prio per non farsi sentire da nessuno. La storia, State a sentire. Passano solo poche settimane e
prio da vendere. Non si poteva coltiva- allora, finisce qui? Dove sta il miracolo? Solo quel terreno viene espropriato dato che da lì de-

La
“leggenda” ha origini antiche. Affonda
le radici nella tradizione orale ed è re più niente. Troppo vicino al paese. La gente nel fatto che un uomo politico arrogante prende ve passare una strada. Il proprietario esibisce le
strettamente legata alla cultura del po- si inoltrava nel passatoio con la scusa di passeg- sottobraccio un vecchio amico dimenticato e gli ricevute di quelle tasse pagate. Cari signori del
polo che la genera e che, quindi, la caratterizza. giare e faceva razzia di frutta e verdura. I bam- parla zitto-zitto? Non di certo. Abbiate pazien- Comune, questo è un terreno edificabile. Ci
La parola “leggenda” deriva dal latino “legenda” bini, poi, lo avevano trasformato in un campo za e state a sentire. avrei costruito un sacco di cose. Ha un valore
che letteralmente significa “cose che devono essere da gioco. Sugli alberi di ulivo costruivano addi- Quel proprietario l’indomani si reca al Comu- enorme. Me lo espropriate? Dovete pagare un
lette”; ossia cose degne di essere conosciute. rittura rifugi con tavole e scatole di cartone. ne. Va difilato all’ufficio delle tasse. Dice al- sacco di soldi.
La leggenda spesso racconta qualche parte di una Non si riusciva a cacciarli via. Quel terreno era l’impiegato: Sono proprietario di un terreno co- Il proprietario ha ragione, disse l’assessore
realtà che evolve in aspetto fantastico, grazie alla proprio da vendere. sì e così e devo regolarizzare la posizione con competente. Che somigliava molto a quello di
metamorfosi generata dalla narrazione collettiva. Così pensava il proprietario. Ma il problema le tasse. L’impiegato si meravigliò non poco. cui abbiamo parlato prima. Tutta la giunta ne
Le vecchie leggende popolari sono oggi affiancate era: a chi poteva interessare? Se lui lo voleva Un uomo onesto che viene spontaneamente a prese atto: se vanno pagati un sacco di soldi,
dalle moderne “leggende metropolitane”. Resta si- vendere per quel motivo, per lo stesso motivo pagar le tasse. Non è cosa di tutti i giorni. Pre- paghiamo un sacco di soldi, dissero.
mile la struttura narrante, ma sono storie nate e dif- nessuno sarebbe stato disposto a comperare. O se il carteggio relativo a quel terreno. Lo aprì. E Così il proprietario si prese un sacco di soldi.
fuse in città, che circolano di bocca in bocca ma comunque lo avrebbero pagato quattro soldi. la sua meraviglia crebbe. Le tasse erano state Cioè, ad essere precisi, mezzo sacco. E l’altro
che possono anche essere supportate dai mezzi di Un bel rompicapo. Non sappiamo se il proprie- regolarmente pagate. mezzo, direte voi? Béh, non posso raccontarvi
comunicazione o viaggiare via e-mail. tario di quel terreno abbia acceso qualche can- Ma il proprietario fu chiaro. È vero che aveva tutto io. Provate a indovinarlo.
Ciò dimostra che anche oggi, come ieri, l’immagi- dela alla Madonna di Belvedere. Sta di fatto che pagato regolarmente le tasse per terreno agrico- NATALINO SANTORO
nario collettivo si appropria di aspetti veri o verosi- ebbe un bel miracolo. State a sentire. lo, ma lui era andato per chiarire un vecchio er-
Una sera in piazza, un assessore lo prese sotto- rore. Lì bisognava pagare per terreno edificabi-
mili del quotidiano per trasformarli in “leggenda”.
Se la metropoli ha le “leggende metropolitane”, il braccio e con fare molto confidenziale comin-
ciò a parlargli. La cosa meravigliò non poco il
le e quindi lui era pronto a versare tutti gli arre-
trati. Una grossa cifra, certo, che lui pagava su-
francamente
paese non può che avere le “leggende paesane”.
nostro amico proprietario di quel terreno. Con bito. L’impiegato prima si mise le mani nei ca- è aperto alla collaborazione dei cittadini
Anche Carovigno. Vi raccontiamo qualcuna di que-
ste “cose che devono essere lette”. Invitando a ri- quell’assessore erano vecchi amici. Ma da pelli e poi incassò la cifra. Fior di quattrini.
So ciò che state pensando: quell’uomo non è un
Per collaborazioni, informazioni,
flettere su ciò che afferma lo scrittore e storico Ja- quando era diventato un pezzo grosso, si faceva
vedere solo quando c’erano le votazioni e poi miracolato ma un folle. Ha un terreno di cui sponsorizzazioni:
cob Cristillin: “La leggenda non è così lontana dal-
la verità; è la storia non ancora messa a punto”. non salutava nemmeno. vuol disfarsi perché non può farne buon uso ed Cell. 338.9861242
(NS) Cosa disse l’assessore al proprietario del terre- un giorno decide di pagare più tasse del dovu-
to. È un pazzo di sicuro.
e-mail: mario_ci1975@libero.it
no? Questo non possiamo saperlo perché quel

francam e nte - nuova serie - n. 17 - OTTOBRE 2006 - distribuzione gratuita


mensile a cura della sezione "Enrico Berlinguer" dei Democratici di Sinistra di Carovigno
Direttore responsabile: Natalino Santoro - Direttore editoriale: Mario Cicorio
Reg. Trib. di Brindisi n. 7 del 20.04.2001 - stampa: Nuova g@ srl - Ostuni - info@nuovagasrl.191.it (chiuso in Tipografia il 19/10/2006)

francamente è scaricabile dal sito www.carovigno.net


Supermercato Spesa

francamente
A &
A O
A
O T T O B R E 2 0 0 6
O G N I G IO R N O C O N TE
2 V.le Foggia, 10 - CAROVIGNO (BR) - Tel. 0831.990695

Mul tis ervizi o mu l ti s p or c i z i e?


In giro non si vedono operatori con divise, scope, palette e camio-

S
orvolando, per un momento, sulla scarsissima chiarezza che
caratterizza le vicende della cosiddetta “ multiservizi” , i con- nette. Ogni tanto, per segnalare l’esistenza del servizio, si assiste
tribuenti continuano a porsi un problema molto semplice: al passaggio di qualche “ spazzolone” per ripulire i bordi delle car-
chi è tenuto a pulire le strade, le piazze, i monumenti, i parchi del- reggiate. Gli addetti ai lavori si limitano a svuotare i cassonetti. Il
la città? Sì, perché di multiplo, per adesso, vi è solo la sporcizia. resto è affidato agli umori del vento che, a seconda della direzio-
Qualche solerte amministratore sarebbe pronto a rispondere che i ne, rende pulito il marciapiede di Tizio o di Caio. L’elenco delle
soldi in cassa sono pochi e ci sono ben altre priorità de eseguire. inadempienze è del tipo “ c’è solo l’imbarazzo della scelta” . La
Sarebbe un modo superficiale per eludere la questione di fondo. sporcizia è ovunque: marciapiedi, strade, piazze. Quando si per-
Da troppo tempo si discute sulle buone azioni che si possono rea- corre la strada che conduce al mare si puòfacilmente notare che ai
lizzare per restituire coscienza pubblica e senso di appartenenza ad bordi delle carreggiate sono disseminati oggetti di plastica, carte, si potrebbe preservare, al meglio, quello attuale? Le ferree regole del
una comunità stanca e distratta. buste, erbacce. Se si va verso il centro storico l’incuria non dimi- Codice della strada dimostrano che mettere le mani nei portafogli
Il buon senso (ormai da tutti invocato… ) impone che si cominci da nuisce, attenuata solo da signore intente a lavare le “ chianche” che dei cittadini aiuta a sensibilizzare sulla tutela dei beni pubblici. Non
quelle piccole cose che pazientemente si radicano nelle abitudini e lastricano gli ingressi delle proprie abitazioni. La piazza centrale vi è bisogno di ricorrere a soluzioni ingegnose e particolarmente co-
nella sensibilità dei cittadini. Un’altra obiezione potrebbe essere presenta una pavimentazione sempre più annerita e fatiscente. Ver- stose. Si facciano lavorare intensamente gli operatori addetti al ser-
rappresentata dal fatto che se i cittadini sporcano comodamente gognosa è la situazione del verde pubblico. Il bellissimo parco di vizio e si puniscano severamente gli habitués del sudiciume. È ora
non sempre il servizio pubblico può venire in soccorso. Ma il pro- via Aldo Moro è abbandonato all’insensibilità di chi sporca impu- di smetterla con questa squallida mentalità da sporcaccioni benpen-
blema è esattamente questo: se i cittadini non si danno spontanea- nemente. Perché qualche vigile non si prende la briga di dare una santi con le nostre abitazioni esasperatamente tirate a lucido e il me-
mente delle regole civiche bisogna iniziare a educarli e stimolarli dura lezione, con sanzioni salate, a chi vi getta dentro ogni sorta di nefreghismo da pattumiera negli spazi pubblici.
con bastone e carota. Chiunque sia il concessionario del servizio, porcheria? CORRADO TARANTINO
le desolanti conclusioni restano le stesse. Tenuto conto dei tempi lunghi di realizzazione del nuovo parco, non SEGRETARIO DS - CAROVIGNO

A llu v io n e a C a ro v ig n o : A 60 anni dal riconoscimento del diritto di voto


O rd in e d e l g io rn o d e l C e n tro sin istra
alle donne Italiane,Emilia Sarogni parla di S.M orelli
e del lungo cammino dei diritti delle Donne
A
seguito dei gravi danni cau-
sati dai violenti nubifragi al le lettere di risposta e di encomio che fan-

Il
circolo ACLI di Carovigno, con
nostro territorio, i consiglie- no a Morelli il generale G. Garibaldi- G.
Presidente il sig. Michele Lanzi-
ri comunali del Centrosinistra di Ca- Mazzini- V. Hugo e Julie Simon) che il ge-
lotti, ha promosso per la giornata
rovigno (Vito Saponaro, Rosaria Fu- niale pensiero di Morelli affermerà la ne-
del 27 ottobre presso il salone del castel-
sco, Giuseppe Annicchiarico e Gian- cessaria riforma sociale di cui aveva biso-
lo di Carovigno un incontro/dibattito con
carlo Locorotondo) hanno presenta- gno la giovane Italia Unita del 1860; una
la scrittrice Emilia Sarogni, autrice di
to durante la seduta consiliare di lu- riforma intellettuale che doveva avere co-
due libri: “ Salvatore Morelli. L’Italia e
nedì 9 ottobre un ordine del giorno me priorità la formazione del cittadino at-
la Donna” , Daniela Piazza Editore 2004;
con cui affrontano questo problema. traverso l’istruzione e l’educazione.
e “ La Donna Italiana. Il lungo cammino
Partendo da una minuziosa e artico- Ma quel che di rivoluzionario (per l’epo-
verso i diritti” , edizione il Saggiatore.
lata descrizione della struttura mor- ca) egli verrà qui a proclamare è che il fi-
L’incontro promosso in occasione dei 60
fologica del territorio comunale, da lo conduttore di questa riforma sociale che
anni dal riconoscimento del diritto di voto
cui emergono con chiarezza i punti di doveva portare alla nascita di una nuova
alle donne italiane e che ha ricevuto i Pa-
debolezza dello stesso, il Centrosini- società democratica e di valori doveva es-
trocini morali dal Ministero dei Diritti e
stra di Carovigno ha avanzato una sere la Donna. Egli dirà qui: “ La causa
delle Pari Opportunità, della Regione Pu-
proposta al fine di evitare che in fu- della Donna è la causa dell’umanità” .
glia, della provincia di Brindisi nonché del
turo si possano verificare altri feno- Se si emancipa la donna, istruendola e
Comune di Carovigno vedrà presente la
meni come questi. Tale proposta si concedendole tutti i diritti che per secoli le
dott.ssa Emilia Sarogni, la prima donna ad
basa sulla richiesta all’Amministra- sono stati tolti, essa costituirà il bene del-
aver ricoperto la più alta carica direttiva al
zione comunale di dotarsi di un pia- la famiglia e dell’intera umanità.
Senato della Repubblica dirigendo per più
no idrogeologico ed idrologico del Un’idea questa che lo porterà in tutta la
anni il Servizio Affari Internazionali, non-
territorio. E’ infatti attraverso questo sua carriera di Deputato a presentare il pri-
ché Consigliere Parlamentare dal 1976 ad
strumento che sarà possibile indivi- mo progetto di legge in Italia sul ricono-
oggi. La dott.ssa, che oggi è dedita all’at-
duare le aree sottoposte a rischio di scimento alle Donne di tutti i diritti civili
tività di scrittrice e conferenziera in Italia
dissesto idrogeologico; le fasce di tu- e politici, intendendosi così implicito il di-
e nel mondo soprattutto per quel che ri-
tela e di rispetto idrogeologico me- ritto al voto che ci è stato riconosciuto so-
guarda le tematiche della Politica Europea
diante la perimetrazione delle lame; lo nel 1946
e quelle della Storia della Donna, ha dedi-
le aree da sottoporre a bonifica e ma- Sarà la sapienza e la dedizione della Saro-
cato negli ultimi anni parte dei suoi studi
nutenzione dei canali e quelle con gni con gli interventi di R. Fusco (pres.
alla nobile e geniale figura di Salvatore
eventuale previsione di canali artifi- Commiss. Pari Opportunità alla prov.), del
Morelli.
ciali per integrare ed agevolare il de- prof. V. Brancasi (presidente del circolo
È , infatti, grazie a lei che si coglierà l’oc-
flusso di acque dovute ad eventi pio- Morelli di Carovigno), dell’On. G. Servo-
casione per “ ricordare” uno dei più illustri
vosi eccezionali. dio (vice pres. Comm. Agricoltura), del
uomini di Carovigno, Salvatore Morelli,
Solo così si potrà attuare una seria e dott. F. Saponaro (Ass. reg.al bilancio e
appunto, il primo uomo in Italia ed in Eu-
incisiva programmazione e pianifi- prog. Economica) e coordinati da S. Car-
ropa ad aver pubblicato nel 1861 il primo
cazione ambientale comunale in gra- do (resp. reg. Acli) ad illustrare attraverso
libro sulla emancipazione della Donna:
do di preservare e salvaguardare il i suoi libri questo nostro lungo cammino
“ La Donna e la scienza, considerati come
nostro territorio tutelando il paesag- verso i diritti, mirabilmente proclamati in
soli mezzi atti a risolvere i problemi del-
gio e la nostra costa. tempi lontani dal nostro Morelli.
l’avvenire” .
Ma questa amministrazione vuole Tutti i cittadini sono invitati a parteci-
È in questo libro (che vedrà altre due edi-
tutelare e salvaguardare il territorio? pare.
zioni del 1862 e del 1869 dove compare la
LA REDAZIONE PRIMAROSA SAPONARO
prefazione di Virgilio Estival come anche
francamente
O T T O B R E 2 0 0 6

ZONA 167, Maggioranza blindata

D AL G H E T T O AL L A F E STA O pposizione inesistente


• Zona artigianale.

R
itengo che l’analisi sulla situazione politica a
Carovigno non possa prescindere da una ri- • Recupero del nostro patrimonio archeologico.
flessione sul ruolo che la democrazia assegna • Piano di destinazione e utilizzo del Castello.
alle maggioranze e alle opposizioni. • Rivitalizzazione del centro storico e della piazza.
Le maggioranze, legittimate dal voto popolare, hanno • Impianto di depurazione.
diritto-dovere di governo, in quanto, per questo si can- • Viabilità e traffico.
didano e si propongono ai cittadini con un programma • Piani di recupero di muri a secco e strade di cam-
proprio, un proprio progetto di città, di paese. pagna.
Le opposizioni hanno diritto-dovere di controllo • Politiche di risanamento degli esterni delle abita-
sull’operato delle maggioranze senza che questo pre- zioni.
giudichi, su determinate problematiche, atteggia- • Raccolta differenziata dei rifiuti.
menti propositivi. • Discariche abusive sparse sul territorio.
Sul diritto-dovere di governo della maggioranza a • Salvaguardia delle lame e delle coste.
Carovigno ho ampiamente scritto sulle pagine di • Rivitalizzazione e ristrutturazione del palazzetto
questo giornale; qualcosa mi sento di dover dire a dello sport.
proposito del diritto-dovere di controllo dell’opposi- • Progetto di recupero del parco provinciale.
zione. • Censimento - non sappiamo ancora quanti abitan-

T
alvolta un brutto anatroccolo può diventare un cigno. Osservando i palazzi di via Mar-
tiri di via D’Amelio (nuova area mercato) si ha l’impressione del degrado e dell’abban- Intanto, l’opposizione dovrebbe impostare la sua ti ha Carovigno -
dono. Interi nuclei familiari costretti a vivere in strutture (nuove) che sembrano cadere azione nella prospettiva futura di diventare forza di Quale di queste tematiche, tutte importanti per la no-
a pezzi. L’istantanea è di quelle che ti intristiscono, che ti rendono cupo l’orizzonte. Le infil- governo anche per quel salutare ricambio, utile al stra città, è stata presa a cuore dall’opposizione?
trazioni d’acqua ben visibili sui muri dei palazzi, ove non mancano vistose crepe, le aiuole non buon funzionamento della democrazia. Quante volte la politica ha organizzato assemblee,
curate, danno l’idea di trovarsi in un quartiere ghettizzato dal resto della città. La zona 167 co- Dovrebbe esercitare azione di pungolo e stimolo in incontri chiarificatori su questi problemi?
me un ghetto. Abbiamo scelto questo quartiere per la nostra festa de l’Unità. Abbiamo ritenu- direzione della maggioranza per l’avvio a soluzione Qual è il contributo in informativa che è stato dato
to utile ripetere l’esperienza dello scorso anno per un motivo ben preciso. Volevamo donare un di problemi strutturali che, una volta al governo, si alla popolazione?
po’ di colore, un po’ di allegria a questa gente in particolare. Volevamo svilire un po’ di grigio- ritroverebbe già risolti. Ma veramente si può pensare che è sufficiente affi-
re da questa landa. Dovrebbe, poi, svolgere azione di sensibilizzazione dare l’informazione solo a due testate mensili locali
E loro, gli abitanti del quartiere, hanno manifestato tutta la loro voglia di festa. e di informativa nei confronti dei cittadini elettori, che, nonostante il notevole sforzo profuso, non pos-
Fin dalle prime ore pomeridiane caroselli di gente, famiglie intere, passeggiavano incuriositi lun- aprendo canali preferenziali con associazioni ricrea- sono incidere che marginalmente sui processi di cre-
go l’area della festa, gradendo molto i dibattiti e gli spettacoli musicali in programmazione. tive, culturali, di categoria, partiti politici, imprendi- scita e sviluppo di questa città?
L’istantanea scattata durante i giorni della festa de l’Unità mostrava il rione con un volto di- toria locale ecc. Risultato: una maggioranza chiusa a riccio e una
verso. L’opposizione, a Carovigno, non assolve a nessuno opposizione inconsistente.
“ Finalmente protagonisti e non ai margini” è stato il commento di un cittadino del quartiere. di questi compiti, non si muove nell’ambito di que- Allora provo a sognare da sveglio!
“ Sarebbe bello che manifestazioni di questo genere fossero più frequenti da queste parti” . ste linee generali, non svolge il suo ruolo, contri- Lavoriamo al consolidarsi di un periodo di pace so-
Ovviamente queste parole sono state per noi motivo di grande soddisfazione. Non solo. Spes- buendo, così, allo stallo e al consolidarsi della situa- ciale che consenta alla politica di lavorare unita,
so accade a chi si occupa di politica di avere la sensazione che il suo agire sia sterile, che non zione di degrado. coinvolgendo la parte attiva di questa società, in un
produca i risultati sperati. In questo caso, invece, mi sento di poter dire: “Missione compiuta”. Faccio un elenco di cose che mi stanno a cuore e che progetto per Carovigno che, focalizzando le priorità
Da parte nostra, almeno per poco, crediamo di aver restituito ad un quartiere e a chi ci abita dovrebbero stare a cuore a tutti gli amici di Carovi- di questa città, ristabilisca le regole avviandola ver-
una dimensione più consona e adeguata nell’ottica di recupero della zona 167. gno: so la sponda di un futuro più decoroso.
MARIO CICORIO • Piano regolatore generale. PINUCCIO CALÒ

Un’esperienza unica: Per gli appassionati di sport da combattimen-


to, sembra un sogno, ma spesso i sogni diven-
tano realtà.
il restauro d i un m o num ento Alla PALESTRA ATHENA
tari, al microconsolidamento e al consolidamento delle pellicole pittoriche ha inizio il corso di

A
Carovigno, come da tradizione, il presepe vivente natalizio è un
momento emozionante per i ragazzi che vi partecipano attivamen- presenti su tali pezzi, in modo da poter realizzare, dopo un accurato rile- Kick Boxing-Thai Boxe
te e per l’intera cittadinanza...Che bello vedere la viva roccia co- vamento di ogni singolo pezzo, il progetto di anastilosi che permetterà ai
lorata d’azzurro per rappresentare il cielo! Quale poetica funzionalità in due altari di ricevere una reintegrazione dell’immagine e di recuperare il Boxe Francese Savate
quei fori praticati sui conci per permettere alle lampadine colorate d’illu- loro antico splendore tornando a troneggiare nella Chiesa superiore Volete mantenervi in forma, volete scaricare lo
minare al meglio la capanna e i Re magi!… Bene, ora, a distanza di anni, Questa esperienza lavorativa è davvero unica e gratificante. stress della giornata, volete essere al di sopra di tut-
mi ritrovo a dover ovviare a questa mancanza di conoscenza dell’impor- Finalmente ho la possibilità di mettere in pratica ciò che studio da anni! ti e superare voi stessi? Questo è il vostro momen-
tanza culturale e archeologica che tali “ pietre” hanno sempre avuto insite Approfitto di questo mio articolo per ringraziare pubblicamente la ditta to. Il corso sarà seguito dal (Campione nazionale)
nel loro essere. Gramegna, ditta che sta materialmente compiendo gli interventi nella M. Giovanni Caniglia.
Per mia grande fortuna sono una delle tre stagiste che sta partecipando, cripta, sia per la pazienza che ha dimostrato nei miei confronti, sia per gli Non perdete tempo. Anticipate l’avversario.
tramite il progetto Policoro (cofinanziato dalla Conferenza Episcopale ita- insegnamenti pratici e fondamentali che ho acquisito e che mi saranno di Vi aspettiamo!
liana e dal Comune di Carovigno), al restauro del monumento e al recu- certo utili nelle mie future esperienze di lavoro. E se deve essere “ capta-
pero funzionale dei locali della cripta della Chiesa Nuova. Il progetto Po- tio benevolentia” … che lo sia fino in fondo...non posso non ringraziare il
licoro nasce in seno alle Diocesi italiane e prevede l’impiego razionale e mio angelo custode! Senza la passione di Ilaria (ormai ci diamo del tu!)
innovativo delle energie culturali di noi giovani, attraverso la creazione di non avrei amato così tanto questo lavoro! Mi ha trasmesso entusiasmo,
opportunità lavorative concrete. grinta, speranza e tanta voglia di andare avanti nonostante i numerosi pro-
Il mio lavoro, in particolare, è indirizzato allo svolgimento di operazioni blemi che ogni cantiere di restauro inevitabilmente presenta.
di restauro sui materiali lapidei costituenti i due altari ottocenteschi appar- Concludo questo breve articolo con la speranza di poter illustrare al più
tenenti alla parrocchia di S. Maria Assunta in Cielo abbandonati all’inter- presto e dal vivo il valore storico ed estetico di quei meravigliosi altari, fi-
no della cripta. Sotto la supervisione del direttore dei lavori, l’arch.Ilaria nalmente ricollocati in un posto più consono di quello che hanno occupa-
Pecoraro, docente presso l’università La Sapienza di Roma, stiamo proce- to in occasione dei precedenti presepi viventi!
dendo alla pulitura meccanica e chimica dei pezzi che compongono gli al- ENZA SPINA
KLEDIL s .r.l. V E N D E

francamente Via D. Chiesa, 13 - Carovigno


Tel/Fax 0831.992121

INFO VENDITE:
APPARTAMENTI
LOCALI COMMERCIALI - BOX AUTO

Pietro BAGNULO
Teodosio DEL PRETE
O T T O B R E 2 0 0 6 333.2592283
Francesco DEL PRETE
4 338.4914263

FESTA DE L’UNITÀ 2006 - UN GRANDE SUCCESSO

NUMERI VINCENTI ESTRATTI DURANTE LA FESTA:


Papa Ratzinger ha sbagliato 1°premio 02461 - 2° 06655 - 3°10621 - 4°05486 - 5°00454
Per informazioni rivolgersi alla Federazione di Brindisi - Tel. 0831.521541

"M
ostrami pure ciò che Maometto ha portato di nuovo, e vi troverai soltanto delle cose catti-
PALLACANESTRO: non solo passione...
ve e disumane, come la sua direttiva di diffondere per mezzo della spada la fede che egli
predicava".
Questa frase, attribuita all'imperatore bizantino Manuele II, è stata citata un po’ di tempo fa, da Papa Joseph mente dalla New Basket, che ha dimostrato di

A
ll’incirca un anno e mezzo fa, abbia-
Ratzinger durante una lezione tenuta all'università di Ratisbona. mo quasi pianto per la tromba d’aria essere piu’ squadra affiatata e pronta ad af-
Ciòha scatenato l'inizio di un conflitto d'odio da parte dell'intero mondo musulmano nei confronti della San- che per poco non scoperchiòil nostro frontare questa categoria. Ancora in ritardo la
ta Sede. Il Capo dello Stato del Vaticano ha sbagliato durante il suo intervento: ha sbagliato nella forma e nel- amato palazzetto dello sport, causando note- squadra del presidente Cozzolino e di mister
la sostanza. Dato il suo discorso, forse pensava di essere ancora un teologo, dove la grandezza delle parole voli danni ai rivestimenti esterni e a parte de- Santoro, che nonostante gli innesti di giocato-
tende ad omettere, dimenticare che la storia del papato, proprio nello stesso periodo storico cui si riferisce gli intonaci interni della struttura. Come si sa ri provenienti da categorie superiori, ha di-
l'imperatore bizantino, era funestata da papi non proprio specchio di cristianità e amore per il prossimo. Tan- le disgrazie non vengono mai da sole. Le in- mostrato notevoli pecche nel gioco di squa-
t'è vero che in quel tempo esisteva la corte d'Avignone, dove i pretendenti al trono pontificio amavano scam- cessanti piogge dei giorni scorsi, infatti, han- dra. Non si possono concedere due tempi in-
biarsi reciproche scomuniche come i bambini si scambiano le figurine dei calciatori e i falò innalzati per ar- no colpito ancora una volta l’impianto sporti- teri alla squadra avversaria, insistendo co-
rostire gli eretici illuminavano le piazze delle città e delle campagne come fari sulla scogliera, per indicare al vo di contrada Polinisso. Più di mezzo metro stantemente sulle iniziative individuali, inve-
popolo villano la via della "vera" fede. Un altro punto che lascia interdetti è il fatto che il Sommo Pontefice d’acqua ha invaso gli spogliatoi della struttu- ce di cercare il gioco collettivo. Il parziale
Papa Benedetto XVI abbia affermato che le frasi da lui citate non corrispondono al suo pensiero personale. ra e ci sono volute più di ventiquattrore di la- delle prime due frazioni e’ molto eloquente,
È poco illuminante che una così alta carica istituzionale terrena, e vicario di Cristo, debba pronunciare frasi voro delle pompe dell’autospurgo per pro- 22-45 per la New Basket. Nel terzo periodo la
o affermazioni che non appartengono al proprio pensiero e alla propria visione , facendo sorgere il dubbio che sciugare i locali. musica non cambia. La New Basket continua
il discorso da lui pronunciato non sia tutta farina del suo sacco! Credo che ci sia bisogno di un chiarimento Fatalità. Certo, ancora una volta fatalità. Non a dimostrare solidita’ difensiva e concretezza
più ampio, non tanto sotto forma di scuse ufficiali all'Islam, ma di una decisa presa di posizione, dati gli or- sono però dovute alla fatalità le condizioni di in attacco, dall’altra parte disordine e confu-
ribili comportamenti che da entrambe le parti vi sono stati nel corso dei secoli. L’Islam estremista non rap- degrado in cui versa attualmente il nostro pa- sione. Il vantaggio della formazione del pre-
presenta in alcun modo oltre un miliardo di fedeli musulmani sparsi sul globo terrestre: questi pericolosi grup- lazzetto. Le crepe strutturali e la sidente Carlucci tocca anche quota +33.
pi di fanatici nulla hanno a che fare con la fede, o con la religione, qualunque essa sia. Quindi il caro Ponte- mancanza di rivestimento esterno
fice, invece di pensare alla messa in latino, inizi a pensare alla scuola islamica a Milano e si impegni a farla per un buon cinquanta per cento
riaprire dato che dopo 2 giorni di lezioni è stata chiusa. Questo potrebbe essere un passo per riappacificarsi dell’impianto, stanno facendo
affinché non scoppino più guerre di religione. avanzare vertiginosamente le linee
SALVO VALENTE d’umidità causate dall’insinuazio-
ne dell’acqua attraverso le fessure
L ’ e state appena trascorsa ci porta (forse) a pensare alla situazione delle nostre spiagge e al tipo di trat-
della struttura, ormai visibili ad
tam ento subito dalla m ano dell’uom o. occhio nudo. Non passerà molto
Oltre alle solite sporcizie prodotte anche dagli stessi villeggianti in genere,una cosa che ha avuto una tempo che comincerà a piovere sul
risonanza (ovviam ente negativa) è quanto il responsabile al dem anio del com une di Carovigno ha pen-
parquet di gioco. Anche gli im-
sato di fare:apposizione di enorm i blocchi di cem ento a ridosso delle spiagge per non far parcheggiare

le auto.M a andiam o per ordine.Le Autorità Dem aniali,m ediante apposita “Ordinanza per il turism o e
pianti elettrici ed idraulici sono or-
le strutture balneari (n.
1/2006)”, tra le altre cose,hanno indotto i com uni interessati,ad im porre un
mai fatiscenti, ed hanno bisogno di
ordine am bientale e civile,cioè in sostanza veniva chiesto ai com uni,nei m odi più consoni e civili pos- un urgente intervento di manuten-
sibili,di provvedere affinché questa m alsana abitudine di arrivare con l’auto sulla spiaggia fosse del
zione. La domanda ora sorge spon-
tutto inibita.Ovviam ente,unico nel genere,il Com une di Carovigno,per m ano (e m ente) del predetto
tanea. Vogliamo rimanere impassi-
responsabile al dem anio ricorre al cem ento.Stupendo! Ora due sono le conseguenze da trarre:o que-
A cura di Aldo Bellanova bili, oppure è necessario intervenire subito, Quando nell’ultimo periodo, Epicoco e com-
sto signore non è m ai uscito fuori da Carovigno,o sbadatam ente non ha m editato sullo scem pio prodot-

to e da un punto di vista am bientale visto l’obbrobrio a prim o im patto e,soprattutto,da un punto di vi- per salvare il nostro amato palazzetto, uno dei pagni si accorgono di avere in squadra Nico
sta della sicurezza dei cittadini.Se m alauguratam ente fosse successo qualcosa di m olto grave,da dove pochi segni tangibili di progresso che si sono Vita, un tiratore che contro difese così chiuse
sarebbero dovuti arrivare gli aiuti (es.am bulanza) sulle spiagge? M eglio non parlare,poi,della inesi-
visti nel nostro paese da vent’anni a questa nell’area, ma che lasciano tirare dalla lunga
stente inform azione che dovrebbe essere data relativam ente a servizi di salvataggio,igienici e per i di- AL RESPONSABILE parte, da una debàcle irreversibile. distanza come quella della New Basket, è
sabili:m enefreghism o o cosa?!

Da non dim enticare,a proposito di disabili,che sono state fatte apposite denunce sui giornali locali. Intanto è gia’ iniziata la stagione agonistica di abituato a score importanti, ormai è troppo
Quanto è costata,signor responsabile,questa operazione? Secondo voci di corridoio abbastanza,tanto
ASSESSORATO Basket, ed anche quest’anno si è cominciati tardi. Tre bombe consecutive della guardia
da non giustificare assolutam ente questa spesa visti i risultati prodotti (pare all’incirca 30.
000,
00 eu- carovignese scatenano ed illudono i suoi tifo-
col botto. Alla seconda giornata del campio-
ro m a bisogna vedere le delibere).I
ncredibile! AL DEMANIO nato di serie “ D” si e’ registrato il primo der- si. Ma lo scarto è tanto e l’esperienza di Calò
Visto che,a quanto pare,dovrebbe essere solo un m om entaneo ripiego,com e è stato detto,quanti eu-

ro occorreranno per (personalm ente nutro forti dubbi) togliere queste schifezze?
by della storia qui a Carovigno. Sabato sera si e Della Porta chiudono definitivamente la
Credo che ci siano altre soluzioni nel rispetto della natura e per il com une interesse. sono incrociate, infatti, le squadre della New partita, che termina sul punteggio di 80-67
Vincerà,ancora una volta il sano pressappochism o carovignese o il buon senso?
DEL COMUNE DI Basket, formazione consolidata già nello per la formazione di coach Mautarelli, che
I
nfine m i chiedo:m a se fosse lo stesso responsabile a pagare,com e andrebbero le cose?
scorso campionato, e la pallacanestro Carovi- nel finale ha anche la possibilità di dare spa-

dal citt
adino 72012 CAROVIGNO gno, squadra ripescata all’ultimo momento zio ai giovani Loparco e Pupino due promes-
luto
Un sa dalla promozione, e che è stata allestita in po- se del vivaio locale.
chissimo tempo. La partita è stata vinta facil- NICO VITA

Body building - Push power


Aerobica - Step - Latino
Balli di gruppo - Ginnastica
dolce - Karate tradizionale
Aerofit marzial - Fitboxe
Via S. Quasimodo, 18 - CAROVIGNO (BR) Combat - Kick boxing
Tel. 0831.994030 Savate - Zumba - Bosu