Está en la página 1de 570

I S T O R I A

D E L L E G V E R R E

D E L

REGNO DEL BRASILE

A C C A D E T E

T R A L A C O R O N A D I P O R T O G A L L O »

L A R E P V R L I C A D I O L A N D A

C O M P O S T A , E D O F F E R T A

A L L A S A G R A R E A L E M A E S D A ' D I

PIETRO SECONDO

R E D I P O R T O G A L L O & c

D a l P F G io: G i o f e f f i e d i S . T e r e f a Carmelitano Se a l z j ) .

P A R T E P R I M A .

- I N R O M A , Nella Stamperia degl' Eredi del Corbeljetti -

CON LICENZA BE'SVPERIORIl


' //>' /rrì '.i JÌ ito M t Mori t\j Rcmnnii.c Jnu- et ctcL
S I

. . ì

C C O a piedi di VbfiraM a e f i à g ì o l i u a , e

t r i o n f a n t e l ' A m e n e a,per efere s ) f a u f t a - s

•mente ritornata al giogo gloriofi"delle f u e a ^ m .Geme per

r f & i anni l ' i f t e j f a [otto linear co d i v n a f t r a i ^ e A f f i t e n z ^ P ,

f a quale Cvegnendole nel cuore la libertà, e l a y d e c ì d u e a m i f e r


' * a 2 ra-
11
r amente annoti* ( r e c a t e n e del Cdlmnifimo > * M a f i c u b t e n -

d o f i g i à d a v n dominio sì tirànnico tytnta ora if U o i trionfi nel

fogmettarfia fiuoi naturali Signori N e ella potrebbe al certo

gitrouare <vri altro I m p e r o , the rendendola fichiaua, g l if r e -

g i a l e la f r o n t e con allori s ì g l o r i o f i , o r i f i c h i a r i f i e la mente coru

sì bei lumi di f e d e I f f i p e r c i o c k e quai Prencipàd/lla terra, o

q u ^ C o n q ^ i f t a t o r i del npondo l u c i f e r o con l a f i p a d a la craczj>>

come i R e Portoghefi, f é i cuori delle più remote N a z À o h i ?

Fecero bensì tributari della lor d i j i e f a potenzia moltt popoli gti

A U f a n d r i > g l i Annibali , i T r ai a n i , e US eueri ^ m a g l i l a -

fciarono q u a f i t a l p e i n f e l i c i f e p o l t i nella caligine del P a g à n e f i -

mo N o n così li Giouanniigli E m a n u e l i , e gli A l f o n f i d e g n i

Progenitori della M d k f i à V ò f t r a , i quali trafiero al lor domi-

nio innumerabi&i Prouincie Soggiogarono c


vafiijfiimiR e g n i , e

d i f c u o p r i r o n r f n u o u im o n d i , per mAJgrli i n grembo a C hieJfU^

Santa i l l u f t f M i d a c h r i f i f i a n i c h i d f c j L . Così e, M o n a r x a in-

ietto GioiJ&kChiefd S a n t a c f f à ù e r A c q u i f t a f i fiotto il gfi)-

riofo fiuo* I m f f f c o n u o u i A I ondi per mano de' v o f t r i R e a l i

antenati N e j k y i f i f m q p i o ogn angolo della t e r r a , e j f r

fileftVic a r i d i Ù h r i j f ò Oracoli d i verità lo c o n f e f i a n o > c m t f c

mando a bobe a piena i R e ^ i i ^ P ortogallo li maggiori Pro-

pagatori della Fede Or dunque q u i p o f t a p p i e d i di V*Jlra

M a e f t à die al' A m e r i c a , s9
ellaprouo g i a m a i v n h l t r o più

benigno I m p e r o D i c a quanta e l'applicazione del f u ò

anirqo., quanta la profiufione delfiuo erario, e quanto eròi-

m C4 ptetà , con, la quale coltiua di continuo in efifia leu*

^Religione Cattolica Dica quante migliaia di anime tolt<u>

giornalmente d a l t a b i f i b dell I d o l a t r i a , quanti centinaia 3i

" M i l i o n a r i mantenuti, e quanti T e m p i / eretti ella colà vedL*

4dalla R e al manp ati V o f i r a M a c f t à M a s* ella giàfi(lanca-*

[in r i f e r i r l o , lafisbpure che l ' A f i a t u t t a , e l ' A f r i c a lo proclami-

no, mentre colàfia per tutto erge la P i e t à f i a t u e ^ g l o r i a al fiuo

nome E i r?t# l i b e r o , c h i f e n o n j a M a e f i à V ò f t r a mantie-

ne oggidì igim^auedi Piero n e l } Tmmenfio Oceano d e l l f ^ m

runteì ( f m > j j U * f , irebbe a f f a t t o f i d r u f a t a f io t r a le b a r b o n i

<vo-
^ o ì / g t m del Gentile f i m o , o n e g h i g l i d e l t t f i p r u c r f a t a Ere*

^ f i a , f e a cojlo del Jangue de i f u o i v a f f a l t f i e d t v r i i n f i n i t o sbor»^

fio del fiuo patrimonio n o ì f f o f f i c c o l à f f o f l e n u t a d a l braccio poten-

te d i V o f t ra M a e fi à L ' A f r i c a , l ' E t i o p i a , la Guinea ,la*>

M a u r i t a n i a , e l'iftejfoI m p e r o Chinefie d a chi rtconofce tan-

t i f p t t n d o r i d i luce 9 f i e non é f l l a M a c f t à V o f t r a ,d i f t e n d e n d o -

fianco i l f u o p i j j f i m o z e l o , oue non ha dominio i l f i c of c e t r o ?

M A io già vedo , che f o n poco fbnori j rimbombi di c\uefte*voci

4 paragon delle g r i d a , che l ' E u r o p a n$$ra de fiderà inafiSUre


m
dellefiublimi qualità del fiuo fipiritOy Se pero rapita in v n k e f -

t a f i d i merauiglia non ammutolire in mirar v n Principe si

degno d i regnar e r i f i u t a r tante volte v n a Corona, v n animo

tanto generofo, e sì impareggiabilmente modefto>vnport amen-

to sì m a e f i o f i o , ed v n tratto sì a f f a b i l e , che con più ragione d i

T i t o v i é n detto le d e l i z i e del fiuo fecola. Vha intelligenza si

* finn per i ne? o z i , v n * amore sì ardente alla g i u f t i z i a , ed v n a

innata! propenfione alla c U ù t y z a A f f ì f t e r e i n d e f e f j o ne i Con-

figli, inuigiìar'alfollieuo dtH v a f f a l l i efierey auaro de[ tempo,

per impiegarlo ne imaneggi del Regno M a ciò c h e f à m a r -

car ygr lofiupore t u t t i i c i g l i , e quella ben f o n d a t a politicai,

q u f l l a sì applaudita neutralità y con cui la M a c f t p V o f t r a f e

g u f t a r a f u o i v a j f a l l i i l dolce l i c j y g f e di pace, quando t r a f i u m p

difatngue s'ino?idaua tutta l ' h uropa \ incoronandolo perciò la

• f a m a con allori più m e r i t e u o l i i n t e f f u t i d a v l i u i d i pace , c b'el-

la ad altri non f a con le palme grondanti di f a n g u e Or s'egli

così ì y non fiotto altro nome, che quello della M a e f t à Vòftra**

doueuo io e ( f o r r e nel teatro del mondo gl'illuftri fuccejft delkt**

armi dell'inclito Re Giouanni Qujirtq glorio fi fimofiuo Geni-

tore* Perche f e bene la fublime fi r ut tur a de IT'empio p i ù f a -

i m ' ò f i o f i f e c e in tempo di D a u i d d e guerriere, non f u ella offerta

alla luce , f e non per mano dir Salomone Pacifico R i e cu a dun-

que V ò f t r a M a e f t à quefto benchepouero lauorio de' m t & i f u r o -

ri , che fiotto l ' j f y g u f t o fiuo nome conflagro alla pofterità -JV e ,

fidegni, la f u p p l i c o , di berìignamÌHte gradire il rinerente of:>.-

3 q u i » J \ v n v a f f a l l o , i e m a l e Ce bene d e p o f J l a j f ^ i ^ a , ch<cj *

3 nel
n e l f u o R e a l f i e i $ T ^ o j m p u g n $ ) u l l a p i u f l o r i d a gwuentu a T $ j ^

anni , emendo chmmàio d a X ì i o a Militar i n vrrChioftrol 1


ir.cor

\ u i i n [eringio di V ò f t r a M f r e f t à combatte con la Retina I r n -

peroche con la penna combattono gli f c r i t t o r i contro la voracità

d e l T e m p o > chenelle ingorde f u e f a u c i procura di f è p é l l i g f k ^

g e f i a de'grandi Eroiy~ A n & i i o non dubito di afftrire, déuano

meno i Principi ail'vhlore delle proprie a r m i , cne alle p e n n t j

d i amili y epe lejoro a z i o n i pofero i n n o b i l p r o f p e t t i u aa tutti'i

feéoli. Onde nulla gifuarebbero ad A l e f f a n d r o ,e T r a i a r t o le

loro inmtte f p a d e , f e di v n H o m e r o , e di v n Plinio non v i f o f i

f e r o l'eccellenti penne M a i n quanto la m i a n p n f a v e d e r e

più d i f i u f a m e n t e al mondo i n a l t r i f o g l i l i f u b h m i preggi della

f u a Real C a f a , r e f t o n e l l a f i d u c i a , d i che la M a e f t à t Vòftra-*

non negherà a queftì l'onore del f u o alto patrocinio, per mag-

giormente gloriarmi d i e fiere

D i V . M a e f t à

Fr.Gio:Giuf c p p c d i S. T c r c f a C a r m e l i t a n o S c . ^ o .
V -
E io non fapcflì quanto vaglionoi preziofi iftanri
del t e m p o , n o n a u r i a f o r l i abbracciata la p i ù ar-
dua, e malagcuole imprefa , a cui pofla accingenti
v n h u o m o , che è i l c o m p o r r e v n a J f t o r i a . Impre-
fa v e r a m e n t e tale, che al f o l o i u o n o m c lc^ptnnc-»
più f r a n c h e fi f g o m e n t o n o , e g l ' i n g e g n i p i ù f e l i c i
« lì a t t e r r i r o n o • M a c o m e i l trafficar bene le inc-
l i n a b i l i g i o i e d e U o r e fia i l l u c r o m a g g i o r e della vita, ho penlàto
•effeTC f Y i e g l i o n ó n d d r V n f o r m ^ m c n t o a U o i i o , benché fappia effe-
re t r o p p o d i f u g u a l c a h e m ^ S f f c e l ' v l f i z i o d i b u o n Iftorico. E con
cio*vengo t a c i t a m e n t e a rifporiderc alla p r i m a cenfura, che g i à v e d o
ó r r m i i da q u a l c u n o , d i f d i r f o m m i m c n t e alle penne confegrate a l -
fe^^p d e i c h i o l t r o i n t i n g c r f i n e l l i n g u e d e l l e battaglie. Perche
oltre 1 aucr p r i m a d i m e c i ò f a t t o m o l t i R e l i g i o f i S c r i t t o r i ^ c o m u n -
q u e fia { p e n d e r e v i r t u o f a m c n t e i l t e m p o , è i m p i e g o adequato alla_.

# profèffione più fagra • Q u a n t o p i ù che ancora nella lezione de i *

# m i l i t a r i iùcc.tiJi l i porge i l p a f c o l o p i ù nccelfario a gli animi più


- sompofti, iui ritrouando e Chriftiana politica,che gli aromacftra,
e v a l o r o f i e f e m p i , che a g r a n d i i m p r e f e g l i f p r o n a n o L'implacabil
o d i o d u n q u e che i o p r o f e f f o a l l ' o z i o , ha i n m e rifuegliato r a j n o r e ,
che m e c o f t e f l o n a c q u e alla Patria,per intraprendere quarta fpauen*'.
t o f a fatica d i Icriuere i n v n i d i o m a , c h e fe bene per l'afJìifcenza i n I t a *
l i a d i q u a f i v e n t i a n n i c o n t i n u i m i p u o i ch'ere f a m i l i a r e , n o n m'ètutv
t a h i a m a t e r n o , e f e c o n d o l ' o p i n i o n e d i vn S a u i o n i n n o in lingua^,
d^altri p u o i ben parlare, n è f c r i u e r e . E quefta e la caufa, per cui fe i o
f c r i f f i m a l e , m e r i t o f e u f a , e fe b e n e n o n ricerco lode . j L / a m o r e , d i -
c c t i o , d e l l a P a t r i a m ' h a d a t o v i g o r o f o i m p u l f o a l l a p e n n a ,p*er n o n
lafciar rodere afffìho dall'oblio a u u e n i m e n t i b e n d e g n i ' d i eternarli -
nella m e m o r i a . M a n o n ha i n a l c u n m o d o a b b a g l i a t e m i la v i l l a per
b a a r t a r M ' i f t e f l a p e n n a n e l fiele d e l l e p a A l o n i , f i c e r n e a u j q n n e a t a n -
ti/che vrtarononeir ifteflo f e o e l i o i n biafimare i a l t r u i , che molti
non
x
"n o n f q p p c p a f l ^ g ^ g J i i adulare i lp r o p r i o . Imperoche L , q:uyìfiarr<F
puramente la v e \ i t a ^ m a i n $ i l guifa c o n d i t a , che y o n r i e f t a a vcia-
n o amara . E quando ciò ausili confeguito , lo flimarei i l pregio
maggiore dell'Iftoria, auendo quaiì delfimpofTibile, chefe V I f t o r H
c o v u o l ' a d o p r a r f r a n c a m e n t e l a p e n n a , n o n d j f p i a c c i a n o i fìijgi d e l i - •
n e a m e n t i a q u a l c u n o , I o p e r ò , che per i l l u o g o , e per l o f l a e ò ' i n c u i
f e r m o deuo d'ogni paglione Tpogliarmi, h o procuralo dinioflrar n u -
da la verità i n q u e l l i Fògli. M a per n o n i n c o r r e r c e l i ' errore , i n f u i
i n c i a m p a r o n o - a j c u n i che' 1 f u c c e f f i d i P o r t o g a l l o i n l i n g u a l a t i n a , e
v o l g a r e f c r i f l e r o , g u i d a t i d a n o t i z i e f a l f e , a u t e d a m a l i n f o r m a t i , o*
jftiìiategli da m a l a f f e t t i ,t i p o l l o accertare, p m i o L e t t o r e , che non»
riferifeo qui auuentmento alcuno fenza attentamente confrontarlo
c o n le n a r r a z i o n i d i q u e l l i , che o fcriflero d i v i l l a , o minutamente
m ' i n f o r n a r o n o con affai accreditati o r i g i n a l i . Ec o m e io nell'Italiani
per l'Italia f c r i u o principalmente la c o n q u i f l a , ed i l r i a c q u j f l o d i v a
R e g n o poco n o t o alla medefima, n o n t i paia fuperfluo f efìermi nel
p r i m o libro longamente d i f f u f o i n d i m o f i r a r e , c h e c o f a fia i h f i f c a f i - -

le, perche auendo io f e g m t a m e n t e c i è r a u o per m o d o d'introcluZio-


ne alla Iftoria, i n o n pratici gradija^nrVla.cognizionef e g l V f o r m a -
t i p o t r a n n o f e n z a t e d i o t r a l a l e i a r n e da l e t t u r a , c o l f a r l a d a l f o l o p r i n -
c i p i o delle guerre M a i n vece d i q u i f u p p l i c a r t i a c o m p a t i i m i * *d£
f e t t i , d o u r i a p i ù t o r t o renderti le grazie d e l g r a d i m e n t o , c h e ajfcAue-
fli d i altri m i c i fagri c o m p o n i m e n t i , p o i c h é con forfè inauditaTtor-
t u n a v i d d e r o eilì i n cincjtie a ì ^ c i n q u e v o l t e i n diuerfì t o r c h i la_,
luce, fparendo i n v n baleno più ài quattro mila efemplari. G r a n fi-,
ducia p e r c i ò m i r e f l a , che fe q u e l l i h a i t a n t o a p p l a u d i t o , n o n t i r i u -
fciranno quefli men, geniali, mentre t i danno a guftar accidenti d i
guerre i n va tempo tutto di ferro . E per maggiormente porgere^
il p a f c o l o p i ù gradito al tuo genio, h ò procurato darti q u i f o t t o l'oc-
\ t h i o n o n f o l o le C a r t e G e o g r a f i c h e d i t u t t o i l R e g n o d e l B r a i l l e , e
d i f l i n t a m e n t e delle lue Proumcie, m à a n c o r a l e P i a n t e , e le vedute
delle più principali C i t t à , e Fortezze dell'iflellb R e g n o , alle quali
p u o i ficuramente prellar'intera fede, mentre f u r o n o tutte con g r a f L
A u d i o e f ì r a t t e da e f a t t i f f i m i O r i g i n a l i , q u a j i ritrouanfi nella Biblio*.
teca dell'Eminentifs. Signor Cardinal Pietro Ottoboni,ch'elfendo.
. v n a delle p i ù i n a g r i i d i E u r o p a , reca v n fommo ornamento a Roina.*

IESVS
I E S V S M A R I A

F R . P H I L I P P V S A * & N I C O L A O

P r a e p o f i t u s G c n c r a l i s C a r m c l i t a r u m D i f c a k

c e a t o r u m C o i ì g r e g a t i o n i s S a n & i E l i a c ,

ac P r i o r S M o n t i s C a r m c l i

T Enorc p r ^ f e n t i u m facultatcm facimus(quatum

' a t t i n e t ) R . F F r a t r i I o a n n i I o f e p h o à S. T e r e f i a S a c e r -
doti ProfelTo P r o u i n c i x n o f t r x R o m a n a , v t T y p i s m a n d a -
ad nos

r e p o f f i t l i b r u m oU ì f f o c o m p o f i t u m , c u i t i r u l u s : I J l o r i c u

"delle Guerre del Brajìle& c . v t p o t è a duobus è noftris T h e o -

logis r e c o g n i t u m , & a p p r o b a t u m I n q u o r u m fiderà & c .

Meapoli i n C o n s e n t i i M a t r i s D e i d i c i o . Septernbr. 1 6 9 7 ,

11 «.

F r Philipp usa S N icolaopr&pofitus Gene r ali s

Loco figlili.

F r . A l e x , a* S . E l i a S e c r e t .
A P P R O V A Z I Ò N E i

D e l Jd.R*P> Fr.Liberio d i Giesu Lettore delle Sagre Contro-

u c r f e nel Seminario di S a n P a n c r a z i o i n R o m a .

D
d'Italia
'Ordine del Molto Reu. P Fr. Filippo di San Nicolò

Prcpofito Generale della N'olirà C o n g r e g a z i o n e .


h o r i u e d u t ò i l l i b r o i n t i t o l a t o T f i o r i a delle g u e r r a
del B r a f d e del P F r , Gio: G i n f e r e d i S - T e r ef a N o f i r o C ar*

melitano S c a l z o ; ne ho incontrato dottrina v e r u n a repu-

gnante a T a g n d o g m i della Fede Cattolica, n è all' oneltà

de'Chriftiani collumi", n è a'decreti de'Venerabili Conci*

l i j , o Conftituzioni d e l l a S. S e d e A p o f t o l i c a , e p e r c i ò p u ò

darli i n l u c e , fenza tema d'efporre a pericolo d'errori i fe-

deli } anzi lo I K m o d e g n o di q u e l l a , e vtile per la notizia.,,

che arreca dc'progrefli d e l l a S. F e d e f a t t i n e l l e Prouincic*

del Braille ad'onta dell'oftinata refiiìenzaPéeirEretica per-

fìdia, atta a Itimolare la p i c t à C h r i l t i a n a a profeguire l i m i -

l i imprefe,sì per l'erudizioni,delle quali p u ò reftarepafeiu-

ta la m e n t e d c ' l t u d i o f i lettori

D a l N o l l r o S e m i n a r i o d i San Paolo i n San Pancrazio d i

R o m a c j u e l t o d i 18* A g o f l o 1697.

F r . Liberio d i Glesti C a r m . S c a l z o

Lettore delle Sagre Controuerfìe

A P -
A p p r o u a z i o n e d e l M R P B i a g i o d e l l a P u r i f i c a '

« © n e g i à L e t t o r e d i S a c T e o l o g i a . e I f t o r i c o

g e n e r a l e d e l l ' O r d i n e d e C a r m e l i t a n i

S c a l z i •

P
ER eòmmiflìorie del Molto Reuerendo P. Noftro F. Filipi

p b à i S . N i c o l ò P r e p o f i t o G e n e r a l e h ò v e d u t i i L i b r i dell',
Iftoria delle Guerre d e l B r a f i l c c o m p o r t i d a l P . F . G i o u a n n i
Giofeppe d i SantaTerefa C a r m e l i t a n o f c a k o della Prouincia Ro-
mana • L a p r o p r i e t à della fua dicitura , la n o b i l t à della frafe , la
ben intela d i f p o l ì z i o n e de g l i a u u e n i i n c n t i , e le g r a u i ponderazio-
ni, che l ' a d o r n a n o , hanno aggiorno (ingoiar preggio all'ameno.
terroretìe* bellicofi r a c c o n t i . L ' h o per t a n t o trafcorlì con pari d i -
letto d e ' l g u a r d i , ed a m m i r a z i o n e di quel valorofo genio,quarc
t a n t o p r o p r i o dell'inclita nazione Portoghefe, q u a n t o ella d i f e —
medefima. I f u o i m a g n a n i m i R e g i p o r t a n o aliai m e g l i o , che fra-.
le g e m m e d e l l a pròpria Corona fcolpitocol dito di D i o in fronte_t
il veffillo della Croce Impercioch'elli eoa f o m m a gloria lo pian-
tarono fu le/pugnate Rocche, Prouincie,e Reami deli*Infedeltà ;
f p i n g e n d o 1 l o j f p . e f e r c i t i sì f e l i c e m e n t e a foggettarla non tanto al
p r o p r i o I m p e r o , c j u a n t o a q u e l l o del R e de R e g i , c h e all'ora f o l o non
vinferb,quando non combatterono. E f e bene ne p r i m i l i b r i d i q u e -
lla Iftoria leggeralfi l'Eretica Olandefe potenza aflbldata tutta ad
opprimere i l Portoghefe valore^già conquiftatore d e l R é g n o del Bra-
file; nulladimeno quella Natante Republica,che tentò colà f o m m e r -
gerei fulgori della Cattolica Fede, vidde ben torto affogate nelle la-
g u n e del p r o p r i o f a n g u e quelle, che f o l o balenorono effimere d i v i t -
toriofe conquifte. T u t t o ciò leggerafli candidamente deferitto dal
m e n t o u a t o A u t o r e , quale b e n c h é alleuato nelle C o r t i ha maneggia-
ta la penna c o n fineera libertà d i f e n t i m e n t i , f e n z a intingerla nell*
i n c h i o f t r o dell'adulazione, p a f l i o n e che h à la culla ne i P a l a z z i , e
lator^ba ne'Sagri C h i o f t r ù M o l t o m e n o f i è d i l o n g a t o dall'infegnan-
ze'dèlla vera Fede, e fanti c o f t u m i , ò dal decoro doujitofi a'Sourani*
G o d o p e r t a n t o fi d e r i u i a l e t t o r i c o n l e ftampe quel godimento da
m e fperimentato i n legger i prefenti f e r i t à . Così deuo fentirc dal
n o f t r o C o n u e n t o d i S. M a r i a d e l l a V i t t o r i a d i R o m a quello dia?.

Luglio 1 ^ 7 .

Fr. Biagio della Purgazione Carmelitano Scalza


Teologo, e I Borico ganzale del fuo Otdwe
^ppro-
i n a z i o n e iti » R'ttQiacinto Maria di Svernar dia* Agojlinu m)
4
* " • Scalzo lettor* della Sapienza di B M a .

T L debito di prontamente vbbidire a'cenni del -RcucrencUlfim^dn


I F r Paolino B e r n a r d i n i o M a c f t r o del P a k z z o A p o f t o b c o , m i ha fati
5 n n o n ordinaria attenzione , auer l o t t o g l ' o c c h i , f l i r t a d e l l e guerre
de!Bragie &c Compofta dal M R.PFr.Gio- Giufeppe dt S t e r e f a , Carmehu
no Scalzo . E d a p e n a i n c o m i n c i o r o n o g l ' o c c h i a f b f c a l e ^ i a r l a , c h e i l dolc
della lettura g e m i n ò nell' animo mio motiui di non ordinano ftupore*
N o m e n o per l i r a g u a g l i v e n d i c i d e l l e g u e r r e f u c c e f f e i n q u e i n u o u o m o i
d o , che per l a f a c o n d i a a m m i r a b i l e d e l l ' A u t o r e , q u a l e f e n u e n d o i n l i n g u
cotanto differente dalla n a t i a , rinoua i l miracolo d e g l ' A p o l l i facendo
a n c h ' e g h c o m e q u e l l i , intendere da t u t t i , fe b e n Portoghefe d o r i g i n o
c o n t a l p r o p r i e t à d i p a r o l e , c h i a r e z z a , e d e l e g a n z a d e ' p e r i o d i > c h e n e la
v a r i e t à d e ' f u c c e f f i g e n e r a c o n f u s o n e , n è l a m o l t i p l i c i t à d e l l e n o u i t a aj.
p o r t a tedio , n è la b r e u i t à delle narrazioni accrefee o f e u r i t à ; rendendo.
tanto più commendabile, quanto fifà coniìderare e l e g a n t e f e n / a affetta
z i o n e , chiaro fenza m a n c a m e n t o , f p i r i t o f o fenza profusione; onde n o n
v ' ò chi n o n f o f p e n d a i l g i u d i z i o n e i r o f f e r u a i q u e f t ' I f l o r i a , f e p i ù glorio!;
i ì a ftata l a f p a d a d e ' P o r t o g l i e l i n e l r i a q u i f t a r f i ^ « ^ 1 n u o u o m 5 d o , o l a p e n
,na d e l l ' A u t o r e n e l f u p e r a r f e ftelTo , e r e n d e r l i c o m e n d a b i l e a t u j t o va
m o n d o : I o so bene c h ' o l T e n u n d o l a d i c i t u r a d e l l ' A u t o r e , e l a b r a u r a d o
nazionali i n fuperare tutre l'armi nemiche, M i fanno conofeere quefta in
d i t a nazione, quanto coraggio!* nel vincere, tanto accorta , e profonda.
i n o g n i g e n e r e d i f a p e r e , a c c o p p i a n d o c o n t a n t a f u b j i m i t à d i g r a d o valo-
r e , & a c u t e z z a , f p i r i t o , e d o t t r i n a , che n o n so f e d e b b a d i r l a M a d r e p i ù fe
c o n d a d i C a p i t a n i , e f p i r i t i ò c l l i c o f i , che d ' i n g e g n i f o l l e u a t i , e f u b l i m i
m e n t r e o c o n t e m p l i P e r g a m i , o c o n s i d e r i C a t e d r e , o A c c a d e m i e > l i vede
f u l m i n a r e d i a l e t t i c i m o f t r u o f i , o o l T e r u i c a m p a g n e , e f u b i t o l e f e o r g o riC
jplendere per l ' a c i a i o g l o r i o l o d e ' P o r t o g l i e l i . T a n t e o p r e i n o g n i ftudiofa-
m o f e , T a n t e v i t t o r i e i n o g n i a n g o l o piantate j T a n t e n a u i g a z i o n i i n ogni
mareintraprefe, T a n t e Prouincic o nouamente battezzate, o ridonate-
a l l a f e d e , a p r o n o l e c e n t o a l l a f a m a per a c c u m u l a r l i le l o d i ; A l l e quali
l a f c i a n d o che fenza p e r i c o l o d ' I p e r b o l e , v a d i n o peranche commendando
l T f l o r i a d e l l ' A u t o r e , Su l a p a r o l a , c h ' i o n o n ne h à o f l ^ r u a t o c o f a a l c u n a
c h e fia c o n t r a r i a , o a l i e n a d a l l a f a n u f e d e , d a b u o n i c o r n i m i , d a l d e c o r o
de'Prencipi ; R e f t o pregando, ch'efehi prc'fto alla l u c e , e r i p o r t i I ' a p p l a u f ò
vniuerfale da t u t t i . Roma nel Collegio di Giesù Maria al C o r f o > l i z f f .
Tcbraro 1697.
Io F.Giacinto M.di S.Bernardino Agqfi.Scalzo Lettoredella Sap J'Ji.oma

Imprimatur

Si videbitur Reuerendiffimo P. Mag.Sac.Palatij Apoftolici

Sperellus E p i f c .I n t e r a m n e n . V i c e f g .

Imprimatur

Wr. I o f e p h M a r i a B e r t i Sac, T h e o l o g . M a g . ac Reuercndifs. P. F r .

P a u l i n i B e r n a r d i n i j Sac. P a i , A p o l i M a g . S o q . O r d . P r g e d .
BEL-
D E L L A I S T O R I A

DELLE G VERK.E

DEL

REGNO DEL BRASILE

LIBRO PRIMOr

SOMMARIO.

NTRODV^IONE di qucfia Tfloria.

S i narra lofcoprimento del B r a f d e f a t t o

da Pietro Aluares Cabrai, i n tempo del

R e Emanuele . J M a n d a queflo diuerfe

armate a popolarlo Continua l'ifiìeffas

i m p r e f a Giouanni T e r z o f u o figliuolo

S i dà n o t i z i a delle Prouincie del Brafil-

le , della loro fituazione, e marittimo continente Si deferi-

rono i F i u m i , i Porti , e le qualità delle t e r r e , la loro fertili-

tà^ ed abbondanza S i tratta de ' c o f t u m i delle n a z i o n i B r a -

filiank, e della loro conuerfione alla F e d e . S i / d e f c r i u o n o i

Quattro principali Stati del Brafille, eli v a r i f u c ceffi acca-

duti nel popolarli Come alcuni Cor f a r i Frane e fioccuparo-

no i l Rio diGiannero,ed i l Àdaragnone>e come ne f u r o n o di fi

cacciati * M.anca di v i t a il Re Giouanni T e r z o . G l i f u c -

cede Sebafiiano f u o nipote p e r d i t a del me defimo ne II* A f r i -

ca Sostiene breue tempo la Corona i l Cardinal Errigo f u o

À "%io 9 '

r
%io, i l quale muore f e n z a dichiararne la f u c c e f f o n e * J £ a r ì

pretensioni alla m e d e f i m a d i d i u e r f i Potentati d i E u r o p a .

E l i d e n t i ragioni f o p r a ogni altro della R e a l C a f a di fin

g a n z a • F o r t i maneggi per opporfegli del R e Filippo Seco?,

do Antonio Principe illegitimo v i e n acclamato R e i n alc$

ne T erre con poco f e g u i t o . / / R e Cattolico muoue ilf u o efei

cito a carico del Duca d i A l u a , che lo rompe> e cofcringe a n

tirar f i dal Regno > d i cui prende d p o f f e f f o f e n z a contraJìo y in

fieme col B r a f i e , e tutte l'altre f u e d o u i z i o f e C o n q u i j ì e .

L ' A i r t-
' A M E R I C A , che con poco'fondamento

prende i ln o m e da A m e r i c o V e f p u c c i infi-

gne C o f m o g r a f o Fiorentino, Quarta, e p i ù

gran parte del M o n d o , anzi v n m o n d o a

parte, è poffeduta da i Re d i P o r t o g a l l o ,

di Cartiglia A quefti appartiene la Regio-

ne d i T e r r a f e r m a verfo i lPonente, felicemente ritrouata

ncU'anno 1492'. d a l f a m o f o C h r i f t o f o r o C o l o m b o Geno-

ueie* , d i c u i c o m e f u o r i d e l m i o a f l u n t o i o q u i n o n tratterò.

A quegli tocca la parte, che riguarda i lLeuante, e che i m -

propriamente chiamano Braille, R e g n o s ì v a j l o rìel f u o . g i -

t e n e delle tre parti d i Europa fupera due i n gradezza.Ma

q ' i e f t a |jtelTa f u a a m p i e z z a , e m i r a b i l f e r t i l i t à d i c u i g o d e , lo

relè f o m m a m e n t e inuidiabile all'altre N a z i o n i ftraniere,e

p a r t i c o l a r m é t e a g l i Olandefi,i.qaalidiuenuti da contuma-

ci vaffalK o r g o g l i o ! ! d o m i n a n t i , r i n u a f e r o , e quali intiera-

mente occuparono per le caufe, che p i ù innanzi l i diranno,

tiranneggiandolo con viua,e continua guerra per lo fpazio

d i trenta annijfin'atanto che afltbnto al t r o n o P o r t o g h e f e l'-

inclito Re G i o u a n n i Q u a r t o d i q u e l l o n o m e , d e g n o della,.

m e m o r i a d i tutti i fecoli per le fue rare , ed eroiche i m p r e -

f é , * f u r o n o quei i m p o r t a n t i l f i m i Stati dalle fue a r m i t n o n -

fej|F^fl&tto riacquiftati, G l i auuenimenti dunque d i que-

lle guerre I o f o n q u i a f u c c i n t a m e n t e riferire nella prefen*

te I f l o r i a ; p e r T i n t e l T ì t u r a d i c u i b e n c h é i o m i r i u j o u i con-,

gran fcarfezza d i talenti 5 ed ardifca d i fcriuerla i n v n idio-

ma a m e n o n connaturale, procurerò, n u l l a d i m e n o , c h e

n o n le tìianchi n è ^ n m , n è chiarezza, che f o n o l'anima-,

A 2 dell'-
4 . È E I L E O V E R

Bell'I ftoria*. I n (juefta fi'accennerannoz f l È f h x q p z g s & c i

ne deìfe v m a h e vicende A r r i v a r V n iion ^aljo Reame.al-

la fmifurata potenza d i vna florida M o n a r c h i a 5c r o l l a r i r u

vii tratto ad vna quali intiera d e p r e f ì i o n e , e rifiorir nuo-

v a m e n t e alle p r i l l i n e felicità Si v e d r a n n o combattimene

t i f e r o c i d i a r m a t e nauafli f u i mare,, e d i eferciti'numeroii

nella terra i y f e d i j d i C i t t à , affalti d i fortezze , i n ò e n d ^

d i V a f c é l l i *^ a f m i g r a z i o n i d i p o p o l i , m u t a z i o n i d i Re-

gnanti, e riacquiili d i Prouincie Si v e d r à finalmente f u -

perar la fola N a z i o n e Portoghefe diuerfe f o r m i d a b i l i Na-

z i o n i d e l m o n d o , e c o m b a t t e n d o i n l ì e m e n e l l ' A f ì a ,e nell*

À f r i c a , vincere i n E u r o p a , e trionfare nell'America".. M a

per dare v n à più chiara notizia d i quelli fuccellì, faràne-

cefTario* che q u i p r i a 10faccia v n a b r e u e relazione delle

Terre del Braille, d e l f u o f c o p r i m e n t o , c ò m e egli venule

fotte i ld o m i n i o de i R e d i P o r t o g a l l o , e d e l l e caufe*p?s**k?

q u a l i l e P r o u i n c i e V n i t e <jli O l a n d a s'inanimirono a*vi v f u r - ^

pqjrJ^, adcioehe p o i m e g l i o dia p r i n c i p i o alla narrazione,

delle giierre $ delle quali egli f u teatro funeflo p c i f t ^ à x

anni.

V Ititi g l iantichi R e ^ P o r t o g h e l ì da i loro limiti di Eff-

r ò p a , argini n o n bafleuoli a i r a n i m o incomparabile disi

m a g n a n i m i E r o i , intrapefero felicemente ] asdua. o ,ni*

Ila d e l l ' A f r i c a . - Q u i n d i è che t r a f p o r t a n d o l i m o l t i d i l ò i p

alle frontiere d i quella, s'impadronirono c o n prouo miEf-

b i l i d i v a l o r e d i t u t t e q u e l l é m a r i t t i m e A u f l r a l i C o f t i e r e fi-,

no all'Etiopia Difcoperta p o i , e foggiogata quella, dai

anco da quella p à r t e i n c ò g n i t a l i n a quel tempo,

i n f a m e con i vallilfimi R é g n i d e l C o n g o , e d i Angola-, e

fimilmente v a r i e • e d i m p o r t a n t i I f o l e n e l l ' O c e a n o , fioin-j

fero c o n m o f t r u o f a fortuna n e l l ' A f i * le l o r o a r m i , tragit-

tando prima d i ogni altra N a z i o n e del m o n d o l o r r i b i l U i -

Vafco di Gahìd P 0
* B a
. < * * Speranza > per niezzo d e i r i i i l ì g i ^ Capitano

primo dì/copriti V a l C o
&x
@ama illuftre progenitore cft i M a r c h e f i d i . N i -

M'india, ft* M w i c w a folo a ì P o r t o r f i e f ii n a l b e r a r ' i l o r o (tendar-

di.
#
1
B E L B R A S I L E . P A R T E I . Lib. I 5

^ n e l l ' A m e r i c a , ! ! d i cui f c o p r i m e n t o , e conjjuilla aueano

già n o n fenza finiilro c o n f i g l i o difpregiata, n o n affenten-

do all'iflanze p r e m u r o f e del C o l o m b o , che v i u a m e n t e

auea l o r o inculcato i m e z z i d i confeguirla M a cafual-

mente venne poco d o p o a n c o r ella al l o r d o m i n i o i n que-

lla guifa.

Imperando m Portogallo i l R e Emanuele g i u l ì a m e n -

te n o m a t o i l Felice , applicaua i fuoi più lolleciti penfieri

al p r o f e g u i m e n t o delia conquifta dell'India Spedi per-

ciò colà vn'armata d i tredici poderoli galeoni nell'anno

di noflra falute 1500. a carico del Generale Pietro Alua- '

res C Ì b r a l , A d e l a n t a d o d e l l a P r o u i n c i a d i B e i r a , S i g n o r e

di Belmonte , e delle primarie f a m i g l i e d i quel R e g n o ; i l

quale fpiegando fauilamente le vele dal porto d i Lisbo-

na , f e g u i t a u a c o n v e n t i p r o f p e r i i l d e l l i n a t o v i a g g i o del-

l'Oriente Q u a n d o leuatali i m p r o u i f a m e n t e fiiriofa t e m -

pella, f u collretto a difeader m o l t o a Ponente dall'Equi-

noziale verfo i l Z u r A g i t a t o così da i v e n t i , d i f e o p r ì a i

24- d ' A p r i l e , c o n l l u p o r g r a n d e de i P i l o t i , alcune l p i a g - Pietro Aluares

gie, e terre n o n m a i vedute, n e l l ' a l t e z z a d i g r a d i f e d i c i , e Cabrai difeoprì


• • 1 1? r \ >J 1 ti Bragie.
trenta m i n u t i , quattrocento cinquanta leghe Occidentali —
lungi dalla Colla d i A f r i c a Era i lCabrai dotato d i viua-

cilTimo fpirito , e d i egual v a l o r e . O n d e facendo voltar

le p r o r e de i v a f c e l l i v e r f o le n u o u e f p i a g g i e , f p e d ì qual-

che gente ne i battelli ad efplorar la qualità d i quel paefe.

V f c i t i i P o r t o g l i e l i a t e r r a , la r i t r o u a r o n o affai a m e n a per

la f e r t i l i t à d e i c a m p i , g r a n d e z z a d e g l i a l b e r i , abbondan-

za , e f r e f e u r a de i fiumi ; e d i tutto portarono al Genera-

le d i f l i n t e n o t i z i e , c o n d u c e n d o a n c o a b o r d o alcuni Paga-

ni , che pefeando andauano fopra quei m a r i Grande f u

l'allegrezza, ch'elfi cagionarono a g l i Europei ; m a non-»

intefali da alcuno la lor fauella , n è permettendogli l?u

f o m m a rozzezza propria fpiegarficon i c e n n i , c o m a n d ò

il Cabracene veiliti d i alcuni abiti più curiofi, che ricchi,

e carichi di diuerfe galantarie d i E u r o p a , folTero aiuoua-

m e n t e
6 Ti £ I L È G V E K R E

m e n t e gettati i n quella fteffa parte y doue erano flati pre/5

Efeguito ciò"; n o n i n d u g i a r o n o i due Gentili a f p a r g e r c

quelle droghe per 1 c i r c o n u i c i n i v i l l a g g i , d a n d o l o r o l'an-

n u n z i o de g l i h u o m i n i b i a n c h i , che veduti aueano, e d i

quanto c o n i m e d e f i m i era loro accaduto E f u sì g r a n d e

la g i o i a , e f l u p o r e , che g l i altri c o n v n a tal nuoua conce-

pirono , che incontanente ne concorfe a quelle f p i a g g i e

v n a moltitudine innumerabiie Sbarcò all'ora i l General

c o n tutta la fua fanteria i n terra , e facendo e r g e r e f u la-,

c a m p a g n a v n altare , l i c a n t ò f o i e n n e m e n t e la niella , tra-

il replicato, e feftiuo fparo de i cannoni , da i Religiofi

del Serafico O r d i n e Francefcano , 1 quali meritarono la-

gloria d i effere i p r i m i , che celebrarono i n quel nuouo

m o n d o i mifleri d i n o f l r a Fede Correità i l g i o r n o d e i

tre d i M a g g i o dedicato alFInuenzione della Santa Croce,

ed inalzando i l C a b r a i f o p r a la p i ù alta c i m a d i vn'albero

quello, i n cui i l Figliuolo d i D i o diede la vita per l ' v m a n

rifcatto,impofe a t u t t a q u e l l a r e g i o n e i l n o m e d i S.Croce,

che.poi dal v o l g o f u cangiato i n quello d i Brafile , all'or,

quando i l legno così c h i a m a t o , che i n Italia v i e n detto

.Verzino, f u i n quelle T e r r e per v f o delle tinture ritroua-

to Così auuenne i lfelice f c o p r i m e n t o del Brafile. E ben

che n o n mancalfero alcuni, che configliarono i l Generale

a voltar n u o u a m e n t e le prore v e r f o i l P o r t o g a l l o , per i n -

. . „ f o r m a r p e r f o n a l m e n t e i l R e d i v n sì r i l e u a n t e a c q u i f l o , e-
A&ione genero/a i \ i . . • • i • r

dH Cabrai. S h
P >
e r o
teneua i n m a g g i o r conto 1 leruigi, che i p n
c n e

m i j , profeguì i n dirittura i l dellinato viaggio , lafcianc

colà tre foli P o r t o g h e f i , ad effetto che p i ù efattamente i n -

ueiligaffero quelle terre Spedì p e r ò f u b i t o alla C o r t e v i >

de i luoi Capitani nomato Galparo d i L e m o s a far c o n i a~

peuole i l R e del nuouo f c o p r i m e n t o dell'America, i n c r i

lafciaua alla d i l u i C o r o n a le porte aperte ad vn'alfai ric-

co , e m e n dillante I m p e r o , d i quello dell' Oriente Per-

uenuto i lL e m o s a L i s b o n a , conobbe i lf o r t u n a t i l f i m o R e

n o n effere flato vano. , ò c a f u a l e prefagio l ' a u e r g l i i l R e

%- , ~ G i o -
B E L B R A S I L E P A R T E I L ì b . I y

giouanni Secondo fuo Cugino, Cognato, dpredeccffore

Jafciato c o m e i n e r e d i t à v n a sfera, i n c u i era tutto i l g l o b o

d e i r V n i u e r f o ; i m p e r o c h e e f f e n d o g i à i l f u o R e a m e sì f a u -

ftamente dilatato per le tre parti del m o n d o , offerìua ora-

li Cielo anco la quarta al f u o d o m i n i o O n d e fe bene tut-

to i l fuo ftudiofolfe i n quel t e m p o i m p i e g a t o nella con-

quiftadell'Afta, d e l i b e r ò nulla d i m e n o d i n o n difprezzare

quell'altra n o n m e n g l o r i o f a alle f u e a r m i ; g i à che le mede-

fime veniuano A n g o l a r m e n t e da D i o definiate a p o r t a r c i

fuo fanto n o m e per tutta la r o t o n d i t à della terra.

• AHeflita d u n q u e v n a fquadra d i V a f c e l l i , i n u i ò A m e n c o

Vefpiicci celebre C o f m o e r a f o di quei t e m p i a riconofcere, 1 1 R e E m a n u e


^
r
. . . 11 -x j - r n i 1 n u l
* imeneo
e m e t t e r e i l i m i t i i n q u e l l e g i à d i l c o p e r t e terrene nelle l o r o Vefpacci.
marittime coiliere C o n f u m ò A m e r i c o l u n g o t e m p o i r u

quello affare, e n t r a n d o per diuerfi porti, ed offeruando c o n

tanta fatica q u e i paeli, c h e d i e d e m o t i u o al v o l g o d ' i m p o r -

re i ld i l u i n o m e a quel m o n d o n u o u o con p i ù f o r t u n a , che

fondamento R i t o r n a t o E g l i a Portogallo diede al R e

Emanuele affai p o c h e f p e r a n z e , d i che i l Brafile p o t e f f e

coltiuarfi, e per la vaflità de i d e f e r t i , e per la rozzezza , e

p o u e r t à d e g l i abitanti L a o n d e facendo i l R e poca f l i m a

della nuoua c o n q u i f l a , i n c o m i n c i ò a diflribuire q u e l l e

terre a diuerfi Signori del f u o R e g n o , c o n c e d e n d o l o r o

fouuerchio d o m i n i o , c o s ì per l'autorità, c o m e per i l diflrer-

to, i m p e r o c h e fi d i f l e n d e a quello d i ciafeuno cinquanta^

leghe d i c o l l a , e quanto p i ù poteffe slargarli dentro la terra

ferma d e i Gentili A c c e f o p e r ò i lreggio f u o cuore d i vuie

b r a m e d i propagare la C h r i f l i a n a Fede per le p i ù b a r b a r e ,

e remote parti d e l l ' V n i u e r f o , f p e d ì a l Brafileìa feconda^

fquadra d i naui a carico d i Gonzalo C o e g l i o , i m p o n e n d o Manda Gonza-

gli che s'inoltraffe per quella C o l l a , e diligentemente o f - / « Coeglio con


nuoua armata*
feruaffe la ficurezza de i f u o i porti, e le collumanze d i quel-

le g e n t i N o n p u o i facilmente d i r l i q u a n t o i n c i ò fi a f f a r i -

caffè q u e U a n i m o f o Capitano Corteggiando m o l t i m e l i

per q u e i m a r i , d i f e o p r ì n u o u i /e v a r i j p o r t i , m o l t i fiumi, e

fpa-
8 B E L L E G V E R R E

f p a z i o f e barre.. V f c ì a terra i n m o l t i l u o g h i , e p r e n d e n d o

da per tutto il poffeffo i n n o m e del R e f u o S i g n o r e , lafcio-

ui inalzate Tarma del m e d e l i m o M a per la p o c a fperien-

za, che i fuoi piloti aueano della corrente d i quei m a r i , f u -

r o n o i n n u m e r a b i l i i pericoli che i n c o r f e , e tanti i d i f a g i ,

che f u p e r ò , che n o n c o m p o r t a quella fuccinta narrazione

il riferirli Perdute q u a l i tutte le f u e n a u i , f p i e g ò le v e l e

v e r f o Lisbona ; oue g i à i lR e E m a n u e l e auea g l o r i o f a m e n -

te terminato i l corfo della fua vita c o n Cinquanta due d i

Muore il Re E~ e t à , e ventifei d i felicilfimo I m p e r o , r i c o l m o d i tanto f i n -

mamek « g o l a r i v i r t ù , e si i n g r a n d i t o n e l l a p o t e n z a , sì i l l u f t r e ; n e l l a

p i e t à , e s ì p r o f p e r o f o c o n l a m o l t i p l i c a t a p r o l e , c h e tìj. f e n -

za c o n t r o u e r f i a f l i m a t o , e r i u e r i t o per v n de i p i ù g r a n d i ,

p i ù eccellenti, e più fortunati R e del m o n d o I m p e r o c h e

egli f u giurato P r i n c i p e d i tutta la S p a g n a , f iv i d d e Signo-

re d i tutto l ' O r i e n t e , d o m i n ò gran parte d e l l ' A f r i c a , h i -

fieme c o n l ' E t i o p i a , e d a i f u o i f u c c e f f o r i l a f c i ò i n g r a n d e

a u m e n t o la conquifla d e l l ' A m e r i c a A n c o della Perfia, e

dell'Arabia g o d è i p i ù douiziofi E m p o r i . F u tra i R e i l mag-

gior propagator della Fede 5 E d i n tre m o g l i ebbe tredici

figliuoli, due de quali f u r o n o R e , ed vna Imperatrice

Succedutogli G i o u a n n i T e r z o d i quello n o m e f u o fi-

gliuolo f u pienamente i n f o r m a t o dal Capitano C o e g l i o

delle cofe d e l Brafile;d i c u i c o n c e p e n d o all'ora affai diuer-

. _ fo concetto, e fperanzato d i v n i r ' v n vafliffimo, ed i m p o r -


11 Re Gio: Terzo * r . , f
*><o)eguela con- tante R e g n o alla iua M o n a r c h i a , ì n u i o l u b i t o v n altra-

qwfta del Brafile armata comandata da C h r i f l o f a r o Giaques Caualiere m o l -

to riguardeuole, ad efplorar con efatezza m a g g i o r e quel-

le terre N o n p e r d o n ò egli a fatica alcuna nell'indagar-

le R i t r o u ò ntioui p o r t i , e N a z i o n i n u o u e D i f c o p r ì la-

famofa barra della Baia, che per la fua grandezza diede i l

n o m e alla Città M e t r o p o l i d i tutto i l B r a f i l e . D o p o i l

Giaques f u r o n o mandati all'ifteffa i m p r e f a Pietro d i Sou-

f a , e M a r t i n o À l f o n f o d i Soufa, i l quale c o n g r a n nume-

ro d i naui g i r ò tutta quella C o l l a final R i o della Piata.

R i n e -
B E L B R A S I L E P A R T E I L i k I 9

U n u e n ì diuerfi altri i m p o r t a n t i feni D i u i f e le terre, i m -

)ofe l o r o i n o m i , e v o l t a n d o dopo lunga n a u i g a z i o n o ,

ìonfermò i l R e G i o u a n n i nelle concepite fperanze, c h o

)rometteuano quei Stati I quali f u r o n o p o i d i u i f i in_>

juindici vaftiffime Prouincie , che i n diuerli t e m p i fi po-

l l a r o n o ?cioè Para , M a r a g n o n e , Seara , R i o G r a n d o ,

^araìua, T a m a r a c à , Fernambuco , Sergippe , Baia-,

glieos , Porto Sicuro , Spirito Santo , R i o d i d a n n e r ò ,

ian V i n c e n z o , e quella , che è chiamata del R e , la qua-

e b e n c h é per la parte d e l N o r t e venga dal f i u m e Cana-

lèa terminata, f idiltende per la parte del Z u r f i n a l Ca-

DO d a i A r c a s ,
r includendo i n fe Tlfole d i San G a b r i e l l o ,

>d i l R i o d e l l a P i a t t a M a p r i m a d i trattar d i ciafcumu

li quelle Prouincie i n particolare, farà bene dar q u i

vma notizia i n c o m m u n e del continente m a r i t t i m o del

Brafile , e dell' eleuazione de i g r a d i , fotto i quali egli è

ituato

Siede i l Brafile i n quella parte d e l l ' A m e r i c a , che r i -

guarda i l Leuante , e rifpetto a n o i altri l'Occidente, nel

tfiezzo della Zona, che g l i antichi chiamarono T o r r i d a - ,

t correndo al T r o p i c o d i Capricorno , entra nella Zona-

temperata Dalla banda m a r i t t i m a ha i l fuo principio i n

vn grado dal fiume delle A m a f o n i , e finifce i n più di tren-

ta c i n q u e n e l R i o d e l l a P i a t t a ; 1 quali due fiumi lono co-

me due colonne , che i n f e r r a n o tutto quello Stato M a -

verfo terra f e r m a corre più dalla bocca dello fleffo R i o

della Piatta cento fettanta l e g h e al Z u r fin'all'vltima pun-

ta d e l C a p o d i San M a t t i a , e così viene a terminare i n al-

tura d i quali quarantacinque gradi L a figura del Brafile

è triangolare ; l ' v n o , e l'altro fiume g l i f o r m a n o le due-

faccie, e la terza è la linea d i terra f e r m a quali tutta abi-

tata da i G e n t i l i L a d i l u i Colla m a r i t t i m a fi d i f l e n d e ^

per lo fpazio d i mille^ducento leghe(fa ogn'vna di quelle

quattro m i g l i e Italiane ) ne i feguenti giri Dalla punta-

chiamata d i Vincenzo Pinzone, doue ha i l fuo principio,


B fino
t i P E L L E G V E R R E

tara* ( p r o u i d e n z a grande della natura all'innatadapo-j

f a g g i n e , ed inerzia de g l i abitanti. ) M a n o n è f t u p o r c ,

che le terre d e l Brafile f i a n o c o t a n t o f e r t i l i , ed amene i n i -

percioche elle v e n g o n o tagliate da p i ù d i ducento groffi

fiumi, c h e I n n a f f i a n o .

T i e n e fenza controuerfia i l Principato tra tutti n o r u

f o l o d e l l ' A m e r i c a ,m a e z i a m d i o del m o n d o , quello d e l l -

A m a f o n i , d e t t o per altro n o m e i lG r a n P a r à . N a f c e egli dal

p i ù i n t i m o feno del P e r ù , dalle d i c u i m o i l r u o f e montar

g n e calano acque copiofiflime ad ingroffarlo . Prende i l

n o m e dalle tanto celebrate A m a z o n i , IHmate da n o n po-

chi fàuolofe A l l a p r o p o r z i o n e della bocca , c h e 11 a p r e -

per lo fpazio d i ottanta l e g h e , è la grandezza del f u o cor-

p o , i l q u a l e fi d i f l e n d e p i ù d i t r e m i l l e y feicento delle qua-

li hanno da v e n t i l i n o a quaranta braccia d i f o n d o T i e n e

trenta due Ifole, le p i ù picciole f o n o da due fino a venti le-

ghe , ed alcune ve ne f o n o d i cento d i circonferenza -T u t - j

ti 1 fiumi, che celebra l'antichità, f e m b r a n o c o m e riuolij

a paragone d i quello A b b o n d a d i pefci p i ù g r a n d i , che-,

, faporiti, e d i l u i b e u o n o p i ù d i ducento N a z i o n i d i diffe-n

tenti l i n g u e * E'arricchito d i pr'eziofe pietre, d i g r a n e l l i

di argento, e d i arene d i o r o . C o r r e n d o per fettanta le-

ghe d i f o l l o , vaafepellirfi fotto l'Equinoziale n e l m a r o

Attlantico.

A l folo f i u m e delle A m a z o n i cede i n grandezza,

quello della Piatta , g o d e n d o la f u p e r i o r i t à r i f p e t t o ad

o g n i altro - N a f c o n o à m b i d u e dal m e d e f i m o P r i n c i p i o ,

m a corrono o p p o f t i , e diuifi i n differenti braccia Entra

sì r a p i d o n e l mare per quaranta leghe d i bocca , che per

altro tanto fpazio rende dolci le acque dell'Oceano . So-

n o sì f l u p e n d e l e f u e i n o n d a z i o n i , C h e p r e u e d e n d o l i 1 c i r -

conuicini p o p o l i , vannp imbarcati c o n le lor f a m i g l i o

per m o k i m e l i » D a Vna eccelfa r u p e p r e c i p i t a t u t t o i l po-

lo dèlie fue acque i n v n cauernofo folto c o n sì orrendo

ftrepito, che ftordite l e v i c " ' ^ (T<*nt\


1
t e n g o n o d i f a b i r j * <*
I X E L B R A S I L E P A R T E I . L j è .I 13

VaflMnfi^ campagne. E'come già dicemmo, il termine

del B r a f i l e , chcndiuide le f u e terre da quelle appartenen-

ti a i R e C a t t o l i c i .

F a m o f i f f i m o è ancora n e l L A m e r i c a i l fiume d i Saru

Francefco > n o n v ' è certezza della fua o r i g i n e , fe b e n o

fiftimj'fia l u l e f l a d i q u e l l o dell' A m a z o n i . L a fua cor-

rente', è a m a r a u i g l i a £»e£ff*Y*)fa, la c i r c o n f e r e n z a gran-

de , e 1 acqua alfai falubre D o p o quaranta leghe v e r f o

t e r r a f e r m a fi p r e c i p i t a t u t t o i n d e n n e da v n a f u b l i m e bal-

za ; m a c o n m a g g i o r fiupore, d o p o d i auer c o r f o dicciot-

to giornate d i paefe v i e n e affatto afforbito da v n a m o f l r u o -

facauerna , # d e n t r o d i c u i fi n a f c o n d e per lo fpazio d i do-

dici l e g h e , paffate le quali, ripiglia qual altro A l f è o i l f u o

c o r f o si g o n f i o x e rapido c o m e p r i m a .

• N o n è m e n celebre i l fiume Pattos, n o m e datogli dal-

i T n n m t à d i p a p a r i , che v i f o n o ( cosi v e n g o n o quelli colà

Chiamati ) E'nobilitato d a V n f p a z i o f o leno d i dieci le-

g h g ^ u e giace la fertiliffima Ifola d i Santa Catarina^ i c o -

pfVta da a m e n i f f i m i b o f c h i , oue nafcono infiniti cerui

# I l fiume M a r a g n o n e , d a c u i r i c e u e i l n o m e quella-

Prouincia è figlio del G r a n P a r à , dal che alcuni s'indufTero

a credere, che fofTero a m b i d u é Liftefla cofa A l l e dicifet-

teJeghe^, c h e ' t i i h e d i b o c c a , è p r o p o r z i o n a t a la vallità del

fe©-Corpo E * n a u i g a b i l e m o l t e l e g h e dentro d i terra fer-

*m a , per le quali abbraccia d i u e r f e I f o l e .

Il R i o G r a n d e è ancora v n o de i p i ù celebri del Brafi-

lè >{afce dall'interiore d i terra f e r m a g i à accrefciuto da

copiofe acque Separa p i ù d i venti Ifole, riceuendo i n f c

diuerfi altri fiumi d i m i n o r n o m e V i c i n o alla d i l u i for-

gènte f o r m a vna laguna d i venti leghe d i circonferenza^.

D o p o lo f p a z i o d i q u a r a n t e fi n a f c o n d e ancor' effo «fotto

t e r r a , r i t o r n a n d o p o i a f o r g e r e si d o u i z i o f o d i acque co-

m e p r i m a j m l u i fi g e n e r a n o finiffime perle 5 ed è abitato

d a i G e n t i l i p i ù feroci d e l l ' A m e r i c a N o n permetteìvu

b r u i t a defcriuere q u i tutti g l i altri fiumi, che bagnano le

t e n £
14 D E E L E G V E R R E
\ _

terre del Braille Affai n o t i f o n o q u e l l i delle C^ràYieBc

Santa C r o c e , D o l c e , Parahia., c h e a-quel?* P r o v i n c i a d i i

n o m e , i lBeueribe celebre per l a f o n d a z i o n e d i O l i n d a ca

p o d i B e r n a m b u c o , e moltilàitri 9 v h e fi tralafciano./Ball

il faperfi, che f o n o c o m e g i à f i dille: * p i ù d i d u c e n t o quef

li,che h a n n o p r o p r i o n ó m e per la l o r grandekza/eglabri

tàdell'acque* 1
/ - >*>** f
*. ; 1 1 ù / ; r H
i

D a quella quantità d i fiumi n o n f a r à o r a d i f f i c i l e * a ere

Fertilità del ^ e r
^ ^ mirabil fertilità , ed abbondanza del Brafile A l

terreno cuni terreni ve ne f o n o , che per v n r u b b i o d i f e m e n z i

c o r r i f p o n d o n o Con cento d i f r u t t o G l i alberi fono di i

f m i f u r a t a altezza, che raffembrano toccar le nuuole Per-

petuamente verdeggiano i n vna quali continua Primaue-y

r a , e la m a g g i o r parte d i l o r o p r o d u c o n o i frutti per ogni

t e m p o dell'anno >di m a n i e r a , che q u a n d o i m a t u r i fi r a c -

colgono , già g l i altri i n c o m i n c i a n o a ilagionarfi

n i deinoftra-li n o n v i fono,- t r a i p i ù eccellenti hanno ij

pHcfflfò l u o g o g l i A n a n a f i I fiori f o n o v a g h i f f i m i a* l a v i -

l l a n a l'odore è m e n foaue d i quelli d i E u r o p a ; ficorité,'

; m e n dolce i l canto de g l i augelli ; f u p p l i f c o n o ' p g j p queft^

c o n v n a sì g r a n b e l l e z z a » , e leggiadria delle p e n n e , clic

rapifeono g l i f g u a r d i , e nobilitano al m a g g i o r fegno Pa-

ria N o t i fono i p a u o n i , i p a p a g a l l i , d e - r q u a l U f i a inlv

n i t à fi p r o d u c e I bofehi f o n o così folti, che m o l t e l e g h i ,

caminano i paftaggien fenza veder'il Sole, ricoperti d'al-

beri d i odorofi ballami, che r e n d o n o foauiifime fragan-.

ze I m o n t i , che feruono c o m e d i m u r a g l i e a i m a r i del

Brafile, f o n o d i così fiupenda g r a n d e z z a , c h e fup*eranp 1

fenza paragoneiPirenei, g l i A l p i , e g l i O l i m p i For-|

m a n d o diuerfe notabili figure, e Coronati d i perpetua v à -

dI u r a , rendono a m e n i f f i m a la villa della m a r i n a A l c u n i

«inalzano a foggia di organi , che i n occafione-di tempe*

ita p a r t o r i r o n o m i r a b i l i , ed orrendi f u o n i ' l ì b e f t i a m c J

h numera a n u l l m n i , e fenza padrone vaga liberò p e r l e '

campagne E Min importante i 1n e g o z i o d e i C u o i , e b e

. d i A
D E L B R A S I L E P A R T E I L i k l 15

d i l à f i t r a f p o r t a n o i n E u r o p a M a l e d r o g h e p i ù r i l e u a n t i

del Braille f o n o i lz u c c h e r o , e d i U a b a c c o D i quello f e

ne ellrae i n tanta copia, che pafla g i à d i v n m i l l i o n e d i feu-

di l'annua entrata,che ne ritrae la C o r o n a Ciafcuna delle

f a b r i c h e o u e i l z u c c h e r o fi l a u o r a , c h e c o l à fi c h i a m a n o I n -

gegni , f e m b r a v n a T e r r a , per le g r a n m a c c h i n e , che v i

fono d i officine, c a f e , c h i e f e , ed v n a i n n u m e r a b i l feruitù

di fchiaui, e lauoranti D u r a n t e la raccolta , macina o g n '

v n a d i quelle fette, ed otto m i l e rubbij C o n gran i n d ù -

f e r i a , e d i m m e n f a f a t i c a fi r i d u c e i l z u c c h e r o a p e r f e z i o n e .

T a n t a è la q u a n t i t à , c h e o g n i a n n o fi t r a f p o r t a a l f o l o por-

to d i L i s b o n a , che d à la m a g g i o r parte del carico alle flot-

te d i f e t t a n t a , ed ottanta vafcelli, e g i à ve ne f u alcuna d i

cento A l t r e d r o g h e preziofe produce i lBrafile i n abbon-

danza , c o m e ambra , g a r o f o l o , anifi, c a c à o , e diuerfe al-

tre forti d i fpeziarie $ sicome g l i Itimatilfimi legni violet-

te , g i a c a r a n d à , a n g e l i n , e verzino tanto ricercato da tut-

ti per le tinture D e i metalli è ancor n o n poco douiziofo

il Brafile, egrauido d i ricche m i n i e r e , godendo l'iftefTa^'

altezza d i P o l o , ed influenza d i ftelle, che g o d o n o i l M e f -

fico, ed i lP e r ù . M a p o c h e fi f o n o p e r ò d i f e o p e r t e fin'ora.

Antica, e m o d e r n a m e n t e fi f o n f a t t e e f a t t e d i l i g e n z e per

ritrouarle, m a f e m p r e con p i ù fperanze, che profitto. C o n

immenze fatiche f u r o n o difeoperte alcune miniere d i cri-

ftallo, c h e g e n e r a u a n o Z a f f i r i , e f m e r a l d iaffai fini ; m a .

fmarritefi le Irrade, e m o r t i q u e l l i , che difeoperto auea-

no quella ricca m o n t a g n a , reftò la m e d e f i m a nuouamen-

te fepolta a i n o f l r i o c c h i D e l l ' o r o p e r ò fi c a u a i n quan-

tità grande da alcune d i quelle P r o u i n c i e , e m a g g i o r d i

quella, che apparifee , occultandofene i n gran parte, per

defraudarci diritti i u i affegnati alle Regine d i Porto-

gallo .
M a auendo Iddio prouifta la R e g i o n e del Brafile d i CoJlumìdeiGm-

to quanto b u o n o , e ricco produce la n a t u r a , è cofa d i

m f l u p o r e , i l vedere l'infelicità de i naturali fuoi abi-


tatori
i 6 B E L L E G V E R R E

latori ( parlo del G e n t i l e f i m o ) I m p e r o c h e è la gente più*

barbara, faluatica, e m i f e r a b i l e del m o n d o Viuonoa,.

guifa d i fiere, fenza fede, fenza lege, é fenza Re, e pare, che

n o n f e n z a m i f t e r o m a n c h i n o n e l l e l o r l i n g u e , ( e f f e n d o più)

d i d u c e n t o q u é l l e , c h e parlanp,)le lettere F. L . R . N o n ado-

rano alcun D i o , m a folamente i n c o n f u f o n c o n o f c o n o

v n a Eccellenza fuperiore da loro chiamata T u p à H a n n o

il color n e r o , i l vifo fchiacciato , la ftatura grande , edan-

:Cor r o b u f l i d i f o r z e a r n u a n o a viuere p i ù d i v n fecolo.Sen 7

za naturale roffore v a n n o affatto i g n u d i , e pure effendo

tanto irragioneuoli nfpettano la c o n t i n e n z a E* gente-

miferabililfima ; n o n hanno tetto, n è abitazione certa, or

v i u o n o ne i m o n t i , or vagano per i c a m p i ^ o r l a b i t a n o ne i

bofchi.. L a huda terra ferue loro d i letto , _ e l e f r o n d i d o ,

gii alberi d i coperte, con le quali riparono le fole orec-

chie , lafciando i lreflante del c o r p o all'inclemenza dell'-

ai xa. Portano i l labro d i fotto, ambe le orecchie , e l o

g u a n c i é traforate da groffi , e diuerfi b u c h i , ne 1quali in-

caftrano le p i e t r e , o l e g n i , che f u m a n o p i ù g a l a n t i Tin-

g o n o i lcorpo d i vari c o l o r i , ed ornano i lcapo d i difierenr

t i p e n n e , p e r c h e d i f i f l i m a n d o l o r o , e l ' a r g e n t o , f o l o f i ap-

pagano delle cofe più allegri , ed amene alla Villa. Tut-

: to i l lor mantenimento pende dall'arco , e dalla rete , eh e

l'vnico loro capitale N e l m a n e g g i o d i quello g l i rende

deliri a m a r a u i g l i a i lc o n t i n u o efercizio , e neceffità ; ìm-

percioche effendo fanciulli, g l i p o n g o n o i p a d r i i l cibo

fopra la c i m a d i eccelfi alberi, e n o n glie l o p o r g o n o fina

tanto , che lo colgono d i m i r a c o n lafrezza Sono affai

> dediti alla crapola, edalla pigrizia , N o n h a n n o arte , o

polizia alcuna ; n o n fanno contar p i ù , che fino a quattro.

g l i altri n u m e r i c o n t a n o per le d i t a d e l l e m a n i , e de i pie-

di , m a per i frutti de g l i alberi g l i anni della vita T e n -

g o n o i n f o m m a venerazione i loro ftregoni, e predicanti

1 quali con orribili voci o g n i notte g l i i n f e g n a n o i l mode

di viuere , e f u la m a t t i n a affai per t e m p o l i r a d u n a n o ;L

pian-
, D E l ^ R A S I L E P A R T E / . L j b . I 17

piangèr'i lor defiliti, a i quali in quella guifa danno ne i

propri ventri f^poltura a b ò m i n e u o l e Portato i l cadaue-

re alla c a m p a g n a a l f i l l i t o d a t u t t i l i p a r e n t i , q u e l l i d i m a g -

gior autorità l'aprono c o n dolente pianto , e fpezzato i i u

varie p a m » fecondo f o n o p i ù , o m e n p r o p i n q u i d i fan-

gue ,^eócca loro" m a g g i o r ' o m i n o r porzione , cosi della-

eansfiLcome dell'offa , che arrofliti, ed abbrufcati barba-

ramente diuorano. T a l i f o n o i f u n e r a l i , e P v l t i m a p i e t à ,

the vfano con i lor m o r t i , parendo loro, p i ù c o n f o r m o

ali ecceffiuo a m o r e , che g l i portano, fepelirli nelle pro-

prie v i f c e r e , che i n quelle della terra M a Pifleffo elfet-

cagiona^nco i n loro PimplacabiPodio, che concepifco-

verfo gl'inimici ; la carne de i quali per differenza de-

g i i a l t r i , m a n g i a n o cruda, f e m i u i u a , e palpitante, e f o

iòHfc^Ii d i propria m a n o P v c c i d o n o , g l i diuenta p i ù fa-

borita . Q u i n d i è , che a quello folo fine fi danno cr udelif-

iirae battaglie, e vanno g l i h i i o r h i n i a caccia* d e . g l i altri

h ^ W h i , ficome n o i andiamo delle fiere O n d e i n córri-

m u n e affronto dell'vmana naturali tagliano à i continuo

g l i n u o m i n i n é i macelli $ E perciò i titoli m a g g i o r i , che

vantano d i n o b i l t à , confiflono nelle collane, che pen-

denti portano de i denti de g l i auuerfari da l o r o vccifi , e

dimorati $ fe bene altri o f l e n t a n o la g r a n d e z z a del lor li-

'gnaggio nel m a g g i o r n u m e r o d i buchi delle guancie , e-

'delle labra. E' finalmente g e n t e sì b a r b a r a , ed incolta-,

che m o l t i f i l m a r o n o ,foffe totalmente irragioneuole, d i

tal forjte, che M o n f i g n o t e Cafas fcriue, che i Cafligliani

nelle lor'Indie g l i vccideuano per cibar i p r o p r i bracchi,

e c h e d i v n m i l l i o n e , e m e z z o , c h e d i q u e l l i i n f e l i c i fi f r a -

navano nell'Ifola Spagnuala vireflafferoinbreue tempo

m e n d i cinquecento. Sin'a tanto, che per ouuiar ad v n tan-

to difordhis fpedì i lR o m a n o Pontefice Paolo T e r z o , vna-,

Bolla nell'anno 1 5 3 7 i n cui d i c h i a r ò , che g l i Arnerici

*erbaio h ù o m i n i r a g i o n e u o l i , e che come talidoueano ef-

l , ey e a m m e f f i a l g r e m b o d i Santa C h i e f a D e i loro p r i m i
G geni-
18 " D E L L E G V E R K E

genitori, e propagatori d é i r A m e r i c a v e ;jrande incertez-

za tra g i i a u t o r i . A l c u n i c o n p i ù f o n d a m e n t o l'attribuir-

cono a quelli, che v a n a m e n t e fabricandola T o r r e d i Ba-

belle, f idifperferoper i l m o n d o , e corfero diuerfilfimc

fortune « A l t r i con m i n o r probabilità v o g l i o n o , che fot

fero le genti vinte d i Cartagine, o d i T r o i a , o v t ^ i po-

poli d i Fenicia. P i ù v e r i i i m i l e p a r e , c h e i l p r i m o l o r o po-

polatore folfe Olir I n d o figliuolo d i l e t a n , e nipote di He r

ber ; ó pure, che portatili g l i Ebrei d e l l e d i e c i T r i b ù iru

diuerfe Prouincie, ne reftaffero alcuni abitando quelle

dell'America E ciò viene accreditato da m o l t i indizi j

imperoche ancora o g g i d ì da t e m p o i m m e m o r a b i l e cor.

feruano quelle N a z i o n i m o l t e c o f t u m a n z e E b r a i c h e , c; -

c o n c i d e n d o f i , e m a r i t a n d o l i a l l e p r o p r i e c o g n a t e , e chia-

m a n d o Parafcè lefeftiuità p i ù f o l e n n i E'tradizione ir-

dubitata,che i Sagri Apoilòli predicalfero l o r o i l Vange-

lo $e c h e d i S a n T o m a f o f i e n o le velligia, che ancor'oggi*

d i fi* v e g g o n o i n alcune pietre alle f p o n d e del mar Bra&

lieo *le qi^ali i l Santo lafcialle i u i i m p r e f l e , a l l ' o r quando

per fuggire la morte da g l i ile/fi barbari minacciatagli/,

fece miracolofo v i a g g i ò fopra T o n d e .

Quelle rozze, e feroci N a z i o n i f o g g i o g a r o n o i Po*-

toghefi colla fpada, e con la croce ; c o n u e n e n d o l o r o fui

p r i n c i p i o , che popolarono i l Brafile, d o m a r fpelfe v o l t o

col f e r r o la ferocità „e d i n f o l e n z a , c o n c u i i n m o l t e o c c V

fioni g T i n u e f l i r o n o con i n n u m e r a b i l i eferciti M a nell'-

iftelfo t e m p o , che alcuni f a m o f i Capitani g l ' i m p o n e ù a -

n o c ò n la forza i lg i o g o delle l o r a r m i , i M i n i f t r i d e l Van-

g e l o l ir i d u c e a n o c o n la p r e d i c a z i o n e ad abbracciar quel-

lo della Fede . I n n u m e r a b i l i f u r o n o , e f o n o ancora oggi-

dì «Jttelliy che riceuono la C h r i f t i a n a R e l i g i o n e E non,

1 Padri Giefuiti J ^ 1 d i r f l i n b r e u i
periodi quanto I n ciò opera'Tcro i Padri
tonmmm mohe della C o m p a g n i a d i tìiesù >quanti ftenti patirono , quanti

J W » , all^. pericoli Operarono per la conuerfione d i quelle U n i r n e l

n o n eflendo appena terra i n tutto quel vaftiffimo R e g ^ /

che
i m L B K A ^ L ^ P A R T E I U b . J f 9

che nin fia ftarti bagnata da 1 pròfitteuoli fudon, esangue

de i figli d i quello n o n m a i a baflanza lodato cluariifimo

Ordine Proifincie intere ridulfero v n ' A n c i e t t a degna-

toienteehiamato T A p o f t o l o d e l l ' A m e r i c a , v n N o b r e g a . ,

^ n P i n t o , v n ' A l m e i d a , ed altri rnolti h u o m i n i apoftolici,

c h e CQftì l a l o r d o t t r i n a , e fantita illuilraroi^o quel n u o u o

m o n d o O u e fi è p o i d i t a l f o r t e propagato •il'diuino cul-

to ,cì\e quafi tutte le R e l i g i o n i h a n n o di già f o n d a t i ' c o r u

mirabil fplendore fontuoli t e m p i j

M a al palfo , che i Portoglieli dilatauano a maraui-,

lia n e l B r a f i l ^ l a C h r i l t i a n aF e d e , i n g r a n d i u a n o ancor i .

taggiormente i l lor d o m i n i o , difeoprendo nuoue terrea,

ibricando molte Fortezze, f o n d a n d o opulenti Città ,

spopolando va/liffime Prouincie, le q u a l i , c o m e già d i -

cenjnio »jfijpono diuife i n quindici , e li c o m p r e n d o n o

i o t t o ^ u a t t r o p r i n c i p a l i Stati «con d i u e r f o , e d independen-

«te^ouerno folito ad appoggiarrfì f e m p r e a i p r i m a r i Si-

g n o r i tlel R e g n o E* p e r ò f r a t u t t i i l p i ù p r i n c i p a l e , e r i -

g u y d e u o l e quello della Baia , i l quale corile M e t r o p o l i

di tutto i l Brafile gode i l t i t o l o q)i A r c i u e f c o u a d a • Pren- ^ ^

de quella Prouincia i ln o m e daicefebre, e fpaziofo por- S a* t0 t r a f i l e .

t o , che la nobilita ( tanto v u o l dire Baia i n quel i d i o m a ; )


!
imperoche effendo egli i l più vailo, e più ficuro c h e fi r i -

troui i n tutto i l m o n d o , gode per la fua grandezza d i

'quella antonomafia , d i tal forte , che n o n folo v^en^chia-

m a t o Baia i l f e n o d i m a r e , che lo f o r m a , e la C i t t à princi-

p a l e detta peraltro n o m e di San Saluadore , m a ancora.

,tutta'quella dilatata Prouincia L a quale refidendo nel

cuore d i tutto i lBrafile, fituata i n altezza d i tredici gra-

di , e trenta m i n u t i d e l T r o p i c o A u l l r a l e , h a la prefiden-

juidftucte le terre, e m a r i di quel R e g n o Do$>o due le-

g h e d i b a r r a fi s l a r g a quel Porto i n trenta lei d i circonfe-

renza, e p o i fi d i l t e n d e p i ù d i trenta per i l recinto della.

Città con altre tanta braccia d i netto f o n d o , riparato da %

venti,eternpelle dell'Oceano, e ficuro da*ogni banda.

(ۥ) Carta Geogr. C 2 per


z<* L L E G i r 1 R R E ' (

per r e g g e r e i vafcelli d i m a g g i o r pelo. C o n d i u e M g i r i

diuide nouanta due Ifolette,e rioeue nel fuo feno fei grof-

fi f i u m i a b b o n d a n t i d i faporito pefce , e rkuigati da i n *

finità d i legni l u i fi f a ì a m o f l r u o f a , e d i m p o r t a n t e p e k

ca delle Balene E ' quella Città v n ' E m p o r i o d i tutte l e i

N a z i o n i 5 produce i n rnaggior' abbondanza i l più fino

Zucchero deaBrafile G o d e i l p i ù temperato clima dell-

A m e r i c a , e f e m b r a n d o v n a perpetua Primauera ^ quafi

m a i m i fi f e n t e f r e d d o , o c a l d o ; o n d e i f u o i a b i t a t o r i c o n > ,

r a g i o n e fi r i d o n o d i q u e i F i l o f o f i , c h e l a t e n n e r o p e r ina-*

bitabile* V i e n cuflodita da m o l t e , e c o n f i d e r a b i l i Fo**!

tezze cosi n e l m a r e , c o m e nella terra - I lf u o Gouernatc j

re gode i l titolo d i Capitano Generale d i tutto i f B r a f i l e ^

e tal volta le p r e m i n e n z e d i V i c e - R e I I R e G i o : Terzo,

l'infeudò a Francefco Pereira C o u t i g n o i n ^disfazione d i

rimarcabili f e r u i g i fattigli da quello Caualiere "eTla con-]

quilta dell'India, Per lo fpazio d i otto anni refiilè egfiSl^i

la fierezza d e l Gentili,che con guerra aperta diflurbàuano

i p r o g r e f f id*'quella popolazione S i n a tanto che difljut-

to finalmente tutto c i ò , che da l u i era flato fabricato, dis-

fatto i n vna battagliale fenza fperanza d i f o c c o r f o , s'im-

b a r c ò i n v n a n a n e , la quale "patendo m i f e r o n a u f r a g i o in_>

quei m a r i , f p e r i m e n t ò egli vn'altro più deplorabile ne | i

ventri de g l i A n t r o p o f a g i T o p i n a m b i , che i n v n tratto

lo diuorarono R i t o r n ò poi quella Città alla C o r o n a , di<

ordine di cui f u riedificata i n v n luogo eminente poco

difcollo dalla m a n n a , ed accrefeiuta a tanto f p l e n d o r e *

ch'è o g g i vna delle più ricche , ed abitate dell' Ame-<

rica.

Pemambuco/e- 11 f e c o n d o S t a t o d e l Brafile è quello d i P e r n a m b u c o ,

eondo Stato del che darà abbondante materia a quefla Ifloria, effendaegV
fr*fi* £ | U t 0 J Ip r i l i c i p a j t e a t r o d e l l è operazioni militari p i ù fllu-

flri S i e d e i n a l t e z z a d i o t t o fin a d i e c i g r a d i v e r f o i l m e z -

zo giorno dell'Equinoziale D a l l a p a r t e d i t e r r a fi d i f l e n -

d e i n sì v a l l e c a m p a g n e , che n o n l i fa d o u e vadiiio a ter^


(5) Carta Geogr. m i n a r '
B E L B R A S I L E P A R T E L L i k I z i

minare T u t t o i l p a e f e fi s l a r g a i n bellilfime pianure^

E'nobilitato da l e i f a m o f i m a r i t t i m i p o r t i , n e i quali o g -

g i d ì fi v e d o n o f a b r i c a t e m o l t e , ed i m p o r t a n t i fortezze^

C o m p r e n d e quattro altre P r o u i n c i e la fua g i u r i f d i z i o n e ^ ,

d e l l e q u a l i fi d a r à r a g u a g l i o nel decorfo d i quella M o r i a .

L a Capitale è i a celebre Città del Reciffe detta c o n al-

t;ro n o m e M a u n z è a ; p r i m a p e r ò della fondazione d i que-

lla era O l i n d a la M e t r o p o l i , oue i l V e f c o u o , e Gouerna-

tore tencano la l o r o fedia I I porto del Reciifè è v n o de

1 più frequentati del m o n d o > V i e n riparato da^

v n c o m e m a r a u i g l i o f o m o l o i u i f o r m a t o dalla natura., i l

quale s'inalza f o p r a T a c q u e , dillendendofi g r a n quantità

di leghe tagliato dall'ifteffa natura c o n tanta e g u a l t à , co-

m e . f i v e g g o n o i m o l i c o n i m m e n f i d i f p e n d i jf a t t i dall'ar-

te D a l m o d o c o n cui i u i entra i lmare g l ' i m p o f e r oi G e n -

tili i l n o m e d i P e r n a m b u c o , che nella loro lingua ligni-

fica m a r e sbucato, d a c u i fi d e r i u ò p o i a t u t t a quella Pro-

uincia ; la quale, ficome tutte l'altre > p r o m e t t e n d o f u i

principio limitate fperanze, f u dall'ilteffo R e G i o u a n n i

T e r z o donata ad O d o a r d o d i A l b u c h e r c h e , ad effetto

che la p o p o l a f f e , e manteneffe C i o c h ' egli efeguì con-»

vn'aflai coflofa efpedizione d i n a u i , d i f a m i g l i e , e d i f o l -

dati a proprie fpefe ; e dando principio a r o m p e r e q u e l l e

folte, ed inculte bofcaglie ad onta d i v n a l o n g a , e fiera re-

fillenza f a t t a g l i da quei barbari, p r o f e g u i r o n o p o i i fuc-

ceffon fuoi felicemente T i m p r e f a Sina tanto, che inua-

fa da g l i O l a n d e f i , e riacquiftata dalle l o r o m a n i c o n Tar-

m i delia C o r o n a , f u n u o u a m e n t e incorporata alla m e -

de fin ^ :

' Ti t e r z o Capo d i Stato del R e g n o del Brafile è i a . R h d ì G i ; n n e r Q

Prouincia del R i o d i Giannero E* l a f u a C a p i t a l e la- terzoStato del

Città di^San Sebaftiano f a m o f a tra tutte quelle dell'-

A m e r i c a per i l gran traffico, e c o m m e r c i o , che i fuoi abi-

t a t o r i praticano c o n quelli d i Lisbona,a i quali o g n i anno

c o r r i f p o n d o n o con*v n a flotta d i trenta, e p i ù vafcelHca-


2 2 B E L L E G V E R R E

richi di preziofe merci Travagliando fafTofi monti en-

tra quiui i l mare ; e b e n c h é per la parte doue r o m p e la-

terra f o r m i vna barra affai i l r e t t a , che da due Fortezze^

vien cultodita, l i slarga p o i i n v n fpaziofo feno d i venti

quattro leghe d i circonferenza, oue ficuramente poffono

ancorare tutte Tarmate d i Europa C o m p r e n d e f o t t o i l

f u o gouerno diuerfe altre P r o u i n c i e , e nobililfime T e r r e ,

tra le quali v i e n numerata per la p i ù ricca quella d i San-

Paolo , donde l i ellrae g r a n copia d i o r o , e d i argento

P r i m a c h e i P o r t o g l i e l ip o p o l a f l e r o affatto quefla Prouin-

cia^ebbero fierillime guerre con i T a m o i , N a z i o n e d e l l o

più feroci del Braille $ i quali m a g g i o r m e n t e s'inuigori-

r o n o colTaiuto d i alcuni F r a n t e l i , che pretefero impa-

dronirfi d i quella Colla Capo d i quelli f u N i c o l ò D u -


/ Corfan Tran- r a j Sienore d i V i l l e e a g n o n Caualiere G e r o f c l i m i t a n o \
n

cefil occupano * ., i n» , < • r r i


li quale nell anno 1556. a r m o a proprie ipeie alcune naui,

e fenza palefar ad alcuno i fuoi d i f e g n i , indirizzò le prore

v e r f o quel p o r t o , oue i n vna d i quelle Ifole fparfe per

quel feno d i m a r e , che ancor o g g i d ì conferua i lf u o no-

m e , fabricò alcune ben regolate fortezze, alfillito da g l i

fteffi B r a f i l i a n i , i quali prelto fe g l i v n i r o n o ad effètto d i

difcacciar'i Portoglieli , contro de i quali a l l o r a v i u a m e n -

te g u e r r e g g i a u a n o . R e g n a u a già i n Portogallo per m o r -

te d e l R e G i o u a n n i T e r z o , che i n cinquentacinque anni

d i e t à , e trenta cinque d ' I m p e r o , lafciò la fua C o r o n a nel

m a g g i o r auge, Sebafliano f u o n i p o t e , figlio p o l l u m o d e l

Principe G i o u a n n i figlio delTifteffo R e , fotto la tutela-

delia Regina Catarina fua A u o l a forella d e l T I m p e r a d o r e

Carlo Q u i n t o , la quale fapendo i l n u o u o dillurbo del

Brafile, n o n f u punto lenta i n ordinar a M e n d o d i Sà G o -

uernatore, e Capitan General della Baia d i portarfi a dis-

cacciar prontamente i Francefi da quel Stato , per cui

qualfiuoglia N a z i o n e forafliera, anco delie a m i c h e co-

m e quella, erano piante aflai p e r n i c i o f e . C i o c h e i l Sà

e f e g u ì n o n fenza gran Itento, prendendo per affaltola,

(8) Carta Geogr. p r i n c i -


B E L B R A S I L E P A R T E I L i b . I 23

>rinj/£al F o r t e ^ a i n i m i c a , e disfacendo i l V i l l e g a g n o n ,

he t o n v n grotto e f e r c i t o d i T a m o i n o n d u b i t ò d i p r e f e n -

t i f i l a battaglia.- Partito p e r ò i lS à , ritornò nuouamen- Vengono d i f w -

^queljfo a fortificarli c o n i f o c c o r f i a u t i d a l l ' A m i r a g l i o d i ciati dalli Porto*

r a n a a C o l i g n l gran fautore del C a l u i n i f m o> i lquale an- &* ^*


e

0 r i l r a l b V i l l e g a g n o n auea ciecanlente abbracciato, ed

iiftanza d i C a l u i n o trattauadi ffabilire nell'America.

aoche diede p r e m u r o f i m o t i u i all'ifteffa Regina Catari-

ad muiar'vn'altra armata a carico d i Stazio d i S à n i p o t o

i quelGouernatore , i lquale a collo della propria vita fi-

i con vna fanguinofa battaglia d i totalmente efterminar

Francefi da quella Colla 5 auendo n o n poco a ciò coope-

r o le d i f l e n z i o n ic o l à i n f o r t e tra 1 M i n i l l r i , e predicami

Retici> a caufa delle quali rauedendofi i l V i l l e g a g n o n -

e i fuoi e r r o r i , f u abbandonato dal C o l i g n i , e ritiratoli

1 F r a n c i a > fi f o g g e t t a r o n o i T a m ò i ài g i o g o dell'armi de

tòrtoglieli; i q u a l i p o i fi a p p l i c a r o n o a fondar'e popo-

ire i n q u e l l a P r o u i n c i a m o l t e t e r r e , e principalmente la-

icca C i t t à d i San Seballiano, la q u a l e così c h i a m a r o n o i n

ffequio del R e d i quello n o m e

% L a quarta Regione del Brafile è i l vaitiifimo Stato del QuartoStato del

i4*ragnone. Giace fotto due g r a d i , e trenta m i n u t i


d d Maragnon^
'olo Àullrale. Per l o fpazio d i quattrocento l e g h e fi d i -
tend„e la. f u a C o l l a m a r i t t i m a ; m a verfo d i terra ferma-

orf e v n fpazio quafi i m m e n f o 9 che n o n è per anco tutto

ffàtto difcoperto. E'Prouincia fertililfima i n ellremo,

jartiftol^rrqente d i garofolo 5 che con gran vantaggio

rafin^tte a tutta l'Europa L a fua Capitale è la Città i f o -

ata d i San L u i g i v n a d e l l e p i ù r i c c h e , e d i m a g g i o r traffi-

o del Brafile T i e n e ella venti leghe d i lunghezza, o

ette i n largo L a d i f c o p r ì L u i g i d i M e l l o d i Silua% e d a l -

:uni a n n i d o p o l'occuparono certi Corfari Francefi, de.

quali era Capo C a r l o d i Vaux * che armati nel porto

j t e l l a R o c c e l l a fi p o r t a r o n o a quella Colla Si dillaccò per

ì n t o G i o r g i o d i A l b u c h e r c h e dalla Baia con v n corpo d i

f o l - /
2 4 D E L L E G V E R R E

f o l d a t e f c h e a d i f c a c c i a r l i ; e d a u e n d o l i r o t t i c o n grai< ftra-

ge l i coflrinfe ad abbandonargli il^campo M a fortifica-

tifi poi più validamente col foccorfo della C o m p a g n i ,


•t occupato da'- . rr
1
11
l
• * - • j « T» / - i l • W. r

Covfarivrancpfh c o n
P C
q u e l l e p a r t i 1 S i g n o r i d i R a f i l l i ,e Ro-
U 1 a u a r o n o a

J quali rotti irL^ uardiere, ficome riferifce C l a u d i o Abeuigliano Capuc-

fòfJl,***** **-*
1
cino, fece d ordine deila Regina m o l t e leue d i gente Alef-

° 9
fandro d i M o u r a i n P e r n a m b u c o , c o n le q u a l i aggrega-

toli a i r A l b u c h e r c h e , allrinfero con f o r t e alfedio i Fran- '

c e f i , à quali lafciata affatto quell'imprefa * fi ritirarono-

alle patrie loro P a f s ò p o i a g o u e r n a r quello Stato i l Ca~*

pitano Generale G a f p a r o d i S o u l a , e p o p o l ò c o n sì f e l i c e

progreffo tutta l l f o l a , che preuenne all'opulenza, O'

Splendore prefente

Q u e l l i f o n o i q u a t t r o p r i n c i p a l i S t a t i , d e i q u a l i fi c o r f l -

pone i l R e g n o del Brafile , che c o m e già accendiamo ,

c o m p r e n d o n o f o t t o 11 l o r d o m i n i o l ' a l t r e v n d e c i Prouins

eie da n o i g i à d i fopra n o m i n a t e Q u e l l a è q u e l l a sì rlte^

«ante parte dell'America vnita alla C o r o n a Portoghefe&i

Per quello nuouo m o n d o vedea dilatatoli fuo d o m i n i o il

gioitane Re Seballiano , g o d e n d o i n f i c i n e sì v a l l o > e tranì

q u i l l o p o f f e f f on e l l ' A f r i c a , c h e itabilì n e i f u o i g i o r n i vna

delle più valle, e floride M o n a r c h i e del m o n d o . Effcìi 1

do cola d i n o n poca marauiglia, c o m e n o n diilendendofi

il folo Portogallo più di cinquecento m i g l i a i h E u r o p a * , \\

a r r i u a f f e q u e l l a b e l l i c o l a N a z i o n e a d v n sì p ò r t e n t o f o * d o *

m i n i o nell'altre parte d e l l ' V n i u e r f o . Si che nello fpazia

di poco più.d i v n f e c o l ò , che tanto s'interpone d i l I t e

G i o u a n n i P r i m o , da cui i n c o m i n c i a r o n o le conquifte del-

l ' A f r i c a i . f i n ' a l R e E m a n u e l e , fi r e f e r o 1 P o r t o g l i e l i p a d r o -

n i d i v n tanto I m p e r o N o n è del nollro affunto, e fareb-

bero di miftier v o l u m i intieri, a riferir q u i l e m a r c h o

ilupende di valore, c o n c u i fi a c q u i f l a r o n o innumerabi-

ii Prouincie, foggiogarono quafi infiniti p o p o l i , e fece-

ro tributari adoro b ed alla C h i e f a m o l t i R e g n i nell'Onere

te Rimettiamo, i l Lettore a quello, che ne fcriffero gt>


' ( 1 ) CartaGeogr. J n ^
B E L B R A S I L E P A R T E I U h . L 2 5

tnfigni M o r i c i G i o : d i Barros, E m a n u e l e d i F a n a , ed i l

Patire M a f f è i E balli i l dire ; che dal C a p o d i B u o n a {pa-

r a n z a fin a q u e l l a d i L i a m p o ne i c o n f i n i della C h i n a , Ipa-

ao di quattro m i l a l e g h e , inalberarono 1 R e Portoglieli

[loro llendardi con i n c r e d i b i l aun\ento della R e l i g i o n e

Cattolica G o d e n d o d u n q u e d i cjtiella f o r m k l a b i l p o t e n -

la i lR e Seballiano , alleuato da i f u o i p i ù teneri anni c o n -

iduicfefiderii d i propagar l a C h r i l l i a n a Fede per tutta.

PA f r i c a - , i n l l i l l a t i g l i d a l p i o z e l o d e ì p a d r i G e f u i t i , « I l a - KeSebaOUno al-

ifiruzione de i quali era c o n f a n o c o n f i g l i o fiato c o m m e f - l


^ p ] ^ Z
r
o dalla R e g i n a C a t a r i n a fua A u o l a , crefceuano i n l u i i n - fa \.
t

ìeme con l'età le b r a m e p i ù accefe d i foggiogar perfonal-

n e n t e c o n T a r m i quella sì v a l l a p a r t e d e l m o n d o , dife-

| h a n d o , c o m e v o c e , fe la fortuna arrideffe a i fuoi pen-


e r i ,^d m c o r o n a r f i I m p e r a d o r e dell' Oriente . Q u i i i d i è Suoi gene fojt/pi*

Jie n o n i l i m a u a e g l i t a n t o q u e i Siati v e n u t i alla f u a C o r o -

ì S p e r m e z z o d e l l o i a b r a c c i o cte i f u o i v a f f a l l i , q u a n t o g l i

tcquillati colla propria fpada de i f u o i progenitori. Q u e l -

li f o l i , che tra q u e l l i aueano f u le barbare A f r i c a n e a r e n o

ceduta la f r o n t e a l l ' i n i m i c o , fi proponea cojne v n v i u o

t e m p l a r e delle fue p i ù generofe azioni N o n inuidiaua.

U f e l i c i t à d i y n E m a n u e l e , acui la f o r t u n a fe cadere n e l l e

Inani tanti feetri > m a bensì la g l o r i a de g l i A l f o n f i , d e i

San^i, e de i (Giouanni, i quali difpregiando g l i agi della.

C o r t e , a u e a n o f u i capo de i l o r o eferciti cinteli le reggie

tempie c o n g l i e l m i , e con g l i allori Imbeuutofi dell'E-

roiche gelta d i qnelTi, rìfoluè d i trasferirli alle frontiere

dell'Africa, l u f i n g a t o dalle fperanze da i l u o i f a u o n t i f o -

mentategli y i quali per fecondarci bellicofo fuo genio,gli

igeuolauano o g n i i m p r e f i N o n così la f a g g i * Regina^

fua A u o l a , che nella f m i f u r a t a altezza de i penfieri del R o

V edeua i t r o p p o
r
chiari precipizi del R e g n o A n c o i l Pa- #

d r e L u i g i G o n z a l e s f u o m a e i l r o fi s f o r z a u a a d i f u a d e r l o da

v n sì r u i n o f o c o n f i g l i o $ m a riufeendo i n u f f i c i o f ed i a m b i -

due le d i l i g e n z e , t e n t ò la R e g i n a fdegnata, d i ritirarfi dal

D Re-
2 6 D E L L E G V E R R E

R e g n o , ed i l maeftto afflitto perde d i p u r o cor d o g l i a *

vita O n d e p a r l ò appalfionato Chi dilfe, folferoi GiefWti

autori della perdita d i Seballiano, ed i n confeguenza'del*

la r o u i n a de i Portoglieli Pafsò finalmente queflo viua-

S>portaperfonal* c { f f ì m o Principe i n A f r i c a la p r i m a v o l t a i n età d i venti

mem in Africa. a n n i 5 c o r r e n d o quello del 1574. o u e c i m e n t a t o f i c o l l ' c f w

" V • • cito del V i c e - R e d i M a q u i n e s , l'allettò la fortuna con U


Ritorna vinetto* . , n * >• n • r
1
r A

re de'Barbari v i t t o r i a ,per trarlo la feconda volta a fepellir i n q u ^ n i "

f a m i arene infelicemente i f u o i R e g n i P e n s ò I z K e g u x i ,

d ' i m p e d i r g l i n u o u a m e n t e i lv i a g g i o c o n i l e g a m i del ma*'

t r i m o n i o ; o n d e per m e z z o del Santo Pontefice P i o V fu

r i c h i e l l a a l C h r i f l i a n i f l i m o E r r i g o S e c o n d o M a r g a r i t a fua

figlia, f e n z a a l t r a d o t e , che quello Reentralfe potente-

m e n t e nella lega contro i l T u r c o T a n t ' e r a l'ardore della

F e d e , che auea quello P r i n c i p e M a F i l i p p o f e c o n d o Jj^j,


Cattolico, d cui moli'egregie virtù d i e d e r o il n o m e j a ì

P r u d e n t e , i m b a r a z z ò le pratiche d i m a n i e r a , che n è c o t

M a r g a r i t a d i Francia, n è c o n M a r g a r i t a d i A u f l r i a dall'i!-

teffoFilippo con artifizio propoflaglf,fi effettuò i l maritag-

gio Impasiente oer ciò Seballiano d i o g n i d i m o r a , alle-

ili v n a r m a t a d i p i ù d i ducento v e l e , f o p r a le quali erano

i m b a r c a t i v e n t i f e i m i l l e h u o m i n i > n o n c u r a n d o l i d i ajn-

maffarne m a g g i o r n u m e r o per i l f o m m o d i f p r e z z o con-

cepito dell' i n i m i c o 5 n è m e n o delle cinquanta gaj^rev»

promeffegli dal R e F i l i p p o , e p o i negategli forfi per ri-

tardarlo dal v i a g g i o , e n o n c o m e altri d i f f e r o , per fpin-

gerlo al precipizio, figurandoli d i g i à auer* i n p u g n o il

P o r t o g a l l o , quando accadeffe d i m o r i r fenza f u c c e l f i o n o

il nipote N è pure raffredarono g l i a r d o r i dell'imperter-

rito f u o "animo g l i llefli infauili vaticini preceduti alla di

lui partenza, che già L i u i o r i f e r i f e e , p r e c e d e r o n o alle.

calamità d i R o m a gentile A n z i m a g g i o r m e n t e q u e l l i fi

accefero, all'or ch'egli v e n n e caldamente follecitato da,

M u l e y A m e t h R e d i M a r r o c o , i l quale fe g l i offerì tribu-

tario , promettendo d i c o n f e g n a r g l i i n m a n o le m i g l i o r i ,

e p i ù
D E L B R A S I L E P A R T E ! 7

p più forti piazze d e l l ' A f r i c a , fe c o n valide i< u . foc-

correfle ariacquiltar l ' I m p e r o , d i c u i M u 7 W. >,. ) j f u o

zio l'auea t i r a n n i c a m e n t e f p o g l i a t o Sarp- ^ - ^ . t eoa-

lliano dal porto d i Lisbona l'ancore nel 1 5 7 8 . accompa- Si porta la/econ.

gnato da m o l t i Principi del f u o f a n g u e , e dalla p i ù fiori- dovala in A f r i -

ta nobiltà de i f u o i vaflalli ; e sbarcando nelle f p i a g g i e d i

Tanger con foli diciotto mila c o m b a t t e n t i , e trenta fei

Lgoaii P r e f e n t a U b a t _

aueano i Cattolici g i à r o t t a , e polla i n f u g a vna g r a n par- t a ^ a a lMolu: 9

te de i b a r b a r i , m e r c è alle p r o u e m i r a b i l i d i v a l o r e , coli-

l e q u a l i i l R e d a p e r t u t t o fi f e g n a l a u a , a c c l a m a n d o d i g i à

a g r a n v o c i la vittoria Q u a n d o a gl'infani c l a m o r i d i v n

Sargente, che per auer villo cader m o r t o a terra i l p r o -


prioCapitanojpazzamente g r i d ò , a d d d i e t r o ,fi arre-

starono i n maniera le v i n c i t r i c i t r u p p e P o r t o g l i e l i , che_^

quali inaridite le loro braccia, ed aflalite da v n a fatalef l u -

p i d i t à , fi v i d d e i n v n t r a t t ò pollo i n f o m m a confusione i l

loro campo Laonde incalzato dalla g r a n m o l t i t u d i n e de

i barbari, reftò quafi intieramente tagliato a pezzi, faluan-

dofi folamente cinquanta perfone o dalla f c h i a u k ù , o dal-

la m o r t e , m a n o n f e n z a la l l r a g e d i m o l t i m i g l i a i a d i A f r i - .

cani, e dell'ifteffo M o l u c o I IR e Seballiano i n tanto , ef- V


t tftiifu il° Q
C
°

fendofi acquillato fenza cotrouerfia la gloria d ' v n o d e ' p i ù

animofi foldati del m o n d o , entraua c o n m i r a b i l c o r a g g i o

per g l i f q u a d r o n i i n i m i c i ; e combattendo tùttauia alla_

c^fn^rara, n o n aflentì m a i alle preghiere d i alcuni d e i

f u o i , •:! Ì a n o m e d i t u t t o i l R e g n o fortemente gl'ilbua-

*ò d * iAÌciarli i m p r i g i o n a r e M a liberandoli' fempre.^

ui^uaiiiCiite dalle m a n i de g l i auuerfari , f u p o i Pviri-

m i volta villo correre folo ancor m o n t a t o a cauallo v e r f o

il fiume H a c u a r .>n i n f e g u ì t o d a a l c u n o d e g l ' i n i m i c i . O n -

de tanto l u n g i dai » f o n quelli, che d i c o n o fofle nel fi-


r r
- de 1
h batta ! ; , f 'ir r j u a t o v e c i f o d a m o l t i c o l p i , quanto

D z quel-
z ò r B E L L E G V E R R E

quelli che dopo il corfo di ranni anni ancor lo fperano vi-

E/ce vino dal u o


' . C i ° c h e l i t i e n e p e r p i ù c e r t o fi è ,
; che s'egli i n quella

conflitto.ma sì no o c c a f i o n e p e r ì , n o n fo.fle d a l f e r r o A f r i c a n o , m a t r a le tor-

rttraua m parte tuofe ambagi d i quel fiume, nel quale, v o l e n d o egli forfi
alcuna del mvda. , ° a rr r I ^ ? T
tragittarlo a nuoto reitalie, iicome auuenne al R e H a m e t ,

infelicemente annegato F u nulla d i m e n o dimottrato

nel c a m p o v n cadauere, e riconofciutoper quello del R e

da alcuni de i fuoi Caualieri rimarli p r i g i o n i , ad effetto

che afTicuratifi i barbari della d i l u i m o r t e lafciaflero d i

rintracciarlo V o l ò l'infauftanuouaa L i s b o n a , e f u poi

confermata dal Generale d e i galeoni r i t o r n a t o c o n elfi a

vien creduto vi- * l u e


^ P o r t o
> n e 1
quali dandoli m o l t i vanamente a crede-
uu da gran parte r e , che i lR e folfe v e n u t o , e che vagando per i lR e g n o ce-
del Regno l { f
a e l a r e g g i a f u a c o n d i z i o n e , p e r n o n m o f r r a r ' a i 1u o i po-

poli l'autore d i tante r u i n e , rifoluèil Cardinal' E r r i g o

Il Card Errigo ^ U O
' > ^-
z lo e<
Ottauo figlio del R e Emanuele, d i prendere a ti-
preude il poffetfo tolo folo d i tutore i l poflelfo dellaCorona.Sinche n o n aue-,

del Regno. r a n d o f i m a i n è la m o r t e , n è la vita d e l n i p o t e p r e f e n e l f u -

detto a n n o d i i 5 7 8 . 1 ' i n f e g n e reali,efsedo i lp r i m o n e l m o -

d o , che veftito delle due p o r p o r e v n ì la m i t r a al d i a d e m a .

M a nonrafciugolfi i lpianto a 1 Portoglieli nel vedere

a f l o n t o acquei t r o n o v n R e , c h e p e r g l i a n n n i , e p e r g l i ac-

ciacchi toccaua già i lfepolcro c o n i l fcetrojl'età d i 67-an-

ni, la fanità cagioneuole, ed i l carattere Sacerdotale, e l i o

auea, i n a r i d i u a n o affatto le fperaze,di che c o n lafucceflio-

ne potette rauuiuar le ceneri deH'eitintoReame.Se g l i pro-

p o f e r o null'a d i m e n o i m a t r i m o n i e della R e g i n a M a d r e .

di Francia, e della figlia del D u c a G i o u a n n i diBraganza^

fua p r o n i p o t e , d i m a n d a n d o l i per l'vna, o p e r l ' a l t r a la-,

difpenfa del Sacerdozio al R o m a n o Pontefice, i l q u a l e

era inclinatoa concederla , n o n ottante la fegreta nego-

ziazione, d i e i l R e Filippo teneain R o m a per i m p e d i r -

gliela M a come vna f o m m a eftenuazione d i forze daua

già a conofeere al vecchio R e , quanto pretto g l i conter-

rebbe foccombere fottoil grane pefo d i l l a C o r o n a , rifol-

u è
B E L B R A S I L E P A R T E I L ' > 2 ?

uè d i dicchiarar la fucceffione della m e d e un. *•» : ! 1 i . a n -

ta Catarina D u c h e f l a d i Braganza fua nipo, > i eli r u ^ incoronar

figlia di O d o a r d o f u o fratello, nonogenit»* i>U. .: aa- UDuebejfadi

nuele, alla quale c o m e Principeffa naturale Portoghefe^ & *g**z*r


fu*-*

di linea p i ù prolfima m a f c o l i n a , erapprefentante la per- m


P o t e
*

fona del fudetto Infante O d o a r d o f u o Padre, era euiden-

te> c h e t o c c a n e M a per m a g g i o r m e n t e giuflificare que-

lla fua deliberazione, i n t i m ò a tutti g l ialtri p r e t e n f o n d e l

R e g n o , che per m e z z o de i loro A m b a f c i a d o r i metteffero

le loro ragioni i n campo Addufle per tanto Ranuccio * *P£*g°**


° , i• _T r uer/iPotentatl di
D u c a d i Parma douer'egli preferirli a Catarina c o m e n - Europa.

glio d i M a r i a p r i m o g e n i t a dello fteffo O d o a r d o - C i o c h e

veniua da i Iuris C o n f u l t i rigettato \ i m p e r o c h e effendo

M a r i a già m o r t a , n o n potea Ranuccio rapprefentarela_

perfona dell* A u o l o , n o n g o d e n d o f i da alcuno fuori del

p r i m o grado i l benefìzio della rapprefen razione Oltre.

di che effendo egli Principe ilraniero , veniua affatto ef-

clufo dalle leggi vniuerfali del R e g n o , le quali rigoro-

famente vietauano poteffe i n alcun'euento cadere la fuc-

ceffione i n c h i Portoghefe natiuo n o n foffe D e g n e d i

m i n o r p o n d e r a z i o n e fi r i p u t a u a n o l e ragioni addotte da^

Emanuele Filiberto D u c a d i Sauoia, da Catarina d i M e d i - L o r o


ragioni aU

ci Regina d i Francia y e da A n t o n i o G r a n Priore del Crat- À


P r e t €
f* C o r u n a

to I m p e r o c h e al p r i m o ollaua la m a n i f e f l a preferenza-

dei R e Filippo Secondo nato d a l f Imperatrice Ifabelhu

primogenita d i Emanuele , là doue Filiberto era figlio

della feconda. Alla Regina pregiudicaua la prefcrizio-

nedi trecento , e p i ù a n n i , anco concertale la pretefa, e.

da m o l t i flimata per apocrifa difcendenza da'Roberto fi-

glio di A l f o n f o T e r z o R e d i Portogallo, e della ripudiata

Matilde Conteffa d i B o l o g n a E d A n t o n i o vem'ua rifiu-

tato per l'illegitimità de i fuoi natali 5 b e n c h é l u i viua-

m e n t e fi a d o p r : S f c S ' p r o u a r e , come l l n f a n t e L u i g i f u o

padre, e figlio ?n a .re^J Ldel f u d e t t o R e E m a n u e l e , vinto

dall' amore di V i . j,c


f fua madre donzella d i eftrema-

bel-
3 0 B E L L E G U E R R E

bellezza, l'aueffe fegretamente lpofata-

Reltaua dunque folo i n competenza m a g g i o r e conia

Filippo Secondo, cafa d i Braganza i l R e Filippo Secondo, n o n perche i l fuo


e la. cafa dì Era, j £ |p notoriamente inferiore a quello del Farnefe,
u s n o n Q e

e a nz,a compatto- , . Tn r *J L i r
4

n pìàfoni ali cu» m a p e r c h e r a f o r t e m e n t e a p p o g g i a t o a l l a f o r m i d a b i l p o - '

fuccejione %> tenza delle fue a r m i , ed a i fegreti negoziati de i fuoi A m -

b a f c i a d o n , per m e z z o de i quali caldamente ftudiauafi d i

fuolger'al fuo partito i l cadente R e Cardinale F u v n o

d i quelli C h r M o f o r o d i M o u r a M a r c h e f e d i Caltel R o -

d r i g o , i lquale b e n c h é Portoghefe natiuo d i chiaro fan-

, gue , condotto p e r ò dall'Infanta Giouanna M a d r e del Re_

J l
* Seballiano, e 5^fe"Ha d e l l l m p e r a d o r Carlo Q u i n t o i n te-

Mankefe dì Ca- n e r a e t à a M a d r i d , s'era i u i a l l e n a t o n e l f a u o r e d i Filippo,

Bel Rodrigo Am e diuenuto i n tal fcuola v n o de i m a g g i o r i politici d i quel

t
P ° e m R i
4 f
S g
e r
>S i r u i 1 r a i n H a r t i f i
>
z i
conferenze,
l e

fortemente per i d o n i , e l e p r o m e i f e , d e l l e quali il M o u r a i lferuì nelLu

luì Corte d i Lisbona per i fuoi d i f e g n i , trafeende i l i m i t i d i

v n a breue introduzione a quella M o r i a 5 balli i l faperlì,

che m a n d a n d o i l D u c a d i A l u a le chiaui d i quella Città al

R e Filippo nell m g r e f f o , che c o m e d i r e m m o quiui, egli

fece, le c o n f e g n ò i n m a n o airifteffo M o u r a col dirgli :

Prendetele, imperoche a <voi le deuo - A n c o Pietro Giron_>

Ss gU a
z £ u
» g Duca d i O l f u n a affociato al Caltel R o d r i g o col titolo d i

tfpe7accalorar- Ambafciadore ftraordinario d i m o l t r ò col fcaltro f u o i n -

fo . g e
g n o
* c n e
i l R e
Cattolico c o n q u i f t ò i lP o r t o g a l l o c o n la

penna, e n o n c o n la fpada A l c u n i malaffetti a i Gefuiti

fcriffero, che L i o n e Enriques Confeffore del R e Cardina-

le foffe quello , che più d i ogn'altro ad M a n z a dei M O U T C L ,

lo raflredaffe nella f e r m a riloluzione d'incoronar Catari-

na Effendo certo, che n o n folo nel fudetto Padre, I H L

ne g l i altri ancora d i quella Sagra f a m i g l i a l i mantenne^

fempre v i u a l a f e d e , ed offeruanza v e r f o la real Cafa d i

Braganza I Ieh e fenza controuerfia, che perfone fami-

liari , ed intrinfiche del R e E r r i g o , g l ' i n g o m b r a r o n o la-

m e n t e d i maniera , che all'orrore d i m i l l e calamità d i

guer-
B E L B R A S I L E P A R T E 3 i

g u e r r e , e f e d i z i o n i , tra le q u a l i e l i f u p p o k o lai b b o , .
? . ..^ , . r i J >• Il Re Cardinal
i n u o l t o i l R e g n o , e l a n i p o t e , n o n t e p p e J / J -n, m in t un- ^ ^ / r , ^

porre Tvltima m a n o ad vn'aiìare s ì r i l e u ; m e , c; 0 CL. n d o incoronar la ni-

più danno a i Portoglieli coi portarli t r o p p o rimeifo , che P°fe


n o n causò Seballiano col dimollrarli f o u u e r c h i a m e n t ^

valorofo S i n a tanto che a n n o i a t o da p r e t e n d e n t i , tra-

v a g l i a t o da f c r u p o l i , t i m i d o , i n d i f f e r e n t e , i r r c l o l u t o , m a

c o l m o di m o l t e eccellenti virtù, m o r ì n e l i V l t i m o di G e n -

n a r o , g i o r n o i l e i f o i n c u i n a c q u e , p a t e n d o l a L u n a v n ' o r - Muore fenza di.


• i ?• 1 • rr » r • i i i l / U * > chtarar la fue.
renilo Ecclifle M a per m a g g i o r r u m a della patria, lalcio >

egli n o m i n a t i cinque G o u e r n a t o n del R e g n o , parendo-

g l i di fodisfare alla giullizia della n i p o t e , col dar loro fa-

coltà di decidere quella g r a n E r e d i t à

C a n g i a t o d u n q u e i l R e g n o quafi i n R e p u b l i c a , s i m -
p e g n a r o n o più fortemente g l i vftizj de g l i A m b a f c i a d o r i
di F i l i p p o , iìicoininclandoa prou-ir^ \n r l m e r f i t à de i pa-

reri d i quei d i f u n i t i G e r i o n i I c o n f i d e n t i , e parziali d e

i p r e t e n f o r i faceano m u t a r faccia più volte Pilteffo parti-

to i n vn'ora. I piùzelanti,ed incorrotti di m e n t e diceuano,

B o u e r f i fenz^a controuerfia dichiarar la f u e c e f f o n e nella-* ® f l c o r


/ * * g*
d l

T> 1 m J- -n T - i m i aderenti a/J* Ca.


DucheJJa di Braganz^a 1mpercioche e f f e n d o tutti ipreten- f a di Braganza.

denti i n egual grado al R e E m a n u e l e , i n lei f o l a unitamente

concorreuano quelle due n e c e f f a r i e prerogatiue, che mancan-

do a t u t t i g l i a l t r i , e particolarmente al R e F i l i l o , la cofti-

tuiuano legittima erede della Corona E f f e r e ella benché f e -

m i n a , f i g l i a di m a f e h i o ; e F i l i l o benché m a f e h i o , figlio di

f e m i n a E nella f u c c e j f i o m de i R e g n i , oue non e ( come nel-

la Francia ) legge in contrario, douerfif e m o r e p r e f e r i r e

quello 3 ctie d i miglior linea, ben che n o n f i a d i miglior f e j f o .

Onde e f f e n d o la B u c h e j f a figlia d e l l * I n f a n t e Odoardo, e F i -

h p p 0
figlio dell'Imperatrice I f a b e l l a a m b i d u e f r a t e l l i , e figli

del R e Emanue , h i a r a c o f a e r a , d o u e r f i preferire


r
la linea

di Odo ardo coi \ m<fc U n a , a quella d* I f a b e l l a come f e m i -

nina E fi c< n • fe, z l u i f o j f e r o g l i ftejfi I n f a n t e , ed I m p e r a -

trice y n o n f i . fi- > luogo a dubitare, che quello, e noru

* - que-
32 B E L L E G V E R R E

que fi a d o u e f f e ereditare i l f c e t r o ; così riè meno ^ e r a alcunaJ

a p p a r e n z a di dubbio, f u b e n t r a f f e nelle fiejfe ragioni Catari-

na rapprefentante la per f o n a del p a d r e , e non Filippo rappre*

f e n t a n t e l a p e r f o n a della madre A l a , che quando tutto ciò

mane a f f é > b a f ì a u a f o l o la legge fiabilita\ e giurata d a i trt+

S t a t i Generali congregati ne I I ' A f f e m b l e a d i Lamego dall'an«

no 1145 per la quale refiarono inperpetuo e f c l u f e dalla f u c -

c e f f o n e de i Regni d i E ortogallo tutte ( I n f a n t e , che, ficomé

auuenne alla f u d e t t a Imperatrice I f a b e l l a , fimaritafferò a

P r i n c i p i f i r a n i e r if u o r i d e l t i f i e f f o Regno Laonde per que-

fio f o l o capo era i l ius della D u c h e f f ad i B r a g a n z a m a n i f e -

fi amente f u p e r i o r e a quello d i t u t t i g l i altri oppofitori alla Co-

rona Imperoche ella f o l a firitrouaua a c c a f a t a , non f o l o t u

Principe natiuo P o r t o g h e f e , ma e z i a n d i o d i f e n d e n t e per li-


nea m a f colina d a l ir urit u degtijtejjiR e di Portogallo, ed il
p r i m o , e più potente Signore del d e f i l o Regno E f f e r e si

f o n d a m e n t a l e q u e f l a ragione, chefenz^a altro motiuo f u nelt

A f f e m b l e a del 1 3 8 z . e f c l u f a d a l Regno Beatrice figli a del R t

Ferdinando di Portogallo, per r i t r o u a r f i maritata a l R<u

Gioì I di C a f f i g l i a 7ìda non e f f e r e m e n f o r t i le ragioni dt

politica, e di commune i n t e r e f f e , che concorreuano in Gioì

Duca di Bragan&a Principe di amabiliffimic o f i u m i 5 impe-

roche auerebbe egli f e n z ^ a dubbio mantenuta la Corona ne i

f u o i antichi priuilegi, amata la nobiltà > folleuato i popoli, e

trattato come figli i <va(jalli E ciochepiu douea p o n d e r a r f i ,

s'aurebbe perpetuata la f u c c e f f i o n e i n R e naturali Portoghe-

fi> f c h i u a n d o f i i n t a l g u i f a l'infortunio d i f o g g i ac ere fiotto il

dominio d i P r i n c i p i f o r a f t i e r i , :h'è la fiomma d i tutte le d i fi-

dette N o n d o u e r f i p u n t o a f f i d a r e alle apparenti p r o m e f f e del

R e Filippo y i l quale n e l l ' i f i e f f o tempo, che progettaua partiti

tanto aywpUtf f p e c i o f i f i e r a m o f f o co v n efercito p e r d i m o f i r a r

al mondo di a u e r p r e f o quel Regno a f o r z ^ a d i armila fine di

poi trattar i Portoghefi aguifia di vintile conquifiati A l t r i

d i c e u a n o , e f f e r e veramente m a m f e f i a l a g i u f t i z j a de i D u -

chi di B r a g a n z a ; ma che nelprefiente (lato i n cui il Porto-

gallo -
B E L B R A S I L E P A R T E / L i b . r 3 3

d i o firìtrouaua d i u i f o tritante f a z j o n i , e d t m b a r a r c i , //

%Uer'incoronarli, era v n voler d i f i r u g g e r l i , non auendo lcu>

loro fc'afa potenzia f u f f c i e n t e per opporfi alle f m i f u r a t e for&c

del Re Cattolico, / / quale diuenuto parte , e giudice dclla^

f u a c a u f a , ripone a già tutto i l f u o IUS nella v i o l e n t a delk^>

f u e armi Sconmlgere l'ambizione' del Gran Priore tutto il

Regno, tirar a f e gran parte de i nobili , e de i popolari N è

ejjere apparenza alcuna ch'ei v o l e j f e cedere le f u e p l a u f b i l i

f i g j f J m al Duca di B r a g a n z a , contro la di cui c a f a comaua

fyrìodio a f f a i i n t e n f o , ed implacabile Quandi è che all'if-

teflo G r a n P r i o r e o f f e r i u a n o per c o n t e n t a r l o i l R e g n o del-

P A l g a r u e , ed al D u c a d i Braganza lo Stato del Brafile col

titolo d i R e , i lG r a n Maeltrato d e l l ' O r d i n e d i Chrifto ,

ed i lm a t r i m o n i o del p r i m o g e n i t o d i Filippo c o n la p r i -

mogenita d i Catarina Progetto da quella real M a t r o n a -

¥e*mpre rifiutato, c o m e d i gran lurìgn inferiore a i meriti

tirila fua caufa M a le cedole di*g r o f f e f o m m e d i o r o fir-

mate i n bianco da F i l i p p o , e distribuite i n Lisbona dal T . „ n i n , .

M o u r a anco alle primarie D a m e d i C o r t e , andarono d i g 0 r j,, r r „] . c j l L ^

tal forte c o m p o n e n d o le difcor die de i G o u e r n a t o r i , c h e donili r bi.iì

v n folo tra loro chiamato Gio: T e l l o d ì ' M e n e z e s , Eroe il- P o r l o


^ -J
} e

luftre nel m o n d o , n o n volle, col vendere i l fcetro ad v i b

Principe Straniero, infamar'eternamente i l fuo-nome I n

/ j u e l t o sì b e n d i f p o l l o T r i b u n a l e tenea già i l R e F i l i p p o sì

ficura l a f u a c a u f a , che n o n daua orecchio a quei partiti,

che per l'indiètro g l i aueano fatto n o n m a l fonante armo-

• n i a ;*onjde d i c e a , n o n eflere M o n a r c h i a sì v a l l a i l P o r t o g a l -

l o , che potefle dar foglio a tanti R e T e m e a folo i popo-

lari , che tenacemente infilteuano nel douerfi congregare

i tre Stati G e n e r a l i , a i quali toccaua determinar la fuc-

celfione della deuoluta Corona Conofcendo ben' egli , w

che vna volta vnito i l corpo della Nazione, g i a m m a i aue-

*rebbe a f l e n t i t o , che quella cingelfe altre tempie di c h i

Portoghefe naturale n o n fofle Si r a d u n a r o n o nulla d i

m e n o g l i Stati > m a f u r o n o fubito d i f c i o l t i da i Gouerna-


E tori,
3 4 B E L L E G V E R R E

tori, mediante l'artifizio de gli Àmbafciadori Cattolici - Q

L'Infanta Catarina i n tanto agitaua la fua caufa c o n nota-

bil moderazione $ m a A n t o n i o con f o m m a inquietudine

E quella f u tutta la f o r t u n a d i F i l i p p o > i m p e r o c h e f m e m -

brati i n tante parzialità 1 Portoglieli, n o n feppero sfugiré

q u e l l a l o r o f o m m a m e n t e e f o f o g i o g o Spagnuolo, e dif~

putar'a quel R e o g n i p a l m o d i terra, ch'egli tentalfe d i

prendergli a forza d'armi

m. . Commetto!! i l popolo d i S a n t a r è m n o b i l e forterTer^

~mTv"enacfil- del R e g n o , diede ad A n t o n i o l'inuellitura Reale Fre-

mato Re con poco m è F i l i p p o i n fentirlo, e fece f u b i t o m u o u e r e per terra^

feguito. vn'efercito d i venti m i l a foldati a carico d i Ferdinando d i

// Re Filippo gli T o l e d o D u c a d i A l u a , e per m a r e vn'armata d i venticin-

fpedifce centro que vafcelli, e d i quaranta galere comandata da A l u a r o


Vefercìto. d i fiazan M a r C n e f e fa ^ Croce , ballando affai m e n a

p e r l a c o n q u i f t a d i v n "R egno già c o m p r a t o A f f i d a t o p*-*«


r ò ancora i l Duca d i Braganza nelle fue euidenti ragioni*/

e p a f c l u t o d i m o l t e fperanze da quei G o u e r n a t o r i , nonjy

lafciaua d i adoprarli accioche Filippo deponeffe la vio-

lenza d e l l ' a r m i , afcoltando la final fentenza della fuccef-

fione A queflo effetto dunque i m p l o r ò dal R o m a n o Pon-

L?gattoni inutile tefice G r e g o r i o D e c i m o terzo la legazione a M a d r i d del

del CardMiario. Cardinal Aleffandro Riario M a peruenuto queflo a Ba-

d a g i ò s , f u i u i d i o r d i n e r e g g i o c o n p u b l i c h e f e l l e si l u n g a -

m e n t e trattenuto> che intefo dal Cardinal l'artifizio, ten-

tò d i pattar'in Portogallo per abboccarli col D u c a , i l c h o

c o n limili induftrie g l i f u ancora i m p e d i t o Strattagem-,

m a vfato eziandio dal R e F i l i p p o con T e o d o f i o p r i m o -

genito d i Braganza, i lquale capitato i n Andalufia dall'A-'

frica, oue era r i m a f l o p r i g i o n e n e l l ' i n f e l i c e battaglia del

R e Seballiano, f u c o n quelle flette deftrezze diuertito dal

paflaggio , fina tanto che accortofi dell'intenzione, d i t t o

al D u c a d i M e d i n a S i d o n i a , che d'ordine del R e l o cor-*

teggiaua, d i n o n auer m a i v e d u t o , c h e fi f a c e f l e r o t a n t o

fette i n oflequio d i c h i n o n le voleua Per i l c h e , ( fre-

m e n -
B E L B R A S I L E P A R T E E Lib. L 35

godendo a n c o r a f I n f a n t a f u a M a d r e p e r v n a sì f p e c i o f i vio-

lenza ) f u rilafciato paffar libero I n Portogallo M a ane-

lante noi già al fine di quella introduzione, fiamocoltret-

a ad omettere nobilillìmi accidenti, riferuando ad altri

f o g l i , ed altro t e m p o i lpienamente fodisfare c o l riferirli

la c u n o f i t à de 1 lettori a u i d i d i fa p e r i i

K E n t r ò finalmente i lDuca d i A l u a i n Portogallo fenzaJ D u c a ( i > m .

contrailo, auendo operato di maniera i lm a n e g g i o de g l i t r a liberamente

Ani&afciadori, e l a d i f c o r d i a d e i Parteggiani, che t u t t o inPorug^io.

l e C i t t à , e T e r r e principali del R e g n o g l i confegnauano

in m a n o le chiaui Solo i lG r a n Priore A n t o n i o v o l e n d o

alla fine f o l l e n e r e c o n la fpada la f u a m a l ficuraCorona,osò

di opporli n e i b o r g h i d i Lisbona ( oue anco da alcuni

fentì i ln o m e d i Re)con cinque mila h u o m i n i della più i n -

fima plebe alle ben'agguerrite truppe del Toledo. M a ve-

nutoli alle m a n i , e pollili quelli brevemente i n f u g a , c o n -


tenne ad A n t o n i o lottrarfi ancora al conflitto, ed indi i n -

calzato dal T o l e d o per tutto i l R e g n o , rifugiarli i n Fran- D U j à l e g e n t f &

ciavnico afilo de gPinfelici, e perfeguitati R e I u i f o c - Antonio } il quale

corfo da varie Potenze*, tentò diuerfe volte i n vano Pac- fi * rltlr m F r a n


'

quifto d i quella C o r o n a , la quaPegli, per n o n v o l e r ceder- G t a


^

la a l l a C a f a d i B r a g a n z a , a cui toccaua , e con cui douea-

vnire le fue f o r z e , i m p o f e fenza v o l e r n e , al R e F i l i p p o

fui capo S i n c h é fuanite affatto le fue f p e r a n z e , v e n n e


finalmente a m o r i r e n e l l a C i t t à d i P a r i g i n e l 1 5 9 4 . r i d o t - Muore aPangr.

to a priuato f l a t o , ed v n v i u o ritratto della più inconllan-

te fortuna M a i l D u c a d i Braganza n o n potendo i n tan-

t i f c o n u o l g i m e n t i c o z z a r c o n l a p o t e n z a d i F i l i p p o , fi r i -

tiro ai.fuoi Stati, oue v e d e n d o conculcato d a l l a f o r z a i l Q^oucadì Era.

fuo diritto, i n efiremo addolorato m a n c ò i n b r e u e d i v i - ganz.* m»M* dt

nere. Principe v e r a m e n t e d e g n o d i regnare ; p o i c h é tan- v i u e r


* *

ta f u la fua p i e t à , che folea d i r e , lafciarebbe p e r d e r e l'Im-

pero di tutto i l m o n d o , per n o n cader' i n vna colpa ve-

niale i N o n tardò dunque i lR e Cattolico a trasferirfif u -

bito a Lisbona a godere del m a g g i o r e m e n coflofo" t r i o n -

E z f °
3 6 B E L L E G V E R R E

Filippo Secondo f b Veilito delle i n f e g n e reali a girila de i R e Portoglieli,

in Lisbona pren p r e f e folennemente I I poffeffo del R e g n o , ed infiemedl

h l g w ^ ^ d o m i n i o d i v n a affai c o n l i d e r a b i l e p o r z i o n e dell'altre"tre

parti del m o n d o C o n g r e g a t i g l i Stati G e n e r a l i , fe giu-

rar per fuo fucceffore i l Principe D i e g o fuo p r i m o g e n i t o \

e d a c c o r d ò a,i P o r t o g h e s i q u e i f l e i l i a m p l i f f i m i priuilegi

( n i n n o de i quali p o i l i o f f e r u ò , ) che già i l Re E m a n u e l ^

effendo giurato Principe di Cartiglia, e di L i o n e , ( tanto

varie fono l ' v m a n e vicende ) falciati auea a i medefirj^ •

Portoghefi ; i m p r e c a n d o orribili maledizioni a tutti i di*

feendenti f u o i , che ofaffero di v i o l a r l i , ed a g g i u n g e n d o

fui fine de i Capitoli, che i n tal cafo reitaffero i tre Stati

Generali difobligati d a l l ' o m a g g i o , e g i u r a m e n t o prefit-

togli Punto , che per fe folo giufKfica c h i a r a m e n t e

la gran rifoluzione, che poi v e d r e m m o prenderli dai

Portoghefi
Trattenutoci i lRe Filippo due anni in Portogallo, %à
Pretende invano j f i a A n n a di Auftria
d i y k a l a R e g n fua m o g l i e , fol-
le mozze della-* . , & ò >
Vedoua Buchera lecito ì i t a n t e m e n t e le nozze ( torli per lodisfar allo Icru^
di Braganza fua p 0 l 0 fa cofeienza ) della già vedoua D u c h e f f a d i Bragan-
Cugtna . z a £ u a c u g J n a ^ H G ,} l e £ u c J a e fp a n o n m e n g e n e r o f a y C n c >

tenacemente rifiutato col dire, c t i e j f e n d o l e f i a t o tolta l<u

propria Corona dal capo, non <volea mendicare l'altrui A n -

zi portandoli l'ifteffo Re Cattolico a vifitaria , g l i rinfac-

ciò con afpre , ed acute r i m o f l r a n z e le fue manifeftamen-

te v i o l a t e r a g i o n i , dicendo , che fiefiojfefiato viuo iLnfian-


Piccante ri/pofla t rè u o Genitore, n o n aurebbe la
M a e ( l a Tua entrato in>quel
datagli da lei. J v i r 1 r r i ,
Regno, onde ne meno ora d o u e a j a r l o , rapprejentando ellcu

laperfiona d e l l ' i f i e f i o fiuo padre I n tal guifa d u n q u e vnite-

fiinvnfpl C o r p o q u e l l e d u e valle M o n a r c h i e , r e f l ò k ,

Portoghefe fotto i l d o m i n i o della (^alligliana, da cui era-

no cinque fecoli, che ne i fuoi p r i m i W t a l i , e deboli prin-

cipi)'s'era c o n m i g l i o r fortuna f m e m b h i t a ; per lo fpazio

de i quali ebbe f e m p r e Re P o r t o g h e f i da padre a figlio, i

anali con innumerabili illultri vittorie aueano refo i l no-

m e
D E L B R A S I L E P A R T E I L , , 7

rhe Portoghefe al maggior fegno r iguardeL « e ,* i fa ma

M a a sì i n c o n f t a n t i g i r i d e l l a f o r t u n a f o n o l i . tut-

te le P o t e n z e , e M o n a r c h i e della terra Erv T


i ca-

pitoli giurati dal R e F i l i p p o , che doueffe l u i ,e tutti i f u o i

difcendenti aflìftere la m a g g i o r parte dell'anno i n Porto-

gallo , oue anco i lVice-Re n o n p o t r e b b e elTere f e n o n d i

fangue Reale ; cioè fratello, figlio, z i o , o nipote del R e ™ " " f » ' w s

._- < • n • \ \ r *
r - t • ! Msdrii\e lafcta
Laonde i n quella c o n f o r m i t à lalciato i n quel g o u e r n o i l ^i, C a r d e r f i f

Cardinal* A l b e r t o A r c i - D u c a di Auftria f u o nipote, co- in fuo luogo a-,

gnato, e poi genero , voltò Filippo a M a d r i d pieno d i Lub


<> * n

quella g l o r i a , a cui m o l t i d e i f u o i predecelfori afpiraro-

n o , e niuno p o t è confeguirne > effendo l u i i l p r i m o , a cui

l ' v n a , e l'altra Spagna dopo la d i lei deplorabile perdita^

preflò interamente vaffallaggio.


D E L L A I S T O R I A

D E L L E G V E R R E

D E L

R E G N O D E L B R A S I L E

PARTE I, LIBRO SECONDO

- S O M M A.R I O.

VOR^ il Re Filippo Secondo, e gli fucced<u>

il T e r & o , che celebra con gli Olande fi'la tre-

gua per dodici anni congxan ruma detle con-

quide di Portogallo Sua andata in Lisbo-

n a , e poco genio v e r f o i Portoghefi Filippo

Quarto f u o figlio prende per la di lui morte il

ficetro, di cui figraua tutto i l p e f b f o p r a i l Conte Duca di Oli-

uares f u o intinto fauorito Operazioni violente di queflo

Ronfpe con l Olanda.


y
I m p e d ì fio e il matrimonio della I n f a n -

ta dì Spagna col Principe di Gales, dal che fi originano l ^

guerre del Brafile Sdegnato della r i p u l f a il R e Britannico

fi collega a tutti i Potenti di Europa a danni della S p a g n a i

Gli O l a n d e f i f i accingono ad m u a d e r i l Regno del È r afilla

d i f c o r f i v a r i ' f o p r a queflo a f f a r e S ' i f l i t u i f c e la Compagnia^

Occidentale Inuiano poderofa armata f o p r a la B a i a M e -

tropoli di tutto il B r a f i l e La prendono per ignauia de'difen-

fiori. I nuadono il Regno di A n g o l a , donde f o n o ributtati

Filip-
4-o

Filippo Quarto procbr a i l r i a c q u i f i o di quella P i a z z a Si

f p e d i f c o n o due armate P o r t o g h e f e , e Spagnuola, e ripiglia*

no la B a i a N u o u a armata O lande f e a foccorrerla Si ri-

tira f e n z af r u t t o Ritornano in Spagna l'armate Cattoliche,

e vengono d i f f i p a t e da venti T>iuerfi tentattui nel B r a f i l e

delGenerale Olande f e ìperde la v i t a in E t i o p i a .

C A D V
A D V T A cosi la C o r o n a Portoghefe fotto

il d o m i n i o Auftriaco ,procurauano alcuni

p o l i t i c i rafciugar'a i P o r t o g h e f i le l a g r i m e ,

col dire ; Quanto m a g g i o r i vantaggi p r ò -

metteua l o r o la f o r t u n a ora , che incorpo-

r a t i fi v e d e a n o all'Impero d i v n tanto M o -

narca M a beri pretto d i m o f t r ò l ' i f p e r i e n z a , eccellente^

pietra d i paragone d i tutti i difeorfi , che aueano p i ù

frondfi , che radici quelle fperanze I m p e r o c h e au-


mentato i l R e Cattolico d i v n a sì m o t t r u o f a potenza-,

c o n la quale m a c h i n a u a nel fuo a n i m o ridurre tutte le C o -

rone ad vna fola M o n a r c h i a a guifa dell'antica R o m a n a - ,

diede f o m m a gelofia a tutti g l i altri Principi d i Europa- ,

che d i mal'occhio r i m i r a u a n o l a f m ©derata grandezza^,

politica , e feuerità d i quello R e Q u i n d i è che procura- L'vnione di Por.

ua ciafeuno tutti i mezzi polfibili di fneruare forze tan- ^ f ^ f ^ ^ T -

to formidabili, che alla Spagna miniftrauano le braccia, ne deh dUui

di tanti, e sì p o d e r o f i R e g n i Erano tra quelli i p i ù con- fedite

fiderabili le c ó n q u i f t e vaftiffime de i Portoghefi, le qua-

l i c o m e p i ù d o u i z i o f e , e lontane f u r o n o le p r i m e a proua-

re l'indignazione dell'armi foraftiere F u f u b i t o inuafa-

l'India dalle Settentrionali N a z i o n i Gl'Inglefi feorfero

perlaPerfia, e per l'Arabia con graue pregiudizio del

Portogallo A n c o i D a n i inanimiti dall' e f e m p i ò de i lor t

v i c i n i , fi f p i n f e r o c o n p r o f p e r a fortuna nell*Oriente^.

L'olanda però c o m e p i ù inferocita contro gl'Auttriaci, f u

quella,da cui i Portoghefi patirono p i ù graui i n c o m m o d i ,

effendo già infelicemente eoftretti a fpofarfi le guerre al-

E trui.
4 2 B E L L E G V E R R E

rrui. M a vaglia l'Infero durante i l g o u e r n o d i Filippo

non prouarono i Portoglieli ecceiliuamente pefante ài

f e m p r e d i fua natura g r a u o f o g i o g o d i Principi for£ftie-

r i . I m p e r c i o c h e o pei* l e Strette r a g i o n i d i f a n g u e , c h o

quello R e auea da loro ereditato , o per i lviuo conofci-

m e n t o , ch'ei f e m p r e c e n f e r u ò d i quella N a z i o n e tanto

per fe Helfa i n d o m i t a c o m i difprezzi, quanto piegheuolei

a g l i o n o r i , a m ò f e m p r e c o m e figli i Portoglieli , lancian-

doli per la m a g g i o r parte nel pacifico g o d i m e n t o de i l o ^

ro accordatigli a m p i i l f i m i priuileggi , ed attendendo^

con ben m a t u r o configlio a tenerli c o n t e n t i , e fodisfatti ,

fi f e r u i d i l o r o n e ' p i ù i m p o r t a n t i m a n e g g i d i Stato, e ne'*

p r i m a r i c o m a n d i d i guerra. Cosi egli fof tenne d i c i o t t e n -

n i c o n i n d i c i b i l d e c o r o i ln o m e d i R e d i Portogallo, fin-

che i n età d i fettant'vno venne a pagar l'ordinario tribu-

Manca dìviuere to alla m o r t e n e l 159-8 . lafciando apprelfo g i i li u ò m i n i


fiitppo Secondo , ben d e g n a m e n t e fiflo i lconcetto d i e f i e r e Stato v n o d e ^

m a g g i o r i , e p i ù faggi Principi del m o n d o N è i'auer'e-

gli ambito ridurre ad vna fola M o n a r c h i a l'Europa , p u o i

porgere fufficienti fcufe a quelli,' che per quefta caufa^

pretefero o m b r e g g i a r e le d i i u ig l o r i e > perche oltre l'a-

uergli ciò f u g g e r i t o l'incomparabil vaftità dei f u o fpiri-

to , e p o r t a m e l o eziandio a tanto i l m i r a b i i ' i m p u i f o delfa

Suo elogio* fortuna col fargli cader'in m a n o tanti f c e t r i , l i m i l i det-

tami ne'gran Principi poflono rifguardarli p i ù tofto come*

politiche, e n o n c o m e difetti

E veramente f u Filippo ornato d i m o l t e e g r e g i o

v i r t ù , e f p e c i a l m e n t e sì z e l a n t e d e l l a R e l i g i o n e Cattolica

( fr ggi°
e
^ n t ì C O
de'Principi Aullriaci ) che per elfa p e r d e '

v n ricchilfimo Stato, e n o n curofìì della vita d i v n figlio

p r i m o g e n i t o , eh e quanto balla per f o m m a m e n t e c o m e n -

dare i l religiofilfimo f u o a n i m o . Ereditando d u n q u e da-

Gli /accede l u i i l feetro, m a n o n i talenti, n è l ' a m o r e v e r f o i P o r t ò - „.

lippa Terzo. ghefi Filippo f u o figliuolo T e r z o d i quello n o m e , inco-

minciarono fubito quelli a prouar g l i effetti d i v n a d o m i -

nazio-
B E L B R A S I L E E A R T ^ I Lib. I I 4 3

aa?;ìone innaturale, e niente d i genio prociiue a i loro "

p r ò p r i vantaggi Auuegnache lafciandofi quello Princi-

pe affolutamente regolare dall'arbitriodéTuoi p i ù inti-

m i fauoriti ( cofa che temendola i i Prudente f u o Padre i l

fe nel punto della m o r t e altamente f o f p i r a r e) f e c o n d o la-

buona, opraua inclinazione de i m i n i l l r i correaao i p i ù

importanti affari d i Portogallo Erano g i à , c o m e sà i f

i n o n d o , inforti nelle Prouincie d i Fiandra Stati ereditari

4^|ia Cafa d i Aullria , quei perniciofi t u m u l t i , che parto-

rirono p o i contro d i quella v n a guerra per lo fpazio d i

o t t a n t a n n i , da cui l i originarono tutti i mali del vallilfi-

m o I m p e r o Spagnuolo > auendo ben detto v n politico ,

che la guerra d i Fiandra f u c o m e v n picciol grano d i fe-

n e p a , che crefcendo i n v n fmifurato albero, ricoueròfot-

to d i fe tutti g l i augelli d i rapina, che d i u o r a r o n o i l cuore

della Spagna Laonde ilracca finalmente quella v e n n e


C e l e b r a r e con quelle ammutinate Prouincie vna tregua- C e
^ a
la tregua

di dodici a n n i , acconientendo eh elleno iormaliero vna- ^ v o ^ r ,


r

libera, ed independente Republica » T r e g a l a p i ù f u a n - zio di Portogallo

taggiofa, e pregiudiziale del m o n d o , e che degnamente

conciliofli i l bialimo , e l'orrore vniixerfale d i tutti g l i

h u o m i n i I m p e r c i o c h e da i Capitoli d i effa r e f l a r o n o ef-

clufi tutt'i paéfi efiilenti d i là dalla linea Equinoziale , oue

erano lejpiù v a f l e , e ricche conquiile comprate a collo d i

infinito fangue, e fudore de i P o r t o g h e f i , dandoli c o r u

ciò adito a quella Nazione d i libera , e potentemente i n -

uaclerle^con f o m m o danno della C h n f l i a n a Fede Stupì

il m o n d o i n fentirlo, ed i politici d i f e o r r e r o n o , auuici-

narfi a fuoi v i r i m i p a r o f i f m i la C o r o n a Portoghefe ; fil-

mando efferfidal R e Filippo c o n c l u f o v n sì f a t t p aggiu-

flamentoper fneruarla, anco con pregiudizio p r o p r i o , .

della f m i f u r a t afua potenza a fine d i tenerla più ficura,

Soggiogata 5 n o n p u n t o affidandoli de i Sommamente r i -

fóluti, ed arditi a n i m i de i P o r t o g h e f i , i quali con g l i oc-

chi a i Principi d i Braganza, fapeua ben egli , che torna- ,

F 2 m e n -
4 4 D E U L L E G V E R R E

mente rimirauano 1£ di lui reggenza, couando ne i loro

cuori penfieri d i Urani accidenti. N o n tardolfi dunque a

v e d e r e i m a l i g n i eflètti d i quel perniciofo accordo, %


per-

che approfittandoli mirabilmente l'Olanda d i tal con-

g i o n t u r a f e c e , durante la tregua, 1m a g g i o r i fuoi sforzi*,

contro d i quelle conquiste, riportando jìiolto confiderà*

. .. . bili vantaggi nell'Oriente, con fpedire colà i n variebens,

ìlìnmàQmvìn. corrredate armate C o r n e l i o Matalif, i l V a n c a r d e n , e G i o :

dìtL*. Pleffinghen Capitani n o n m e n f o r t u n a t i , che coraggio^

fi M a erigendo le Prouincie vnite v n a C o m p a g n i a di

ricchiffimi mercatanti, a pena f u Porto nell'India, c h o

n o n inuadeffero, Fortezza, che n o n affaiiffero, m a r i che^

n o n folcaffero, ftabilendo con i Principi Orientali quel

C o m m e r c i o , d i cui per l ' i n d i e t r o era v n i c o a r b i t r o i l Por-

togallo . M a allora viddero manifeftamente i Portoghe->

fi la depreffa , e d abbatuta f o r t u n a , i n c u i eranfi c a n g i a t o


le loro glorie fotto la d q m i n a z i o n e d i Principi C a r t i g l i a

Sì pma Filippo n
* 5
quando trasferitolii lR e F i l i p p o T e r z o perfonalmen-
Terzo aLubona* te a L i s b o n a a far giurare dagli Stati F i l i p p o f u o primoge-

nito efede della C o r o n a , n o n d i m o t t r ò loro q u e l f acco-

glienze , ch'elfi s afpettauano ; auuengache, fe bene l u i fu

riceuto i n quella Corte co v n o de'più fuperbi,e magnifici

trionfi,che feppe idear I'adulazione,in tal guìfa,che arriùc

il m e d e f i m o a d i r e , che folo i n quel g i o r n o , g l i pareua-

d ' e f f e r e R e , f u r o n o n u l l a d i m e n o q u e i si r a r i , e diìpendio-

fi o f l e q u i d i f e r u i t ù , e d i a m o r e p r e f i t t i g l i d a q u e l l a nazio-

ne , conuertiti da i particolari l i u o r i , ed emulazioni del

Duca d i V z e d a , v n i c o arbitro de i fuoi aflètti, ne i mag-

giori incentiui d i difprezzo contro i Portoghefi P e r c h e

c o m e i lR e t a n t o fi a p p a g a f f e d e l l ' a f f e t t u o f e r i m o f t r a n z o

da loro tributategli, che diede forti apparenze d i voler ri-

m a n e r tra elfi i n quella C o r t e , s ' i m p e g n ò ardentemente.

il fauorito a f c o n u o l g e r l o da v n tal penfiero, n o n c o n al

t ri# m e z z i , che d i r e n d e r e a p p r e t t o d i Sua M a e f t à al mag<

g i o r fèg;no odiofa 1 ìfteffa nazione. O n d e lo perfuafe, a.

n o n
D E L B R A S I L E P A R T E I L i k I I 4 5

n o n lafciarfi trattar da 1S i g n o r i , e G r a n d i del R e g n o , a-

negar tutte le grazie , che i n c o m m u n e , ed i n priuato g l i

f u r o n o richiefte, a licenziar m a l fodisfatti g l i Stati, e fi-

nalmente a violar i p n u i l e j n conceffi dal Re fuo Genito- \ n f r a


f f e
Jp r i u i

i A
L ex ^ . i . . legt del Regno
re alla C o r o n a , i m p i e g a n d o m o l t i f o g g e t t i Gattigliami

nelle cariche, e m a n e g g i del R e g n o , e prefidiando le di

lui Fortezze con foldatefca di quella m e d e m a N a z i o n e

M a ciò che diede a Filippo m o t i u o m a g g i o r e di o m b r a .

e di liuore contro i Portoglieli , f u vedere quanto alta-

mente fotte imprefia ne 1 loro cuori la v e n e r a z i o n e , e fti-

ma verfo la p e r f o n a di T e o d o f ì o Duca di Braganza > i l

quale infieme con G i o u a n n i D u c a di Barcellos fuo p r i m o -

genito, g i i c o m p a r ì innanzi in qualità di fourano accom- Teodofio Duca dt

pagnato dalle Guardie d'Alabardieri, e da f p l e n d i d a m o l - Jr^cT^Reggil'

titudine de'primarij Signori dei R e g n o Per i l che non- apparato.

lalciò di tentarli con vari m o d i la d i l u i r u i n a , c o l tender-

li qualche indecente laccio, per farlo trabboccare dalle^


reali p r e e m i n e n z e della fua C a f a . M a n o n f u r o n o m e r b

fagaci , che diferete le maniere, colle quali egli f e p p c

liberarfene ; e fe bene g i u r ò l ' o m a g g i o al R e F i l i p p o e g l i ,

ed i l D u c a f u o figlio, a cui cautamente auuertì, che n o n -

auelfe i n t e n z i o n e d i g i u r a r e , p r o t e t t o p e r ò giuridicamen-

te c o n fegretezza, di ciòfare coftretto dal t i m o r e cadente

in h u o m o collante , riuocando c o m e nullo i l pretettato Reucca n giurj.

g i u r a m e n t o , per n o n poter pregiudicarli nell'jus, che g l i ^ ^ f i f f ^ g i f

toccaua alla fuccefiione d i quella C o r o n a E f u ben cele-

bre la r i f p o f t a , che diede a Filippo, nel d i r g l i , che lo fup-

plicaffe d i q u a l c h e grazia ; non tardando a francamente^

nfpondergli , / miei Auoli , e quelli di V ò f t r a J U a e f t a Generai rifpoft*

hanno dato tanto alla mia C a f a , che non m i r e f ia campo di ^ e d


* a l 1

chiedergli c o f a alcuna Partì finalmente i l Re Filippo ver-

fo M a d r i d , oue t e r m i n ò breuemente i f u o i eiorni i n età Muore Filippo


-. t o t Terzo
di quaranta t r e a n n i nel 16 21 M o r i ancora i n quello tem-

po l'Infanta Catarina d i Braganza fua Zia , D a m a degna- alfli^faTtadi^

di gr andi I m p e r i j , e a c u i fe la v i o l e n z a t o l f e la f o r t u n a - Braganza, f u ^
di rare qualità.
4 6 D E L L E G V E R R E

d i g o d e r l i , n o n tolfe p e r ò le Angolari prerogatiue di m e -

ritarli I m p e r c i o c h e ella f u vna delle p i ù m a g n a n i m e , e

p r u d e n t i Principefle, che a m m i r a r o n o m o k i fecoli,e che

n o n diede m i n o r faggio d i coltanzain tolerar l'elferepri-

ua della C o r o n a d i Portogallo , che le negarono, che d i

g e n e r o l i t à n e l ricufare quella d i tutta la Spagna, che l o

offerirono.

Prende pìlippo Succedette n e l l ' v n a , e nell' altra Filippo Quarto d i

Quarto ilfmtro* quello n o m e , e fgrauone fubito tutto i l pefo n e g l i o m e r i

d i G a f p a r o d i G u f m a n o Conte D u c a d i Oliuares, i l quale

feppe c o n indultriolì m e z z i poco plaulibili al m o n d o ,

Il Conte DUCOL* preualer d i tal forte al D u c a d i V z e d a , che t o t a l m e n t e

àrbitro ajialuto v e n n e a fegregarlo dalla grazia d i Filippo ; licome era^

gouerm* p O C ;o p r i m a accaduto tra l'ifteflb V z e d a , ed i lD u c a d i Ler-

m a f u o G e n i t o r e , n o n fenza qualche nota delie belle f e m -

bianze d i Padre, e d i figlio.

F u i ln u o u o gouerno al parere d i tutti i l p i ù infaulto


prognostico del totale precipizio d i Portogallo d i cui

n o n eflendofi fina quel t e m p o potuto venire alP intiera-

deprelfione, ed abbattimento, rifoiuè i l Conte D u c a d i

Procurala runa confeguirne v n taleffetto per sfogo del iiuore concepito

de Portoghefi\ c o n t r o ì G r a n d i del R e g n o , da'qualiegli n o n veniua i n -

cenfato c o n quei oflequi, che da tutti vanamente preten-

dea L a o n d e fconuolgendo l'ifteflb R e g n o c o n mutazio-

n i , aggrauandolo d i tributi , fiaccandolo ne'prefidij ,

fmanteliandole Fortezze , ed abbandonando le conquifte,

venne breuemente a ridurlo l'oggetto p i ù facile d e l l ' a r m i

de gl'inimici Spiraua appunto la tregua Stabilita coru

l ' O l a n d a >e tutte le r a g i o n i d i fiato, e d i politica voleano >

c h ' e l l a fi d o * u e S f e c o n u e r t i r e i n v n a p e r p e t u a , ed vniuer-

fale pace tra l ' v n a , e l'altra Potenza I m p e r o c h e auendo"

già i l R e Chriftianiflimo fedate quelle interne f e d i z i o n i ,

che nel cuore della Francia minacciauano d i far p i a g h e

aflai m o r t a l i , era i n d u b i t a t o c h ' e g l i Sofie p e r r i u o l t a r e l e

potentiflime fue a r m i contro la F i a n d r a N o n effendo

m e n
B E L B R A S I L E P A R T E ) ! U h . I I 4 7

men certo , che i Proteflanti della Ger pania irritati dall'-

opprefiioni dei C o n t e Palatino, douefiSero a n c o r vnirli a_,

gl'in-effi Olandefi contro la Cafa d'Auilria N e pure l e

medefime confederate Prouincie lafeiauano d i volentieri

abbracciar i trattati della fudetta pace, perche ellendo g h

Olandefi, e per naturai genio , e»per l'opportunità del

paefe p i ù p r o p e n f i a l l 'v t i l e d e l l a m e r c a n z i a , che ai ma-

neggio d e l l ' a r m i , fi e r a n o a l m a g g i o r legno allettati dal-

l^U^olcezza della quiete, e della conuenienza del c o m -

mercio , che per lo fpazio de i dodeci anni della tregua-

aueano con gran vantaggio ritratto D i quello fentirnen-

tò erano i n Spagna g l i h u o m i n i d i più maturo c o n f i g h o

M a i lC o n t e D u c a , che ilimaua douer poco alla fortuna-

di^auerio fatto i n quella gran M o n a r c h i a arbitro d i tutti i

negozi j politici ,fe ancora n o n locollituiua v n i c o p r o m o -

tore de g l iaffari d i guerra, o folfe per c o n elfa i n g r a n d i r


quelli, che amaua, o c o m e altri diflero, per rouinar quel-

li che abborriua ( n o n v'elfendo m e z z o p i ù fpeciolo , c h e

la g u e r r a , acciò c o l i ' a p p a r e n z a d ' o n o r e fi t o l g a a d altrui

la v i t a ) r i u o l t ò d i m a n i è r a l'animo del R e Filippo , c h e

contro la c o m m u n e opinione i n t i m ò l a ^ u e r r a a g l i"Gian- i a u e r

deli M a f a r e b b o n o difettofi i f o n d a m e n t i , che n o i an- raconl'OUnd*

diamo gettando a quefl'Iftoria, fe qui n o n riferilfimo tut-

ti quei accidenti, e m o t i u i , che principalmente concor-

f e r o , e diedero potente i m p u l f o alle guerre del B r a f i l e ,

che n o i pretendiamo d i fcriuere E perciò c i f t i m i a m o

obi igati di narrar la total o r i g i n e delle


# m e d e f i m e

Erafi nel 1623. trasferito alla Corte d i M a d r i d Carlo l t p,;„ ;


c pff ^\

Principe d i Gales, Re poi d'Inghilterra i lpiù infelice del Gale* m sp*gn*.

mondo , accompagnato da G i o r g i o d i Villars Duca d i

Bocchingam i n t i m o fauorito del R e G i a c o m o f u o P a d r e ,

a trattar p e r f o n a l m e n t e i l m a t r i m o n i o con l'Infanta M a -

ria figliuola del R e Filippo T e r z o , quafi neH'iftelfo m o -

d o , che le fauolofe lllorie d i Caualiaria r a c c o n t a n o , che fi

trattalferoifamofi maritaggi degl'antichi Principi d i G r e -


. eia,
4 3 D E L L E G V E R R E

eia, e T r a b i f o n d a ^ I m p e r o c h e fenza alcuna preuenzirj

ne, o preceduta notizia c o m p a r ì Carlo nella Cafa del C o n

te d i B r i f t o l f u o A m b a f c i a d o r e i n q u e l l a corte A z i o n e

che i n quel t e m p o fii variamente giudicata da i politici

itimandoli da alcuni per leggiera, ed indegna d ' v n Re

f a u i o , e prudente, com'era quello della gran Bertagna-

m a che f u p o i riconofeiuta efler nata da v n a p r o f o n d a , e

prefaga cognizione auuta dall'ifteflo R e d i a u e r da pati

re alcuna violenza da i fuoi parlamentari, 1 quali ei fape,

ua, che d i mal'occhio r i m i r a u a n o la C o r o n a Brittanica.

f o p r a la telta d ' v n Principe Scozzefe; d a n d o l i ben fonda

tamente a credere ch'eflendo i l f u o figlio ofpite del Re d

Spagna, n o n o l i r e b b e r o q u e l l i d i t e n t a r e c o n t r o d i l u i al-

cuna azione, che d a l l ' v n o , e dall'altro n o n folle feuera-

m e n t e punita L a venuta del Principe d i Gales a M a d r i d

Trotta di mzr'u daua ficuriffime apparenze dell' effettuazione del pretefe


tavfi coli* Infatti m a t r i m o n i o , e veramente falera i lp a r e r e v n i u e r f a l e 3i

tutti i p i ù zelanti M i n i f t r i , tale l'inclinazione del R e Fi-

lippo , ed anco quella del R o m a n o Pontefice, i l q u a l e in<

dotto dal gran vantaggio, che appariua alla R e l i g i o n e

C a t t o l i c a , a u e n d o i lR e G i a c o m o p r o m e f l b i n v o c e , ed in

fcritto la libertà d i cofeienza i n I n g h i l t e r r a , auea g i à con-

defeefo alla difpenfa d e l l ' i m p e d i m e n t o della diuerfa Re-

ligione , che l'ifteflb Principe profeffaua E tanta f u l'vni-

f o r m i t à de i C o n l i g l i e r i , e de i T e o l o g i radunati i n quel-

la C o r t e per difeutere quello rileuantiflimo affare, c h e

venne a ftabilirfi i lg i o r n o da celebrarli l o fpofalizio M a

il Conte D u c a , che l i n a q u e l t e m p o era p i ù t o f t o flato al-

la m i r a , che ingeritoli nel negozio, t r o u ò l'opportunità

d'entrarui, preualendolid'vn'ambafciata inuiataglidall'-

iftefla I n f a n t a , i n c u i d i m o f t r a u a qualche difplicenza del-

"la c o n c l u l i o n e d i q u e l t r a t t a t o Sapeua bene i lConte, che

la p r i n c i p a l c o n d i z i o n e d e l m e d e f i m o era la r e f t i t u z i o n e *

d e g l i Stati al C o n t e Palatino N i p o t e d e l R e B r i t t a n i c o , la-

quale quello procurala con l'ifteflb i m p e g n o , con c h e

l ' O l i -
B E L %R A S I L E P A R T 1 J L lab. I L 4 9

KQjiuares fi sforzauaache n o n f c g i i f l c - Q u i n d i è c h e

prendendo g l i fpeciofi m o t i u i del zelo della F e d e , e del

m a g g i o r f e r u i g i o d e l l a C a f a d ' A u l l r i a , fi a d o p r ò p e r d i f i m - 1 1 C o n t e

p e g n a r i l R e F i l i p p o da quel m a t r i m o n i o , col p r o p o r r e l c
& l x
* t f Q n c

a g P I n g l e f i p a r t i t i sì s c a b r o f i ed i m p o f i i b i l i , che n o n folo

fuanùTe quella pratica, m a s'inarMifse eziandio per f e m -

pre la f p e r a n z a d'effere l'illeflb Tilacino reintegrato ne'-

ìuoi Stati M a ciò maneggiaua egli c o n tal arte, che pen-

^ 4 i u l l a d i m e n o d i tener f o m m a m e n t e obligato i lR e Brit-

tanico I m p e r o c h e era i lf u o fagacilfimo r i p i e g h o acco-

m o d a r tutto c o n i tre figli d i Cefare O n d e d i c e a , chea_

F e r d i n a n d o e r e d e d e l l ' I m p e r o fi d a l f e l'Infanta M a r i a , al

Principe d i Gales la figliuola d e l l ' I m p e r a d o r e , e la f e c o n -

dsgenita dell'ilteflb al Principe Palatino, con patto p e r ò ,

che q u e l l o fi e d u c a l f e a V i e n n a d a b u o n cattolico T a n t o

fino era i l m a n e g g i o del Conte D u ó a per trafiggere e I V -


rra^ e l'altra pretenzione de gl'inglefi E c o m e i lR e F i -

lippo n o n vedea i colori de'negozj fe n o n per i l vetro del-

Pinclinazioni del fauorito , venne a disfarli i l maritaggio,

quando v n i u e r f a l m e n t e fi d a u a p e r c o n c l u f o Vedea i l

Duca d i B o c c h i n g a m riufcire inufficiofe tutte le diligen-

ze a d o p r a t e per rimouere i l Conte D u c a dal f u o ollinatif-

fimo , e r i n g o i a r p a r e r e , e per ciò lafciatofi vna volta f o u -

uerchiamente trafportare dalla colera , venne c o n l u i a-

manifeita rottura d i parole, col intimargli n o n folo la-

perpetua f u a i n i m i c i z i a , m a v a t i c i n a r g l i e z i a n d i o la fierif-

fima^ternpefta d i t a n t i m a l i , c h e p r e l l o fi v i d d e f c a r i c a r f o -

pra la Spagna Si partì v e r f o L o n d r a i l Principe d i Ga-

les , e f d e g n a t o f o m m a m e n t e G i a c o m o f u o Padre d i vna- R ; e a i o n ^ r a

sì f a t t a , ed inafpettata r i p u l f a , r i f o l u è d i tenere, g l i A u - /degnato ìlPrìn.

ltriaci per i n i m i c i , c h e n o n auea p o t u t o tenere p er.allea- v d l Q a l s s


«

t i . Q u i n d i è che pensò fubito d i toglierli la m a f c h e r a al-

la p a f f i o n e ,c o n c u i fina quel t e m p o fegretamente f o m e n -

taua le rebeilioni della Fiandra , battendo con gran de-

prezza c o n fucil'Inglefe le felci d i O l a n d a , per meritener'


G ine-
; «ro B E L L E G V E R R È

iiieftmguibilc i lfuo/ro d i quelle f e d i z i o n i . Se b e n e eflea-

do i l R e G i a c o m o datato d i vna prudenza coltiuata COIL,

n f p e r i e n z a d i tutte le f o r t u n e , tempero n o n poco l'impe-

to d i quell'ira, la quale p o i , accaduta b r e u e m e n t e l a fua^

m o r t e n o n fenza fofgetti d i veleno, fciolfe contro gli

A u l l n a c i G a r l o fuo-figiiaolo fuccedendo nella C o r o n a i

N o n tardoffi d u n q u e p u h t o a machinar le p i ù fiere r u i n c

Si originano da^ a
^ a
M o n a r c h i a Spagnuola, c o l c o n c l u d e r l i q u e l l a fpauen-*

tìbie guerre del tofa*lega, c h e f u detta d i A u i g n o n e , f o t t o i l nomedellgJ^-

Erafile. berta d'Italia, d i c u i , c o m e principal'origine delle guer-

r e d e l B r a f i l e >è n e c e f l a r i o d a r q u i v n f u c c i n t o raguaglio.

Il Cardinal d i R i c c i l e u p r i m o M i n i f l r o della Francia,

si collegano con. i l quale p r o f o n d a m e n t e conofcea elfere la Spagna quafi

w spagna tutù a r b i t r a d e l m o n d o a l l o r q u a n d o e l l a fi v e d d e l i b e r a d a l i e
/ Principi d'Eu, i n- J il i i i • • 1 ' *
rapa^ * m o l e i h e della guerra, abbraccio volentieri la congiontu-

ra d ' i m p e g n a r F i l i p p o Quarto i n n u o u i i n t r i g h i A l R o
di D a n i m a r c a , ed alli f r o t e i t a n t i d i G e r m a n i a , i qualrat-

tribuiuanp alle forze Spagnuole l iv a n t a g g i , c h e f o p r a di

loro r i p ò r t a u a n o 1 a r m i I m p e r i a l i , jion f u difcara l'occàt

fione d i f o m m a m e n t e diuertirle, e f m e m b r a r l e I I Duca

d i S a u o i a , e l a R e p a b l i c a d i V e n e z i a i n a f p r i t i , e g e l o f i del-

Tintraprefa della V a l t e l l i n a , n o n f u r o n o eziandio lenti a

procurar d'aprirfiquella porta c h i u f a g l i all'entrata d'Ita-

lia L ' O l a n d a g o d è d i r i t r o u a r c o m p a g n i l i m i l i nella.

R e l i g i o n e , e nello f d e g n o , per dilatar i f u o i c o n f i n i , a

fermamente fiabilirfi i lg i à vfurpato i n d e p è n d e h t e domi-

nio O n d e preito vidde l'Inghilterraa fe collegate tutte

le Potenze d i E u r o p a , fe bene o g n ' v n a indotta da Tuoi pri;

uati interelfi, per f o r t e m e n t e sfogare c o n t r o la S p a g n a la-

bramata vendetta della ripulfa del m a t r i m o n i o , e della

deprelfibne del Palatino ; i l quale i l R e C a r i o voleacot

prir Con g l i itelfi f p o g l i d i F i l i p p o , meditando d ' i m p o r

gli f u i capo n o n m e n o , che la C o r o n a del Brafile E p a

ciò f u i l p r i m o capitolo della lega, che g l i O l a n d e f i d o |

uelfefo potentemente alfalir tutte le coftiere d i quel Re

gno>
B E L B R A S I L E P A R T È I Lib. I I 5 1

gr*o ; mentre neH'ifteflb t e m p o la Plancia per m e z z o del

Conteftabile delle D i g h i e r e v n i t o al D u c a d i Sauoia inua-

d e u a l o S t a t o G e n o u e f e , D a n i m a r c a , e l i P r o t e t t a m i 11 o p -

poneuano a gl'Imperiali, e l'Inghilterra con forte marit-

tima armata attaccaua l'Andalulia Stabilito dunque da.

o g n i l a t o v n sì f o r m i d a b i l ' a p p a r e c c h i o d i a r m i contro la-

Spagna , ed auendo g l i Olande!! inuettigato i l l a n g u e n t e

flato, a cui i l prefente gouerno del C o n t e Duca auea r i - „ , ,

ifsjcte t u t t e le r r o u i n c i e d e l B r a i l l e , s i n a n i m i r o n o a ipin- a c c m f r o n 0 a d,x.

gerii prontamente in quella regione, dalla quale con m e n cupar'il / > ÌA*'V

dittanti, e m e n azzardofe nauigazioni fperanzauanli di

procacciarli vantaggioliflimi acquifti M a per dar vigor

maggior'a quella imprefa incominciarono a trattar d'ifti-

tnire vn'altra compagnia mercantile limile a quella da^

loro già eretta per l'Oriente O n d e proporlo n e ' f u p r e m i


g o n f i g l i q u e l l o a f ( h r & , veniua m n ngni più viua caldezza
appoggiato dal Principe diOranges,il quale c o m e f o m m a -

mente intereflato nelle più dureuoli riuoluzioni della,.

Fiandra , ardentemente fomentaua tutto c i ò , che potette

tener lontana ogni apertura di pace c o n i a Spagna F u

nulla di m e n o quello negozio yno d e i più dibattuti, ed

importanti affari, che in quel t e m p o li agitaffero nell'O-

landa , e per i l gran pefo della materia, e per la m o l t a va-


r i e t à de i p a r e r i

A l c u n i d i c e u a n o , non douer le Prouincie V n i t e ne i lor

n a f c e n t i p r i n c i p i j intraprendere nuoue conquijìe nett A m e n -

ca> dilatando f u o r i di modo con improuido configlio lalorri-

(ir ett# potenza Impercioche verrebbero indubitatamente a

[oc combere a q u e i f u n e f t i accidenti, che fecero m i f e r a m e n t i

crollar la v a f t a mole d i tante M o n a r c h i e , le qualucoll'ajpi-

r are a l p m d i f t e f o Impero^ cader ono in<vn intiero precipizio^

N o n ejjere ne ce f a r ie a dimo[trarlo prone più e ut denti di ciò

the i f e c o l i t r a f c o r f i v i d d e r o nella Monarchia di R o m a , ed

il prefente pur troppo d i u i f a u a nella Spagna- Auer fatto il

grauofo incdrco di quejia gemuto per tanti anni l'Ofandtu»,

G 2 porta-
52 B R L L E G V E R R E

portato con f o m m i fi enti i l duro giogo delvafiallaggio, patite

per f c u o t e r f e n e le c o n u u l f i o m p i ù f i e r e , c o z z a t o con i Re più

potenti , / p a r f o f i u m i d i [angue > p r o f u f o i m m e n f i te f o r i V e -

der fi finalmente i n a l z a t a al foglio di v n f u r a n o , ed inde-

d i g

ed ammirar a maggior f e g n o la f o r t u n a , ed i l valore di huo

mini sì arditi^ e coraggiofi A l a vedendo or a g l i fi e f i azz>ar~

dar con nuoui pericolofi cimenti nel nuouo mondo la loro n#m

b e n f i abilita liberta, condannarebbefenza f a l l o v n tanto fimo*

derato penfìero *, e quei me de fimi vicini P r i n c i p i , che ora f j

gli moftrauano alleati, gli diuerrebbero dopo i più feroci mi-

m i c i , e j f e n d o infoportabile a t u t t i , che i loro i n f e r i o r i o li egua-

glino , o li f u p e r i n o nella g r a n d e z z a N o n e fiere nel te atro

del mondo co f a più volubile, che la f o r t u n a della g u e r r a , o

commettere v n errore irtcompatibile quello, che non sà fermag


la f u a ruota colchiodo della moderazione , non abbufarìaofi

mai de if u o if a u o r i i ch'ella benprefio cangia ne i più fieri

fdegni E j f e r f i i lR e Cattolico rinuigQrito dal longo ozio

della pace, e perciò auer aperto nuouamente la guerra allt^

confederate Proumeìe indotto dal f o l o motiuo d i religione ap-

parentemente i n f i l a t o g l i dal C onte Duca A l a f e or punto

fi vedere da tanto v i u i fiimoli di v n a inuafione inopinata-» ,

quanto maggiori farebbero i f u o i s f o r z i ^ quanto più fangui-

nofa,e dureuole la guerra con gli Statiì cauando egli fempr<L_j>

d a l l a f i e j f a d e b o l e z z a maggiori f o r z e r à g m f a de i cuori gene-

ro fì,nc i quali a v i f i a de i p e r i c o l i p i ù g r a u i f i rauuiuanogli* (pi-

riti più magnanimi E f i è r e veramente i n efiremo d o u i z w f i i,

Regni dell' America^ di cui monti s'mgrauidano d i oro , e di

argentone di cui Capagnefivefiono di ricchi cannameli di z u c -

c hero,e li d i cui fiumi vomitano le gemme più p r e z i o f e A i a

douerfiauuertire, non t e n t a r f i o r a toglierli dalle m ani di quei

c c d a r d i , I n d i a n i , ma delle più valorofe n a z i o n i d e l mondo,lc

q u a l i t r a f f i c a t e già da più di v n fecolo i n quelle f a r t i , e lega-

teui co vincoli di fangue,e di amor e,gli aur ebbero c :ome lorfro*

pria
D E L "BRASILE P A R T E I . Lib. I I 5 3

pviafatria difcfi> non mancandogli inoafa propria ni gente ,

ne armi > danari per fofientarli Quanto poi al contrario

farebbe malageuole agli Stati ilprofeguire quell* ardua con-

q u i f i a , ancor quando l a f o r t u n a lor *arridef]e, colfarli impa-

.dronire di qualche p i a z z a ne i pri^ni sbarchi ? Qual* infinita

d i v a f c e l l i non douer eglino m e t t s f a in m a r e , venendo quei

porti da i Portoghefi si f r e q u e n t a t i che ogni parte di q u e l l a

'cofiiere folcano le loro armate ? E donde poter e f t r a c r f i dal ri-

foretto giro delle confederate Prouincie v n numero mnume-

r abile di gente du confumar fi in quella guerra ?effendoa cau-

f a del nuouo c l i m a , anco f e n z a profujione di f a n g u e , per

mantenere in piedi v n foldato n e c e f f a r i e le v i t e di cento - N o n

promettere la prete f a Compagnia Occidentale douer lunga-

mente f u f f i f i e r e , non f o l o peri deboli f u o i appoggi, ma per che

anco quella dell* Oriente gli darebbe il maggior tracollo E f

fepe a f f a i filmili le droghe dell'Afia , é dell' America ; ond<u>


p e r i i d i f c a p i t o de i prezzai > e per Immolazioni de i g u a d a g n i ,

quali muidie, e quali di fior die non inforger ebbero tra gli v m ,

e gii altri m t e r e f f a t i ìSembrar per t a n t o f a n ta f i a d i huomini

amanti di nuouità il mettere in campo quelle pratiche*, che di-

rettamente conduce ano ad alterar il corpo f a n o della Repu-

dile a , col pretendere pernioio f a m e nie fmembrarlo , quando

dettaua ogni ragion di politica d o u e r f i vnicamente applicare

a f i abilmente a f f o d a r l o dentro i propri limiti Documento

già laficiato da A u g u f i o a T i b e r i o , e sì vtilmente praticato

dalla Republida V e n e t a , ch'ella con la f e o r t a di quefii detta-

rmi Camina con ficuri paffi all'eternità

L a forza di quello ragionamento fofpefe g r a n d e m e n -

F a n i m o de g l i Stati M a c o m e i l Principe di Oranges Ge-

nerale dell'armi Olandefi f o m m a m e n t e delider.alfe l'ere-

zione della nuoua C o m p a g n i a , l'importantiffimb m a n e g ;

gio di cui m o l t o conducea alle fue più licure conuenienze/

i è c e ogni immaginabile sforzo per tirar ne i fuoi fenti-

m e n t i la parte p i ù n o b i l e de i C o n f i g l i e r i , p r e f e n t a n d o l o -

ro politiche fcritture, nelle quali faceagli n o n f o l a m e n t c

a
PP ~ a
5 4 D E L \ L E G V E R (
R E

apparire l'infinite virilità, che alle Prouincie Vnite ridon-

dauano dalle Conquilte Occidentali, ma ancora quanto i l

t e m p o , e la f o r t u n a loro ageuolauano quella b e n c h é per

f e Itefla ardua e p e r i c ò l o f a i m p r e f a
3 P o r t a t o l i d u n q u e alla

prefenza del S u p r e m o Cpnfiglio POranges fauellò i n que-|

Kzwonamento hi I t a g m ^ S i M u e , P q t e n t Ì l f m i Stati,attentamente c o n f i d e r a i

^ontrarh del ^ f o m m o abbandono, i n cui ilprefentegouerno del Re Catto-


rrtncips d 0*a®~ ^ le p i a z z e del B r a f i l e , ponendoui in effe mer-

canti per Capitani pratici del commercio, e non delle armi*

E y
l ' i f i e f f o Principe necejfitato ora di confumar le migliori fo-

fianze di quel Regno nella vorace ingordiggia della guerra^

nuou amente intimata alle Prouincie Sono in vero bellico fi

g l i animi de i Portoghefi 5 ma addormentati nell'ozio della-*

longapace y hanno già non poco degenerato dal natio v a l o r e

d e i lor cor aggio fi antenati Couail Conte Duca contro di

e j f i l'odio , e Uuore piÙHntenfo M e d i t a la total fogge z j ^ -


ne del lor caprico 10fio > e troppo altiero orgoglio , col infiacchir

d i maniera le f o r z e di quella Corona , ch'effipajftno breue-

mente da v a f f a l l i a f c h i a u i , f i c o m e già fecero da figli a v affli-

li E d e quel M m i f i r o architetto sì perito per d i f i r u g g e r e

Monarchie ', .che con l'apparenza di a f f i c u r a r e tutto il corpo,

tira le membra al precipizio Gli preme vnicamente la ma-

nutenzd del folo Regno di Portogallo, e per la d i l a t a z i o n e

de i confini , e p e r il dominio del m a r e , con cui i lf u o M o n a r -

ca fignoreggia da ogni lato la Spagna ; e sà ben egli e f f e r e per

ciò n e c e f f a r i o di troncare a l l ' i f i e f f o Regno le braccia ) che pur

troppo longamente difiende E d a q u a l f i n e pare co[timaffL>

l a f i abilita tregua con noi a l t r i , i n cui venne l'Olanda tacita-,

mente inuitata all'inuafione dell' A f i a , e dell' America ? N è

v i puoi e f f e r e alcun tempo più opportuno di f p i n g e r f i p o t e n t e -

mente in'quei m a r i , che allor quando la Spagna v e d r a f f i nel-

l'i fieffo tempo agitata da tanti flutti, e battuta da tanti [cogli,

come da ogni parte minacciagli la confederazione di tutti i

P r i n c i p i d i Europa B a f i a l ' a c q u i f l o della B à i a , e di Per-

nambuvo p e r f e r m a m e n t e fi abilir ci nel v a f i o Regno del B r a -

file
D E L M A S I L E P A R T E I lab. I I 55

file ; e fon quefiepazze efpofie al cannone del mare, pnua^

di f o r t i f i c a z i o n i moderne, ed hanno sì i a f i i , e s ì f i c u r i port 1,

che da ogni banda danno ricetto agli a m i c i , ed mimici. M a

non deriuano folamente dalla conquida di quei Stati fatile,

e ìagloria di dominar v n tanto Impero • Porta e z i a n d i o age-

uolmente a l t acqui fio d i v n a g r a n f ò r t e dell'I ndie ,facilitan-

dofìmirabilmente i l p a f a g g i o dello Stretto di M a g a g l i a n e s ,

per f a r c i cadere nelle mani L'immenze r i c c h e z z e , che per la

ficure^a dell'onde, e degli a u u e r f a r i portano a Panama

f p r o u i f i i , e di f o r m a t i legni Sono le Prouincie V m t e infe-

riori nella potenza a 1 Regni loro confinanti ; e per ciò deuono

s f a r z a r f i apareggiarli nella g r a n d e z z a , per efimerfi dalla-*

dipendenza altrui , eh'e il fine de 1 politici dettami H a po-

tuto lapicciola Contea di Portogallo crefeere nel giro di pochi

f e c o l i f i n alla f m i f u r a t a potenza di v n a sì dilatata M o n a r - ,

chia 1
E perche nonpotra ancora f u b l i m a r f i alle fiefie cime di
Hortàla Republic a d i O l a n d a , incominciando ad i n a l z a r fi .

f o p r a pià f o l i d i f o n d a m e n t i , che la Romana ? N o n promette

precipizio a 1 f o u r a n i il troppo dilatare 1 lorolmperij,ma bensì

lamancanza delle $ a f i d i v n a ben regolai'apolitica nécejfaria

afofientarli E ' ormai già f o r z o f o alle Prouincie V n i t e p e r

gonferuarfhinuadere in c a f a propria i l Re Cattolico I m p e r -

cioche giamai R o m a f i farebbe c o f i antemente d i f e f a da Carta-

gine f e vedendo gli e f e r c i t i di q u e f i a m f u le port e,non f p i n g e f f e

le proprie f u e armi a combatterla fortemente nell' A f n c a . N o n

altro fi chiede d a g l i Stati Generali, che li C a p i , e le m i l i z i e

,per ta nuoua guerra Prende a conto f u o la Compagnia il

^mantenimento delle armate, i l f u f f i d i o de gli ef e r eiti. N o n in-

dugino più dunque huomiru sì temuti per le v i t t o r i e,e s ì p r o f p e -

le fpenfìerato l'inimico, non accudirà a ripararne i l colpo, pri- '

•ma di riceuerne la f e r i t a N o n puoi facilmente dirli quan-

to quello politico d i f e o r f o p o r t a t o dalla v i u e z z a , ed auto-

rità del Principe di Oranges preponderane nell'animo de_

S 1 1
5 6 B E L L E G V E R R E

gii Stati, per farli piendere quelle r i f o l u z i o n i , dalle gjia*

li elfi v e n i u a n o per I c o n t r a r i pareri fortemente difuaSL

H a n n o f e m p r e m a g g i o r f o r z a appretto g l i a m b i z i o f i le ra-

g i o n i dell'intereife N o n tardotti dunque a venirne all'-

v'flttuìfcevntL* e f f è o
I n u i t a r o n o t u t t i J. P r i n c i p i d e l N o r t e , i q u a l i p a r -
t t

Compagnia Deci- , .. . .. $ . . . t u 1

cudak permua» te tratti dalla cupidigiarvcparte i n a d e m p i m e n t o delia tra-

d*r il Brafile. mata l é g a , concorfero aYormare vna C o m p a g n i a de i p i ù

r i c c h i , e p i ù poffenti h u o m i n i del Settentrione Settanta

m i l l i o n i d i f i o r i n i v i e n ' a f f e r m a t o fotte i lp r i m o c a p i t a l e ,

c o n c u i l ierette. Indi per i l b u o n gouenK> delia medeli*

m a vietarono le Prouincie V n i t e a tutti i loro vaflàlli la^

nauigazione d e l l ' A m e r i c a , e delle riuiere oppoile deli -

À f r i c a , che corrono dal Capo d i Buona Speranza fin al

T r o p i c o d i Cancro , riferuandolo vnicamente alle nani

delFifleffa C o m p a g n i a per lo fpazio d i venti quattro anni

L e d i e d e r o f p e c i o l i p r i u i l e g i , ed a m p i a a u t o r i t à d i Stabili-
r e n e l l ' A m e r i c a l e g g i a Suo a r b i t r i o , d i f o n d a r c o l o n i c ^ d i

crear Capitani, e M a g i f t r a t i , e le concetterò libero i l go-

d i m e n t o d i tutte l'entrate cosi R e g g i e , c o m e Ecclefiafti-

che , c h e d a q u e l l e n u o u e c o n q u i s t e fi e f t r a e f f e r o

Eretta la C o m p a g n i a Occidentale , e Stabilita P ino-

pinata inuafione del Brafile , mentre da g l i altri Col-

legati fi radunano tutte le nuuole per fgrauar fopra laL

Spagna i l n e m b o d i vna furiofa guerra, fi alletti pronta-

m e n t e i n Olanda vn'armata d i fettanta vele cliuifam d u e

... . , fquadre L ' v n a a carico d i G i a c o m o Villefihens^foldato


Giacomo Ville»- t• r • j . * . . i * T-»* TV~ • I I
chens Generala S * p r
>d i c u i era A m m i r a g l i o P i e t r o P e t n d d i ,
a n e n e n z a

deii*ar *ta
m ola. nazione I n g l e f e , i l quale dal p i ù vile efercizio della mari-

d e f u . n a r e f e a fi e r a c o l f u o v a l o r e p o r t a t o a q u e l c o m a n d o , L'al-

tra era gpuernata dal C o l o n n e l l o G i o : V a n d o r t dellinato

per Generale d i terra nelle occafionim i l i t a r i , che fi ottè-

riflero nel Brafile Occultato con gran fegretezza i lor

difegni fpiegarono i due C o m a n d a n t i le vele dal Porto dL

A m f t e r d a m alli venti v n o d i D e c e m b r e 1623 , e pattata-

la linea Equinoziale dopo auer fuperate fieriffime barac-

che ,
D E L B R A S I L E P A R T E I . U h . I l 5 ?

che, e longo tempo trattenuti/i in vari;' porti, aprirono il

plicco confegnato l o r o da g l i Stati, i n cui v e n i u a g l i pref-

erirlo d i attaccare la Cittadella Baia M e t r o p o l i del Re-

g n o del Brafile M a i n f o r t a nuoua t e m p e f l a , f u i l V a n -

dort trafportato v e r f o la m o n t a g n a LeonelTa nella C o l l a

di Africa, ed i l Villechens foraggiando c o n tutta l'arma-

ta contro l ' m f a n a f u r i a de i v e n t i , a n c o r ò felicemente nel

M o r r ò detto d i San P a o l o , Fortezza dodici leghe di/tante A ^ a l n r a f i .


dalIaBaia, edalTairiguardeuole p e r i i p o r t o , o u e è f ì t u a - ^

^ T ^ n e u a i n quel t e m p o c o n f
° m m a lode i l g o u e r n o

della Fiandra l'Infanta Ifabella Chiara Eugenia g i à vedo-

ua dell A r c i - D u c a A l b e r t o , e n o n l a f c i a n d o d i penetrare'

c o n la lolita f u a v i g i l a n z a i n a f e o f t i p e n f i e r i d e l l ' O l a n d a . ,

ne diede p r o n t o auuifo al R e F i l i p p o A n c o i mercaranti

di A m f l e r d a m fcriflero a quelli d i Lisbona , che fe b e n e

i f u l m i n e d, quell'armata m i n a c c i a i * l'India, auea p e r ò


i l B r a i l l e d a r i c e u e r e t u t t o il ~ i f „ W - f o M ; m p r c f i f o n e

fecero quelle notizie n e l l ' a n i m o del Conte D u c a , o p e r

tornarle a f f a t t o v a n e , o p e r aderire vincamente i n ciò alli

l e n t m e n t i del p r i m o M i n i f t r o f u o antecelfore, i l q u a l e

ardendo per l o fpazio d i tre a n n i i n v i u a g u e r r a la Prouin-

cia dt G u i n e a , e la ricca Ifola della M i n a Conquiile del

Portogallo n o n g h f o m m i n i f l r ò alcun foccorfo G o u e i -

naua a ora la Citta della Baia D i e g o d i M e n d o z z a , d i o

già n e l l e g u e r r e d e l l ' I n d i a fi a u e a a c q u i e t a rinomata fa-

m a M a c o m e 1 entrate R e g g i e c o n l e q u a l i fi doueano

m nVtir^ u^^' °
1 RC
"° " vfi
nUertÌUa inalr

W n V n e C e i r a n
' f i t r o u a u a
» o ( c o f a i n c r e d i b i l e ) fo- -

Z T P
v S m P C 1
i d l
' f e f a d i
V l d h
" n p o r t a n t i i i m a

chequafi affatto ignorauanoil nome di guerra A vifta.


dell inimico a m m a f s ò quel G o m m a t o r e ne i b o r g h i della

fom/^ °ì ? 3
' a f f i l Ì a r Ì C r
P Ì
" a
^ r a a d o l e i n c
vecchie,
tortinco nel m i g l i o r m o d o i polli p e r i c o l o f i ,e foggetti al-

H l o
5 8 D E L L E G V E R R E

lò sbarco de g l i auuerfan M a effendo quei Borghefi co-

talmente inefperti nel m a n e g g i o delle a r m i , e n o n punto

a/fueti alle fatiche d i guerra , d o p o a u e r ' a l c u n i g i o r n i tra*

u a g l i à t o ne i r i p a r i d e l l a C i t t à , l i ilraccaron<? d i maniera,,

che p r o r o m p e n d o i n amare doglianze, l i querelauanode

i danni , che egualmente patiuano nelle perfone, e n e l l e

foltarìze alfenti dalle proprie cafe Dauanli v a n a m e n t e ^

credere* che g l i O l a n d e f l n o n folferocolà v e n u t i per at-

taccare la C i t t à , m a per f o l o far prefa d i alcune naui, aue~«

d o si l u n g o t e m p o corteggiato fopra quei m a r i . E d arr >,

ito a t a n t o q u e l l a l o r f a l f a o p i n i o n e , che fenza ritegno deA

minacciato gaftigo , difertarono i n v n tratto quali tun

Entra nella E*ì* della Città >quando alli fette d i M a r z o del 1624. compa

A . r i tutta v n i t a fopra la Barra della Baia Tarmata O i a n d e f o


A n n o i 6 2 4 * r . • 1 T> i * • * - i * J 1
5 i t r o u a u a n o i n q u e l P o r t o d i c c i o t t o n a u i m e r c a n t i l i , del-'
le quali fcelte le p i ù f o r t i , f u r o n o prelidiate d i quella po-
ca Fanteriaurli*" n ^ l l ^pr^fenré? icarfezza p o t è i l M e n d o z z a
amalfare* L e Fortezze della C i t t à erano m a l m u n i t e d ì arti*

glieria, onde con graui flenti v i f u trafportato m ^ i o r ; f

n u m e r o d i cannoni. I l Forte d i Sant'Antonio collorr:

r i m p e t t o alla piazza f u c o n ducento h u o m i n i c o n i gi r - i e

alla cura d i A n t o n i o d i M e n d o z z a figliuolo d i q u e i VIO-

uernatore j e M o n f i g n o r e M a r c o T e x c i r a V e f c o u o della.

Città prefe c o n tutti g l i Ecclefiailici le a r m i per difefa del-

le Chiefe M a già alli noue del corrente mefe fi inoltra-

rono g l i Olandeli dentro i l Porto della Baia, e diuili per

la m a r i n a i n c o m i n c i a r o n o furiofamente a batterla con.

più fDanem-^ ^ e r ó , che danno dì quelle genti Ì fe bene l ' A -

11 Petrìdp f n . «id abbordando fortemente le naui Porto-


d
f ogh!ji ** UU
" ' • ^ do f :/ v
alida refiftenza le fiiperò Giuocaua i n tan-

>u e n a delle due Fortezze n o n fenza graue nocu-

m e n t o de g l i a u u é r f a r i . C i ò che nulla d i m e n o n o n f u va-

leuole ad i m p e d i r n e lo sbarco a due m i l a , che f u p e n o n d i

f o r z e , e difciplina s'impadronirono del Forte al p r i m o af-

f a l t o , e f p i n g e n d o l i v e r f o la Piazza occuparono i l M o -

nalte-
, B E L B R A S I L E P A R T E I . Lib. I I 5 g

naftero d i San Benedetto >o u e validamente attefero a f o r - A n n o 1624.

tificarfi Reila poco difcollo da quello v n a delle porte-

delia Città, o n d e n o n i n d u g i a r o n o p u n t o a coragiofa-

mente alfalirla . M a f u sì v i g o r o f a l a r e n i t e n z a , c h o Gli Olandefi fono

incontrarono ne i d i f e n f o r i , che n o n folo vennero r i - r i b t


* ^ ì

battuti , m a p o l l i eziandio i n sbaraglio , f u r o n o i n -

calzati c o n g r a n ftrage d i m o r t i , e d i f e r i t i , fin a refpin-

gerli dentro nel fudetto M o n a i l e r o , che lafciato aueano

ben cuftodito Sofpefe T a r m i la n o t t e , ed auuiliti f o m -

m a m e n t e g l i O l a n d e f i , e n t r ò la perpierfità nel l o r o

campo A p p r e f e r o graui difficoltà neiT e f p u g n a z i o n e

della Piazza, e per Teminenza del lito , e per la vaftità del

circuito Q u i n d i è , che ftimando q u a f i i m p o l f i b i l e T i m - ^ndÙar l*im^ "

prefa, e r a n o g i à i n p r o c i n t o d i ritirarli a l l 'a r m a t a Q u a n - prefa.

d o p i ù d i l o r o i n t i m o r i t i g l i a f f e d i a t i fi d i e d e r o ad vna^

v e r g o g n o f a , e precipitofa f u g a , abbandonando n e l l ' o r e


più tacite della nutte m n macchia indeJpbile d el l o r ono-

re la C i t t à , che nelTifteffo g i o r n o aueano difefa c o n m o l -

ta g l o r i a E fenza differenza d i nobili a p l e b e i , atterriti l Portoghefifug


tufrx d a l l ' o r r i b i l e i m m a g i n e della m o r t e corfero alle p i ù gtnodalL Città.

cupe felue, e cauernofi m o n t i abbandonando i figli, e l e

ricchezze Ebbe i l Gouernatore auuifo d i v n sì r u i n o f o

f e o n c e r t o , e r i d o t t o a tante llrettezze r i p o f e la fua faluez-

za nel folo valore del f u o braccio Si trouaua egli an-

cora affilHto da fettanta h u o m i n i , Con i quali fe animofa^

fronte a g l iauuerfari, che nell'ilteffa notte tentarono la_

f e c o n d a v o l t a l ' i n g r e f f od i q u e l l a p o r t a M a fapendo che

i l P a l a z z o r e g g i o , i n c u i fi c u l t o d i u a n o l e m o n i z i o n i , era^

rimarlo i n abbandono, corfe fubito a difenderlo , fe b e n e

già folo a c c o m p a g n a t o da A n t o n i o f u o figliuolo, dal Ca-

pitano Lorenzo Correa d i B r i t t o , dall'Auditor Generale^

Pietro C a f c h e i r o , e da d o d i c i animofi foldati ben degni

di particolar m e m o r i a Schiaritoli i lg i o r n o , f o r p r e f e

grandemente g T O l a n d e f i , la n o u i t à diuifando i n filen-

zio la Città,fenza ftrepito l e caife>e f e n z a g è t e l e muraglie.

H Z M a
6 o r D E L L E G V E K R E

A n n o i 624, àuuedutifi prefto del calamitofo flato d i quella, star-

vìe» prefa dargli carono i lr citante della fanteria l o r o , e liberamente en-

OUndefi. rrarono dentro delle porte , faccheggiando le cafe, pro-

fanando le C h i e f e , ed v f a n d o contro le fagre I m m a g i n i

ó g n i p i ù facrilega barbarie M a n o n p u n t o affidandoli al-

l i v a r i a c c i d e n t i d e l l a g u e r r a >c a r i c a r o n o per t o t a l m e n t e

alficurarfi della prefa, c o n tutto i l groffo della foldatefca,

f o p r a le cafe, oue i lG o u e r n a t o r e con i fuoi p o c h i compa-

g n i fi r i t r o u a u a a l l o g g i a t o . I quali or c o n i tiri d e g l i ar-

c a b u g i , or cori le fpade alla m a n o , f e c e r o v n a d i f e f a sì v a -

l o r o f a , che n o n v o l e n d o g l i aggrelfori p i ù azzardarli ac 1

inutili pericoli, alfeftarono i lcannone v e r f o le m u r a g l i e ,

e fecero d i r a i M e r ì d o z z a , che tra la m o r t e , o la refa noi J

gli dauano alcun m e z z o A u e à egli g i à v a n a m e n t e pr

fiffoli, c h e p e r c o l o r i r i d i f e t t i c o m m e r l i n e l P v f f i z i od i ac-

curato , e vigilante C a p i t a n o , n o n v'era altro r i m e d i o ,


chefar'iri quelle flrettezze g l i v i r i m i sforzi d i p r - ^ ~ , e va-

l o r o f o foldato . O n d e r i f i u t a n d o o g n i p a r t i t o >z i i m

valmfà rìfola* temente i f u o i ad acquiltarfi m a r c h e eterne di g j - r i . f er


zìoHè dèi Gouer* m e z z o d i v n à x o r a g g i o f a m o r t e E c o n temerr o \-à :

natoré nàndm* ^ slàncio contro gran n u m e r o de g l i auuerfari, che 6 ^ _ e-

Cupauano v n c o r r i d o r e , facendogli egli folo rincular tut-

ti à collo d i m o l t o f a n g u è * che verfaua dalle ferite L o

f g r i d a ù a n o i c o m p a g n i , che n o n profonde/Te i n u t i l m e n -

te là v i t a , e g l i ilelli i n i m i c i ilupiti della d i l u i braura g l i

ólferiuano orìoreuoli c o n d i z i o n i * G l i diede i l f u r o r cam-

p o à f e n t i r é P v n e , e l ' a l t r e v o c i , e fi a r r e f e a l l a promelfa

J ? u
rr • > che p o i dal Generale Olandefe n o n g l i f i

Iraic 1
tr» e d e l t à m a n t e n u t a , f a c e n d o l o a r r e l l a r p r i g i o -

Mci.ìii n « n a u e A m m i r a g l i a l m p o f T e f f a t i f i g l i O l a n d e f i
r

..l^yl arricchitili d i prezioll fpogli,ognilegno,che

ignorante del fuccelfo capitaua i n quel Porto,cadeua nelle

loro m a n i D o d i c i Vàfcelli incontrarono f u b i t o quello i n -

fortunio Peruenne i n tanto alla Baia i l G e n e r a l e Vandort,

che a caufa della tempeita abbiam lafciato feparato dall'ar-

( P i a n t a l ) mata,
* B E L B R A S I L E j P A R T E L L i b . i l 6 ^

m^ta., e come che venhTe dellinato al gouerno della Città, ^ ° *


nn l62 1

n e p r e f e con follecitudine i l poffeffo^ procurando c o r u

o g n i diligenza d i validamente fortificarla c o n quella m i -

.litar prudenza, che g i à i n altre oecafioni g l i auea acqui-

ftato l u o g o n o n inferiore tra i p M f a m o f i Capitani della.

Fiandra M a f u sì g r a n d e l a ficw^&za d e l P v n o , e d elPal-

tro Comandante, d i che la Spagna n o n folfe per follecita-

'•mente a c c u d i r e ali emergenze del Brafile, che i l General

Villechens con b u o n a parte dell'armata f p i e g ò le vele per U VìlUcbcns ri-

Olanda, lafciando al g o u e r n o del m a r e l ' A m m i r a g l i o t o r n a t n a n a %

Petrid.

Erano i n tanto incredibili le fciagure, che i Portoghe-

fi f u g g i t i d a l l a C i t t à p a t i u a n o per i b o f c h i , e per le f e l u e .

L e ricchezze p e r d u t e , le f a m i g l i e abbandonate, e l'onore Confideraziomde

anerito erano i m o t i u f p i ù prelfanti del lor p i ù v i u o cordo- ì Portoghefi f u g

g W ^ d a u a n g l i a f l k i f o r t i f t i m o l i Si t e n t a r difolleuar la. & U i a l l


*f< »*
1

lor-efépreflà, ed abbattuta f o r t u n a . A p e r t o d u n q u e i l plic-

co l e g g i o , irrrjui è fnlito nella mancanza d i v n Gouerna-

tore venir'eletto vn'altro , arcuarono elfere dellinato a^

quél c o m a n d o M a t t i a d i Albucherche,che attualmete go-

uernaua i l Pernambuco. E c o m e queltcTdilla cento e v e n t i

leghe dalla Baìa,efigeua lo fiato delle cofe,che i n quel me-

t r e fi a d o l f a l f e a d v n ' a l t r o i l p e f o d i a f f a r i c o t a n t o difperatij

e cosìpér c o m m u n parere ne f u elettoGouernatore i l Vef-

couo M o n f i g n o r e Texeira M a n o n p u o i f a c i l m e n t e d i r - Eleggono per i . 0

fi q u a n t o h r i o f ì f p i r i n e n t r a l T e r o n e l c u o r e d i q u e l P r e l a t o . r o
Comandante

Cangiati p r i m a g l i abiti Pontifici) ne i penitenti per f a r e %


<fa ([° ° s
U d e l U

publiche fuppliche a D i o , e p o i ne i m i l i t a r i , cinfe la fpa-

da e g u a l m e n t e i n d i f e f a d e l l a R e l i g i o n e , e della patria- <

Era feruentilfimol'ardore c o n cui inceffantemente anima-

ua tutti a c o m b a t t e r e p e r la r i p u t a z i o n e p e r d u t a , ' e p e r la-

fede conculcata C o n viue ragioni ricordaua loro le pro-

dezze da i l o r m a g g i o r i operate Contro gl'inimici delia-

Religione Cattolica , de i quali con m i n o r n u m e r o d i gen-

te d i s / e c e r o f p e l f e v o l t e e f e r c i t i i n n u m e r a b i l L N m com-
p i r -
6 s B E L L E G U E R R E

p o r f i g l i e f ù r c i t i , g l i d i c e u a , ^ / / t f / a numero de i f o l d a t i >

Gli efovta a cara* delvalore , e f o r t e z z a de g l i animi Onde punto non jgo+

battere * mentatifidalle v a n t a g g i o f e f o r z ^ e degli auuerfari,fcancellaf->

f e r o con proue d'inuincibile coraggio le macchie contratta m

d'ignominiofa codardia. Inalzata nel f u o llendardo l'info

gna della C r o c e , adun^ v n b a t t a g l i o n e ^ m i l l e ducento

f a n t i , c o n i quali v e n n e ad accamparli nel R i o V e r m i g l i o

v n a lega difcoltodalla C i t t à , c o n noue pezzi d i c a n n o n e /

e d alcuni petrieri ritrouati i n vna n a u e , che per fua buo-

na forte l iliberò dalle m a n i dell'inimici^, veleggiando «

per v n o d i quei f i u m i fin'all'vltirna punta d i quel Porto

w .A l u i d u n q u e fortificatili i Portoglieli incominciarono


òtJoritfletti* * e ,.
1
r r - v - n • i t ^ - v
Jiringono gli ò - a
t e n e r t a n t o a f r e n o g l i a u u e r i a r i , e si r i i t r e t t i n e i i a C i t t a >

hndefi. cheprelto fi v i d d e r o quelli palpare d a i f e l f e r e d i vincitori

a quello d i alfediati Sorti i l Gouernatore •v andort a r i c o -


r
)

nofeere l i quartieri de i Portoghefi , e cadendoli fctto i f \

cauallo, corfe i lCapitano Francefco d i Padiglia ^p*ì>tita-

m e n t e ad inuellirlo, e d o p o breue combattimento cfy-po a

P"m tomfo ìlGe» corpo, g i f t r o n c ò la tella, e d i n ella i l p r i n c i p a l follegno


mrale Vandort è <j • < j u e l ] a guerra G l i fucceffe nel c o n f a n d o , e nella ore-

uità d f tenerlo i lC o l o n n e l l o A l a r d o Sciotens, ancor elfo

vecifo d i mofehettata, nel d i cui l u o g o fubentrQ G u g l i e l -

m o f u o f r a t e l l o , h u o m o d i poca fufficienza per i l m a n e g -

g i o delle a r m i > M a n o n perdeuano g i à i Portoghefi occa-

sione veruna d i m o l r r a r f i a n i m o f i , e d a r d i t i a<glT n e m i c i *


V a r i f u r o n o g l ' i n c o n t r i ne i quali f e m p r e r i m a f e r o
3 vitto-

riofi A n t o n i o d i Morales coraggiofo Capitano Venuto

da P e r n a m b u c o c o n V n a c o m p a g n i a d i fanti a p r o p r i e fpe-

f e , tagliò a pezzi v n a truppa Olandefe v i c i n o alle m u r a -

glie C o n Piltelfa f o r t u n a guadagnato i l Forte d i Tapa-

gippe i m p r i g i o n ò i l d i l u iC o m a n d a n t e , ed imbattendofi

c o n alcune m a n i c h e de g l i auuerfari, le m a n d ò tutte a fil

d i fpada I n quella guifa incominciauano ad acquiftaij

fi r i p u t a z i o n e l e a r m i C a t t o l i c h e nella Baia. M a non-era*

n o - l o r o m e n p r o f p e r i n e l m a r e g l i a u u e n i m e n t v Con-»'

u m o l -
D E L B R A S I LE* P A R T E L Lib. I I 6 ^

molte lande cariche di fanteria t e n t ò l ' A m m i r a g l i o Pecrid A l


™ ° ' 6^4-

impadronirfi delPlfola d i Taparica limata nel m a r i t t i m o

feno della fertilifllma c a m p a g n a del C a r n a m i , dicciottor

leghe difcolta dalla Città M a da ^ m b e d u e P i m p r e l e f i r i -

tiVò f e m p r e c o n p e r d i t a d i g e n t e ,./e d i c r e d i t o , l a f c i a n d o 1

Portoghefi con riputazione nellp^pazio de i trp m e l i , che

M o n f i g n o r e T e x e i r a loilenne quel g o u e r n o Parue p e r ò

^ M a t t i a di A l b u c h e r c h e tuttauia affiliente i n P e r n a m b u c o

di fgrauarlo dal m a n e g g i o , ed efercizio delle a r m i , ad ef-

fetto, c h e p i ù # l p e d i t a m e n t e poteffe accudire a g l i afìàri

della fua C h i e f a , pericolando i n quella guerra n o n meri-,

•lo Stato , c h e la F e d e ; p o i c h é n o n trafcurauano g l i O l a n -

defi di a d o p r a r ' o g n i m e z z o per tirar al lor partito , e reli-

g i o n e m o l t i d i quei paefani, c o l l o f f e n r g l i i l pacifico go-

d i m e n t o de i loro berti, d a n d o g l i di ciò paffaporti fottto-

lcritti dalPrincipe
f
d i Oranges La-onde f u foilituito i n ,
l u o g o d e l V e f c o u o a g o u e r n a r le m i l i z i e Francefco M a r i - a r m t %

no o^jEzza h u o m o affai qualificato

Peruenne i n t a n t g j n Europa b nuoua duella p e r d i t a -

delia Baia,e f u grande la turbazione , che causò nell ani-

m o del R e Cattolico ; i l quale ben fiauffidde effere quello

il f r u t t o , cjie la M o n a r c h i a r a c c o g l i e u a dalla n u o u a rottu-

ra con Olanda tanto i n c o i a t a g l i dal C o n t e D u c a I I C o n -

figlio d i Stato d i P o r t o g a l l o , che apreffo di lui rifiedeua.

in M a d r f d , fi l l u d i ò d i c a l d a m e n t e r a p p r p f e n t a r g l i la m i -
n a t r o p p o c e r t e , r\\f> lo r o r l n r i r l i q u e l l a P i a z z a minaccia-

ua a t u t t o i l B r a f i l e R i f u l t a r , g l i diceua in non minor d i f ^ f m


^ C
p C o t t
'

capto d e l f u o I m p e r o , che d i f e r e dito delle f u e armi i l dijjì- gu


a Q %
0
°*

mular d'auant aggio tentatiuosì ardito di quei rebelli <vajfal-

ti , i quali non contenti dell'immenfi acquijli g i à f a t t i foprcu»

i f u o i Stati nell A f a , f erano ancora inoltrati a procurarne

de g l i altri nel nuouo mondo Dipendere dal più f o l l e cito ap-

parecchio di una potente armata i l total rimedio di u n tanto

. t o a ì e >* altrimente r i n f o r z ^ a t i f eglino colà con nuoui, c p. «* uà-

v h d i f o f c o r f i , f a r e b b o n f i qmui annidati di m a n i e r a , * checca


5 A D E L L E G U E R R E

1614 , terrebbe f e n z ^ a dubbio alla Spagna piangere nelt A m e r i c a n i

quelle fi e f f e mi f e r e c a t a f i r o f e già deplorate nella F i a n d r a ^ i

Poter bene la A l a e j r à f u a comprometter f i dalli Portoghefi,

che in q u e f i a oc c a f o n e , ^ome loro tanto p r o p r i a , auejferofa-

g r i f i c a t e le p e r f o n e , e le f o f i a n z ^ e , quando da lei <venijfero ri-

g u a r d a t i cori f p e ci ali m o f i r e di filmale d i onore, f o l ke a rif-

a g l i are in q u e f i a nazioneprouefingolari di %
coraggio, e f e -

deltà . V a r i f u r o n o i d i f c o r f i , i p r o g n o l t i c i , ed i pareri ity

quella C o r t e I C o n f i g l i e r i di m e n t e fana, ed incorrotta-

altamente p r e m e u a n o , douer preferirli ad x


ogni altro af-

fare l ' o p p o r t u n o foccorfo dei Brafile N e l l ' a n i m o p e r ò

f s ^ B m l ^ ^ " C o n t e D u c a p e f a u a l'inclinazione contraria, n e g l i

m a n c a u a n o p r e t e l h , o diuerfioni per r a g g i r a r la v o l o n t à

del R e a fua voglia. M a c o m e egli ne i p r i m i palli della.,

f u a p r i u a n z a auelfe fatto affumere allolteffo R e i l gloriofo

n o m e d i G r a n d e , proteftandofi di voler farlo i l m a £ g i o r H

P r i n c i p e d e l l a t e r r a , fi t r o u a u a n e l l ' i m p e g n o , c h e ^ f e a z i o -

n i d i f u a M a e f t à fi a d a t t a l f e r o g i n ( l a m e n t e a l l ' eccellenza,

d i quel nofne, che n è i Scipioni,nè g i i A n i b a l i , n è i Cefari,

n è i T r a i a n i , o Seueri, che f u r o n o i m a g g i o r i conquiìla-

tori d i P r o u n i c i e ,*ofarono di afcriuerfi L a o n d e veden-

do ora n o n fenza fuo f c o r n o minacciar per tanje parti la-

c a d u t a d i q u e l l a M o n a r c h i a , v e n i u a dalla v e e m e n te fua-

natura f o r t e m e n t e agitato a mettere con p o d e r o f a m a n o

g l i argini all'impetuofo corfo di tanti i n i m i c i T per d i m o -


ftrare a l m o n d o a u e r ' e g l i m i f n p p m r l i r ^ f i anco la g r a n -

dezza d i q u e l t i t o l o affai i n f e r i o r e al m e r i t o del f u o M o n a r -

Vtocutà il rtaé* c a . Q u m d i è che per r i p a r a r i danni,e le p e r d i t e delBrafile,

quijlo della Bah rifoluè d i fpedir colà formidabil' armata comporta d i due

reali fquadre a carico d i due Generali Portoghefe , e Spa-

g n u o l o .*E p e r m a g g i o r m e n t e far vedere alli Portoglieli

q u a n t o a l u i p r e m e f f e la co f e r u a z i c n e del Brafile fu >piic J r

i l R e a fcriuere d i proprio 1
p u g n o a m o l t i SÌgnori,e G r a n d i

d i q u e l R e g n o , e f o r t a d o l i c o n le p i ù alte r i m o l t r a n z e d i l a -

niale d i ^ m o r e al p r o t o riacqiufto di quella perduta Piazza r

M a | j
D E L B R A S I L E P A R T E I U h . I I 6 5

Ma già al primo auuifo della perdita della Baia, a uea- ° '


Ami l6l}f

rio l i G o u e r n a t o r i d i Portogallo y che i n quel t e m p o erano

j j i e g o d i Silua C o n t e d i Portalegre, e D i e g o d i Caltro

Conte d i Ballo , follecitamente inuiato alcuni fbccorli al-

l'altre Piazze, e P r o u i n c i e del B r a f i l e , le quali f i temeua,

folfero anco inuafe da gliOlandefi.Onde al R i o d i Gianne-

r o mandarono c o n m o l t a gente,e m o n i z i o n i d i guerra Sal-

ù a t o r Correa d i Sa, quello, che n e l l ' A m e r i c a , n e l l ' A f r i c a ,

ed i n Europa f ia c q u i l t ò p o i i l n o m e d i v n o de i più prude-

ti Capitani del f u o t e m p o A foccorrere la Prouincia d i

P e r n a m b u c o f u fpedito c o n vn'altra fquadra d i naui Fran-

cefco d i M o u r a dellinato g i à dal R e F i l i p p o per Gouerna-

t o r e , e Capitano Generale della Baia N è tralafciarono d i

accudire ancora al R e g n o d i A n g o l a , gloriofa conquilla-

d i Portogallo, limato nell'inferiore Etiopia E n o n f u 111


vano quefta precauzione 5 i m p e r o c h e vedendo g i i O l a n -

defi , che fe bene i Portoghefi erano Signori della campa-


gna della Baia, n o n aueano p e r ò forze valeuoli per attac-

care la C i t t à , n o n v o l l e r o tener colà i n ozio tanta p a r t e

dell'armata l o r o , dandofi fermamente a credere, che i n -

* yolta la Spagna fra tante d i u e r f i o n i , ed i m b a r a z z i , aureb-

be fenza d u b b i o trafeurato i l foccorrere conquiile tanto

remote >e p e r c i ò f p r o n a t i d a l l ' a m b i z i o n e intraprefero i n

altre Prouincie n u o u i acquilli L ' A m m i r a g l i o Petrid c o n u d i A n ^

v n a forte fquadra d i v a f c e l l i fi p o r t ò f o p r a l a C i t t à d i L o - gò . !
' ..af ^M*

anda Capitale d i tutto i l R e g n o d i A n g o l a , collocata i r u ' --Maglio

fei gradi del Z u r , affinchè n o n riufcendogli d i occuparla,

potelfe almeno introdurre i n quelle parti i l c o m m e r c i o

dell* evirazione de i n e g r i , fenza i l minillero de i quali

n o n pòflono nel Brafile m a n t e n e r l i le laboriofe f a b r i c h e

di zucchero M a d a l l ' v n o , e dall' altro tentati uo lo cof-

trinfe a retrocedere Ferdinando d i Soufa Gouernatore, e Ferdinando di

Capitano Generale d i quel Stato Perilche a u e n d o i lPe- Soufa h ributta*

trid inutilmente confumato i n quei m a r i m o l t o t e m p o , e

perduta gran parte della fua g e n t e , fodisfatto c o n la fola-

pre-
6 6 B E L L E G V E R R E

A n n o i 6%q* preda'di alcuni l e g n i mercantili,, fece n u o u a m e n t e v e L

v e r f o la B a i a l u i m e d i t a n d o altra i m p r e f a , i n cui g l i foi

fe p i ù propizia la fortuna , f a r p ò d i n u o u o le ancore con,

m o l t e n a u i , e d i n d i r i z z ò le prore f o p r a l a Prouincia delle


1 m a
^ è l é £
ì't<à Spirito Santo c o n a n i m o d m u a d e r e la Città V i t t o r i a , lai

quale da v n a m o l t o i n f i g n e riportata i n quel l u o g o d a i

Portoglieli contro i Barbari prefe quello n o m e , ed i n altu-

ra d i v e n t i g r a d i reila lituata ai Z u r della Baia . Gouerna-

ua quella Piazza Francefco d i À g h l a r C o u t i g n o , i l quale_>

fe bene n o n p o t è i m p e d i r e a g l ' i n i m i c i io sbarco, l i ribat-

tè n u l i a d i m e n o con g r a n braura nei f u r l o f o aflalto , c h e

diedero alla m u r a g l i a , n o n eflendo m e n valorofa la dife-

falche per lo fpazio d i alcuni g i o r n i egli fece i n quell'alfe-

d i o . O n d e fdegnato i l P e t n d delia fortunale f o m m a m e n -

te a r r o f l l t o d e l l o f c h e r z o q u i u l f a t t o g l i d a q u e l l a p e r ma-
n o d i v n a d o n n a P o r t o g h e f e , la quale lalua f o p r a la mura-

glia g l i g e t t ò f o p r a la teila v n caldaio d i acqua bollente-,


che c o n g r a n rifa de g l i afledia- t i ,e p a r i m e n t e de i f u o i i n

é l t r e m o l o m o l e f t ò , fi r i t i r ò f u b i t o a l l a r m a t a , ; p u ^ i r u

dirittura i lv i a g g i o v e r f o Olanda-

E r a n o i n tanto n o n m e n foliecitele dihjicwze , ' -

premuro!! l im o t i u i i n Spagna per l'apparecchio ae. e a-

m a t e , I Portoghefi prefero l ' i m p e g n o tanto a cuore, c h e

calando da tutte le parti del R e g n o la p r i m a r i a nobiltà

C o n t r i b u i r o n o sì l a r g a m e n t e c o n l ' a z i e n d a , c h e c o n poca-

fpefa dell'entrate R e g g i e , p o f e r o b r e u e m e n t e i n m a r e

a- >t ri<s - ventifei ben Corredati galeoni, i l c o m a n d o generale de i

Lisbona l'amata quali l ic o n l e g n o ad E m a n u e l e d i M e n e z e s Signore d i al-

/>*r ricuperar la t o n a f e i m e n t o , e d i egual fperienza Era f u o A m m i r a g l i o

fanetalTT> *t J
' r ; i
- :
* r : l
** ^lmeidaCaualiere m o l t o pratico delle guer-
zej é S :e b b e d e b i t o a t a n t i i l l u l l r i p e r f o n a g g i , che

iu quella <; fione s'imbarcarono, riferir qui i loro n o m i .

Balli p e r ò i l d i r e , che appena rellò f a m i g l i a cofpicua i r u


La fJtihiltà Porlo» -w il i • * * « « • 11 »
i h t f i pi iimbAté P
g o
° >r t o
p r i m o g e n i t i occupati ali ora
a l l d l
n e
C U 1 a n c o 1

c^i « i p r i m i p o l l i , n o n fi a l l i f t a f l e r o p e r foldati D i e d e Pefem-

(8) Pianta* pio


B E L B R A S I L E P A R T E I U h . I I 6 7

pio a tutti A l f b n f b d i N o r o g n a , che carico d i anni , A r m o l 6 z


^

e d i meriti- dopo d i eflere flato Capitano Generale d e l i e

m i g l i o r i Piazze d e l l ' A f r i c a , e V i c e - R e eziandio dell' I n -

dia , c a n g i ò i l barione per la picca A n c o nelle p e r f o n e

d i m i n o r condizione f u eguale la c o m p e t e n z a , e l'ardore.

D e g n o è d i m e m o r i a i l giovanetto A l f o n f o di-Camigna-,

i] quale vedendo alliltarfi i lp r o p r i o Padre p r ò u e t t o , e va-

t o r o f o f i abbracciò Grettamente con i r o l l i , facendo viua ^ ' ^ ^ ^

iftanza dieflergli preferito, e l'ottenne Si d e c i d e u a n o iwbJcarji.

c o n la fortè'de i dadi le g a r e , che tra l ifratelli i n f o r g e u a -

noper l'imbarco I n f o m m a f ir i n o u ò la m e m o r i a d i quel-

la tanto f a m o f a , quanto infelice fpedizione, che dall'iltef-

f o Porto d i L i s b o n a f ifece per la c o n q u i f t a d'Inghilterra-

in t e m p o del R e Filippo Secondo con n o n m i n o r difpen-

^ q > e d ardore, de i P o f t Q g h e f i .

t Si preparaua fimilmente i n Cadice Parmata Caltiglia-

na per venir'a c o n g i o n g e r l ii n Lisbona.alla P o r t o g h e f e » -


_ r
. . •1 j • 1 • 1 T ^ - ^ * J • «-r 1 J Federico di Tote-
Era;appoggiato i ld i lei comando a Federico d i T o l e d o d o„ G e e r a l e ^
Marchefe d i Valdue^za Capitano d i chiarirCma m e m o - armata Cajfiglia

ria 5 i l quale b e n c h é auefle auto i l p r i m o ordine d i do- w £


- >

uerfi trouar pronto a partire infiemc col Menezes alli 20.

d i Àgofto^fi differì nulla d i m e n o tanto la d i l u i fpedizione,

che f p i e g ò le vele da Cadice ne 1quattordici d i Gennaro

del feguente anno A u e n d o anco v n grande A i l r o l o g o d i

quel tempo detto al Conte D u c a , che temeua trouafle la-

L u n a d i Gennaro fuori del Porto quell'armata ; a cui egli

rifpbfe, che più temeua, che la ritrouaife dentro ; imitan-

d o i n c i ò la p r u d e n t e rifpoftadatagiada Grano ad v n al-

tro Giudiziario, i l quale g l i diffe, che n o n daffe alli Parti

la battaglia, finche la L u n a paffato n o n aueffe i l j e g n o d i

Scorpione Alch'egli replicò, che n o n temeua g l i Scor-

pioni , ma i fagittari, alludendo alle a r m i , che adoprano

g l i iteffi Parti Era già l'armata Portoghefe impaziente*

di sìgKin d i m o r a partita da Lisbona , e tanto inoltratali,

che da vn'ordine del R e Filippo f u trattenuta i n Capo Ver-

I 2 d e ,
63 B E L L E G V E R R E •

A n n o i6%$* ^c o n u e n e n d o g l l quiui afpettare cinquanta due giorni,

c o n gran perdita d i gente a caufa della nociua intempe-

rie d i quei c l i m a . O u e a n c o i n v n a d i q u e l l e f e c c h e infe-

l i c e m e n t e n a u f r a g ò i lG a l e o n e del C o l o n n e l l o Francefco

M o n ì s Barretta c o n gran parte della fua g e n t e , cheget*

colli precipitofamente all'acqua., fidando p i ù t o l t o l a vita

all'onde fallaci, che allo fdrufcito vafcello. Compari fi-

nalmente l'armata Cafliglianaalli fei d i Febraro, la qual£

c o n le fquadre d i Bifcaìa, e d e l l e Q u a t t r o V i l l e fi c o m p o -
>! oongtQtigùfìù le"
neua d i trent'otto vafcelli - R e g e u a i lp o l l o d i A m m i r a -
duè armate
^ glio G i o : Faxardo, d i M a l l r o d i C a m p o Generale Pietro

RodriguesSan Stefano M a r c h e f e d i C r o p a n i , di Colon-

nelli Pietra O f o r i o , e G i o r d ' O r e g l i a n a , ed'vn .Reggi»


!

m e n t o Napoletano Carlo Caraccioli M a r c h e f e d i Torre*

cufo D e l l a fquadra d i Bifcaìa era Generale M a r t i n o ék

Valefiglia, e d i quella delle Quattro V i l l e Francefco d?

Azeuedo,tutte g u e r n i t e d i m o l t o b r a u i , e d e l p e r t i Capita-

ni Incorporateli le due armate, f o r a r o n o alli vndecrdi,

Febraro da Capo V e r d e , e alli venr'otto d i M a r z o diede-

Ammn* alltu, Y Q felicemente f o n d o nella Baia - Eràfi g i à t r a s f e r i t o al

c a m p o de i Portoghefi i lGouernatore Francefco d i Mou*

r a , che dalle m a n i del M a r i n o auea p r e f o i lC o m a n d o del-

l a C i t t à > e f u sì g r a n d e i l b r i o , c h e i f u o i f o l d a t i riceuette*

t e r o a v i l l a d i v n sì p o d e r o f o , e d o p p o r t u n o f o c c o r f o , c h e

trafportati da i m p r u d e n t e valore , tentarono -fenza mili-

tar difciplina l'aflaltoalla m u r a g l i a , d o n d e peròfiirono

prello ributtati con m o l t o d a n n o Si t r o u a u a n o d i prefi-


Stat* dèlia città, d i o i n quella Piazza tre m i l a h u o m i n i d i diuerfe Nazioni,

o l t r e g;ran n u m e r o d i Etiopi N e l p o r t o erano folo dieci

naui d i g u e r r a , e diciotto m e r c a n t i l i , fapeali però da au-

uifi c e r t i , elfer p r o n t o i n O l a n d a v n p o d e r o f o f o c c o r f o da

i n u i a r f i c o n o g n i f o l l e c i t u d i n ea q u e l l a Piazza. M a pene-

trando g i à le due armate i n f o r m a d i battaglia i l fenodej^

l a B a i a , s b a r c a r o n o i d u e f u p r e m i G e n e r a l i a t e r r a (Hm do-

d e c i m i l a fanti. Erano nella Città alcune fortificazioni!

prin*
D E L B R A S I L E P A R T E I . U h . I I 6 9

principali ridotte a be regolata f o r m a . Per difefa delle due A n n o


1t i 5

p o r t e fi v e d e a n o i n a l z a t i q u a t t r o ben intefi baluardi. L ' i n -

greflo d i quella d i San Benedetto veniua tagliato per d u e

p a r t i , e nell'interiore era c i n t o da vna rinforzata trincera.

N e l l a T o r r e della Catedrale, oue fuentolaua lo Stendardo

della Republica, e nelle finellre del C o l l e g i o de'Giefuiti

e r a a l f e l l a t a m o l t a a r t i g l i e r i a , fi c o m e n e l l e t r e F o r t e z z e » , s } . .

che d o m i n a n o i l m a r e a caualiere R i c o n o f c i u t a in-, a w l ^ l " ™ ^

q u e l l a d i f p o f i z i o n e l a P i a z z a , fi a c c a m p a r o n o i R e g g i j i i u

tre allogiamenti
A p r i u a n o g i à i G u a l l a t o r i le trincere per attaccarfi da

i Cattolici l a f l e d i o alla Città 5 m a eflendo quello i l p r i m o

giorno dello sbarco, fi ritrouaua i n n o n poco imbarazzo

il loro c a m p o 11 c h e f a c i l m e n t e conofciutofi dalla Piaz-

z a , f o r t i c o p e r t a m e n t e i l C a p i t a n o G i o : Q u i f h u o m o v a i o - Coraggio/a r\p>*
n
r
n j • /• 1 j r~~* j ^ luztone a vn Ca.
rofilfimo con v n grotto corpo d i loldateica, auendo rotto i „4 f . ì u n o 0 a e e

le pareti interiori d i vna llrada, e diuifofi i n due t r u p p e »


Caricò con i V n a , /oprale t r i n c i ere, e c o n l'altra i n u e l l ì al-

cuni de i R e g g i j , che d i f p e r f i fi r i t i r a u a n o a i l o r quartieri.

E r a la m a g g i o r parte d i q u e l l i d e l R e g g i m e n t o dei C o l o n -

nello O f o r i o , i l quale accudendo con gran prontezza a-

foccorrerli , s ' i m p e g n ò tanto nel conflitto, che trapaflato l o n * t J / ^ ^

d i palla d i mofehetto p e r d è con dolore d i tutti la v i t a , si

c o m e i C a p i t a n i Pietro d i San Stefano N i p o t e d e l M a r c h e -

fe di C r o p a n i , A l f o n f o d i A g a n a , e D i e g o d i Spinofa tut-

ti Spagnuoli d i illuftre fangue, oltre de i quali v i r e A ò v n

gran n u m e r o d i m o r t i , e d i feriti, imperoche tanto f u Par-

dore del Q u i f , c h e a r r i u ò fino agli alloggiamenti delPe-

fercito, riempendo tutto d i fangue, e c o n f r >i<- 1 **, e d ani-

m a n d o b r a u a m e n t e i f u o i ad vn'intiera vl o : r :
lor

contrari . Correua già i l M a r c h e f e d i C

n i fquadroni a rintuzzar la gente del Q u ^

eflendo flato foccorfo , ficome penfaua , da*

prefe incontanente la f u g a , n o n volendo azzardai -

tro più pericolofo c i m e n t o . Irritato da quello fuccelio i l


Gene-
7 o B E L L E G V E R R E
A n n o t 6% 5
Generale T o l e d o , d e t e r m i n ò d i d a r f u b i t o alla Piazza v n

generalaflalto y i m p e g n a n d o tutte le fue f o r z e contro i tré

polli p i ù deboli della m e d e f i m a M a r i t r o u a n d o ineffi

più f o r t i , e vigilanti g l i affediati, g l iconuenne continuar

l e t r i n c e r e , e c a m i n a r per v i a d approcci L a o n d e fi i n -

c o m i n c i ò la batteria c o n trenta fette pezzi d i cannone, i

quali d i r o c c a n d o grandemente la m u r a g l i a , fmontauano

l'artiglieria contraria, e la rendeano allatto inutile a ma-

neggiarli . »

N o n tralafciauano p e r ò g l i attediati d i far'ogni foller

Gli a/Iediaeì ten< cito tentatiuo per la loro p i ù valida difefa, dando i n que-

tano dt brugiar flafledio n o n v o l g a r i m o r i r e d i c o r a g g i o , e difciplina- ;

/ armata a i m p r e n d e n d o c o n Pindultria c i ò che n o n poteano cbn

le forze^tentarono d'incendiare nell'ore p i ù ofcure della-

notte Con alcuni burlotti i p i ù potenti vafcelli dell' arma-,

t a , al quale fouraftante danno o u u i ò Tindefefla vigilanza-

d e l l ' A m m i r a g l i o Faxardo refiato i n mare al g o u e r n o del-


le flotte Facea quello Pisforzo m a g g i o r e c o n t r o i l p p r t o

battendo inceffantemente le naui O l a n d e f i c o n p i ù itrepi-

to p e r ò , che n o c u m e n t o ; M a ritirandoli l'iftefle quanto f u

l o r o poflibile fotto le Fortezze, per ripararli dalla parte-

dei m a r e 5 fi e f p o f e r o c o n m a g g i o r loro pericolo al can-

il Getterai Me- none d i terra . O n d e piantando i lGeneral M e n e z e s d u e -

aezetaffondala a i r e batterie d i fedici pezzi, affondò i n breue t e m p o quafi


t

naui Olandefi * i n / T * *r 111 1 > *•


tutte le lteiie n a u i c o n v c c i l i o n e della g e n t e , c h e v era d i

prefidio Si ftringeua intanto f o r t e m e n t e l'attedio del-

la C i t t à , e da i C a u a l i e r i P o r t o g h e f i a u i d i naturalmente d i

g l o r i a fi c o m b a t t e u a c o n g r a n b r a u r a , c o r r e n d o c o l f o l o t i -

tolo d i v e n t u r i e r i a tutti i polli p i ù pericolofi. N o n era-

inferiore Pardore dell'altre due nazioni G l i S p a g n u o l i

g r a n d e m e n t e fi f e g n a l a u a n o n e l l ' i n t r e p i d e z z a , c o n che-

Valore d'vn fai* C o m b a t t e u a n o f u


gl'approcci M e r i t a fpecial m e m o r i a -
m o Aragoneft. v n
f i d a t o Aragonese chiamato G i o : V i d a l e , i l quale-

m o n t a n d o fopra v n fortino , oue era piantata v n a ban-

diera O l a n d e f e , cufìodita da v n a C o m p a g n i a d i

fan-
B E L B R A S I L E P A R T E L Lib. I I 7 1

fanti > la carpi per mezzo d'infinite palle, le quali gli ferui- Aano 1615

r o n o d i fefiiuo applaufo, c o n cui da i f u o i f u r i c e u t o , c .

poi largamente r i m u n e r a t o . A n c o i l R e g g i m e n t o N a p o -

letano accalorato dal brauo c o m a n d o dei M a r c h e f e di

T o r r e c u f o daua g r a n faggi di valor,e difciplina nell'eflfer-

fi e i a a u a n z a t o f o l o q u a r a n t a p a l l i l o n t a n o d a l l a p i a z z a ; E J l M a r
^ i e l

Ò x- r r r r<* ' r
" ^af<>rv
coma.
p e r c h e i n m e z z o g i i l i f r a p o n e u a n o certe r u m a t e cale aliai vnReggi . men

rnalageuoli, e neceflarie a guadagnarli , le c o n f e g u ì a . 1 1 - toNapoUtano

rnofamente i l Gouernatore M i c h e l e di Pontecoruo della-

ftefla nazione C r e f c e u a g i à ne g l i afiediati i l t i m o r e a n u -

furadella difperazione d e l f o c c o r l o , auendo i l G e n e i a l

Vandortfcrittoalle Prouincie V n i t e , che n o n era d V o p o

follecitar m o l t o la f e c o n d a a r m a t a , perche neli'acquifto

d i q u e l l a P i a z z a n o n fi e r a fpefo n è fangue , n è monizioni.

Sortirono n o n d i m e n o ottocento di loro ad i m p e d i r l'au-

uanzamento delle trincere ; m a oppoftofegli v n R e g g i -

m e n t o Portoghefe, f u r o n o quafi intieramente disfatti .

I n a f p r i t i i n tanto g l i afiediati della lentezza dei Gouerna- Gli ajjè diati/ifol


tore Sciotens, i l quale eflendo, c o m e già d i c e m m o , huo- l e u i n f
> contro ti

m o d i p o c a f p e r i e n z a m i l i t a r e , fi p o r t a u a i g n a u a , e negli- l u r u Q o u e r n M a r e

gentemente i n quel c o m a n d o , t u m u l t u a r o n o publica-

mente contro di l u i , e dandogli alcune ferite, lo depofe-

ro dal gouerno, furrogando in fuo luogo i l v a l o r o f o C a p i - F l e g g 9


"° t n
I U 9
c

tano Quii: i r o c u r o ali ora quello d i moflrar vna più lag-

già condotta nel follenimento di quell'Àfledio , animan-

do tutti con l'opere, e c o n le parole alla collante difefa-

della Città E p e r c h e g i à le flrettezze di quella grande-

m e n t e fi a u m e n t a u a n o e per la g r a n perdita di gente, c-

p e r l e m o l t e r u i n e d e l l e m u r a g l i e , fi s f o r z a u a a rimuouer'i

f i o i f o l d a t i da ogni mal configliato penfiero di arrender-

1 , c o l r i c o r d a r l o r o , C he non doueano in tal c a f of p e r a r l [ o f - E fata i/ u

: wuan&a d'alcun efibito partito dagli ajfedianti ; Imperoche à\f'f*

'<-a ancor f r e f c a la f e m p r e deplorabil memoria di tanti loro

nazionali, 1quali nella Città di H a r l e m r i d d e r ò f o p r a i

proprj colli le mannaie de i C a r n e f i c i , ejfendo all'ora m i m f i r o

d un
>r
7 z B E L L E G V E R R E

Anno i 6 i $ * s ) inaudito rigore v ri altro Generale T o l e d o , da cui

q u e f i o aurebbe fenz^a dubbio ereditato l'odio con i l nome , e la

crudeltà con i l f a n g u e Che per tanto o vinti , o refi morir

gli bifognaua ; onde farebbe meglio profondere gloriofament<u

la v i t a i n v n a v a l o r o f a d i f e f a , che f p a r g e r poi annerito il

f a n g u e dalle macchie d*vna re f a i g n o m i n i o f a , tra infiniti lu-

dibri della f u p e r b i a de i vincitori. C o s ì fi a d o p r a u a i l Q u i f >

per i n a n i m i r ! f u o i foldati, m a eflendo la m a g g i o r parte d i

quelli d i diuerfe n a z i o n i , che miiitauano per i lf o i d o , e-

n o n per i l credito, e d i n c o m i n c i a n d o g i à a p r o u a r e le d u -

re penalità dell'attedio, n o n voleuano cimentarli con gì -

v l t i m i pericoli de g l i aflalti, r i t r o u a n d o da per tutto fcufe

apparenti per colorir o g n i m e n ' aggiuftara r i f o l u z i o n e

L a o n d e i l i m a n d o i capi delle m i l i z i e , ed i M i n i f t r i del

C o n f i g l i o m e n pregiudiziale i lveder g l i approcci degli

attediami vicini alle m u r a g l i e , che g l i animi de i fal-

dati infiacchiti, e vacillanti dentro delle porte, nontar-

S7 tratta Mfa~* darono a fpedire alcuni Deputati a trattare delie capitola-

^ • zioni della refa, le quali d o p o varie conferenze f u r o n o

ftipulate c o n g r a n v a n t a g g i o delle a r m i Cattoliche . Si

obligarono g l i Olandefi a confegnar'a i R e g g i j i n quella-

fletta n o t t e v n a d e l l e p o r t e della Città, e d i iafciar tutta-

l'artiglieria, a r m i , bandiere, vafcelli, danaro, gioie,e-

f c h i a u i , c h e d e n t r o fi r i t r o u a t t e r o , fi c o m e d i n o n combat-

t e r e c o n t r o l a S p a g n a fin a t a n t o , c h e sbarcati n o n foflero

in O l a n d a I R e g g i j concetterò loro che i l G o u e r n a t o r e ,

M i n i f t r i , Vfflziali, e foidati poteflero v f c i r liberi c o n la-

fpada, e con la robba, che a ciafcuno fotte determinata-

C h e a tutti farebbero date naui fufficienti per i ll o r traf-

p o r t o i n A m f t e r d a m , c o n le p r o u i f i o n i neceflarie per t r o

m e f i , c mezzo d i viaggio Confegnata la p o r t a della Cit-

tà, v i pofero fubito i R e g g i j alcuna fanteria d i guarnigio-

ne, e nel feguente g i o r n o , che f u i lp r i m o d i M a g g i o , pre-

Èntrano ì Reg* * e r o
^ P o n
~ e n
° d i quella gran Piazza, e n t r a n d o u i i C o m a n -
gjf ridia Piazza danti c o n i p r i m a r i Signori dell'armata F u r o n o t r o u a t o

diciot-
D E L B R A S I L E P A R T E L Lib. I ! ? 3

diciotto bandiere, d u c e n t o , e fettanta pezzi d i c a n n o n e , A i m o 1 6 1


5

quantità i m m e n f a d a r m i , e m u n i z i o n i , e lo f p o g h o de i

denari, e delle d r o g h e f ii h m ò i n tre m i l l i o n i M o r i r o n o

oltre i feriti nelPaffedio p i ù d i trecento de i Cattolici, tra

quali Diego L u i g i d'Oliuera Caualiere Portoghefe m o l t o

qualificato /

^ D i f p o f t i p o i g l i affari p o l i t i c i d i q u e l l o Ittfto , i l di cui

'•gouerno reltò nuouamente appoggiato a Francefco d i

M o u r a , f i attefe a d a l l e n i r le a r m a t e per far v e l a v e r f o Spa- I l G e „ „ i a V t t ( i i

^gna. Quando a 1 ventidue d i M a g g i o c o m p a r ì l'armata- dìnov-me C«>L*

Olandefe n u m é r o f a d i trenta quattro vafcelli a carico del H ' " / ' * *** rm

Generale V u a l d i n o foldato d i conofeiuto valore ; i l quale a


f ( J u C ( j r r i r J

d'iuifo i n due f q u a d r e , e n t r ò arditamente per quella Barra;

, f f u si g r a n d e l a c o n f i d e n z a , c o n c h e i n d i r i z z o le prore*

'alla C i t t à , che f e m b r ò o d i voler feapneciarfi , o d i n o i b

fapere qual partito tenelfe quella Piazza A l l a comparla-


delP inimico ieuarono prontamente le ancore P a n n a t e

R e g g i e , m a ciò fecero c o n tanta confufione , e sbattuta

d a si r i g i d i f e i r o c c h i , c h e f e V u a l d i n o n o n a u e f f e Y o i a m e n -

teattefo a l l a vana* o r i e n t a z i o n e d e 1 f u o i l e g n i , aurebbe

forfi riportato fopra d i quelle qualche importante vantag-

gio M a conofeendofi egli inferiore d i forze al poter de ì

f u o i c o n t r a r i , e c h e p e r d u t a g i à l a C i t t à , era i n f r u t t u o f oi l

f u o i m p e g n o , m a c c h i n a n d o n e l P a n i m o altre i m p r e f i ^ ,

voltò le prore verfo i l mare , effendo fiato infeguito i n u - f l [o*^ '*~~'


r t
nZ

tilmente da i R e g g i j fin'all'imbrunir del g i o r n o Laonde

vedendo quelli, c h ' e g l i f c h i u a u a la b a t t a g l i a , che poco

i n n a n z i auea dimoftrato d i prefentargii , ritornarono a-

dar fondo nella Baia, donde a i tre d i A g o l l o fpiegarono

infaultamente le vele v e r f o Spagna

Era già i lRe Brittanico, come accennaflimo ; i n con-

formità della riabilita lega i n aperta rottura col Cattoli-

c o , e d auea i n u i a t o f o p r a C a d i c e vna f o r m i d a b i P armata- Armata inglifi

" d i p i ù d i cento vafcelli comandata dal Generale Lesde , i lL f f


P r a C a
^ { •

quale sbarcato a terra c o n dieci mila h u o m i n i , prefe i l


4
(1) Progetto. K Far-
B E L L E G V E R R E
7 *
Anno 16z j
F o r t e d e l P u n t a i , e fi f a r e b b e a n c o i m p a d r o n i t o d e l l a C i t -

ta, a n o n eflere bravamente ribattuto da F e r d i n a n d o .di

G l r o n C a u a l i e r e d i gran v a l o r e , e c o f t r e t t o a d i m b a r c a i

fenza far altra operazione d i rilieuo N o n g i i riufeendb

m e n vana la f o r p r e f a da l u i intentata de i galeoni dell'In-

die , i quali^brtunatamente entrarono i n quel Porto cari-

chi d ' i m m e f i f e ricchezze. Q u i n d i b r a m o f o i l General'-

I n g l e f e d ' i m p i e g a r l e f u e t a n t o p o d e r o f e f o r z e , r i u o i t ò P-

a n i m o c o n t r o 1 armate R e a l i , ch'ei fapeuafi afpettauanò

dal Brafile ; del qual difegno auuifati opporeunamente i

G e n e r a l i C a t t o l i c i v e l e g g i a r o n o , p e r s f u g g i r v n sì p e r i c o ^

lofo incontro i n altura d i trentacinque gradi appoggiati

alle colie d i Barbaria, r i f u l t a n d o da ciò la p i ù fiera ftrage

a i l o r o l e g n i , i m p e r o c h e i l danno, che fori! n o n gPaureb*

bero fatto gl'Inglefi patirono infelicemente da g i i ele-

Amate Cattali- m e n t Ì . Si f c a t e n ò dirai forte la furia de i venti i n quei

f e d
f f i " ^ d d
' m a r i , che tre Galeoni Spagnuoli f u r o n o i n v n tratto in-

goiati dall'onde A l t r i sfracaffati prefero i l Porto d i Ca-

dice , ed i l T o l e d o con p o c h i , auendo l u n g o t e m p o lot-

tato col f u r i b o n d o O c e a n o , fi f p i n f e n e l M e d i t e r r a n e o .

L'armata Portoghefe f u quafi interamente disfatta D u e

vafcelli reftarono ineuitabilmente p r e d a d i noue Olande-

fi L a C a p i t a n a accompagnata g i à folamente dall'Animi"

raglia delle Quattro Ville , che gouernaua G i o : d'Oregha-

na faldato d i m o l t o g r i d o , i m b a t t e n d o f i nell'Jfole degl'-

A l l o r i con tre vafcelli O l a n d e f i , v i attaccò v n affai fiero

conflitto M a f d r u f e i t o v n o d i efli dall' Oregliana f u dò-

lui p r e f o , ed abbordato Veniua egli dall'Ifola della M i -

na carico d i m o l t ' o r o , Zibetto , ed auorio > L a o n d e traf-

portati i vincitori dalla folita auidità militare abbandona-

rono i lp r o p r i o l e g n o , dandoli Ingordamente a faccheg-

giar l'auuerfario. M a o fofle perche g l i O l a n d e f i n o n vo-

l e l f e r o l a f c i a r l o r o g o d e r e d i v n sì r i c c h i f l i m o f p o g l i o , o u e ;

r o da alcun fortuito a u u e n i m e n t o , fi a t t a c c ò d i m a n i e r a

all'ifteflb vafcello i l f u o c o , che eflendo dal Spagnuolo af- '

ferra-
D E L B R A S I L E P A R T E L L i b . i l . 7 5

ferrato, f u ad ambedue irreparabile l'incendio. L ' À m m i - ^ n n 0

r a g l i o c o n la m a g g i o r parte della fua gente precipitando-

fi al mare, ed a i battelli m i f e r a m e n t e l ia n n e g ò . E così

( tanto incerti, e dubbio!! f o n o g l i euenti del m a r e ) e n t r ò

folo i l General Menezes nella Barra d i Lisbona , d a c u i a- // G


™ " ^ J " ' t

uea f p i e g a t o l e vele c o n ventifei galeoni M a da p i ù or- ^ £ ^ / g l ^ a


^

rendi temporali f u agitato Francefco d ' À l m e i d a A m m i r a - m u$Una

glio d i P o r t o g a l l o , c o n tutte le altre n a u i d e l l a fua confer-

ua. C o n llupore grande d i c h i lo fente d i u o r ò i l m a r e no-


r • r l i - 11 r • i - r - r i . f Moftruafo natt*
ue f o r t i v a i c e l i ! n e l l o l p a z i o d i l e i o r e , l e n z a c h e a r e n a i - j delie r a g i o nam

fero, o foffero fpinti i n alcun f c o g l i o , rcitando d i sì g r a r u Vartoghcfi.

numero d i perfone vnicamente faluo fra G i o : d i Silua del-

l'Ordine de i T r i n i t a r i , i l quale attaccato ad vna tauola-

galleggiò due g i o r n i continui fopra l'onde. L ' A m m i r a -

glia v n o de'più grandi vafcelli, che folcaffero all'ora l ' O -


ceano, flette fpeffevolte quali interamente f o m m e r f a , en-

trandole l'acqua d i f o t t o a dodeci p a l m i d'altezza. C o r -

rotte le p r o u i i i o n i , a p p e n a v i e r a d a p o t e r l i d i f t r i b u i r e a-

ciafeuno v n picciolo bifeotto al g i o r n o per lo fpazio d i d i -

cinoue , che iuuariabilmente d u r ò i l m a r e i n fortuna Si

accecarono m o l t i a caufa de i n o c i u i v a p o r i , che efalaua-

no la p o l u e r e bagnata, ed i m a n t e n i m e n t i i n f r a c c i d i t i .

V o l a t e i n aria le v e l e , l i feruiuano delle coltre e coperte-

de i letti Sconquaflato già gran parte d i quel f o r t i l l i m o

legno, tagliarono l'albero grande, e gettarono all'acqua.,

tutta l'artiglieria Prefa finalmente l'Ifola d i San G i o r g i o ,

sbarcata la g e n t e , totalmente f d r u f e i t o fi a f f o n d ò M o r i -

rono de i riferiti patimenti quafi tutti i nauiganti, auendo

f e m p r e d i m o l r r a t o i n sì e f t r e m i p e r i c o l i f o m m o coraggio,

ed accortezza l ' A m m i r a g l i o A l m e i d a , i l quale imbarcan-

doficon i p o c h i rimafti c o m p a g n i i n v n ' altra naue per-

venne a Lisbona , oue n o n fenza l a g r i m e celebrarono!

Portoghefi i lriacquifto della Baia. // GeneraUvuii


- M a no v o l e n d o ilGenerale Vualdino,che lafciato abbia- dìno fi porta ad

m o ne mari del Brafile c o m o d a n d o ParmataQlandefe,ren- ^ u " a r a

K * dere
7 6 D E L L E G F E R R E

A n n o 1 6 2 i* ^ e ^ f f ^ Q inutile v n tanto apparecchio, tento d'impie-

garlo i n altre ilrepitole i m p r e f e Scorrendo dunque oftil-

ffiente p e r q u e i m a r i , i n d i r i z z ò l e p r o r e c o n t r o la Piazza-,

d ' O l i n d a , Capitale d i tutto i lPernambuco „ M a n o n fe-

condate da i v e n t i le fue b r a m e , v e n n e d i tal forte agitata

dall'infana furia d i q u e l l i , c h e n o n p o t è m a i a c c o l t o l i a,

quel Porto < I n d i forzeggiando c o n t r o i m a r i , voltò fo-

pra la C i t t à d i Paraiua, C a p e d i quella Prouincia, e che li-

mata i n fei g r a d i À u l t r a h tre leghe difeofto dalla marina-,

è v n a delle p i ù r i c c h e , e popolate dell' A m e r i c a M a co-

m e l'irigrettb d i quella Barra venga rincrociato da alcuni

banchi d i r e n a , v'incagliarono Con g r a n p e r i c o l o i luoi

legni < Superato nulla d i m e n o collantemente o g n i olla-

colo , e difeadendo m o l t o v e r f o i lN o r t e , s b a r c ò V u a l d i n o

f J f a C / J r ^ c o n
g * 0
^ 0
c o r p o d i fanteria n e l Porto della T r e i z a m fette
leghe dittante dalla C i t t à , T e n e a i l gouerno d i quella-

À l f o n f d d i Franca foldato prouetto, e v a l o r o f o A l pri-


m o auuifo della comparfa dell'inimico fece vfeire i n cam-

pagna alcune foldatefche a carico d i Francefco C o e g l i o ,

che i n quella Piazza l i ritrouaua, per trasferirli a gouernar

il M a r a g n o n e , o r d i n a n d o g l i , che con picciole fcaramuc-

cie andafle trattenendo g l i auiterfari *mentre egli a m m a f -

fando m a g g i o r n u m e r o d i gente v e n i u a a p r e l è n t a r loro


rienquejìdbr^ j a battaglia. Così f u brauamente e f e g u i t o d a l C o e g l i o ,

d iPortoghefi*
à à u e n d o p r e l o a l c u n i si v a n t a g g i o l i p o u i , che n c e u e n d o

poco d a n n o *causò l o r o fiera llrage M a Caricando g i à l i

m e d e f i m i i lC o m a n d a n t e Franca fortemente c o n le f u o

t r u p p e , l i p o f e f u b i t o i n tanta feonfitta, che abbandonan-

d o i l c a m p o l i ritirarono tutti all'armata Perdute dun-

que da V u a l d i n o le fperanze d i poter'occupare alcun Por-

to nel B r a i l l e , e t i m o r o f o d i elfer incontrato dall' a r m a t e

Cattoliche *delle quali ìgrìoràua i llinillro faccetto, rifol

u è d'vfcir da quei m a r i , a tentar la f o r t u n a i n altre i m p r e

fe j nelle quali p e r ò ella f e m p r e g l i m o r i r ò l'iftelfo toruc

f e m -
B E L B R A S I L h r A i x T E L L i k I L 77

fembiante. D i i u d e n d o la fua a r m a t a i n due fquadre, con-, A n n o 162 5

l'vna f ip o r t ò perfonalmente i n Etiopia , e l'altra inuiò ad

attaccar Porto R i c o Città d e l l ' I n d i e Occidentali Oue-

fe bene riufcì a g l i Olandefi felice i l p r i m o sbarco, ed an-

co Pacquilto della C i t t à , incontrando p e r ò brauilfima re-

fiftenza nel Cafiello c o m a n d a t o da G i o u a n n i d i H a r o » g l i

Conuenne dopo d i auer ridotta i n cenere l'iHetta C i t t à , r i -

tirarli nuouamente a i l o r o l e g n i . M a p i ù infaullo auue- ^ l c U „ f p ^ a z z l

n i m e n t o e b b e V u a l d i n o i n E t i o p i a , oue volendo attacca- m Etiopia

re alcune Piazze, che i u i poffiede i l Portogallo, refio coro

parte della fua gente m à c e r a m e n t e m o r t o dal contagio,


^ j 1 • 1• J *r J • Vi Ufita con-»
venendone anche i n gran n u m e r o t a g l i a t a da* f e r r o d e i m o it i ifuoi
i U
c

Portoghefi Laonde voltarono i r i m a n e n t i i n Olanda c o n vita.

gran perdita > i m m e n f a f p c f a , e n i u n l u c r o .


7 9

D E L L A I S T O R I A

DELLE OVER RE

DEL

REGNO DEL BRASILE

PARTE Ir LIBRO TERZO

SOMMARIO-

L Principe di Oranges inanimifce gli Olan-

d e f i a profeguir la concpuifia del Brafile S i

continuano varie o f l i l i t à in quella R e g i o n e .

I* Ammiraglio P e t r i d f f a veder f o p r a lcu>

Baia Cornelio T o l o inuade L'I f o l a di Fer-

dinando di Norogna F i n i del Conte D u -

ca in t r a f c u r a r di foccorrer il Brafile Fomenta la guerra^

d A t a l i a Olande f i f a n n o p r e f a di tutta la flotta d e l l ' I n d i a

Si rinuigorifce la Compagnia Occidentale, e manda nuoua~>

armata a conquifiar ilPernambuco I I Generale V a n d e m -

burg prende la Città del Recide Fuggono li Portoghefi all<u>

felue^ e M a t t i a di Albucherche li e f o r t a a prendere l'armi.

S i f o r t i f i c a n o , eftringonogli Olandefi dentro dell'occupata

P i a ^ e A j f a l t if a n g u i n o f ì t r a l ' v n a , e l'altra na&iona^.

L'Albucherche a u u i f a il R e de i danni di quella Prouincia •


Gli
8o

-Gli fi rilegano i richieftìfoccòrfi. B i f f e r a i a: rifoluzJ:ùnt^.*v

con cui affalifce gl'inimici. M o r t e di T e o d o f i o Duca di

D K -
8 i

I S C A C C I A T I dal Brafile nel m o d o riferito


Anno
gli Olandefi c o n la p e r d i t a d i q u e l l a Capi-

tale , e confumata quafi affatto da tanti i n -

f r u t t u o f i d i f p e n d i j la l o r C o m p a g n i a O c c i -

dentale , p o f e r o g l i Stati G e n e r a l i nuoua-

mente in c a m p o quei difcorfi , con 1 quali

venne da m o l t i condannata la conquiita d e l l ' A m e r i c a al-

l'or quando ne i Configli d i Olanda ella f u p r o p o f i a , e-


Confii
ventilata Fremeuanoperi patiti danni gl'intereflati, ^ ^ Q L

dolendoli i n p u b l i c o , ed i n priuato del Principe d i O r a n -

ges p r i m o m o t o r e d i q u e l l a g u e r r a , procuraua o g n ' v n o

di fcioglierfi dalla fiabilita C o m p a g n i a Cosi veniua già

i n O l a n d a fcreditata la n a u i g a z i o n e dell'America, ftiman-

dofida tutti vanità inefcufabile. l'andar d i nuouo a fepel-

lir altri i m m e n f i tefori inutilmente i n quei m a r i M a al

c o n t r a r i o i n Spagna auea i l C o n t e D u c a c o l f e l i c e r i a c q u i -

fto della Baia, econ l'importante difefa d i Cadice f u p i t o

i n gran parte le c o m m u n i c e n f u r e , e biafimi d i efiere egli

f o l o c o n la durezza de i f u o i f e n t i m e n t i , e c o n le macchi-

ne de i f u o i d i f e g n i la calamita, che tiraua f o p r a la M o n a r -

chia i l ferro dell'armi di tutta l'Europa N o n eflendogli

fiato anco m e n p r o p i z i a la f o r t u n a n e l l ' a r g i n e , c h ' e i pole

al torrente delle v i t t o r i e d e l D u c a d i S a u o i a , e del Conte-

ftabile di Francia fopra l o Stato d i G e n o u a per mezzo del

Duca di Feria Gouernatorein quel t e m p o di M i l a n o , i l

quale coftringendo e l ' v n o , e l'altro a ritirarli, diede cam-

p o a quella Republicadi ricuperar'in pochi g i o r n i tut-

to ciò , che auea perduto i n m o l t o t e m p o Così r pari-

L m e n -
8 * B E L L E G V E R K E

A n n o i <$z6i n i e r ì t e f c h i u ò y fe bene c o n f o m r h i ftenti, i^'mpet

£ifIÌrrio t u r b i n e d e i P r o t e f t e n t i d i A l e m a g n a , i quali v n i t i

c o m e l i dille, al R e D a n e f e inuafero le terre dell' Impero ;

c ò l l e g a n d o f i per ó p p o r f e g l i T a r m i d i C e f a r e a quelle dj

hiolti Principi d i G e r m a n i a , e f o m m i n i l t f a n d o a tutti

groffrffiméf o m r n e d i oro i lR e Cattolico M a c o m e nul-

la d i m e n ò n o n reltaffe ellirito i lf o m i t e d i quella guerra.,

ed i lR e Chrifiiariiffimo rimariefle confederato al Brittànl-

co fempre p i ù impegnato nella reilituzione dei Palatino,

f u neceffitato i l C o n t e D u c a ad a g g r a u a r p e r la fola guer-

ra diferiftua cori infoiite, ed eforbitanti contribuzioni1

p o p o l i , ed indebitar d i m o l t i m i l l i ó n i la M o n a r c h i a Ài

Principe d'Oran* c n e p o n d e r a t a m e n t e r i f l e t t e n d o i l P r i n c i p e d i O r a n g e s fe-

profeguirla Con* ce g l i sforzi i m m a g i n a b i l i , a c c i o c n e l e Prouincie V n i t o

4&$àdetBr*felei e g r i n t e r e f f a t idella C o m p a g n i a n o n l i lafciaffero cadere

dalle m a n i a i p r i m i vrti della fortuna Pvtiliifima imprefa

del Braille * efponeildo l o r o viuamente eflere quello il

t e m p ò p i ù opportuno per i n u à d e r e n u o u a m e n r e quel Re-

g n o , a cui n o n aiirebbe licuramente potuto preitàr'il nc-

ceffario foccorfo la Spagna aggrauata, f m u n t a , e diucrti-

t à a t a n t e p a r t i irì E u r o p a E f u r o n o sì e f f i c a c i g l i autore-

tloli m a n e g g i , e ragioni delPOranges appreffo tutti, c h e

o g n ' v n o rellò pienamente perfuafo d i n o n douer ritirarli

affatto d a l P i n c o m i n c i a t à conquifta L a o n d e fe bene per

alcun t e m p o n o n poterono g l i Olandefi mettere i n m a r o

armate capaci d i attaccare alcuna conllderabile Piazza nel

Brafile, rioii lafciaronó pero d'infettar f e m p r e quelle m a -

rittime coftiere coripicciole fquadre d i c o r f a r i a r m a t o r i ,

i quali per Pinnatà perizia d i n a u i g à r e , d i cui quella na-

zione forfi foprà ogn'altra g o d e i lv a n t a g g i o , i n f e r m a n o

gràuiffimi danni àlli P o r t o g h e f i , e Col dilturbar l o r o i l

C o m m e r c i o , e colPentràre oiUlrriente taluolta dentro d e

ì loro P ò r t i , depredandoui cori m a r à u i g l i o f o a r d i m e n t o i

legni a villa delle Fortezze

N è tardò gran t e m p o > che l ' A m m i r a g l i oPetrid rin-

forza-
B E L B R A S I L E P A R T E I L i b . I I I 83

forzato g i à d i v r i a b e n m u n i t a fquadra n o n ponefle i n , nno 1620*

gran apprenfione la Città della Baia I m p e r o c h e f u tanta JJAmmiraglio

l a f u a a n i m o f i t à , c h e a l P i m p r o u i f o fi f p i n f e d e n t r o d i q u e l Petrìdfifa vede.

Porto , e fcorrendo per la m a r i n a diede f u n o l a batteria al- r e


f ° P r a l
* S a / a

la Città Teneua i lgouerno d i etti1 D i e g o L u i g i d i O l i u e -

r a , che nelle g u e r r e d i F i a n d r a fi a u e a acquiilato m o l t o

grido A villa dell' i n i m i c o p r e f i d i ò v a l i d a m e n t e le For-

tezze , e facendo inalzare vna Piatta f o r m a i n f u la /piag-

gia, i n c o m i n c i ò ancor'elfo a giuocar fortemente c o n la lua

artiglieria M a i l Petrid con indicibile difprezzo d'infi

nite palle, fiframifchiò c o n le fue naui tra fedici mercan

t i l i , le quali cariche d i m o l t e ricchezze i u i erano ancora

te E come che per n o n offènderle llimaflero l i Portoghe-

fi n e c e f f a r i o d i f o f p e n d e r e i l b a t t e r e l ' i n i m i c o , g l i diedero

imprudentemente campo d i tagliar, fi c o m e feqe, le go-

m e n e alle fleffe naui^e d i tirarle fuori con fcialuppe. N o n s'impadromfcCì

feppe p e r ò l ' A m m i r a g l i o vfar con moderazione d e l l a f o r - *Ue d


nauich'eral

Urna; perche volendo p o i fouuerchiamente i m p e g n a r l i n o n e l P o r t o

i n batterre la m a r i n a , i n c a g l i ò c o n la fua Capitana vicino

a terra F ù oftinatilfimo l ' i m p e g n o della Piazza per offen-

derlo , e della fua gente per liberarlo , e g i o r n o , e n o t t e

i n d e f e f l a m e n t e fi c o m b a t t è , finche ad onta d i quanto per

faluar quel l e g n o fi a f f a t i c ò i l c o r a g g i o , e difciplina d e

g l i O l a n d e f i ,f u da'loro fletti, toltane la g e n t e , confegna- P e r d e U f m C a m

to alle fiamme Si trasferì i l P e t r i d ad altra n a u e , e f a c e n - pi'*»* •

doimbarcar'i fuoi foldati nella Fifcale, auenne a quelli,

vn'altro più tragico infortunio ; allor che vedendo i l G o -

vernatore Oliuera vogare gran n u m e r o d i battelli verfo

rifletta naue per trafporto d i quelle m i l i z i e , o r d i n ò , c h e

c o n t r o d i e f f a fi d a f f e l a p i ù i n c e t t a n t e batteria E ciò ven-

n e c o n sì b u o n a f o r t e e f e g u i t o , c h e cadendoui vna palla-

dentro i lm a g a z z i n o della p o l u e r e , fe volare i n aria tutto

1 ifteflb vafeeilo c o n orribile fpettacolo a i circondanti, che incendio della-,

fentiuano i fofpiri d i quelli, che agonizauano f u l ' a c q u e . F i


S c a l e

e vedeano tanti laceri cadaueri , che i lmare vomitaua irò

L 2 f u
8 4 B E L L E G V E R R E

f u le f p o n d e A r d e n d o per tanto i lPetrid d i f o m m o fu-

ror', e rabbia d o p o d i auer conuogliate fina proporziona-

ta a l t u r a le d e p r e d a t e n a u i , e fatto prefa d i altri legni in-

c o n t r a t i p e r q u e l l a c o l l a , e n t r ò n u o u a m e n t e n e l P o r t o del-

la B a i a , ch'eflendo per la parte p i ù Uretra largo tre leghe,

apre a tutti c o n mirabii ageuolezza i l f u o feno lui gi-

ando difcollo dalle Fortezze i n t o r n o alla marina vidde

i l i r ' a l c u n e n a u i m e r c a n t i l i p e r v n o d e ' f i u m i , c h e fi f g r a -

iàno i n quella Barra, ed i m b a r c a t o l i i n v n Petacchio con

noite lancie piene d i fanteria, l'infeguì m a fenza effetto,

a caufa della braua oppofizione fattagli dal Capitano Pa-

liglia, quello, che c o m e d i c e m m o , vecife corpo corpo

il Generale V a n d o r t , ed ora combattendo c o n f ó m m o co-

raggio p e r d è gloriofamente la vita N o n potendo dun-

que i lPetrid farui altra operazione d i r i h e u o , forti final-

m e n t e da'mari della Baia c h i a m a t o dalla fortuna a mag-

giori profperità <


Correua già 1 anno 1 6 2 7 nel quale i l Brafile f u fom-

m a m e n t e perturbato da g l i a r m a t o r i O l a n d e f i , i quali in-

g o l f a n d o l i g i o r n a l m e n t e c o n le prefe tentauano già colà

d'impadronirfi d i qualche pollo confiderabile Cornelio

T o l o , a cui la mancanza d i vna g a m b a diede i l n o m e di

Pie d i l e g n o , v n o de i corfari più famofi d i quel t e m p o ,

infettò grandemente tutte quelle m a r i t t i m e colliere A f

p i r a n d o e g l i g i à a g r a n d i i m p r e f e fi p o r t ò c o n v n a fquadra

di m o l t e vele f o p r a l'Ifola d i San G i o u a n n i nomata vol-

garmente d i Ferdinando d i N o r o g n a fuo p r i m o conqui-

ilatore, e m i o fettimo À u o l o , a cui dal R e Emanuele f u

per tutti 1f u o i difeendenti perpetuamente infeudata. Sie-

de quella Ifola i n cinque gradi Aullrali ottanta leghe dif-

c o f t o d a P e r n a m b u c o * e fi d i l t e n d e per lo fpazio d i a l t r e

tre fertilittìme d i zuccheri, e d i tabacchi Erano i n quel

t e m p o nella Fortezza dodici foli pezzi d i artiglieria, ma,

v e n i u a c i r c o n d a t a da v n a b e n r e g o l a t a t r i n c i e r a i n c u i era-

rio aflellati altri quattro pezzi d i cannone O n d e procu-

rando
D E L I H A s i L E E tic V E I L i b . I I I 85

rande i l T o l o d i sbarcar in q u m a parre c o n la fua g e n t e , ^ l 1 r 5


•-

gli f u mandato a f o n d o i l m i g l i o r de'fuoi vafcelli, e patì

si g r a n d a n n o n e g l i a l t r i d e l l a f u a f q u a d r a , c h e f u nccefll-

tato ad vfeir f u o r i d a l p o r t o , e g i r a n d o per la m a r i n a sbar-

carli! luogo,oue n o n potea effere offefo dal c a n n o n e I n -

di penfando di guadagnar nel p r i m o affalto la trinciera.,

fiauanzò con v n fquadrone della più fcelta fanteria c h e

-auea, m a r i b u t t a t o c o r a g g i o f a m e n t e da i d i f e n f o n , rifol-

u è d i attaccar l'attedio f o r m a l e alla Fortezza Si e b b e d i

queflo tentatiuo notizia i n Pernambuco, e fpeditofi con-

f o m m a follecitudine i lCapitano R o d r i g o Calazza, venne ^ ^ t l u h > 0

c o n fette naui cariche d i fanteria a disloggiare g l ' i n i m i c i ,

i quali n o n v o l e n d o e f p o r f iad altro p i ù p e r i c o l o l o c i m e n -

to , fpiegate p r o n t a m e n t e le vele , s'ingolfarono i n alto

mare

D a v n a s ì v i u a o f t i l i t à fi t r o u a u a grandemente d i m i -

nuito , ed elauflo i lc o m m e r c i o del Brafile, correndo eui-


dente p e r i c o l o tutti i l e g n i nel nauigare da E u r o p a a quel-

le parti Erano per tanto continui i c o n f u l t i , che fopra-

di ciò f imandauano dal C o n f i g h o d i Portogallo al R e Cat-

tolico , efponendogli l'importanza d i aflicurar con pode-

rofa armata quei m a r i infettati da i n i m i c i cotanto indefef-

f i , che n o n punto fgomentati dalle pattate p e r d i t e , m i -

nacciauano già nuoue inuafioni a quegli Stati M a poco

a ciò applicaua i l Conte Duca , la d i c u i m e n t e f i trouaua-

in quel tempo inuolta nel labirinto d'idee affaidiuerfe, ed

vnicamente intenta a mettere i n nuoui i m p e g n i di guerra

il fuo Principe, a fine d i n o n dar c o l l ' o z i o , e quiete della.

pace c a m p o alle f p e c u l a z i o n i de i f u o i e m o l i , 1 quali non-, ^ ™ J ^ Q o n t t


^

lafciarebbero i n t a l ' o p p o r t u n i t à d'indagar le d i l u i p i ù cu-

pe i n t e n z i o n i , f a p e n d o ben'egli effere p i ù facile l o f e o p r i r -

li nelle C o r t i 1 r a g g i r i de i m i n i l l r i nel g o u e r n o p o l i t i c o ,

che nel militare Laonde trafportato ancora dalle vio-

lenti fue pattioni, le quali sfogaua c o l f ì m p e t o , e f u r o r e

dell'armi, o vero c o m e altri d i c o n o , bramofo d i neceffi-


tar
85 B E L L E G V E R K E '

A n n o 16%y* t a T t n t t [ [ Potentati d i Europa ad auer corrifpondenza, e.

trattati c o n i u i , e far correre i l f u o n o m e affai p i ù d i quel-

lo del R e m e d e l ì m o p e r l e bocche, e penne del m o n d o ,

n o n folo n o n procuraua d i f m o r z a r la guerra dell'Ameri-

ca , c o l p o r r e colà a r g i n i o p p o r t u n i alle oftilità O l a n d e f i ,

m a prendendo eziandio c o l o r i t i , ed apparenti motiui di

p o l i t i c a , e g e l o f i a d i Stato d a l l ' e m e r g e n z e i n f o r t e tra Car-

vomenta laguer* 1 ° D u c a d i N i u e r s , e G e f a r e D u c a d i G u a f t a l l a f o p r a i l de-

ra in Italia u o ì u t o Ducato d i M a n t o a , per m o r t e d i Vincenzo Gon-

zaga, accefe i n Italia i lf u o c o d i v n a fiera, eperniciofa,

guerra, i n cui ella tragicamente ard è per m o l t i a n n i , e da

c u i f u f c i t a r o n f i c o n t r o la G e r m a n i a fiamme sì v o r a c i , che

poco m e n o la fecero intieramente incenerire.Imperochc

fe bene i l Niuers offequiofamente ricercato aueffe dall'-

I m p e r a d o r e l ' i n u e f t i t u r ad i q u e l l o Srato , ed anco dal R o

C a t t o l i c o i lpatrocinio delle f u e g i u f t e r a g i o n i , coll'offe-

rirfegli b u o n vicino i n Cafaie, e dipendente dalla fua Co-


rona , s ' i m p e g n ò nulla d i m e n o i l C o n t e D u c a c o n t r o la-

Suppone alkpre* c o m m u n e opinione i n efcluderlo da quella douutagli fuc-

^ N i u e r ^ c e i K o n e c o 1
prerefto, ch'egli c o n orfefa d i C e f a r e , e fenza
il d i l u i beneplacito entrato foffe i n M a n t o a ; necefìitan-

d o l o i n tal guifa ad i m p l o r a r , fi come fece, i foccorfi d i

L u i g i X I I I . R e di Francia, i lquale volò c o m e v n f u l m i n e

a fomminiftrarglieli con f o m m a g l o r i a , lafciando eterna

m e m o r i a nel m o n d o d i auer faputo difendere l'amico fen-

za offefa d e l l ' a u u e r f a r i o , difpreggiando lacongiontura-

d ' i m p a d r o n i r f i all'ora d e l l o Stato d i M i l a n o g i à i n t e m o r i -

t o , e poco m e n o che difarmato Q u e f t ' e r a n o la m a c c h i -

ne fabricate nella mente del Conte D u c a per la ficura pra-

tica de i fuoi p i ù fini penfieri, i quali, c o m e g i à fi d i f f o ,

erano f e m p r e indirizzati a tener c o n t i n u a m e n t e la Spagna

intenta, ed afforta nelle n o u i t à , ed accidenti della guer-

ra $la quale f u f e m p r e i l N o r t e , a cui egli m i r ò da i p r i m i

palli del f u o gouerno , e che più d'ogn'altra cofa lo foften-

ne violentemente tant'anni coll'afibluto c o m a n d o d i

quel-
D E L B R A S I L E P A R T E I Ltb. I l i B ?

quella gran Monarchia E per ciò giammai egli lafciò AaM


*fi*7.-

perdere c o n g i u n t u r a alcuna d i tener'inuolta la m e d e f i m a .

tra le t u r b o l e n z e d e l l ' a r m i , o r f o l l e c i t a n d o l e N a z i o n i fo-

ràftiere, or f c o n u o l g e n d o c o m e v e d r e m o , la p r o p r i a , o r

d i f e n d e n d o , or trafcurando c o n tal arte le Prouincie i n -

u a f e d a g l i n e m i c i , c h e fi m a n t e n e f l e i n e l T e f e m p r e viua.,

ed m e f t i n g u i b i l e la guerra I Iche manifertamente appa-

r e d ^ a u e r e g l i f u b i t o , che pienamente s'impolfefsò

del total arbitrio del R e , aperto le porte a M a r t e nella.

Fiandra, prouocato c o n t r o la Cafa d ' A n u r i a l ' a r m i d ' I n -

ì n ^ 7 v K ^ 1 r r
° t e l l a n t l d i A , e m a
S * a
*dalle quali

S v T ° ,
a
c o n I a p a
> c e d i L u b e c c a e c o n
*
«e della \ altehna n o n quietò i l fuo a n i m o f i n a fufcitar

ed in tea: ' " > finalmente di altre più pernici,


1 ondand(

ed i n t e i W fiamme gl'interni R c g n i d ^ c L S p a g n a /

d a E T ^ ° T ^ 5 ^ ^ f f i n d a e f t e
1 e a l t a m e n t e e n e Ì a " e P

dal! acutiffimofuo i n g e g n o , fiprefiue d i r e g o l i ' ancora.

i n q u e l l a g u i f e l ' i m p o r t a n t ie m e r g e n z e d e l B r a f i l e fo£

^ p e r d e r e d i v i l l a l ' a l t r a p i ù n a f c o f t a , e p S a d e l d e a ! '

in abbandono al cieco arbitrio della fortuna, per arriuar'


v n giorno a confeguir'il premeditam i fi ? ,"
mente abolire quella C o r o n , l T i, "t fi dl t
" o t a I

•ineruara f u- *' < 3 o la vedelTe u a n d


affatto
Tineruata, ed infiacchita . E d i n a u e f t a fi, , rm r . w

inufficiofe tutte i'ifianze, e d Z T n l e c Z Z r V °

^a„ tem ^ f f **? ^


Do a
mari
Nè pafsò
d i m o f t r
^ l o r o J
* fortuna, ch'ella fuol'egual-

* nte n d e r £ 3 1 V i
^ l a n t i
> e d
«nimofi> e voltar h feccia

f. . 1
8 B E L L E G V È R R E -

Anna i tizi* a j t r a f c u f a t j . e ( j i n f i n g a r d i i m p e r o c h e inr v n f o l gioriiò

pofe loro nelle m a n i i p i ù douiziofi tefori della Spagna, e

f p o g l i ò quella delle p i ù opulenti follanze dell'America^

Coileggiaua l ' A m m i r a g l i oPetrid g i ì c o n vna ben munita

fquadra d i naui ne i m a r i del Braille , quando alla voltaJ

dell' Indie Occidentali difcoprì la flotta de'galeoni del

M e l f i c o , che carica d ' i m m e n f e ricchezze nauigaua verfò

L'Ammiraglio ° P a
S n a
> e
v i c i n o al porto d i Matanzas c o n n o n ì r i i n o r a r -
Petnd prenda d i m e n t o 5 che fortuna l'inuellì, e p r e d ò intieramente, ef-

twtaiafatt® del fendo comandata d a G i o : d i B e n e u i d e s , per quello folo

fuccelfo Capitano p i ù infelice del m o n d o r


I m p o r t ò a g E

Olandefi quello acquillo p i ù d i quindeci millioni d i ar-

gento , Con i q u a l i , e m o l t ' altri importantilfimi lucri di

. quella prefa s ' i m p i n g u ò d i tal forte la f m u n t a Compagnia

Occidentale, ch'ebbe n o n folo c a m p o d i p i e n a m e n t e ri.-

farcir l ipalfati danni, m a d i foccorrer'eziandio le Prouin-


cie V n i t e per i l io/lenimento delle guerre della Fian*

dra . M a n o n p u ò facilmente dirli la g r a n C o m m o z i o -

ne , che la nuoua d i tanta perdita causò nella C o r t e del

R e F i l i p p o , oue n o n m e n o fi apprefe la fcaduta riputa-

zióne d e l l ' a r m i , che i l f o m m o difcapito della Corona-, >

Varie f u r o n o le pràtiche , che fi tennero % p i ù varij i

p r o g n o l l i c i , che fi f o r m a r o n o $ m a i n t a n t i l i lafciaua*

no nel prillino flato emergenze d i tante c o n f e g u e n z o ,

e correua a briglia fciolta la M o n a r c h i a al precipìzio

contrario p e r ò g l i Olandefi arricchiti, e trionfanti con7

a c q u i l l o tanto r i m a r c a b i l e n o n e r a n o m i n o r i l ' i m p r e f e , al-.

l e q u a l i fi a c c i n g e u a n o i n E u r o p a , d i quelle c h e n i a c h i -

Anno i 628. nauano per l ' A m e r i c a I n Fiandra s'ingrolfauano g l i efer-

c i t i > e g e r i l B r a f i l e fi a l l e l t i u a n o l e a r m a t e , or p i ù c h e 9

m a i accalorata d a l P r i n c i p e d i O r a n g e s la C o m p a g n i a O c - v

eidentale a profeguir con p i ù ben fondate fperanze quel-

la i m p o r t a n t i f l i m a c o n q u i l l a N o n ventilauafi per tanto

ne i C o n f i g l i d i Olanda f e i n u a d e r fi d o u e l f e n u o u a m e p f e ^

P A m e r i c a , i m p e r c i o c h e e r a u i d i c i ò c o m m u n e i l p a r e r e ,

trouan-
D E L B R A S I L E P A R T E I Lab. I l i 8 $

t r o w m d o f i cola i l R e Cattolico con le m i n i e r e i m p o u e n t c A n n o 1 8


-

di o r o , ed i n le lleflo c o n le v e n e efaulte d i fangue . D i f -

cuteafi folamente qual folfe la parte del n u o u o m o n d o ,

o u e c o n J>iù v a n t a g g i o d o u e f f e r o l e P r o u i n c i e V n i t e fran-

carli fulmine della guerra E' la Prouincia d i Pernambu-

c o , c o m e g i à fi d i f l e , v n a d e l i e p i ù n o b i l i , e ricche perti-

nenze del Brafile A p p a r i u a n o f o m m e importanze a g l i

Olandefi nel f e r m a r u i {labilmentei l piede, e perche re- s i r ^ o U e r } r j u a

llando Fifteffa Prouincia fituata i n altezza d i otto gradi fi one di Pemw

Àuftrali, potrebbero ageuolmente fortire da i m o l t i Porti, buco

c h e la c i r c o n d a n o , a rintracciar altri f o r t u n a t i f i i m i i n c o n -

tri con i galeoni delPIndie, e perch eflendo ella capace d i

caricar* o g n ' a n n o cento cinquanta vafcelli d i z u c c h e r o ,

calcolavano gPintereflati della C o m p a g n i a i n due millio-

ni liberi Pannuo proueccio , che poteano procacciamene.

N o n ìndugiofli dunque a mettere i n mare vn*armata d i

fettanta ben guerniti vafcelli a carico d i due Generali C o -


mandanti - Fu per i lmare dellinato E r r i g o L o n c , che nel-

le guerre O r i e n t a l i auea dato g r a n f a g g i o d i v a l o r e , e d i

prudenza, e per la terra T e o d o r o V a n d e r b u r g h u o m o ^

affai v e r f a t o i n tutte le arti m i l i t a r i M a perche fpiegan- TeoioroVander.

do vnitamente le v e l e , fi farebbero potuto penetrar'i lor Generali

d i f e g n i , partironodiuifiin picciole fquadre da A m f t e r - ^**m*t*oim

d a m , per indi incorporarli, fi come fecero, i n Capo V e r -

de Peruenne nulla d i m e n o alla C o r t e del R e Cattolico

antecipatamente Pauuifo del tentatiuo d i O l a n d a , m e r c è

a l l a f o m m a vigilanza, con cui l'Infanta Ifabella Chiara^

Eugenia Gouernatrice della Fiandra llaua f e m p r e intenta

a i più fegreti m o u i m e n t i delle Confederate Prouincie..

Si t r o u a u a i n q u e l t e m p o n e l l a C o r t e d i M a d r i d Mattia d i

A l b u c h e r c h e da noi d i fopra n o m i n a t o , i lquale già per

due volte auea gouernato i l Brafile Era egli dotato d i

viuaciflimo fpirito per i m a n e g g i d i guerra, e più pro-

penfo a combattere con Findullria, che c o n la forza Sa-

peafi quanto a l u ipremelfe la conferuazione d i Pernambu-

M c o ,
9 o B E L L E G F E l i fi E

A n n a 1 6 % 8* ^ ^ ^ c à u f a ^ 1 ^ f t i & m o d o r n n u o , . c n q u e l l o Stato g&

dea la f u a cafa, a c u i C o m e aceennarfimo* f u d a r R e di Por-

togallo infeudata n e l f u o p r i m o f c o p r i m e n t o f i i t e f i a Pro-

uincia, E c o m e i l C o n t e D u c a era g i à r i f o l u t o d i trafcu-

rar c o n artifizio la difefa d e l B r a f i l e , a p p o g g i ò ora i l foc-

correrlo al m e d e f i m o A l b u c h e r c h e , perfuafodi che in-

dotto egli dal p r o p r i o interefle, n o n aurebbe, fi c o r n o

qualfiuoglia altro Capitano, ricusatone l ' i m p e g n o , anca

alfiltito da forze cotanto l i m i t a t e , c o m e Fifieflo C o n t o

D u c a volea f o m m i n i l t r a r g l i E r a n o i n quei tempi troppo

ruirìofi g l ' i n c i a m p i , che incontrauano quei Capitani del*

la S p a g n a , i q u a l i alli v o l e r i d i q u e l M i n i f t r o non fogget-

tàuanfi. T e m è P À l b u c h e r c h e d i o p p o r f e g l i O n d e o n o -

tat\tJtm\foGcérfi rato dal fpeoiofo titolo d i Generale d i m o l t e d i quelle

è inulto a Per- prouincie, e coll'independcnte c o m a n d o d e i l o r o Gouer--

n a t o r i , f à r p ò l'ancore da Lisbona c o n v n a fola carauella>

A n n a i 629* a foccorrere quella Prouincia M i f e r a p e r n i o n e de i M o -


narchi , noii vedere g l i affari de i loro Imperi], fe n o n qua-

li l i m o f i r a i n p r o f p e t t i u a la p a f f i ò n e d i v n fauorito Così

p e r a p p u n t o fi d i c e , accadefle all'ora nella Spagna Pen-

fauanfi colà i mezzi d i follenere f u i capo de'Principi A u -

furiaci la C o r o n a L u f i t a n a , t e m e n d o l i , che v n g i o r n o ella

venifle a crollarne, ed i l m o d o più proporzionato a con-

feruarla dettaua vna m a l configliahte p o l i t i c a , che fofsc,

quello d i difiruggerla

Peruenne finalmente i lGenerale A l b u c h e r c h e al Re-

t / d p p f n ^ l i u l ciffè ( n o m e che p r e n d e quel Porto dal m a r a u i g l i o f o m o l o

itféfoi i u i formato dalla natura ) Era la Capitale d i quella Pro-

uincia la f a m o f a Città d i O l i n d a , che i n nobiltà, e ric-

chezze pàreggiauali alle più opulenti dell' A m e r i c a ^

L a g o ù e r n a u a i n quel tempo Pietro Correa d i G a m a , e per

difefa d i e f l a i i o n t r o u ò l ' A l b u c h e r c h e più d i cento trenta^

fanti pagati È r a n o Smantellate le F o r t e z z e , l'artiglieria

in n u m e r o m o l t o l i m i t a t o , e quafi tutta inutile per man-

canza d i carrette, e bombardieri; poche a r m i , e n i u n efer-

cizio
B E L B R A S I L E P A R T E I . Lib. I l i 9 1

tizio delle rrìe.defime N e l Porro ancorauano feflanta na- A n a 0 1 6 1 9


'

ni m e r c a n t i l i , delle quali parte fpedì P A l b u c h e r c h e verfo

Lisbona., e parte ne ritenne per prefidio dell'ilteflo Porto

G u e r n ì di alcuna fanteria i lForte della Barretta, che mez-

z<* l e g a d i t t a n t e d a l l a B a r r a e r a fituato i n v n p o l l o alfai ge-

l o f o , e c o n gran ftenti r a d u n ò v n corpo d i quali due m i l a .

faldati colletizij, ed inefperticon poco p i ù d i cento caual-

l i 3e d irì t o r n o a l l a F o r t e z z a d i terra inalzò alcune palizza-

te Quello f u lo llato d i difefa, a cui i l Generale p o t è r i -

durre quella Piazza i n tanta fcarfezza d i g e n t e , a r m i , c

^ignizioni $ intredoli per anco quei popoli del vicino fla-

g e l l o , c h e f o u r a f t a u a g l i , e sì a l i e n i dal n o m e d i guerra.,

che n o n elfendo flato balleuoji a deltarli i funelli acciden-

Ù^lellaBaìa, viueanoaffettofftpitinelle delizie, e nell'-

ozio della pace

M a già nel Febraro del feguente anno c o m p a r ì l'ar-


m a t a O l a n d e f e f o p r a la.Barra dì O l i n d a , auendo fatta gran Anno i 3 o*

dilazione nelPIfdle d i Capo V e r d e , e dopo d i auer battu-

ta c o n f o m m o f p a u e n t o la m a r i n a , s b a r c ò i l G e n e r a l e V a n - // GeneraleVan-

derburg c o n fei r n à l a ' h u o m i n i nel lìto detto Palo A m a - derburg shar * €

rello, quattro leghe lontano dalla Piazza l u i diuidendo

il fuo canino i n tre f q u a d r o n i , due de'quali comandaua-

n o 1Colonnelli Eftien C a l u i , e Fulco H e n e c h i o , o r d i n ò

all'armata, che l i slargalfe v e r f o i lm a r e , accioche veden-

do i fuoi foldati perduta o g n i fperanza d i f u g a , o d i a f i l o -,

i*iponeflero tutta la fiducia nel valore de 1 loro petti. Fe-

e fidamente accollare alcuni grofii battelli alla fpiaggia.

1 on vndici pezzi d i cannone ; e con quattro altri d i campa-

gna, p e r f r a n c a r l ii l p a f l a g g i o d e l fiume D o l c e , fi p o f e or-

dinatamente i n marchia M a n o n potendo p e r la g r o l f u

corrente dell' acque tragittar fenza pericolo quella riuie-

r a , fece alto i n f u le f p o n d e , a f p e t t a n d o , c h e v i calafle la

m a r è a Era
colà già corfo Mattia d i A l b u c h e r c h e COIL L
i A
& u
* ^
c h s

p
t .* t t r " IT r i* m a d
impedirgli
^ueij3pchi caualh, e mila e fettecento fanti a d e p u t a r g l i i i p a j p
il palio 3 e f o r m a n d o d i quelli vna fpallieranel b o f c o , che
M 2 co-
9 2 B E L L E G V E R R E

A n n o 1 3 o* copriua i l fianco della fpiaggia difle loro ; N o n douer sbi

g o t t i r f i p e r i l v a n f a g g i o fio numero d e g l i a u u e r f i a r i , i quali e fi

^ e f l ^ i f u l f f o ù f e n d o f o l d a t i di vnarCómpagnia pik mercantile, che m a r z j a -

fa . tx l e , a l l a f i n e come mercanti combatteuanò, preggiando femfri

più l'importanza del fiacco > che la gloria del triónfo , Bona

però auuertirgli, che l ' t j l e j f a ingorda ambizione , in cui ar

de u ano, era folitàdfipronarlia f a r e l'vltimeproué ne i ton

f i t t i . Laonde aueano già f a t t o d i f c o f i a r e da terrà le"loro na

u i , ac cicche vedendo i difienfiori alla f r o n t e , e sì vafito fieno d

acqua a l l e / p a l l e , intende fiero , che doueano o vincere > o mo

rire. Scemaua già i l fluflb dell acque, e T e o d o r o con l i

$i attacca il coti- fua gente e n t r ò a n i m o f a m e n t e nel fiume Seglioppofere

fl'" ia
» *JL fifi** sh
valorofamente i Portoglieli, facendo delle p r i m e fchieft
flianói Porto). , 6 , > r
\hefi, S «ratgecon i m o l c h e t t i * e loltentàndo i o n g o
r a n
tempc
F i m p e t u o f o incalzo de i reftanti.Ma fpauentati da vna vo«

^ e f p a r f a , che veniuano fortemente tagliati per la retro*


guardia dall'artiglieria d e i b a t t e l l i , i quali aCCoRatiCl a Ih

riua del fiume aueano f^àrato con poco danilo,diedero ali

i m p r o u i f a v e r g o g n o f a m e n t e le fpalle a l l ' i n i m i c o , e polli

i n f o m m a c o n f u f i o n e fi f p i n f e r o d e n t r o d e i l a P i a z z a , oue

Abbandonano l* cagionando nort m i n o r fpauento agli abitanti ,prefero tutti


P i a
* * * £ f * ^ 6
* p* u c a r o f a n g u e 9 e delle robbe, e f u g g i r o n o i n vrb

f u b i t o a l l e f e l u e >l a f c i a n d o i n preda agli a u u e r f a r i sì v i i -

J ~'.n.^ m e n t e Piftefla Piazza, che p r i m a f u da l o r o a c q u i Ila tacche

„ 0 d'ep gli Olà* veduta. Fece per tanto i l Generale V a n d e r p U r g sbarcar

d*fi* fubito i l rellante della fua gente, e l i b e r a m e n t e e n t r ò in*.

O l i n d a con folo poco danno caufatogli dal cannone deJ

R e c i f l è•<>n o n t r o u à n d o f i i n s ì n u m e r o f o p o p o l o , che alcu-

ni pochi briofi giouani, i quali g l i fecero animofa fronte,

v o l e n d o cól combattere alla dilperata incontrar p i ù tolto

Vna gloriofa m o r t e , che v i u e r e Con Piftefla i g n o m i n i a de

i lor c o m p a g n i . Fu n o n men'vtile i l facco, che le folda-

tefche diedero alle cafe, che facrile ehi è P i n f u l t i , c h o

*>f*no contri / o Praticarono nelle Chiele Fracaflarono ì Tabernacoli> "e

ckiefi. s m n o r r i d i f c e la p e n n a i n r i f e r i r e g l i a f f r o n t i , che fecero


D E L B R A S I y h * < R r E I . L i b . I I I 93

al più alto, c più tremendo millcro di noltra Fede Velli- ^ nno 16


$ °'

ti per f c h e r n o de i p a r a m e n t i f a c e r d o t a l i , b r i n d a r o n o ne i

f a g r i v a f i >e p r o f a n a t o q u a n t o ferue alla noftra adorazio-

ne , lacerarono , e colcocarono'le fagre I m m a g i n i E fc_

per efferfi t a n t ò empiamente ingolfati i n diftruggerc i

T e m p i ) , ed i n faccheggiare le cafe, n o n aueffero preterito

d i tagliar la ftrada v e r f o la felua, aurebbero fenza d u b b i o

faziata la c r u d e l t à , e l ' i n g o r d i g i a n e l f a n g u e d'innumera-

li vite, e nello f p o g l i o d ' i m m e n f e ricchezze

Mattia d i A l b u c h e r c h e i n tanto corfe a foccorrere la.

C i t t à d e l R e c i f i è , che per la f o m m a importanza del f u o U n t A d i d 1 f e n de.

Porto è i lcuore d i tutta la Prouincia Era quiui fabricato re u Città detRe.

v n Forte detto d i San Francefco affai c o n f i d e r a b i l e per i l 'ft~ c

flto, m a d i circonferenza m o l t o limitata L o n t a n o dal

m o l o f i e r g e u a vn'altro c h i a m a t o d i San G i o r g i o , i n cui

^rano tre foli pezzi d i cannon d i ferro m o n t a t i fopra alcu-

ne traui, dal t e m p o , che l ip r i m i abitatori d i Pernambu-


c o combatteuano contro le fole frezze de i Brafiliani. Pre-

meua f o m m a m e n t e a g i i Olandefi Pacquifto d i quella for-

tificazione , perche rendea loro ageuoliffimo Pimpadro-

nirfi del Recific Sortiti dunque mille e cinquecento da

Olinda nelle ore più ofeure della notte appoggiarono al-

le m u r a g l i e molte fcale, p e r l e quali arditamente faliti

gettauano dentro i lForte gran quantità d i granate, e d i al-

tri artifizi d i fuoco Era al d i l u i prefidioi l Capitano A n -

tonio d i L i m a Caualiere valorofiflimo con foli trenta fet-

te f o l d a t i , e v e d e n d o m o n t a r g l ' i n i m i c i le m u r a g l i e , l a f c i a -

r o n o l o r o cadere f o p r a i l Capo m o l t e g r o f f e t r a u i , con lo»

quali aueano riparato, e coperto l'ifleffo Forte M a non-»

perciòfmarritili g l i aggrefforidal gran danno , che rice-

uerono,ritentarono nuouamente la falita Diedero vicen-

deuolmente gran faggi d i valore i c o m b a t t e n t i , i quali

per le tenebre della notte fenza veder le a r m i , f e n t i u a n o i

c o l p i , e le ferite * M a g i u o c a n d o i lC o m a n d a n t e L i m a i n -

ceffanteniente c o n i fuoi tre pezzi d i cannone carichi

m i n u -
9 4 D E L L E G V E R R E

A l i n o t 6so- m n l u t e p a l l e , facea fieriflima fixage de g l i auuerfari E

Fatorofidifefa perche i n v n a sì debole, i m p r e f a aueano g i à perduro

dì Antonio di Li- trecento foldati, oltre gran n u m e r o d i feriti , coman-


ma
~* ' d ò loro i l Generale V a n d e r b u r g , che l i ritiraffero, e

d e f i l t e f f e r o d a l l a f f a l t o , f o m m a m e n t e m a r a u i g l i a t o , e d ar*

roflito della collanza de i difenfori > i quali, efsendo

anco d i elfi caduta buona parte, f u r o n o dall' Albucher-

che foccorli c o n p i ù gente, che p e r ò i n tutti n o n paf-

faua i l n u m e r o d i ottanta f a n t i , n o n elfendone più capace

la picciolezza del Forte À c c e f o per tanto d i rabbia i l

V a n d e r b u r g , g l i attaccò f o r m a l e affedio con artiglieria,

grolfa, e quattro mila foldati A p r ì le trinciere, e piantò

due batterie, dall' incelfante fparo delle quali feguitò tut-

tauia i lL i m a a difenderli dalli venti fette d i Febraro lino

alli quattro d i M a r z o M a demoliti g i à i parapetti, f m o n -

tati i tre pezzi d i cannone, diroccata da o g n i banda la m u -

raglia , e m o r t a la m a g g i o r parte de i fuoi foldati, Capito-


l i arrende il por. j ò , a f l f e d i a n c i , d a i q u a l i g l i f a c o n c e f f o di
r e f a C Q n n po-
te dt $.Qwrgio. . . ?• V . r i
ter v i c i r tutti liberi c o n le a r m i , e d i marciar v e r i o qual

parte volelfero , Cioche p o i n o n g l i f u punto olferuato,

venendo dal V a n d e r b u r g obligati a giurare d i p i ù non-»

combattere contro d i l u i per lo fpazio d i fei meli I I c h e

ricufando d i fare i l Capitano L i m a c o n altri vàlorofi. fol-

dati , l ifoggettarono p i ù tofto a reftarui prigionieri Per- s

d u t o i l Forte d i San G i o r g i o n o n t a r d ò i l R e c i f f è a cader i n

Sì perde la Città fnano a g l i Olandefi $imperoch'effendo egli presidiato da

del R e c f f i , gente colletizia , ed inefperta, e trafportata dalla coltura

de i c a m p i per i l m a n e g g i o delle armi, f u forprefanel pri-

m o a f f a l t o d e g l ' i n i m i c i d a v n sì r e p e n t i n o t i m o r , e f p a u e n -

to , c h é fprezzando le a n i m o f e perfuafioni delPAlbucher-»

c h e , che c o n la voce, e c o n l ' e f e m p i o g l i efortaua a corag-

giofamente difenderli, abbandonarono tutti tumultuaria-

mente la C i t t à A n c o i lForte d i San F r a n c e f c o vedendo

g i à affeftatac o n t r o l'artiglieria n e m i c a , f i a r r e f e c o n Piftef-

fe c o n d i z i o n i dell' altro, fenza àfpettar p i ù pericolo!}ci-

meli-
D E L B R A S I ! F P A R T E I . U h i I L 9 5

menti R i m a t o c ne ubera a g l i O l a n d e f i la B a r r a . , A n n o i
^ i a

s'impadronirono dei P o r t o , e della Città col f o m m o dif-

piacere p e r ò , d i ritrouarla talmente incenerita, che arri-

v ò al valore d i p i ù d i quattro m i l l i o n i cioche d'ordine del

Generale A l b u c h e r c h e f u confegnato alle fiamme

I Portoghefi i n tanto, che fuggiti alle felue vedeano p J ^ r


p - f 0 ^ { i

cangiata l'antica quiete, e delizie i n f o m m i d i f a g i , e la-.

gran opulenza i n eftrema penuria d i tutto i l necelfario,

circondati d a i figli,e dalle m o g l i fpargeano infrutruofa-

mente amare lagrime E come fe della f o m m a viltà, c o n

cui aueano abbandonata la p r o p r i a patria , n o n folfero tur>

ti incolpati, imputaua ciafcuno all'altro le m i f e r i e , e l o

fciagure ,che patiua I Comandanti arguiuano d i codar-

di i paefani, e quelli rimprouerauano d i neghittofi i C o -

mandanti , e tutti i n u t i l m e n t e fi d o l e a n o d i n o n auer fa-

puto preualerfi del t e m p o , deli'auuifo, e del valore. Sti-

molato dunque M a t t i a d i A l b u c h e r c h e n o n m e n o dalla-,


riputazione delle fue a r m i , c h e d a g l ' i n t e r e ! ! ! d e l l a fua_,

C a f a , applicò tutto i l f u o a n i m o a porre alcun' argine al

p r e c i p i t o f o c o r f o , che g i à la potenza vittoriofa d i O l a n d a

era fenza d u b b i o per fare i n tutta quella Prouincia C i o -

ch' egli n o n potea i n altro m o d o confeguire, che fortifi-

candoli nella campagna, a fine d'impedire le fortite all'-

i n i m i c o , e dillurbargh i lnecelfario ripofo per l ' i m p o r -

tantiflimo. c o m m e r c i o , e lauoro d e i zuccheri , e d e i ta-

bacchi , da i quali g l i fielfi Olandefi prefiggeanfi d i eftrae-

re i l m i g l i o r ' alimento da mantenere quella guerra Si

sforzaua per tanto l ' A l b u c h e r c h e ad i n a n i m i r la fua mte-

midita, efgomentata gente, e con parole piene d i fpirito,

e d i a r d o r e fi a n d a u a i n f i n u a n d o n e l l ' a n i m o de i p i ù prin-

cipali col difeorrere i n quella guifa: N o n d e u e ne i cuori Vigono efirtatì

Portoghefiannidarper più tempo la codardia, quando anco Ì f c ^ r a


J f A l
'

quelli dei[efio più imbelle, ef e m i n i l e v i d d e t A f i a , e l'Europa derel\ e

armt.
a p r e t l m

operare tanioni più magnanime di coraggio, e di coftanz>cu>.

T a n t i c a r i ^ e g n i d i f i a n g u e , e di amore, cheogn vnodi^uoi

tien
9 6 D È L I E G V E R R £

Annoi 6 30* f i e n d e f e r i t i i n n a n z i a gli occhi , deuono e f f e r u i lo fii*

molo più f o r t e a procurargli la liberta p e r d u t a , ed a difender-*

g / / la v i t a , e Fortore pencolante Imperoche f e gli Olandefi

impratichiti * 0guidati aprono ripaffo a quefila f e l u a , qua!

f a n g u e , 0 qu alone fi à non rimarra v i t t i m a del lor furore , e è

tncontinenZjdì Ardono ancor e j f i di rabbia, e d i f d e g n o p e r

auer f e r u i t o d i p a f ì o allefiamme quei te fiori, coni quali ere*

de anfii di pienamente fiatollare l ambizione,e


1
fi come hanno di

già sfogata la lor f u r i a con i f a c r i l e g i j nelle Chiefie, procure-*

ranno e z i a n d i o di f a r l o c o n g l i f i u p r i nelle donne Hanno

ben v i u a la memoria di che a f j è d i a n t i b e n t o f t o f i v i d d e r o a fi

fiediati nella B a i a , p e r non auer troncato le tefiie di quei, che

come v o i f i i ritirarono alle boficaglie. N o n indugiar anno punto,

a rintracciarui, per recidere i n voi ogni tralcio, che p o f f a lor

mettere inciampo alle vittorie E come potrete all'ora affali*

t i ne i b o f i c h i , e nelle felue con i teneri figli al collo, e le cari^

f f o f i e al fianco refiifiere a l f u r o r e di v n a nazione non men di"


fiumana, che infiedele ? V ^ f c i t e dunque da quefie c auer ne ,0

miei compagni, oue il mal con figliato timore v i c o n d u f f e , ed

oue v i f a r à più m o l e f i o , e menficuro combattere con la f a m e ,

e con i difiagi > che in campagna aperta contro l'inimici. Deh,

non tenete per più tempo si denigrata la fiama, e l'onore coru

tanto perniciofio efempio a p o f i e r i , e con eterno dificredito d<L~>

gli antenati Piange l'abbandonata v o f ì r a p a t r i a ; p i a n g a

la concoleata Fede con tanti fitenti davofiiri maggiori fiemi*

nata*, e piangerà l ' i f i e f f o v o f ì r o Principe i n voi laperpetucu*

ignominia, ed in fie me de fimo v n fiommo dificapito Prendia-

mo dunque le armi > ed in quanto egli non ci trafimette


t ifioc-

c o r f i n e c e f f a r i p e r r i a c q u i f i a r leperdute Piaz^z^e , fìringiamo

almeno gli a u u e r f a r i dentro di e f f e , ad e f f e t t o , che non guada-

gnino vnpalmo di campagna,fien&a la quale e i m p o f f i b i l e , che

l o r p o f f ì n o longo tempo confieruarfi N e da me fi mancherà in

m o f i r a r m i ad ogn vno non men eguale neW incontrar le fiati-

che , quanto f o n o fuperiore a tutti in efercitar il comando.

H a n n o gran f o r z a ne i c u o r i Portoghefi o l i r i m p r o u e r i

del-
D E L B R A S I L E P A R T E I . Lib. I l i 9 7

dall'infamia70gli tómoli della gloria E c i ò b e n fi v i d d e n n


° l •* °'

ne i p o p o l i d i P e r n a m b u c o , c i a f c u n o de i q u a l i q u a f i can- n ì f o l u o n o à ì c o m .

giato i n vn*altro h u o m b diede f u b i t o prbue tali d i v a l o r e , battere, e danno

e d i fortezza, che da m o l t i v e n g o n o ftimate p i ù per vere, p


^ ^ a 7 L
^

The ^ i f i m i l i . E b e n c h é la fama d i quelli auuenimenti v a o r


^ '

rimbombaffe finora per i l m o n d o alTai i n f e r i o r e a l l a lor

gtande^za, c i ò nacque o dalla diftanza del teatro, i n c u i

per lóipazio d i venti quattro anni f e g u i r o n o , o vero per-

c h è c o m e i n l o r o ebbero tanta parte i paefani, n o n fuoi la

guerra acquiftare tanto n o m e , fe non- doue fparge i l m i -

g l i o r f a n g u e , a n c o r c h é fia c o n m i n o r lode.

v Dilatafi tra la Città d i O l i n d a , e d e l R e c i f l è v n ' affai

amena, e fpaziofa pianura nella quale i l Generale A l b u -

clierche venne ad accamparti c o n la fua gente rifoluta g i à

a^bftener viua guerracon l'inimico l u i vna fola lega dif-

cofto dall'vna, e dall'altra Piazza, ditde principio ad vna


ben regolata Forcczza,la q u a i e f u chiamata il R e a l e d i G i e -

sù, ed i n progrelfo d i t e m p o ebbe l u o g o tra le p i ù riguar-

deuoli del Brafile Erano rimalli da vna affondàta naue-

quattro foli pezzi d i cannone , de i quali per all'ora f u m u -

nita , e d i alcuni fanti pagati, c o m p o n e n d o l i la principal

*parte d e l g / e f i d i o de i C i t t a d i n i v o l o n t a r i . M a c i ò c h e g r à - Mai* f i q u a l e

d e m e n t e g i o u ò alla l o r o d i f e f a , f u r o n o d i u e r f e altre brac- fif fi urtt Qéno


'eia, che dal corpo della Fortezza fi diflefero per la cam-

p a g n a , di piccioli, e diuifi Fortini, i quali b e n c h é fabri-

_» c a r i f e n z a r e g o l a r e a r t i f i z i o , fi d a u a n o a g e u o l m c n t e le ma-

4 i i ,e f à t e n d o v n c o r d o n e alle Piazze, llringeuano forte-

mente T'inimico Erano elfi v e r a m e n t e g u e r n i t i dalli più

nobili 5 e valorofi paefani Dittante v n f o l quarto d i lega

dal Reciffe comandaua v n o d i quelli a l l o g g i a m e n t i A n t o -

,AnaRibero della Zerda , per d i f e n d e r e i ! t r a n f i t o *d e l fiu-

m e de g l i Affogati L o n t a n o da quello v n tiro d i c a n n o n e

a l l o g g i l a f u la riua d e l Beberibe L o r e n z o C a u a l c a n t i c o n

groffo/*fumero d i paefani Q u a f i nelP ifteffa diftanza ac-

campaua L u i g i Barbaglio > che per m o l t e fegnalate mar-

N c h e
9 B ; . B E L L E G V E R R E ' r :

Anno 1 6 3 0* c f a c d i valore farà da n o i fpefle v o l t e n o m i n a t o i n quella,

Iftoria Fra quefto F o r t i n o , e la Fortezza Reale f i ergeua^

vn'altro comandato dal f a m o f o A n t o n i o Filippo Camara-

n o I n d i a n o , e capo d i trecento foldati delia fua nazione>

quello che cori la chiarezza delle opere illulirò a maggior'

f e g n o 1o f e u r i t à de 1 f u o i n a t a l i . E p i ù vicino ad O h n d a fi

era fortificato i l Capitano' M a t t i a d i A l b u c h e r c h e Mara-

g n o n e c o n alcune c o m p a g n i e d i fanti inuiati d i iobeorfo

da A n t o n i o f u o fratello Gouernatore d e l l a C i t t à d i Parai-

u a , c o n i q u a l i fi v e n i u a s c h i u d e r e , i l m e z z o arco della,

campagna f r a p o f t an e l l v n a , e nell'altra f p i a g g i a M a ef-

fendo quelli alloggiamenti m a l m u n i t i d i r i p a r i , e poco

prefidiati d i gente , leuò i l Generale A l b u c h e r c h e venti

fquadre d é paefani, le quali f u r o n o chiamate compagnie.

d ' i m b o f e a t i , perche or vaiti-, o r diuifi f e o r r e a n o d i conti?

n u o per i lb o f e o , oue p e r la g r a n p r a t i c a , .che n'aueano $

infermano a g l i O W i d e / I grane danno . T a l e f u i l m o d o ,

che i Portoghefi tennero per fortificarli nella campagna^,

e far guerra difenfiuaa n e m i c i tanto p o d e r o f i , fabricando

ancora inbreue t e m p o vna valtiflima popolazione per r i -

cetto delle i n n u m e r a b i l i f a m i g l i e , che v i concorfero all'-

alilo delle loro a r m i M a quafi incredibile parrà a c h i e

pratico, ed efperto nel guerreggiare quella n o r m a d i dife-

fa , che i Portoghefi tennero i n Pernambuco con tali per-* 1

m u t e d e i p a e f a n i sì p o c o d i n u m e r o , e t a n t o n o u i z i nelhui

guerra,che venendo g l i v n i a l campo , e v o l t a n d o g l i al-<

tri alle p r o p r i e cafe, appena v'era t e m p o d iefercitarli;ef-<

fendo loro f o r z o f oper accudir'a tante guardie coiTsì limi-

tate c o m p a g n i e , perfeuerar g i i flefli c o n le a r m i alla ma-

no venti, e trenta giorni i n quella fatica, che i p i ù difei-

plinati foldati ftentano a fuifrire venti quattr'ore _A.gr

giongendofi a i f o m r n i d i f a g i , e moleilie , che patiuano,

1 u e l k d e l l a f a m e
' * ' è U
P i ù f
P i e t a t o m o d o d i
Panare V i
portano f u r o n o m o l t i g i o r n i , n e i q u a l i n o n fi d i i l r i b u ì a x ^ a f c u r L ,

foldato, che vna fola fpiga di gran turchefeo per mangia-

re
D E L M A S I L E P A R T E L U h I l i 9 9

, effendo già la farina d i v n a radica, V e t t a m a n d i ò c a ( p a - A n n o 1*30.


re
ne v f u a l e d i quelle terre f i m i l e a l n o f t r o f a r r o ) arriuata a.

sì a l t o p r e z z o l i l e n e p u r a d u e ducati l o feorzo f i ritrouaua.

C o n g l i abiti affatto laceri m a r c i a u a n o a piedi fcalzi, o n d e

era eguale i l roffore nel foldato d i c o m p a r i r così al Ca-

p i t a n o ^ i n quefto d i n o n poter f o u u e n i r ' i lfoldato. Q u i n -

d i è che per f m i n u i r c o n F efempio la v e r g o g n a de i f u d -

h i t i , q u a l i t u t t i g l i v f f i z i a l i fi f c a l z a r o n o .

f M a per i l contrario d i quanto penuriauano i Porto-

ghefi abbondauano i loro auuerfari opportunamente af-

finiti dalla loro C o m p a g n i a Occidentale, la quale i n die-

tro alP armata del V a n d e r b u r g , fpedì sì follecitamen-

te vn'altra fquadra d i naui cariche d i gente , e m o n i z i o n i , A r r \ u a n u 9 U t 9 arl

c h e n o u e giorni d o p p o p r e f a la C i t t à , a p p r o d ò ella nel m a t* ouudejl**


Reciffe V i d d e r o p e r ò con g r a n ftupnre g l i O l a n d e f i f o r - '** P<fn*mbi«<>.

tificatibreuemente nella campagna quelli, che ftimauano

follerò per anco intanati tra le felue intemiditi, e difarma*


ti E fapendo quanto calore daua alla lor difefa l'aiuto d i

m o l t i ricchi paefani, i quali con gran profufione delle l o -

r o foftanze contribuiuano al f o f i e n i m e n t o d i quella guer-

ra, faceuanogii sforzi poflibili per tirarli a i l a d e u o z i o n c

l o r o , progettandoli vtiliflimi partiti con a m p l i paffaporti

fottoferitti dal Principe d i Oranges. Poco giouando nul-

la d i m e n o l o r o quella diligenza, a caufa della f o m m a v i -

gilanza de i C o m a n d a n t i P o r t o g h e f i , i n c o m i n c i ò a l l ' ora_,

il Generale V a n d e r b u r g ad inquietar f o m m a m e n t e i l o r o

q u a r t i e r i c o n c o n t i n u e f e o r r e r i e , e r e p e n t i a f f a l t i . Se bene

appena ebbero nel rimanente d i quell'anno l'vne, e l'altre

a r m i alcun' i n c o n t r o , i n c u i le P o r t o g h e f i n o n rellaffero

vittoriofe Auegnache, c o m e i n quei principij mancaffe

a g l i O l a n d e f i la pratica delle f e l u e , dalle q u a i i t u t t i quei

paefi vengono r i c o p e r t i , era i n c e f f a n t e , e m o l t o confi-

derabiie i ld a n n o , che riceueano dalle imbofeate Onde^

e f f e n d o g i à affai f e n f i b i l e la p e r d i t a d i g e n t e , c h e faceano,

determinarono d i dare v n fiero affalto alla Fortezza d e l

N 2 Rea-
i ò t i I 3 E L L E G V E R R E
7
A n n o 1630* R e a l e , per t o g l i e r e m v n g i o r n o la total fulfillenza a i Por-

/ / ColonneìloFuL t o g h e f i v S o r t i r o n o per t a n t o da O l i n d a n e l l e ore p i ù taci*

co Hentcbìp dà te della n o t t e d u e m i l a f a n t i a c a r i c o d e l C o l o n n e l l o Fulco

Vaplto alU vor. \ \ ^ \ ^ rifoluti


t t Q l o a t a g l i a r i n t i e r a m e n t e a pezzi i l prefi-
tczzó del Reale t t; # - r r
d i o della Fortezza M a d i l c o p e r t i dalle ientinelle, c h e

fparfe erano per la c a m p a g n a , lì d i e d e o p p o r t u n a m e n t e

a l P a r m i a tutti i c i r c o n u i c i n iquartieri,da i quali correndo

tutte le foldatefche i n a n i m i t e da i l o r o braui Comandanti,

e g i o n t e u i cori g r a n g i o u a m e n t o a t e m p o le v e n t i copagnie

vìen disfatto dd é d ' i m b o f e a t i , i n u e l l i r o n o c o n t a l * a r d o r e P i n i m i c o g l i vni


Vortoghefi, ^ . ^^ •^ t f - ^ j e fp ;[]
a e 5 c n e j 0 c o f l r i n f e r o a>

ritirarfi cori notabil perdita d i m o r t i , e d i feriti

A c q u i l l o quello fuccelfo g r a n riputazione alle deca-

dute a r m i de'Portoghefi, ed i n c o m i n c i a r o n o g l i auuerfari

à temerle p i ù nel Brafile, d i c i ò che a u e a n o f a t t o p e r i l paf-

fato^ N è diede m i n o r c r e d i t o aLe m e d e f i m e v n ' a l t r o fa-

uoreuole i n c o n t r o auto c o l Generale L o n C , i l quale forti-


to c o n f e i c e n t o foldati dalla Città , cade i n vna imbofeata

tefagli da g P I n d i a n i , q u a l i c o m e g i à d i c e m o militaua-

rio f o t t o i l l o r o v a l o r o f o C o m a n d a n t e a fauore de' Porto-

ghefi . I m p e r c i o c h e foprauenendo v n a g r a n p i o g g i a , la

quale refe affatto inutili i m o f e h e t t i de g l i O l a n d e f i , diede

c a m p o a g l i fiefii Indiani d i adoprar tanto a m a n falua l e

. 4 w l o r o f r e z z e , c h e v e c i f a la m a g g i o r p a r t e d e .eli a u u e r f a r i ,
Kottà delGene- . ' . . . . i j r i i ^ i r
raU Lane. fecero ì reltanti p r i g i o n i , valendo iolo al General L o n c

per liberarli c o n la f u g a i l(benefizio d i v n l e g g i e r o canar-

io . M a c o m e i lc a m p o de i P o r t o g h e f i foffe diuifo i n tanti

deboli alloggiamenti > patiua c o n t i n u o i n c o m o d o da g l i

àffalti d e l l ' i n i m i c o * O n d e p r o c u r ò i l Generale A l b u c h e r -

che d'inalzarVna trinciera f u l'argine del fiume Beberibe,

il quale folo d i u i d e u à g l i v n i , e g l i altri c o m b a t t e n t i . Pof-

ta m a n o a l P o p e r à , n o n tardarono g l i Olande!! ad affalirla-r

cori mille e cinquecento f o l d a t i , i quali auendo d i n o t t e

t e m p o vadato felicemente i l fiume, caricarono f u lo fpun-

tar dell'alba c o n g r a n i m p e t o la trinciera. E r a u i d i prefi-

dio
D E L B R A S I L E P A R T E I L i b . I I I 1 0 1
• i r i J i r Anno itfjO.
dio iLCàpitano L u i g i Barbaglio c o n la f o l a g e n t e d e l I n o I l C i p U a „ „B

flnarfierc F u r o n o replicati g l i alTalti, che g f i n i m i c i g l i 0 J g n o cambre

diedero per fuperarlo. L i ribattè con gran valore per l o n - -

g o t e m p o , f i nche opprelTo g i à dal fouuerchiante n u m e r o

S i elfi a b b a n d o n ò l o fteccato,e ritirandofi ad vn'aitro vali-

'p r e c i n t o , che fatto auea dentro della fclua, ne diede f o l -

lecito auuifo al Generale A l b u c h e r c h e V o l ò quello i n v n

tratto con tutta la guarniggione della Fortezza , e fimii-

•mete dalli v i c i n i quartieri f i fiaccarono m o l t e c o m p a g n i e

di-paefani. Per i lche atterriti g l i O l a n d e f i n o n v o l l e r o ve-

nir a battaglia, m a v o l t a n d o le f p a l l e , e poftifi i n marchia

verfo P altra parte del fiume , fi ricoprirono con alcuni

m o n t i d i r e n a , che i n quella fpiaggia fi accumulano da.

i venti, lafciandoiPortoghefi nuouamentc padroni della

trinciera .

P e r f u a f o d ù q u e i l Generale Vanderburg,di che per dis-

loggiare i Portoghefi dalla campagna,gli erano neceftarie

forze m a g g i o r i , ed elfendofi g l i ftelfi già tantoj-inuigori-

t i da i p a f l a t i f u c c e { f i , c h e fondatamente temea s'inanimif-

fefo eziandio ad alfalirlo dentro delle Piazze, applicò per

all'ora tutto i lf u o penfiero a validamente fortificarli den-

t r o delle m e d e f i m e , e particolarmente nella Città del Re-

ciffe, chiaue d i tutta la Prouincia M a e f l e n d o la popola-

z i o n e d i elfa l i m i t a t a n e l l ' a n t i c o f u o fito, la d i f t e f e a d v n a .

Ifola y che dalla parte d i mezzo g i o r n o v i e n d i u i f a da terra

ferma r i a l fiume Beueribe, ed è poi tagliata da altri d u e ,

,che la c h i u d o n o c o n i l m a r e ; oue poi dal Conte M a u r i z i o

d i Narfau f u fondata la celebre C i t t a M a u r i z i a , c o m e a fuo

# l u o g o fi d i r à . l u i dunque diede i lV a n d e r b u r g p r i n c i p i o

a d vna F o r t e z z a , la quale i P o r t o g h e f i c h i a m a r o n o d i San- / / General* Van.

t A r m o n i o , p e r e f l e r u i f a b r i c a t o v n C o n u e n t o d e ' R e l i g i o - d 'burg fubnea

fi d i q u e l l ' o r d i n e . E b b e d i c i ò a u u i f o i l G e n e r a l ' A l b u c h e r - d l U € r
J e

fthq , ^ r a d u n a n d o m i l l e f o l d a t i l i d i u i f e i n d u e f q u a d r ó n i ,

P v n ò de i quali r a c c o m a n d ò a l C a p i t a n B a r b a g l i o , e l'altro

ad Emanuele R e b e l l o d i F r a n c a , m a per capo d i tutti de-

P i a n t a . ftmo
f
t o t B E L L E G V E R R E

A m o 1630* ft; òrt A n t o n i o Riben> della Z e r d a , h u o m o affai c o f p i c u o

per i l fangue, e per^ i l v a l o r e D a t i a quello g l i ordini di

affalire Fincominciata Fortezza, Pefeguì egli prontamen-

Sanguino/oaftd te, e fauorito dalle tenebre della notte peruenne fenza ef-

to datogli da i £ e r e difcoperto alla trinciera. F u lo fquadrone del Barba-i


portoghefi* ^ .j p r j m o a r o m p e r l a , e fpintoli con gran furore den^

tro della nuoua popolazione , fece fanguinofa f ì r a g e

v de g l i abitanti , n o n dando l ' i m p e t o de i fuoi foldati|

quartiere ad alcuno de i m e d e f i m i E n t r o u i U m i l m e n t e *

il R e b e l l o , e f u tanta la c o n f u l i o n e , che tra Fofcurità del-

la notte, e lo flrepito delle a r m i n o n l i diiKngueuano g l i

a m i c i da g l i auuerfari 5 per i lche fletterò i due fquadroai

Portoghefi i n procinto d'inueftirfi I V n o all' altro M a .

guadagnata g i à da quelli P artiglieria della trinciera, l x ,

fece i l Lazerda affeflarcontro le cafe, le quaii effendo fia-

te dalPinceffante fparo diroccate, trouarono g i i abitanti

dentro delle l o r o ruine ineuitabilmente i lfepolcro. Si die-

de i n quello mentre ali a r m i nel Reciffe,e tanto dalle For-

tezze , quanto dalle n a u i , eh* erano-ancorate n e l Porto,in-

c o m i n c i o a giuocar fortemente Partiglieria.I lampi,ilriin-

b o m b o d i quella, i c l a m o r i , la c o n f u l i o n e , e le tenebre,

faceanoorribilifiimoii conflitto . I Portoghefi n o n perdo-

n a n d o a feffo y n è ad e t à , perduti già g l i o r d i n i , n o n v d i -

uano le voci de i C o m a n d a n t i , i m m e r f i g l i v n i nel fan-

gue de g l i auuerfari, e g l i altri ne i faccheggiamenti delle

cafe M a v e n e n d o ancor* elfi fieramente tagliati dal can J

none i n i m i c o , e caduto m o r t o a terra i l C o m a n d a n t e La-,

z e r d a , fi r i t i r a r o n o i n g r a n c o n f u l i o n e , e s b a l z a t i f u i fiume

m a n * •£ 7 ^ p C Z Z Ì d a r t i
S l i e r i a
>c h ' e r a n o n e l l a t r i n c i e r a , l a f c i a r o n o

L a V Z T ^ L t r a n i o l
P a k r i v c d f l & 1 G a m
P ° i l
T e n e n t e Generale Pietro
V(mènda Fer- Fernandes Ferrette *
^ .'1.
w t 6 k
M a n o n fgomentatofi i lGeneral V a n d e r b u r g d a v n si

funello accidente, rifabricò nelP illeffo p o l l o la d i f e g n a y

Fortezza,e la riduffe i n breue t e m p o a perfezione Difco-

fìo d à e l f a m e z z o m i g l i o c r e f f e v n a l t r a p i ù c o n f i d e r a b i k *

/ !
a c u i
D E L B R A S I L E P A R T E I . Lib. I I I 103

a cui f u importo i l n o m e d i C i n q u e Punte, a caufa de i c i n - A n n ò 1


<*J<*

que b a l u a r d i , c h e la f o r m a u a n o . L'affalirono fimilmen- Continua il Van-

te i P o r t o g h e f i , m a c o n d i f u g u a l e f o r t u n a ; i m p e r o c h e de derburg a fabn.

i quattrocento , che andarono all'aflalto, ne r i m a f e vceifa \ ^ U ( J U ( t F <


"'

buona parte fenza perdita de i d i f e n f o r i . Perfezionata.

dunque la f u d e t t a Fortezza , fabricarono g l i O l a n d e f i v n -

altro Pentagono d i quattro baluardi apprelfo la m a r i n a .

della nomata Ifola , e d a fine, c h e P v n e , e l'altre fortifica-

zioni poteffero p i ù ageuolmente darli le m a n i , inalzarono

in mezzo d i effe tre b e n m o n i t i Fortini I n quella guifa l i

raddoppiauano g i o r n a l m e n t e le catene alli p o p o l i d i Per-

nambuco , ' d i m o f i r a n d o g l i O l a n d e f i n e l f o r t i f i c a r l i si v a -

lidamente i n quelle Piazze d i v o l e r à tutto colto confer-

i r l e . E c o m e i n tanta fcarfezza d i gente, e m o n i z i o n ir i -

ufciffea i Portoghefi m o l t o fenfibile qualfiuoglia perdita,

che ne faceano, erano coltretti a p i ù n o n i m p e g n a r l i n e

gli aflalti, e procurar d i folamente offendere l'inimico c o l

vantaggio, ed induftria delle imbofcate E d i n vero gran-

de f u i l d a n n o , che c o n effe i n quei p r i m i a n n i caufarono

a gliauuerfari, e grande eziandio i l f r e n o i n cui g l i tenne-

ro riflretti d e n t r o delle Piazze, temendo l i m e d e f i m i d'in-

contrare la m o r t e i n o g n i p a f f o , p e r n o n auer p r a t i c a alcu-

na di quelle foltilfime felue , dalle quali v i e n circondato

il Brafile I n quello m o d o cade nelle m a n i del Capitano DuepartiteOU*.

N u g n o di M e l i o vna partita d i ducento O l a n d e f i f o r t i t i a. *ff™ t a


* l i a u

farle fafcine, ed intieramente f u mandata a fil d i fpada^.

Anco i lGeneraPAlbucherche effendofii m b o f c a t o c o n al-

cune truppe , ne f o r p r e f e altri q u a t t r o c e n t o , i quali auen-

do appoggiati i m o f c h e t t i fopra certi alberi » v i montaua-

no fopra per cogliere de i l o r o f r u t t i , e tagliatane la m a g -

gior parte a p e z z i , conduffe 1 reltanti p r i g i o n i al f u o


campo

M a già nella C o r t e de R e Cattolico erafi diuolgata la. Arriua in Spai

perdita d i quelle Piazze n o n fenza g r a n nota, e b i a f i m o d e l l"* l auuifo del.

Conte Duca,aiie d i c u i o m m i f f i o n i n e l f o c c o r r e r l e v e n i u a * £ £ J
/ , f t r
-
c o m r n u -
i o 4 B E L L E G V E R R E

A n n o i $ j Of corniliunemente attribuito v i i d a n n o di confegucnze f o m -

m a m e n t e pregiudiziali allaMonarchia;ftimandofi dai più

fenfati, che i n g r o f l à t a g i à la C o m p a g n i a O l a n d e f e con la,

ricca prefa della flotta , e coll'acquilto d i due tanto impor-

tanti Piazze,non farebbe Hata lenta i n tentar n o n folo l'in-

tera conquifla d i quella Prouincia, m a farebbe i maggiori-

sforzi per impadroiiirfi di tutte l'altre.Di quelle temute,ca- r

lamità venne con replicati auuili pienamente informato i l

A*ui/ìdel? Albu C o n
t e
D u c a da M a t t i a d i A l b u c h e r c h e , i l quale.no lafciaua
ibtnhe. occalione di rapprefentargli, Q u a n t a f o f f e la f c a r f e z ^ a di

geritele m o n i z i o n i , c h e p a t i u a , non ballandogli i l numero de*

foldati,che auea, a d i f e n d e r f i dentro delle f e l u e , e de i bofehi,

nonché a dar affaltiguermrEortez^z>e,ed opporfi alle continue

f e o r r e n e dell'inimico nella campagna Auer f i n a quelpunto i

p a e f a n i / u n i c a f u j f f ì e n z ^ a di quella guerra, toleratofatiche in-

dicibili , f p e r a n d a t i di e j f e r g l im breue rejhtuito da i validi

f o c e or f i d i Europa i l f o f p i r a t o r i p o f o delle loro cafe D o u e r f i ,

però temere , che d i f f i d a n d o g l i f i e j f i di poter v n giorno [allena-

re la lor mi f e r a , ed a b b a t t u t a f o r t u n a , non f o l o aur ebbero al-

Untata la c o f t a n ^ a de i lor ' a n i m i , m a f i rifoluerebbero a can-

giar tanti d i f a g i per le commodità vantaggio f e progettategli

d a g l i O l a n d e f i , M a n c a r folamente a quejii per goderpiena-.

mente d e W v t i l i j f i m o commercio di quella Prouincia, ildislog-.

g / a r dalla campagnapoche truppe di Portoghefi, il che f e d a ^

**' v
loro v e n i f f e confeguito, auriano non folo potuto v a l i d a m e n t e
%
f o f ì e n e r e l ' a c q u i f t a t o , ma f i dilatar ebbero eziandio con dan-

| !
n o f i j f i m i p r o g r e j j i p e r tutto quello Stato M a c o m e P entrate.

DIr„,/t M Con. d e l B
^ e
S K
^ ^ i t i p i ù v i tali dell'ifteffo R e g n o d i Por- ' 1

u Duca. t p g a l l o fi C Q n i u m a u a n o a l l ' o r a ne g l i eferciti della Fiaa-"

dra, e dell 'Italia, e taluolta i n altre poco v r g e n t i nece^fi-

tà ^ ritrouaua facilmente fpeciofi preterii i l C o n t e D u c a di

foccorrere Con formila lentezza i l Brafile politicamente^

d e c o r r e n d o ne i C o n f i g l i , che f e d e n d o il General* Albu-

cherche sì poche f o r ^ e tn Fernambuco, non aueano in tanto

tempo potutogli O l a n d e f i guadagnar v n palmo della campa-

?- : g n a ,
B E L B R A S I L E P A R T E L L i b . I I I 105

m ., e fi t) ouauano come a^e diati dentro (li quelle Pia^zjL '

^baftaua )enz>a dubbio i l trasmettergli folamente quei f o c e or f i ,

chenonfneruajfero t i cuore della S p a g n a , ef o f f e r o [ u f f i c i e n t i a

confumar lentamente ì m i m i c o \ il quale non aurebbe potuto

lordamente f u f f i f e r e n e l t A m e r i c a , e f e n d o già la Compagnia

Occidentale tanto e f a u f t a , c h e f i tene a per certo a u e f f e perdut 0

fiefantaper cento del capitale , con cui era incorninelata 1 fi-

fere quella vna guerra di m e r c a n z i a , oue per le f o l e r e g o l e

dell'abaco fifommaua l'opinione, ed il credito de i C apit ani

Laonde fie quello, che ne ac q u i f a f e la fipada, non ecce de fife ciò

che fi calcolale con l a p e n n a , l ' i f l e f f a c o n u e n i e n & a v / d y j t c ^ c

gli Olandefi ad abbandonar totalmente quella imprefia Que-

lli erano i fentimenti di q u e l m i n i f l r o , a i quali in facto

corrilpofero le rifoluzioni y n o n inuiandoli per all' ora_,

in P e r n a m b u c o altro foccorfo, che quello di nouecarauel-

lcin diuerfe volte con quattrocento foldati , ed a l c u n o

., monizioni, delle quali v'era colà neceflltà tanto ellrema-,

che arriuarono i Portoghefi a feruirfi per far le p a l l e de i

mofehetti dei piombi delle reti da pefeare M a eflendo

gli Olandefi padroni del m a r e , incontrauano quei limita-

tiffimi foccorfi tante difficoltà in peruenir'a P e r n a m b u c o ,

che 0 cadeano i n m a n o de g i i a u u e r f a r i , o pure con i m -

m e n f e f a t i c h e fi c o n d u c e a n o alla Fortezza del Reale ; ef-

fendo forzatiilegni per ifchiuar'i pericoli, di p r e n d e r ò

P o r t i così d i i l a n t i , c h e d o p o sbarcata la g e n t e , fe ne fmar-

r i u a b u o n a p a r t e , e l ' a l t r a fi a m m a l a u a d a g l i i n c o m o d i del-

le l o n g h e marchie

Fauoriti dunque gli Olandefi più dalla negligenza.

della Spagna , che dal poter', e vantaggio delle pro-

prie armi , non perdeano punto di t e m p o neli' andar

validamente fortificandofi nelle acquiftate Piazze , per

preuenirfi ne i p o l l i m e n o f o r t i da qualche i m p r o u i f o af-

f a l t o de i l o r c o n t r a r i Ereflero per tanto vn'akra Fortez-

za n e l f i t o c h i a m a t o d i A l f e c c a , i l quale d o m i n a u a a caua-

liere il jPorto del R e c i f f e Vedeua i lGenerale A l b u c h e r -

O che
* 106 B E L L E G V E R R E

Anno 16}o* c j i c d e l u f a q u e l l a f p e r a n z a , c h ' e i c o n c e p i t o a u e a , d i effe-

re b r e u e m e n t e f o c c o r f o da poderofa armata di Spagna.,

o n d e datoli ad vna total difperazione, volle azzardar' in,

Rìfoluzione del? vna volta tutte le fue forze , e tentar c o n difperata rifolu-

Albucherche. z i o n e la f o r t u n a Radunate d u n q u e tutte le foldatefchc*

d e i v i c i n i a l l o g g i a m e n t i > d i f f e l o r o : E f f e r g l i g ì a ben noteu

la f o m m a lente z^z^a del R e Cattolico in accudir a i bifogni di

quello Stato, o per t r c u a r f i diuertito ad v n altra più vicina, e

p i u p r e m u r o f i g u e r r a , oper v e n i r f o r f i f i l m a t o nella f u a C or-

te non come v n huomo,ma come v n e f e r e ito qalfiuogliadi quei

foldati Aumentar f i f e m p r e più il numero, ed il poter de gli

a u u e r f a r i , e premere tanto più alle P r o u i n c i e V n i t e la con-

quida del R r q f i l e , che la di lui conferuaz^ione al Conte B u -

ca , che non bardar ebbero a d i n u i a r a i loro Generali e n a u i ,

e genti sì numero f e , che f o r t i t i alla campagna difiruggejfero

in v n o r a ciò che con i n f i n i t i f u d o r i f i e r a da lui foftenuto iru

tanto tempo V e d e r egli giornalmente indebolir f i il fiuo cam-

po d a i difiagi , e d a i rigori della f a m e , i l ch'era v n morire da

p u f i l a n i m i , e non da f o l d a t i . B o u e r p e r tanto p r e u a l e r f i di

quellepochefiorz^e, che g l i r e f i au ano ,prima che f e n z ^ a gloria

rimanejfero a f f a t t o confumate E perche, o valor ofi Porto-

g h e f i , d i c e a a r d e n d o d i f u r o r e i l G e n e r a l e , non tentaremo

più tofio l a f o r t u n a tante volte propizila a i coraggio/!, col da*

re a i n o f t r i inimici v n a f i f a l t o , in cui a j f i f i i t a la noflra c a u f a

dalla ragione, ed infiammati dal valore i nojìripetti, ripor-

tar emo di loro v n intiero trionfo ? Diffe; e n o n v i f u chi con

v n confufo f r e m i t o di voci n o n affentiffe alle a n i m o f e r i -

foluzioni del Capitano. D i u i f i d u n q u e i n tre f q u a d r o n i , lì

auuanzarono nelle ore più tenebrofe della notte verfo la.

Affato u citta C ^ t è di O i i n d a con a n i m o d'inuaderla per tre parti M a ,

d'Olila. vadato con f o n i m i Itemi i l fiume, peruennero già quali f u

lo fpuntar dell'Alba vicino alle m u r a , oue difeoperti dal-

le f e n t i n e l l e , f i diftaccarono dalla Piazza per opporfegli

alcune truppe. L e quali polle con gran vecifione i n feon-

fitta,dipde P À l b u c h c r c h e i m p e t u o f o a l T a l t o ajfa trinciera.

r o m -
D E L B R A S I L E P A R T E I Lib. I l i 107

f f l l n p e n d o f a a n i m ò f à m e n t e per alcune parti Eraquella. A n n o i l o .

Piatóa pf efidiata da quattro m i l a fanti, e la Fortezza fi tro-

uana m u n i t a d i n u m e r o f a a r t i g l i e r i a > "onde r i n f o r z a t a d i .

gerite f r e f c a la t r i n c i e r a , era g r a n d e la r e l i l l e n z a , c h e i n -

Contrauantf g l i a g g r e l f o r i P u r o per molte ore i l conflit-

t o , d a n d o f e m p r e i l G e n e r a l e A l b u c h e r c h e . c o n la fpada^

i n W n o marche d i coraggiofo f o l d a t o , ed efortando vi~

^uamenre i fuoi a fpingerii dentro della Piazza M a venen-

d o g i à eflì fortemente r i b a t t u t i d a l c a n n o n e , e d e f l e n d o l o - * Siritìracon mot'

' r o gettate c o n t r o infinite granate d i f u o c o dalle m u r a g l i e , t o c i a t t n o


'

rion poterono mai fuperar totalmente lo iteccato L a o n -

de per n o n p r o f o n d e r e inutilmente»le vite, fi ritirarono

con gran quantità d i m o r t i , e d i feriti, lafciando p e r ò tru-

cidati p i ù d i quattrocento d e g l i a u u e r f a r i , fi c o m e attelta-

rono a l c u n i , che nel feguente giorno dqfertarono dai lo-

ro Campo* * - %•

L e Prouincie Vnite i n tanto indagando la t a n t o pale-

fe trafeuraggine della Spagna i n a c c u d i r ' a i i ' e m e r g e n z e , e

guerra del Brafile,non punto, negligeuano i l profeguir co

fòpirrio ardore quella^conquiila , facendo nuoui apparec-

chi nauali da inuiare i n quelle parti E b e n c h é ancor' elfe

i n E u r o p a fi t r o u a f f e r o n e l maggior furore della guerra^

Col R e C a t t o l i c o , riflettendo p e r ò alle g r a n d i llrettezzo,

-ed a g g r a u i , c ò i q u a l i l ' i n f o r t a g u e r r a d ' I t a l i a t e n e a oppref-

ti t u t t i i R e g n i d e l l a M o n a r c h i a , erano collantemente r i -

folute ad approfittarfì del t e m p o , e dell'occafione , che la

fortuna lor'offèriua. E veramente g i a m m a i come i n quel

ìternpofi v i d d e la S p a g n a , e g l i Aultriaci i n tanto perico-

*k>fe a g i t a z i o n i Imperoche inuafa da o g n i fianco la Ger-

mania dalle armi Suezzefi, eSaflonie , e poco menche.

ridotto Plmperadore alla n e c e l f i t à d i abbandonare la fede

d e l l ' I m p e r o , e r i c o u r a r f ip e r s f u g g i r ' v n tanto i n c e n d i o a l -

le n e u i p a t r i m o n i a l i d e l l a S t y r i a , e della C a r i n t h i a , n o i b

j V t f t òi n u e n z i o n e a l c u n a d i c a u a r d a n a r i , c h e i l Conte D u -

c^nonmettelfein opera per foccorrerlo con f r e m i t o indi-


I 4 <
^ * O 2 cibi-
i o 8 'DELLE G V E R R E

A n n o i l o . C i b i l c , e doglianze d i tutti i p o p o l i . D i manieratale, che

il R e g n o folo d i Portogallo f a Coftrétto alla c o n t r i b u t o -

ne d i v n m i l l i o n e di*oro fottò p t e t e f l ò d i mantener'inpie-.

d i vn'armata. Per i l che afflitti f o m m a m e n t e iPortoghe-

fi nei vederfi fpogliare delle proprie foftanze per fuflidio

d e g l i a l t r u i R e g n i >q u a n d o i loro p r ò p r i l iiafciaùano iru

abbandono *e preda a g F i n i r n i c i , n o nf u r o n o p o c h i q u e l l i ,

c h e t r a f i t t i d a v n s i v i u o d o l o r e fi e l e f l e r o d i v i u e r e j n l i r a - ^

* niere P r o u i n c i e 5p a r t i c o l a r m e n t e , q u a n d o nella morte fe-

guita i n quefVanno d i T e o d o f i o Duca d i Braganza > vidde-'

ro ellinto i lfeme d i quelle fperanze, colle quali tuttauia,

É l T I i B ^ t l a d u l a u a n ò j e p a f c e a n o l o r i t é i f i , d i vederfiprelto ritorna-

gli* r e
^ ù t t o
& desiderato f c e t r o d i R e P o r t o g h e f i , e naturati.*
SUÓ Elogio. • P o f c ì a c h e era v é r a m e n t e T e o d o f i o P r i n c i p e d i generofo

Cuore, capace d i azzardarli a qualfiuogliaardua imprefà.,

e si c o l l a n t e n e l l e alte fue prerogatiue d i regnare, che.


v i e n da alcuni affeuerato ciò che i o n o n ardifco d i afferma-

re 5 e l i c g l i aueffe penfato d i f e r m a r v i o l e n t e m e n t e i n Vìi-

lauezzozzaii R e Filippo T e r z o nel paffaggio* che d i làfe-

• ce per L i s b o n a , per c o f i r i n g e r l oa c e d e r g l i l a m b i t a coro-

na M a che ciò n o n feguifle, difuafo Piflelfo D u c a dallo

f c a n d a l o j C Ì i e n a u r e b b e c o n c e p i t o i l m o n d o d a v n a si i i r e -

pitofa operazione. C i ò c h ' è certo, che con m i n o r difpen-

dio della riputazione, e decoro d i quella Real Cafa venn£

come a f u o luogo d i r e m o , Piftefla C o r o n a a cadere irl*

G i o u a n n i Duca d i Bàrcellos f u o p r i m o g e n i t o , i l quale

prendendo ora pofleflb del Ducato d i Braganza, feppe poi

Con nìirabiidifinuoltura i m p a d r o n i r f i d i tutto quelRegno^

D E L L A
TOC

D E L L A I S T O R I A

D E L L E G V E R R E

D E L

R E G N O D E L B R A S I L E

PARTE Ir LIBRO QVARTOr

SOMMARIO.

NVADO NO gli Olandefi Hfola di

T'amaraca y oue fabricano la ForteZjZ^a

di Oranges 11 GeneralPatresfiporta-*

con v n armata al B r a f d e Antonio 0 -

quendo General dell' armata Spagnuolcu*

vien con lui a battaglia f u i mare Orren-

do conf itto tra le due Capitane M o r t e

del General Olandefe I l C o n t e di Bagnolo Napoletano in-

troducefoccorfi in Pernambuco I I General L i B a r t attacca

la Par a m a , e f i ritira battuto . I l General V an derburg en-

train Rio Grande, troua la ForteZj&a f o c e or f a , e non fi ci-

menta all'affatto Le Prouincie V n i t e inuiano nuoua arma-

ta al Brafile Comanda le loro armi il General Rimbac. A t -

tacca la Forte Zi&a del Reale > e r e f ia veci fio Prende il co-

mando dell' armi SigifimondoV anficup, impadronifice di

tutta l ' I f ò l a di T amaraca I I General Albucherche chiede

f o c c o r f i al R e Cattolico R i f p o f i a , e fini del Conte Duccu».

Sigif-
r S i g i [ m o n d o a f e d i a l a Fortez>z>adel Reale. Vengono li f u o i

d i s f a t t i da* P o r t o g h e f i , ed abbandonai*affé dio. I l Colone Ilo

M i m a n erotto d a g l i É f i o p i * Prendono gli O l a n d e f i la For^

tezjZ^a di R i o G r a n d e , e dominano poi tutta tifiejfa Prouin*

eia. C r u d e l t à , che praticano con quei popoli.

P I S À 1
111

I S À N I M A T I g l i Olandefi i n Pernambuco

di potere c o n le fo!o forze, che aueano dis- A n n o i c$ \ .

logiar i Portoghefi dalla Campagna , rifol-

uerono, mentre n o n veniuano affiftiti da.

più vigorofi foccorfi d i Europa, di appro-

fittarfi d e l d o m i n i o del m a r e , che godea-

n o , n o n f o l o per dilatar la Conquifta d i quella C o l l a , m i >

per ftàbihre eziandio i l defiderato traffico , e corrifpon-

d e n z à c o n i paefani, fenza la quale n o n poteano trarre dal-

FiftefTo B r a f i l e , c o m e voleano, i lprincipaP alimento per


quella guerra G i a c e (otto fette gradi, e mezzo dell'Equi-

noziale verfo i l mezzo giorno otto leghe dittante da Per-

narnbuco la r i c c a , e valla Ifola d i T a m a r a c à , la quale va

oggidì annefla alla Cafa de i C o n t i d i M o n f a n t o , è M a r -

chefi d i Calcais,Ceppo della gran famiglia d i Cafiro Ali*

inuafione d i quella f u dal Recirlè fpedito i l C o l o n n e l l o

ìpanefelt con vna fquadra d i venti naui E'nella p a r t o UCavefiUmua.

più eminente dell'Ifola fituata l a C i t t à d e l l a C o n c e z i o n e ^ d c l a Q u t à d d l a

rr • - i r i 4
i i• T i i Concezione
aliai i m p o r t a n t e p e r l e fabnche d i Z u c c h e r o , che m a n -
tiene ne i f u o i c o n t o r n i *L a gouernaua i n quel t e m p o Sal-

vator Pignero, foldato n o n m e n ' efperto , che valorofo

Sbarcati g l i O l a n d e f i nella f p i a g g i a apprefero f o m m e dif-

ficoltà nelPefpugnazione della Piazza Laonde battendo-

la folo leggermente,applicarono tutto i l lor fiudioin fa-

bricar nelfifieffa fpiaggia vna Fortezza, la quale n o n fen-

za c o n t r a l t e r i d u f f e r o b r e u e m e n t e a p e r f e z z i o n e n e l f i t o ,

oue l'Ifola vien circondata da v n braccio d i mare, che for-

gia c o m e d u e b a r r e , d i f t a n t e v n f o l t i r o d i a r c h i b u g i o da,

ter-
i i 2 B E L L E G V \ E R R E

5 • t e r r a f e r m a Eretta q u i u i la Fortezza, quale chiamarono

vifjbricavrtaL-, d i Oranges , e guerrnita da grolfa artiglieria", feeero'

Fortezza. fenza i m p e g n a r l i i n altra operazioner'nuouamente vela per

ilReciffe

M a g i à la nuoua armata O l a n d e f e auea da À m f t e r d a m

fpiegatele vele verfo P e r n a m b u c o , a carico di Adriano

Patres Capitano d i r i n o m a t a f a m a nella Fiandra Conila-


LGeneralPatres u a q U e di f t '
v e n t i f e i f o r t i f l i m i vafcelhV, fo-
a r r n a m e n t o

J» porta con vn - \ . ' c

armata al Brofi p r a i q u a l i e r a n o t r e m i l a , e c i n q u e c e n t o h u o m i n i da sbar- N

c o , o l t r e g r a n n u m e r o d i f a m i g l i e O l a n d e ! ! , e de* p i ù r i c -

chi Ebrei del Settentrione tirati dall' abbondanza, e van-

taggi d i quel c o m m e r c i o Publicofii n e l l a C o r t e d i Spa- '

g n a q u e l l a n u o u a , e c h e i ld i f e g n o d ' O l a n d a folfe d i andar*

•a b a t t e r e l a flotta de i g a l e o n i , che dal Meflico doifeafar

vela i n quell'anno. D'iedeper tanto fqlleciti ordini i l Con-


il General Oqu? ^ t ' © q u e n d o Generale d i longa
e D u c mano
a A n t o n 1 0

krtvienfpeauoad r * . . r V
**pf&rfegii lperimentato nelle guerre nauali, d i portarli a conuogliar
$ Pillefla flotta c o n v n a f q u a d r a d i v e n t i va.fcclli ,* i q u a l i e f -

f e n d o flati a fpefe de i P o r t o g h e f i allertiti nel Porto d i Lis-

- b o n a , fecero i m e d e f i m i p r e m u r o f e f u p p l i c h e al R e Cat-

tolico d i conuertirli ancora i n benefizio delle Piazze del

Brafile, efpofte all'armi dell' i n i m i c o Furono per tanto

imbarcati due mila h u o m i n i d i f o c c o r f o da diftribuirfi in

vari] prefidij d i quel R e g n o Per la C i t t à d e l l a B a i a fi d a r

l i m a r o n o ottocento foldati a carico del M a e l t r o d i C a m p ò

C h r i f l o f o r o M e x i a Boccanegra. Per la Paraiua ducento,

e per Pernambuco m i l l e , d e i quali erano trecentp Caffi 1

gliani, ed altri tanti N a p o l e t a n i , gl'vni, e gl'altri caman;

/ / Conte M Ba * d a G i o : V i n c e n z o Sanfelice Conte d i B a g n u o l o dell'-


gnolo Napoleta- i l t e f f a N a z i o n e 5 a l l a q u a l e f a n t e r i a fi a g g i u n g e u a n o dodi-

no v-à con ficcovfi Q pezzrdi cannone


Y per la Fortezza d e l R e a l e , ed ajrri do-

dici per la Paraiua A p p r o d a t o i lGeneral O q u e n d & n e i l a

B a i a , e l a f c i a t a u i l adeclinata f a n t e r i a , fi f e n u o u a m e n t e al

m a r e , p e r c o n u o g l i a r i l f o c c o r f oa l l ' a l t r e p i a z z e s i l quale-

f u i m b a r c a t o i n d o d i c i C a r a u e l l e . c o n P i f l c l f o C p n t e d i Ba-

gnuolo,
B E L B R A S I L E P A R T E L Lib. I V 113

.gnuolo,ed O d o a r d o d i A l b u c h e r c h e f r a t e l l o d e l G e n e r a l e A n n o 1 c
> :

Mattia ; conducendo ancora ventiquattro naui m e r c a n t i l i

cariche di Z u c c h e r i , e d i tabacchi i n quel Porto Ebbe d i

ciò auuifo i l General Patres d i g i à p e r u e n u t o al R e c n f e , e

con f o m m a follecitudineforti ad incontrarli con i R e g i ] , i

quali auendo per m o l t i g i o r n i forzeggiato contro i venti,

f u r o n o da l u idifcoperti ne i m a r i della Baia 5 e f u l o f p u n - ,

tar dell A l b a l i l c h i e r o 1 v n a , e 1 altra a r m a t a i n f o r m a d i due#rm*te •

battaglia. Conltaua quella d i Olanda d i venti poderoli

vafcelli moniti di fcelta fanteria L ' O q u e n d o o r d i n ò al-

le Carauelle , ed a i legni m e r c a n t i l i , che f imetteffero fot-

t o v e n t o , a c c i ò c h e m e g l i o r e i t a f l e r o f p a l l e g g i a t id a quel-

li di guerra I I P a t r e s p o f e l a f u a C a p i t a n a c o n l e v e l e 111-

gioncate a ingiolito , attendendo quafi due ore le lcialup-

pe d i tutti gPaltri C o m a n d a n t i , a i quali diede ordini r i -

g o r o f i , d i c h e al p r i m o fegno d i battaglia abbordaffero l'i-

n i m i c o M a per meglio inanimirli con l'efempio, f u egli


i l p r i m o , c h e i n d i r i z z ò la fua p r o r a c o n t r o la CapitanaReg-

g i à , la quale c o n m i r a b i l defirezza tirato tutto i l t i m o n e

a d v n a b a n d a , a b b o r d ò c o n g r a n v a n t a g g i o P O l a n d e f e cu n o j u f r a u ™ ^

foprauento S i a t t a c c ò a l l ' o r a t r a a m b e d u e v n a sì o r r i b i l e , Capitane.

e d o f i i n a t a b a t t a g l i a , c h e fi t i e n p e r c e r t o f o f f e q u e f i o v n o

de i più fieri, e fanguinofi conflitti, che tra v a f c e l l o , e va-

fcello abbia v e d u t o POceano Erano le due Capitane de'

più g r a n d i , e forti legni, che folcaflero all'ora i l m a r e

Afferrata Pvna dall'altra, fecero ad v n ifteffo t e m p o lo fpa-

uentofo fparo d i tutta l'artiglieria, e dell'altre bocche d i

fuoco L'Oquendo riceuè notabil danno da quantità i n -

numerabile d i granate, e d i altre artefizi d i fuoco,che den-

tro gligettarono g l iauuerfari E r a g i à P v n a si v i c i n a a l l ' -

altra,che vicendeuolmentefitoccauano le gioie de ican-

n o n i , ediuenute come due Campagne rafe , faltauano g l i

v n i dentro i l vafcello degl'altri, oue combattendo c o r u

fpade,ed armi corte alla m a n o , daua ciafeuno proue d i

gran v a l o r e . . T u t t o era f a n g u e , t u t t o ftrage, e tutto orro-

^ P r e .
i i 4 B E L L E G V E R R E

huao i $ j i , r e ^ m o r t e d e g l ' a i p ] u incaloriua, che intimidiua gli

altri C i a f c u n o d e i G e n e r a l i p i ù c o n l ' o p e r e , che con la,

voce incoraggiaua i fuoi foldati À l l e n t a u a n o a l l a fine g l i

O l a n d e f i la coftanza, e l'ardore d i combattere, eflendo già

l a m a g g i o r p a r t e d i l o r o t a g l i a t a d a l f e r r o d e i R e g g i j 5 ciò

che veduto d a l Patres, p r o c u r o f u b i t o disferrarfida loro.

M a r e f i a n d o g h ancora imbarazzata la poppa dal fianco^

della Reale, g l i faltò dentro i lCapitano Gio; C o n i g l i o , c


Az'one v*forof* c o n i n d i c i b i l c o r a g g i o pafsò v n canapo all'albero della,
èel UpiUna Cof- , . ' r . v r
• i-AAiw r

ispiro, m e z z a n a , l a l c i a n d o c o n c i ò n u o u a m e n t e attaccati g l i Ola-

defi a colto della propria vita, la quale perde già ritiran-

doli a t e m p o , che i fuoi poterono godere i l benefizio di

v n a sì g r a n d e a n i m o f i t à Si f p i c c ò i n q u e l l o m e n t r e vn'al-

tra forte naue Olandefe ad abbordar l'Oquendo dall' altro

lato , e d o p p o f i o f e g l ic o n v n picciolo Petacchio i l Capi-

tano C o f i m o d i C o u t o , l'attaccò con gran braura, e gettò

dentro la fua gente M a eflendo i l vafcello i n i m i c o , tan-

t o f u p e r i o r e d i c o r p o , e d i f o r z e , lo t i r ò dietro a fe di ma-

niera , che refiando i n mezzo a q u e l l e t r e g r a n p r o r e , sbat-

t u t o , e f o p r a f a t t o d a l l e m e d e f i m e fi a f f o n d o ; f a l u a n d o f i p e -

r ò fortunatamente a nuoto i l Capitano Couto, a cui i n pre-

m i o del f u o valore, f u p o i conferita la carica d i A m m i r a -

glio Si r i n o u ò i n d i i lc o m b a t t i m e n t o p i ù f e r o c e M a vo-

lendo g i à la fortuna far p i ù g l o r i o f o c o n la vittoria Pvno

de i due C a p i t a n i , accadde, che faltando v n toppaccio d i

cannone dentro i l vafcello O l a n d e f e , g l i attaccò irrepa-

rabilmente i lf u o c o T r o u a u a f i p e r ò ancora efpofta al me-

d e f i m o pericolo la Capitana Spagnuola, imperoche eflen-

d o dall'inimico afferrata c o n g l i v n c i n i , lacere le v e l e , c

rotte le farte, n o n potea fottrarfi a l l ' i n c e n d i o C o r f e per

t a n t o i l C a p i t a n o G i o ; d i P r a d o a f o c c o r r e r l a c o n l a f u a na-

u e , e f u sì o p p o r t u n o l ' a i u t o , c h e l e d i e d e , c h e felicemen

te f c a m p ò P i n f a l l a n t e r u i n a , che fouraftaualc. Vedenti"

dunque i lPatres, che egli folo foggiacea all'ingorda ve >

citi delle fiamme,ardendo d i f o m m a rabbia, n o n cu*" iì


4
B E L B R A S I L E f A R T E L H b . l v . n s

dì faluar la vita abordo de i f u o i c o n t r a r i , i quali anco nel- A n n 0 1 6


$ 1

la d i l u i d e p r e l f a , e f u p e r a t a f o r t u n a , a u r e b b e r o nfpettato

il di l u i impareggiabil valore ; m a cingendoli a dolfo lo

flendardo, a r m a t o c ò m ' e g l i era , f ig e t t ò b a r b a r a m e n t e

nell'onde-, dicendo, che folo tutto l ' O c e a n o , era d e g n o

tumolo del f u o inuitto cuore Così perde inutilmente la.

vita quello animofo Capitano R e l l ò p e r ò v i t t i m a d e l fer- A U r i g d d Q e n e ,

t ro Olandefe più della m e t à della gente dell' O q u e n d o , e rale Patres

? l'altra quafi tutta g r a u e m e n t e ferita ; e tra le p e r l o n e d i p i ù

n o m e , R o d r i g o Portocarrero, Giouanni d i Vilianoua, e

Pietro Vrezena Italiano con m o l t i altri valorofi vffiziali

N o n f u m e n fanguinofo i l combattimento delle due

A m m i r a g l i e , b e n c h é i l fuccelfo folfe m o l t o d i f u g u a i e n ^ a v e c i f o t A 9 K

Caduto m o r t o d i mofchettata M a r t i n o di Valieziglia À m - miraglio Vaiezi.

miraglio R e g g i o , e fdrufcitoquafi interamente i l f u o va- g l u

f c e l l o , fi a r r e f e a l l ' i n i m i c o ; r e l l a n d o a n c o m i f e r a preda_

delle fiamme v n ' altro fortilfimo galeone de i Cattolici

T r e Vafcelli Olandefi furono mandati a f o n d o , ed ambe-


due l'armate riceuerono sì g r a u e d a n n o , che p o c h i legni

rimafero capaci d i nauigare Perirono nella battaglia p i ù

d i tre m i l a h u o m i n i quafi i n egual n u m e r o dell'vna, e del- strage vicende.

1 altra parte O n d e c o m m u n e m e n t e fi d i l f e , c h e i l P a t r e s deuole delle ar*

-perdè la vita, m a n o n la vittoria.. Fu l'Oquendo collretto m A t e

"a r i t i r a r l i n e l p i ù v i c i n o p o r t o p e r r i f a r c i r e , e m e t t e r nuo-

vamente i n piedi i fuoi legni > con i quali auendo ordina-

' to al Conte d i B a g n u o l o , che introducefle quel tanto fofpi-

•rato foccorfo i n Pernambuco, fpiegò dopo m o l t i g i o r n i

le v e l e v e r f o P l n d i e , p e r conuogliar quella flotta nella Spa-

g n a , fecondo i l fine d e l l a f u a f p e d i z i o n e I IConte d i Ba-

gnuolo i n tanto prefe la Barra G r a d e trenta l e g h e d i f e o i t o

dalla Fortezza del Reale con trecento h u o m i n i m e n o , i

quali i l General O q u e n d o , f u necelfitato a ritenerli per n D

/ 1 j . . . .a « 1- •£ Il Conte dt Ba.
lupplemento d i quelli, che m o r i r o n o nella battaglia En- gnuolo entra
trò i lConte i n quella Fortezza con fettecento f a n t i , e fe- Fernambuco

dici pezzi di c a n n o n e , auendo fuperato i m m e n f i pericoli

P 2 per
1 1 6 B E L L E G V E R R E

A n n o 16*31. p e r condottarli ; m a b e n c h é q u e l l i f o c c o r f i f o f f e r oi n real-

t à t a n t o l i m i t a t i , l if u p p o f e r o p e r ò g l i O l a n d e f i così p o l e n -

ti , che d i f p e r a t i d i poter m a n t e n e r ' a m b e d u e f acquiflate

GH oiande£fma. Piazze , deliberarono d i fmanteliar' O l i n d a S'indulfe

nllano Olinda. m a g g i o r m e n t e a quella rifoluzione i l Generale Vander-

b u r g dal t i m o r e d i che l'armata Cattolica, d i cui ignoraua

il f u c c e l f o , e I r r u z i o n e , l'inuadeffe nel Porto del Recif-

f e >i l c h e fe cosi fofle flato d i f p o l l o nella Corte di Spagna,

fi farebbero forfi fnidati dal Brafile la feconda volta gli

O l a n d e f i , a caufa della debboiezza de i prefidij, con c h e

fi t r o u a u a n o a l l ' o r a l e l o r P i a z z e P r i m a p e r ò che g l i Olan-

defi mettelferoin operala demolizione di O l i n d a , volle-

ro ricuoprire la penuria d i g e n t e , che patiuano con que-

llo flrattagernma Spedirono v n ' i n u i a t o al General Albu-

cherche , per rapprefentargli c o m e a m m u t i n a t i f i ifoldati

contro alcuni d i quei paefani, a caufa d i molte i n g i u r i e

da loro riceute , voleano incendiare quella Citta, enorb

p o t e n d o i C o m a n d a n t i fargli attenere da v n tanto 1nf3.no

furore militare , n o n v i f a r e b b e altro riparo per redimere

v n a sì n o b i l ' , e d a n t i c a P i a z z a , che far alle ftefle foldatef-

n a d e l G g m che v n groffo donatiuo Intefo dalPAlbucherche l'artifi-

nerìle Albucbtr- z i o , g l i r i f p o f e , che auendo e g l i l ' a r m i alla m a n o , fpera-

che. u a d i comprar m o l t o prefto quella Piazza c o l f a n g u e , e

n o n c o l d e n a r o , e che fe i n tanto l o r o la confegnaffero alle

fiamme, c a p i t a l e , e f o r z e a u e a n o i P o r t o g h e f i , p e r riedifi-

car vn'altra p i ù fontuofa.V o l t ò co quella rifpolla l'inuiato,

ed i l Generale V a n d e r b u r g c o m a n d ò , c h e fi a t t a c c a f f e i l

f u o c o alla C i t t à , facendo p r i m a ritirar' a quella del Re-

ciffe tutto i l prefidio M a caduta gran parte d i queflo n u

v n a imbofeata tefagli da i P o r t o g h e f i , f u r o n o mandati

m o l t i a fil d i f p a d a , e f a r e b b e f i a t a p i ù fiera la ftragge loro,

f e a l c u n e t r u p p e d i q u e l l i n o n fi f o f l è r o p o r t a t e a f p e g n e r e

le fiamme, che già impoffeflatefi dsH'iftelfaCittà, la riduf-

fero fenza riparo totalmente i n ceneri

D i e d e p e r ò i lt e m p o capo a g l i O l a n d e f i d i d i f e e n , re

quan
D E L B R A S I L E P A R T E L U t . I V 117

quanto limitati f o n e r ò i foccorfi preuenuti al General A l - A n n o 1 6


$ 1

hucherche > onde f g o m b r a t i dal t i m o r e dell'armata Cat-

t o l i c a , fi r i t r o u a r o r r a i n f o m m a c o n f u f i o n e , e pentimento

d i a u e r si v i l m e n t e f m a n t e l l a t a vna Piazza tanto riguar-

deuole,ed importate, che n o n daua m i n o r credito alle lor

a r m i *c h e ficurezza alle f e o r r c r i c c h e faceano per la C a m -

pagna Q u i n d i è , che accertatifi d i quanto infiacchita, o

n e g h k t o f a fi t r o u a f l e l a S p a g n a per accingerli al riacqui-

fio di c i ò , che perduto atiea n e l l ' A m e r i c a , n o n dubitaro-

n o d i diuertir le p r o p r i e f o r z e d a l Reciffe, per impiegarle

in altri n u o u i , ed importanti acquifti nel Brafile A p p a -

recchiata dunque vn'armatadi venti fei grolfi vafcelli, ed

altre tante b a r c h e , f o r t i i lG e n e r a l L i & a r t infieme col C o - l


\ ?'!' * % ' G r l tc

tetri ali tnua/ionc


lonneilo C a l u i , e tre mila fanti ad inuadere n u o u a m e n t e di Paraiua.
la Città d i Paraiua E' i lprincipal foftegno d i quella bar-

ra la fortezza detta del C a b e d e l l o , al d i cui gouerno era i l

Capitano Giouanni di Mattos foldato d i molta fperienza,


m a con foli ducento cinquanta f a l d a t i di g u e r n i g g i o n e .

Q u i n d i è , che p r i m a d i fare alcun tentatiuo c o n t r o la Cit-

tà , filmarono necelfario g l i Olandefi guadagnar prirrfala^

Fortezza, c o n la quale refifi S i g n o r i della barra, poteano

poi con m a g g i o r aggeuolezza attaccar eziandio la Città.

S b a r c a t o p e r c i ò i l C a l u i c o n l a f u a g e n t e d i r i m p e t t o a l l a . Sbarca il Coi . $n

Fortezza,incominciò fubito ad inalzarle trinciere per dar ttelU C a l u t

f o r m a all'alfedio,e facendo c o m e v n cordone, impedirle i

foccorfi,che facilmete poteano trafmetterfidalla C i t t à . M a

n o n eflendo fiato lento i lGouernatore d i quella A n t o n i o

di Albucherche a muouerfi con feicento h u o m i n i , tentò

v a l o r o f a m e n t e d ' i n t r o d u r l i d e n t r o d e l l ' i f i e l f a F o r t e z z a . Se Sortita del G$uer<

gli oppofe i lCalui c o n tutto i lcorpo della fua fanteria, ed p a d e l l a Cuti

attaccatali v n a f a n g u i n o f a zuflà c o n p e r d i t a d i atabedue^

le partì, f u r o n o collretti i Portoghefi incalzati dal fupe-

n o r numero de i contrari a ritirarli alle f e l u e , oue per la^

g^ca pratica d i quelli , n o n riceuerono alcun danno 5 anzi

per fa trafeuraggine de i m e d e f i m i i n cuftodir diligente-

l. ( 3 ) CartaGxogrx m e n -
- i 1.8 B E L L E G V E R R E

Anno i <*>31 » • • /v* • r \ • t i* /*»•


m e n t e i palli, n u l a poi loro d i entrare felicemente nella

F o r t e z z a , fi c o m e f e d e r o quattro*Compagnie Gattigliane

inuiate dal General A l b u c h e r c h e al p r i m o auuifo della.

motta del Lictart Stringeuano già nulla dimeno forte-

m e n t e l'attedio g l i O l a n d e f i , e c o n g r a n d e a r d o r e fi a u u i -

cinauano con g l i approcci Inalzarono p e r c i ò g l i afiedia-

ti vna trinciera, ad effètto, che combattendo più coperti

potettero rintuzzarci temuto afialto , e f u lorosìgipueuole

quel riparo , che affaliti dal C a l u i c o n cttocento fanti, l'o-

b l i g a r o n o a ritirarli con perdita della m a g g i o r parte Era,

continuo i l d a n n o , che dal nuouo fleccato riceueano g l i

attediami > onde ammaliate t u t t e l e l o r o f o r z e , e f a t t i sbar-

c a l a terra anco i marinari più abili a maneggiar f a r m i ,

diedero v n fiero afialto alla trinciera Freudiana quella,

con trecento fanti i f C a p i t a n o Giouanni di Xereda Gatti-

gliano, e con gran coraggio ribattè due voice g l i aggreffo-

ri Era p e r ò oftinatiflimo lo sforzo con cui quelli procu-


r a u a n o d i r o m p e r l o , e d a u e n d o già c o n f c g u h o ciò per vna

p a r t e , s'auanzauano ad affalir la Fortezza O n d e fpargen-

ddti vna v o c e , che q u e f ì a fotte fipta guadagnata, abban-

<d ó n o i l Xereda i l fuo pollo , e fortito fuori con tutti i fuoi

fi m e f e h i ò t r a g l ' i n i m i c i , e c o r r e n d o ancora i l Mattos con

quali tutta ia.gente della fua g u e r n i g g i o n e , fi c a n g i ò i'af-

falto i n b a t t a g l i a G i u o c a n d o p e r ò con m i r a b i f eflètto i l

cannone della Fortezza carico a minute palle, era fierifli-

m a la firagge, che; caufaua a g l i O l a n d e f i > i quali auendo

perduto i lm i g l i o r neruo delle loro truppe , fi r i t i r a r o n o

c o n i relianti a i quartieri, e nell'ore p i ù ofeure delia not-

" yìèn battuto il t è a b b a n d o n a t o


r l'intraprefo attedio, s'imbarcarono con-»

lìftart^ £n ira gran confùfione nell'armata > lafciando per ia gran f r e t t a

m o l t é aririL, e m o n i z i o n i ne i p r o p r i a l l o g g i a m e n t i . Fu

p o c k , rhaalfai f e n f i b i l ela p e r d i t a de g l i a f i e d i a t i , reftando

nefia vtsf/ò ìiz*- tra g l i altri vecifo i ! Capitano Xereda, brauiilimo.Comari;

pitam Xtred*, dante ideila fanteria Caftigliana s; al valore della q t r ^

c o m u n e m e n t e fperimentatd i n tutte l ' o c c a f i o n i , *attn-


B E L B R A S L L E P A R T E L Lib. L V u 9

buirono sì c o r a g g i o f k difefa i P o r t o g h e f i A n n o i a i .

Arriuato i lGeneral Liclart al Reciflè, p r o c u r ò d ' i m -

putar'ali" infelice m a n e g g i o del C o l o n n e l l o C a l u i i l paf-

ìato finiftro auuenimento D a l che f o m m a m e n t e pic^

cato i l fuo General V a n d e r b u r g , rifoluè d i perfonal-

mente portarli ad vn* altra firepitofa i m p r e f a , per d i m o -

flrar'ai M o n d o vna più laggia condotta del f u o valo-

re I m b a r c a t o p e r c i ò f u i fine d i q u e l l ' a n n o c o n d u e m i l a .

f a n t i , i n d i r i z z ò le p r o r e v e r f o la Città d i R i o G r a n d e , a-

c u i , ed a tutta la P r o u i n c i a d à i ln o m e d f a m o f o fiume, co-

sì c h i a m a t o . Siede ella v e r f o i l N o r t e , e d a l l ' ifteiTa par- i ^ Z " / ^

te vien terminata dalla Prouincia del Searà . N e l l ' i n - conto me Gran.

grelfo del Porto è fabricata fopra v i u o fafio vna Fortez- d


'~'

z a i n sì b e n regolata f o r m a , che porta forfè i l vanto f o -

pra tutte l'altre d i quel R e g n o A l l ' efpugnazione di efTa

voltò l'animo i l Vanderburg , /limando facile i'impre-

f a p e r Ja d e b b o J e z z a del prefidio , ch'ei fupponea fof-


fein quella piazza, d i f e r r o o r d i n a r i o , che paviuano r u r t c

l'altre d i q u e l l o flato. M a autone dal Gouernatore della.

Paraiua antecipatamente l ' a u u i f o , i n u i ò c o n gran foileci-

tudinefeicento h u o m i n i i n foccorfo delia ftelfa Fortezza.

prouifti d i m o l t e m o n i z i o n i da bocca, e da g u e r r a Sbar-

cò nulla dimeno i l Vanderburg, m a v e d e n d o la Piazza i n T


' " » h
» ' « -

flato ài vanda difefa auendo egli penfato di occuparla. V & Z Z

fenza fangue n o n volle azzardarfi al cimento, e c o n poca ^ 1 '

riputazione delle f u e a r m i ritornò nuouamente ad infbar-

carfi voltando le prore i n alto mare Indi corteggiando

pereS„^T? ^ **» *™> r«.


1 0dÌ che

r p i ù v i c i n o alla Fortezza d e l R e a l e , eli laret> i'i/ol* di Tarn a»

d T ^ J 1
* ^ ' ? ~ ^ S « « = n « i l guadagnarlo Erano per

F o r t i n i ^ 1 ° ^ f o
P " ™ ' a i t
" ^ ^
S a e I n ? 1
" ^ « f e ^ ™ a carico d i Benedetto
M a c i e l e foldato m o l t o v a l o r o f o . Sbarcato i l V a n d e r b u r g , ,
g h diede tréimpetuofiafT Ir, ™ „ 3 -t c g v » k r , f i i i f e f a ,
1 v a n a e r D u r

? - f a i r e n t e T ^ ? r • ™ * n b u t t a t o
corag- dH C o i J d L c
? latente-dadifenfon,fi l e u ò c o n gran perdita daquei ' M c i
'
t t e

m a -
i 2 a B E L L E G V E R R E " -
A n n o 16x r. M • • rr r *<
quei m a n , e c o n l o m m o p r o p r i o roflore g l i conuenne riti-

r a r l i n u o u a m e n t e a l R e c i f f e . M a e f f e n d o q u e l P o r t o sì ( o g -

getto alFinualione degl'inimici, procurarono i Portoglieli

d i p i ù validamente cuftodirlocol fàbricarui vna Fortezza.

Trasferitoli per ciò colà i l Conte d i Bagnuoio la ridotte

breuemente a perfezione i n f o r m a d i quattro baluardi, c

per effere i u iflato v n R o m i t o r i o detto d i Nafareth , g l i f u

da i u i i m p o r t o queflo n o m e .

E n t r ò l ' A n n o 1632. i n cui l'armi Olandefi incomin-

ciarono a far'i progrelli m a g g i o r i f u le T e r r e del Brafile,

i m p e r o c h e v i t t o r i o f e i n E u r o p a c o n la fiera rotta data f u i

m a r e agli Spagnuoli portatili per configlio del M a r c h e f e

d i Santa C r o c e all'infelicei m p r e f a deli' Ifola delia Piatta^,

e d i Brilla, per diuider la Zelanda dall' O l a n d a , s'inanimi-

r o n o m a g g i o r m e n t e , e pofero tutto lo fiudio alla con qui-

tta d e l l ' A m e r i c a N e f u loro d i debole giouamento all'

intero acquillo della Prouincia d i Pernambuco i'eflerfipaf-

fato alle loro bandiere v n v a l o r o f o Brafilia.no chiamato

/ / Cahbar de- i l Calabar, i lquale auendo militato fotto i'infegne de'Por-


fena le bandiere toghefi, indotto da particolari difgufti a n d ò ad offerirli al

%l7deforo 7aZ General V a n d e r b u r g per guida,e c o n d u t t o r e del fuo efer-


no cito ; E c o m e che fotte F h u o m o p i ù pratico , e verfato i r u

tutti i luoghi, e Porti di quella Prouincia, f u i n gran parte

caufa, d i eh'ellaveniffe breuemente a cadere i n m a n o

degli O l a n d e f i . N o n tardò egli dunque a condurre l'i-

Conduce il Van. fletto V a n d e r b u r g con mille, e cinquecento foldati ad i n -

d
fiìmffe/fÌUt9m u a d e r l a T e r r a d i
G u a r a z ù fituata nella Prouincia d i T a m a -
racà, cinque leghe dittante dal Reciffe,dalli quali dato v n

crudel facco a tutta la popolazione f u r o n o mandati a fil a i

fpada quafi tutti g l i abitanti I n d i fortiti v e r f o mezzo

g i o r n o , sbarcarono i n quelle fpiaggie, oue dato i l guaito

a vaftilfime poffettioni, fecero v n ' i m p o r t a n t e b o t t i n o .

M a fapendo,chenel R i o F o r m o f o foffero approdati alcu-

n i legni mercantili, volarono fubito ad affalirli, e c o n po-

co contratto, ne depredarono cinque carichi d i p r e z i o f e

mer-
B E L B R A S I L E P A R T E I U t . I V . 1 2 1

mer£i> Laonde p é r d i f e / a d i quel £ o r t o inalzarono i u i i Anno£<?$a.

Portoghefi v n fortino, i n cui pofero Venti foli h u o m i n i d i

guerniggione c o n due pezzi d'artiglieria comandati dal

Capitano Pietro d i A l b u c h e r c h e ; M a appena fabricato ,

venne f iftelTo C a l a b a r c o n vna fquadra d i otto naui , e

quindeci barche agi e f p u g n a r l o > e / a i t a n d o a t e r r a c o n fei

centQ fanti, fece d i r ' a l l ' A l b u c h e r c h e ,che tra la r e f a , e la

m o r t e *auea v n ora fola d i t e m p o N o n atterrito pero ^ ^ ^ ^

egli dalfouraeccedente n u m e r o de i fuoi c o n t r a r i , rifpo- # Albucherche.

f e l o r o d * e l f e r r i f o l u t o a d i f e n d e r l i i n q u a n t o l u i ,ed i f u o i

foldati aueflero fangue nelle vene. N è vna sì coraggiofa

rifpofta m a n c ò egli d i autenticare c o n le proue j p e r c h e

c o n vccifioned i ottanta de g l i aggreflorirefiftè a quattro

i m p e t ù o f i affarti; finche p e r i t i g i à d i e c e n o u e de* f u o i c o m -

p a g n i ,entrarono gli-Olandefi nel F o r t i n o , oue ritrouato

agonizante tra m o r t i Y iftelfo Comandante Albucherche,

f u da loro con lodeuole attenzione medicato, e lafciato


vfcir libero verfo l'Indie O c c i d e n t a l i , donde trasferitoli

a Lisbona, f u dal R e Filippo i n p r e m i o del {uo egreggio

valore rimunerato c o l gouerno del M a r a g n o n e .

Era già grande i l terrore, che da per tutto concepiua-

no i P o p o l i del Brafile alle nuoue del formidabil arma-

m e n t o , c o n cui le Prouincie v n i t e erano per foccorrere la

Compagnia Occidentale. Crefciute elleno i n grandifli-

ma potenza n o n folo per le vittorie ottenute f u imare con-

tro g l i A u f i r i a c i , m a eziandio coli' acquillo d i m o l t e i m -

p o r t a n t i f o r t e z z e n e i P a e f i b a j f f i , fi p o r t ò i n q u e l l ' a n n o i l

Principe d i Oranges all'attacco della Città d i M a l l r i c h fi- / / principe di

tuatafula M o f a t r a l o flato d i L i e g e , e d i lBarbante, ed Oranges occupa

attendala fortemente rittretta con vna ben regolata cir- M a


<fi r K h
*

£onuallazione,disfatte c o n gran brauura due volte le trup-

pe Spagnuole, comandate da Gonzalo d i Cordoua, e l'Im-

periali dirette dal C o n t e Popenhain, l ' v n e , e l'altre i m p e -

g n ì ^ f i a d i n t r o d u r u i i l f o c c o r f o ,f e g l i a r r e f e finalmente

dopo cinquanta due g i o r n i d i attedio quella fortiflima.


1 2 2 B E L L E G V E R R E

A n o d i tfji. p j a z z a < Diede v n a si j r i l e u a n t e p e r d i t a qualche, apparen-

za , d i c h e la S p a g n a , a p e r t i g i à g l i o c c h i per difceriiere

quanto pregiudiziale g l i f o f f e Hata la nuoua rottura COIL.

l'Olanda, venifle vn'altra volta ad intauolare c o n elTa v n a

tregua, o vero vna perpetua pace, ed amicizia N è p a r e

Mottuì rfe ìndu. che altra r i f o l u z i o n e n o n dettarle a l l ' ora ogni ragion di

cam gltSpagnuo. p o l i t i c a , ftante i l necelfario i m p e g n o , i n cui i l Re Gatto-


u a j . r u pacy Jj C £ Q o . fa f o f l e n e r l a v a c i l l a n t e g r a n d e z z a , e d a u -
e r a p o 0

r a » gli QUndeJZ. . * . . % . . n r J \\>


t o n t a I m p e r i a l e f a t t a q u a l i i n t i e r a m e n t e c r o l l a r e d a l l ar-

m i v i t t o r i o f e d i G u f l a u o R e d i Suezia, i l quale fe tene nel-

la battaglia d i L u t z e n reflarfe b e n c h é vincitore v e c i f o ,

auea p e r ò e g l i ridotto nello fpazio d i d u e a n n i a l fuo do-

m i n i o quali trecento tra Città,; T e r r e , e Fortezze de gl'Im-

• p e n a l i Stati, e c o n t i n u a u a n o tuttauia i f u o eferciti a farei

inuafioni fiere nella Germania f o t t o l a m i n o r i t à d i Ghri*

llina fua figliuola,quella,che colfapere p o i deporre i l

diadema a* p i e d i d e l R o m a n o P o n t e f i c e , fi r e f e tanto più

iilultre del fuo genitore, quanto va dal tentar empiamen-

te d e p r i m e r » , e f r a d i c a r la R e l i g i o n e C a t t o l i c a , al r i u e r i r ' ,

e d a d o r a r 1* a d o r a b i l T r i r e g n o Pontificio E v e r a m e n t e

n o n lafciò all'ora i lConte Duca d i apparentemente agita-

re qualche negoziato d i tregua con l'Olanda, ed a quello

effetto f u r o n o inuiati l i Deputati d i Brabante a M a l l r i c h

al Principe d i O r a n g e s , e n e l l ' H a y a f u maneggiato quelF

affare d a l l ' A r c i u e f c o u o d i M a l i n e s , e dal D u c a d i À r c o i l

M a prefto ne f u a n i r o n o i t r a t t a t i , accortili g l i Stati Gene-

rali d i effere quello vn'artifiziod e l C o n t e Duca, d i c u i era

n o t a la c o n t r a r i a inclinazione alla pace, e che folo preten-

dea troncar loro i l filo delle v i t t o r i e , e col dolce l i q u o r e

della quiete tenerli f o p i t i , e d i f a r m a t i , per d o p o rinouar

m a g g i o r m e n t e c o n t r o d i elfi la guerra. S t i m o l a t i anco g l i

fieni O l a n d e f i a n o n ftringere l i n o d i della pretefa pace

c o n la Spagna dall' illanze de g l i A m b a f c i a d o r i F r a n c e J e

Suezzefi, a i quali m o l t o p r e m e u a tener le Prouincia \ n i r

te lontane da o g n i accordo d i pace Col Re Cattolico.

Q u i n -
D E L B R A S I L E P A R T E r . L i b . I V . 123

Q u i n d i è, che vfcito n u o u a m e n t e i n C a m p a g n a ilPrinci- ^ n n o I


^ 3 2
'

,pe d i O r a n g e s , f i p o r t ò ad affediare R i m b e r g , Fortezza^

affai importante fituata f u i R h e n o , k quale a capo d i v r u

mefe foggettò al f u o d o m i n i o , ritornandofene pieno d i

gloria v e r f o N i m e g a a profeguir i l felice corfo delle f u e

conquifte

Ingrandite i n quella guifa f e m p r e p i ù le confederate

Prouincie nella Fiandra^ e sneruate per o g n i parte le forze

del R e Cattolicodnuìarono fubito a Pernambuco vn'arma-


Qeulìo , e Vie/in -
ta c o n tre m i l l a fanti d i sbarco, a carico d i M a t t i a Ceulio, gben con nuoua-»
e G i o r G l e f f i n g h e n a m b i d u e Deputati della Compagnia^, a
™ * t a a
l B r a
fi-

^ de* p i ù i n t e r e f f a t i i n q u e l l a g u e r r a j i m p o n e n d o l o r o d i

far o g n i sforzo per difcacciar totalmente i Portoghesi dal-

i a Campagna, oue eranfi fortificati p i ù con Parte, che c o n

la forza. N o n f u nafcófto alla Spagna quello n u o u o arma-

m e n t o dell'Olanda, n è m e n o i l f o m m o p e r i c o l o , i n cui
e r a d i b r e u e m e n t e p e r d e r l i t u t t a q u e l l a v a i l i Sì m a Prouin-

cia M a la d i s f a t t a d i t a n t e t r u p p e n e l l a F i a n d r a , i l c o n f u -

m o di tanti tefori i n À l e m a g n a , e la g u e r r a ancor vjua^

n e l l ' I t a l i a , d a u a n o f u f f i c i e n t im o t i u i a l Conte Duca d ' i m -

piegar'in affari d i tanta i m p o r t a n z a , e g e n t i , e danari, e

v a f c e l l i , c h e i n g r a n q u a n t i t à fi e f t r a e u a n o continuamen-

te da Portogallo E fe bene n o n erano m e n replicate l'i-

flanzede i G o u e r n a t o r i d e l R e g n o , c h e a c e r b e l e i n d o l e n -

ze d e i p o p o l i , v e n i u a n o f e m p r e g l i v n i , e g l i a l t r i pafciuti

di molte fperanze da quel M i n i f l r o , e d accertati della gran

premura, che fua M a e f t à Cattolica aueffe d e l riacquifto

delle perdute piazze. M a i n tanto erano limitatiffimi i

foccorfi, che alle m e d e f i m e fi trafmetteuano. N è ridon-

d ò forfi i n poco danno d i quelle conquifte, ficome a tutte

lecofedi Portogallo, la m o r t e inopinata deil'InfanteCar- ^ X l f £

io fratellodel Re Filippo, Principe d i viuacittimo fpirito, m p f 0 .

acquale .effendo flato dellinato per V i c e - R è d i quella C o -

* rc^t*^ daua g r a n d i f p e r a n z e d i r e g g e r l a c o n affai d i f f e r e n -

ti i n a f f i m e d i q u e l l e d e l C o n t e D u c a , i l d i c u i d i f p o t i c o , e

J
1 2 4 B E L L E G V E R R E - L ' J .

A n n o ri 6 j 3 . f o u e r c h i o d o m i n i o g l j r i u f c i u a t a n t o e i b f o , q u a n t o al C a r -

dinal Ferdinando fratelloancor egli dello fieno Re. M à ,

d a l l ' v n o , e dall' altro l iv i d d e preilo libero i l Contenda.,

quello tolto naturalmente d i vita nel p i ù verde fiore de'

fuoi anni ; e da quello coli' allontanarlo artifieiofamenté

/ / Cardinal In- dalla C o r t e , c o l preteilo d i gouernare la Fiandra, la qua-

' w ]"nd°r7 *
rn< r
^ e
P e r
^ a
g r a u e e t a
dell' Infanta Ifabella Chiara Eugenia,,
era g i à per ricadere alla M o n a r c h i a O r peruenuti c o n la

nuoua armata i due Deputati a Pernambuco , nacquero

graui dilfenfioni tra i C o m a n d a n t i d i guerra, a caufa del-

la g r a n a u t o r i t à c o n f e r i t a l o r o d a g l i Stati fopra i l maneg-

gio d e l l ' a r m i . I l Generai V a n d e r b u r g fece i l P e n t i m e n -

to maggior*, e r i n u n z i a t o i l p o l l ò , fi r i t o r n ò i n Olanda.

c Z T d a T a l Z G l i fuccedette L o r e n z o R i m b a c foldato fperimentato, t i

olandefi v a l o r o f o ,i l quale n o n feguitando i dettami independena

del f u o antecelfore, fi'accomodòtalmente a i lenii de i due

D e p u t a t i , che fembraua delie loro r i f o l u z i o n i v n m e r o

efecutore. I n f o r m a t i quelli dell' emergenze d i quella^

guerra, conobbero elfere p r e c i f a m e n t e necelfario impa-

d r o n i r f i affatto della C a m p a g n a , per i m p o r r e i l bramato


AjfiVfeeliquar- fine^ conquifta d i quella Prouincia Q u i n d i è , che r i -
W t de* Porto . *i .. . ^ . . 1 ^ ' ..
g k f i . l o i u t i a dar c o n t i n u i allalti a 1 Portoglieli dentro de 1 l o r o

alloggiamenti, fecero v n diflaccamento d i mille foldati,

e f u lo fpuntare dell'Alba, m u e f t i r o n o c o n gran i m p e t o i l

quartiere del Capitano M a r t i n o Soares; i lquale parte per

il f o n n a * parte per la confusione de i f u o i , n o n p o t è f a r e

la p r i m a refiftenza a g l i aggrelfori 5o n d e auendo quelli fa-

cilmente l'adito da o g n i parte delle trinciere, incendiaro-

n o c o n gran danno tutte le tende Dato p e r ò incontanen^

t i a l l ' a r m i a i v i c i n i a l l o g g i a m e n t i , fi c o m e a l l a Fortezza^

del Reale, corfero tutti, e caricarono g l i auuerfari di ma-

n i e r a , c h e l ic o f t r i n f e r o a v o l t a r le fpalle, r i m a n e n d o pe-

r ò g r a n n u m e r o d i m o r f i , e d i f e r i t i d e l l ' v n a , e d e l l ' alc a

parte. r ;-- ; si^b v - ^ r t

- - M a c o m e tra tutti i quartieri de 1Porjtaghefi folfe.il

più
D E L B R A S I L E P A R T E I U h . I V 1 2 5

[ù i m p o r t a n t e q u e l l o fituato d i là dal fiume degli affoga- A n n o 1 6


* i #

, p o f e i lG e n e r a l R i m b a c l o s f o r z o m a g g i o r e i n occupar-

lo per via d afledip O n d e a m m a n a t i q u a t t r o m i l a f a n t i , fi

p o r t ò a quella parte c o n g r a n n u m e r o d i gualcatori, e m o -

nizioni. Prefidiaua quel pollo Francefco G o m e s d i M e l o ,

Capitano d i molta f p e r i è n z a . Inalzate dagli O l a n d e f i l e

trinciere, p r o c u r ò fubito i lR i m b a c d i fuperar la m u r a g l i a

al p r i m o alfalto, e d i u i f a l a f u a gente i n due b a t t a g l i o n i ,

fpinfefortemente i lp r i m o , i l quale f u Con g r a n animofi-

tà ribattuto c o n v c c i f i o n ed i ducento f o l d a t i . M a effendo

ancora caduti m o r t i a terra m o l t i de i d i f e n f o r i , auanzato-

fiilfecondo battaglione, ruppe lo lleccato , e s ' i m p a d r o n ì

di quel pollo , obligando i r i m a n e n t i d i quelli ad arren-

d e t e g l i con tutte le a r m i E come i lfito fofle m o l t o c o n -

ifiderabile a r i g u a r d o d e l g r a n d o m i n i o , c h e d a u a della-»

C a m p a g n a , n o n i n d u g i ò i l General R i m b a c ad inalzar Faèrica il Forte

quiui v n Forte i n f o r m a d i quattro baluardi , i l quale f u Ouglieim.


c h i a m a t o d e l Principe Guglielmo - P e r f e z i o n a t o queflo

con tutte le regole dell'arte, erano g i à p i ù ficure, ed aliai

frequènti le feorf erie, che g l i O l a n d e f i faceuano per quel-

le T e r r e . Per i lche veniuano cofiretti g l i abitanti p r i u i

di forze, e d i foccorfo a defertarle, abbandonando i n pre-

da a g l ' i n i m i d V i c c h i l T i m e poffeffioni, c o n le quali anda-


uanfi quelli i m p i n g u a n d o d i maniera, che c o n poca fpe-

fa della C o m p a g n i a prouedeuano i llor cfercito, refifi g i à

quali i n t e r a m e h t e p a d r o n i del c o m m e r c i o d i tutta quella^

Prouificia. M a /palleggiati dal Forte G u g l i e l m o > erano

continui g l iaflalti, che dauano a i quartieri de i Portoghe-

fi r o n d e f e a l q u a n t o quelli trafcurauanocU efiere c o n l'ar-

m i alla m a n o , fi y edeano i n v n tratto inueftiti da n u m e -

rpfe truppe. Si c o m e auuenne a l C a p i t a n o A n t o n i o O r t ì z

diMenfiozzaiKalloggiamento del quale, f u sì i m p r ò u i f a -

m e n t ^ a f o y che tra l a n u m e r o f a g u e r n i g g i o n e , che v i

era^ n o n v i r i m a f e a l c u n o c o n v i t a , - !
' ' M > , reflando n e l

n a t o l o de i prigioni l i f t e f f o . C o m ; <M e n d o z z a , e

G r e -
1 2 6 D E L L E G V E R R E . .

0 1
$31« G r e g o r i o d i Britto f u o A l f i e r e , q u e l l o , che p o i occupan-

d o i l p o l l o d i GeneraL d'artiglieria valorofamente difefc

la Città d i L e r i d a d a g l i alfedijdei Principe d i C o n d è , e d e l

C o n t e d i A r c u r t .. c , r

C o s ì andauano g i o r n a l m e n t e g l i Olandefi fermando

p i ù ficuramente i l piede n e l Brafile, inuigoritii n o n folo

da i foccorfi n o n m a i m a n c a t i g l i d i E u r o p a , m a eziandio

dalla pratica,. che g i à l o r o auea infegnata la longa fperien-

za d i quella g u e r r a . M a come< tutta la folliftenza de i Por-

t o g h e f i nella Prouincia d i Pernambuco folle la Fortezza-,

d e l R e a l e , r i f o l u e r o n o d i alfalirla, per rompere d i vna.,

volta tutto r o f t a c o l o , che ausano alfaCquifiodell'intiero

i d o m i n i o . d è l i a C a m p a g n a . Stabilita dunque la mattina,

d e l G i ó u e d ì Santo per c o n f i g t i odel Calabar, quando i Por-

toghefiXQleano*eirene;occupatiin celebrarle fagre funzio*

i ^ d ^ R e l T . n i d i
q ^ l g i o r n o , fi d i l t a c c o i l G e n e r a l R i m b a c dallaFor-
* tezza d e g l i afi^gati c ó n v n corpo d i tre m i l a fanti diuifi i n

t r e f q u a d r o n i , p e r dar per tre parti iailalrò Ebbe d i ciò

o p p o r t u n o auuifo i l General A l b u c h e r c h e , e chiamando

c o n formila ffollecitudine la gente de i c i r c o n u i c i n i quar-

tieri , ne fcelfe trecento cinquanta f o l d a t i , c o n i quali or-

dinerai Capitano B a r b a g l i o , che /palleggiato dal cannarti

d e l l a F o r t e z z a , a f p e t t a l f e «fi^bri g l i a u u e r f a r i . L ' e f e g u ì e g l i

con, g r a n v a l o r e , f c a r a m u c c i a h d o c o n alcune t r u p p e Gian-*

défi< v i c i n o a l f i u r n e P e r n a m o r i n , fin'a tanto, che arriuàto

tutto i L g r o l f o delF efercito i n i m i c o , fi ritirò c o n p o c o

d a n n o , e q u e l l o fi a u a n z ò c o h g r a n i m p e t o v e r f o i l Reale.

E r a tutta l'artiglieriadella Fortezza carica a m i n u t e palle

Dà rajTali^e re* d i a r c & b u g i o ,e g i u o c o così a t e m p o , che oltre g r a n n u m e -

r a vcdfi. r o d i f e r i t i , caderono feicentoimortid e g l i auuerfari , i n -

fieme c o n l'ifteffo General R i m b a c . E c o m e i C o m a n -

danti f u p r e m i n o n fiono folarmente c a p i , m a eziandioCuo-

r i d e g l c f e r c i t i , s'infiacchironoir elianti d i maniera.perla

m a n c a n z a d i q u e l l o , che polli i n f o m m a confulione^ e

f c o m p i g l i o , fi r i t i r a r o n o d i e t r o a d v n a piceiola p o p o l a i

S Ì Ì J zione, /
D E L B R A S I L E P A R T E I L t k I V 1 Z 7

yj,cnc , che per Cuftodia delle vettouaglie , prefidiaua- A n n o 153 3,

no venticinque Napoletani a carico delSargente O r t e n -

sio R i c c i > i quali all'aliti da g l ' i n i m i c i , n o n v o l l e r o m a i valore di alcuni

arrenderli, combattendo c o n ilupendo valore l i n a tanto, fittati Natola

c h e f u r o n o m a n d a t i t u t t i a fil d i f p a d a Entrati p o i g l i O - U n l

landefi nell' abitato, s'immerfero d i tal forte i n faccheg-

giario, che diedero c a m p o alle truppe del B a r b a g l i o , che

per anco n o n e r a n l ì ritirate dentro della Fortezza, d i ap-

profittarli grandemente del lor difordine . O n d e cari-

cando fopra d i elfi, ne tagliarono a pezzi quanti incontra-

r o n o fprouifti, e difarmati Accortoli i n tanto i l General

Albucherche del gran sbaraglio d e g l i n i m i c i , volle fare.

v n a f o r t i t a c o n tutta la f u a g e n t e , per finir afiatto d i r o m -

perli , e t r u c i d a r l i . M a i lC o n t e d i B a g n u o i o , c h e per tro-

uarfi incomodato dalla podagra s era fatto portar' i n vna^

fedia alla porta della Fortezza, auendo auto, come fi cre-

de, fegretaifiruzione della Corte d i moderar l ' a n i m o f e

ri fol uzioni dell A l b u c h e r c h e , lo dilfuale caldamente col Conte diEagnuo m

d i r e ; E j f e r <vcrifimile> eh*gli ausierfari a u e f f e r o f a t t a qualche i o


àiffuade il Ge-

imbofeata in quella tento ricoperta Campagna, fingendo aftu- X ^ W ^ ^ "

t amente la f u g a , a f i n e d t n e f e a r e i Portoghefi ad infegutrli, 1mimico.

t f o t riuoltar f o p r a la P o r t e l a , U quale defiituta diguer-

wggione, farebbe loro ageuole di guadagnare M a quando

poi l'Albucherche auuedutofi dell' errore d i n o n auer'af-

fentito al contrario parere d i m o l t i altri f p e r i m e n t a t i Ca-

pitani , fpedì alcune truppe ad incalzar l ' i n i m i c o , g i à que-

llo auea ripaflato i l fiume Capiuaribe, e rifatta la retro-

guardia c o n altro corpo d i Fanteria, c o n cui i l Calabar era

nell'altra riua per difefa d i quel Porto ; oue data l o r o vna^

faina di mofehettate , vecifero a m a n falua m o l t i de i Por-

toghefi , e ferirono alcuni vffiziali.

M o r t o i lGeneral R i m b a c , prefe i lc o m a n d o dell'armi

Sigifmondo V a n f c u p , foldato di gran crediro nella Fian- Sigi/mondo Van*

d r a , i l quale b r a m o f o d i r i f a r c i r l a palTata p e r d i t a c o n v n ' f


^ 0 f / ^ Ì M r

a l t r o p i ù i m p o r t a n t e , e m e n o m a l a g c u o l e a c q u i l l o , fi p o r - ™ **


123 B E L L E G V E R R E

A n n o 16*3 3 . c o n ( j u e m i l a h u o m i n i a d e f p u g n a r e Ja C i t t à d e i l a Con-

cezione fituata, c o m e già d i c e m m o , nel r i f o l a di Tamara-

cà N è g l i riufcì difficile l'imprefa; impercioche fomma-

P end* la Città m e n t e a
g e u
° l a t o
dalla già fabricata Fortezza i n quelle
M a Concezione, fpiaggie , cinfe all'intorno quella Piazza d i maniera, che

infiacchita di p r e f i d q , e difperata di poter riceùere alcun

f o c c o r f o , fe g l i arrefe a patti d i buona guerra. M a non fu

S i g i f m o n d o l e n t o ad i m p a d r o n i r f i d i tutte l'altre di quell'-

a i occupa tutta i m p o r t a n t e I f o l a , le q u a l i , p e r d u t a la Capitale, n o n pote-

V l c t ^ T a m
* ' r o n o a
^ z a r d a r f i al c i m e n t o della difefa, efTendofi g l i Olan-

defi refi p a d r o n i del Porto, e della barra, per la q u a l e v n i -

c à m e n t e poteano venir foccorfe dal General Albucher-

che . F u i m p o r t a n t i f l i m o l'acquillo di quella I f o l a , eflen-

do vna delle più opulenti R e g i o n i del Brafile, e sì r i g u a r -

deuole per i l fito, che fi c ó m e fcriue Gafparo Bar leu M o -

n c o O l a n d e f e , t r a t t a r o n o c a l d a m e n t e le P r o u i n c i e V n i t e

d i trasferir colà dal Reciffe i l lor politico, e militare go-

u e r n o .
A r r i u a r o n o l e n u o u e di cpe/fe perdite alla C o r t e del

R e Cattolico infieme conTiflanze del General À l b u c h e r -


AUUt
^dT(iene c
b e , i l q u a l e v i u a m e n t e g l i r a p p r e f e n t a u a , quanto trr-epa-

^ra^Alblcbenbe. T a b i l e f o f f e Ìintiera caduta di Quella v a f i a Prouincia y f e con

opportuni, e v a l i d i f o c c o r f e non v e m f f e f o l l e cit amente afiftita.

A r r i u a r / ' efercito Olandefe a meglio di otto mila f o l d a t i ,

componendofe d ' a f f a i i n f e r i o r numero quello de i Portoghefi

tutto f p r o u i f i o di a r m i , e m o n i z i o n i , e xoftretto ad a c c u d i r e

a PiaZjZ^e tanto d i f i a n t i y a d a f f a l t i tanto continui, a marchie

tanto laboriofe di trenta y f e f f a n t a , e più leghe P r o f o n d e r e

quei valor o f i f o l d a t i inutilmente i lor f u d o r i fenz^a t appoggio

d i v n a f o r t e a r m a t a , che d a f f e loro calore ad attaccare il Re-

ciffe A n d a r f i l a Campagrm Occidentale mirabilmente ap-

profittando del commercio d i quella ricca Prouincia sfacendo

di quei Porti f c a l a per /'Oriente, ed Empori di tutte le na-

z i o n i ; e cauandogià da i conquifiati p a e f i f o r z ^ e molto vigo-

r o f e p e r mantener ageuolmente vnaguerra^in cui i lucri della

(3) Prospetto. rner-


O E L B R A S I L E P A R T E L L ì b . l V 1 2 9

n e w - J a f o m m i m f i r a u a n o l'alimento a gli eferciti Do- A n H O B


^ 3 3 -

ucr e f f e r e a cuore ad v n Re Cattolico i l n p a r o dell' imminente

ruma della Fede sì pericolante m quel Regno, che già da per

tutto ferpeua l ' e r e f i a , e vomiiauano i loro dogmi i C a l u i m f t i 5

auendo le Prouincie Vmte viuamente procurato di tirare alla

deuozjone loro quei popoli, col f a r l i diuenir a loro filmili i n Re-

ligione , e cofiuman&e E f e r e le genti dell'America affai in-

coranti di n a t u r a , e f a c i l i f f m e a cangiar f e d e , onde douerfi

.fondatamente temere, cheinuitati dalla nuoua f e t t a , depone fi

fero il giogo Cattolico, ed arrolatefi alle bandiere Olandefi

d a f f e r o loro potente mano a conquifiar intieramente quel Re-

gno Q u e l l e , ed altre ragioni rapprefentaua con gran cal-

dezza Mattia d i Albucherche a i configli d i Spagna, i qua-

li f o p i t i i n v n fatale letargo n o n dellauanfi p u n t o a tali v o -

ci , perche f p a r g e a n f i f o r f i nella C o r t e c o n l u o n o affai d i f -

ferente d i quello , con cui vfciuano da quei cuori , a 1

q u a l i sì f a t t e d i f a u e n t u r e p i ù viuamente premeuano E

c i ò fi f a c e a , o p e r d i m i n u i r ' i n t a l g u i f a l e f o l l e c i t u d i n i del
M o n a r c a ,-ò p e r a d u l a r i f e n t i m e n t i d e l M i n i f ì r o , i l q u a l e

ora più fidatamente diceua, che aurebbero fen&a dubbio gli Difarp, dà Con.

Olandefi abbandonato a f f a t t o ì i m p r e f a del B r a f i l e coll'anda- n D u c a


ta cola de i due loro Deputati Ceulio, e G e f f e l i m ; impercioche

auendo e j f t con proprie mani toccato lo fiato di quella guerra**,

in cui le f p e f e di gran lunga eranofupertori agli auanz^i, aue-

ri ano loro fie f i p r o c u r a t o , che la Compagnia Occidentale fi

diffolueffe,ef u a p i f f e ; e f f e n d o indubitato, che vnaguerrcu»

intraprefa dà mere atanti non auea altro fine p i ù f u p e r i o r t ^ ,

che il guadagno Così francamente difeorreua i l C o n t e

Duca, milantando d i contrapefar b e n ' e g l i le forze d e l i e

confederate Prouincie, d i penetrar i m o t i u i , che l'induf-

i e r o alla n u o u a nauigazione dell' A m e r i c a , e d i f a p e r e

quanto infuffillenti foffero le b a f i , alle quali la C o m p a -

gnia Olandefe fi appoggiaua : E f f e r e , d i c e a , queflo f o l l -

mente v n f u o c o acce fio dal Prmcipe di Oranges, / / quale cu>

g u i f a di quelli di paglia fembraua v n grandeincendio , m c u


R che
130 B E L L E G V E R R E

A r m o 1 5 ; 3. c J j e ^ a f e ftejfo, verrebbe'pre[o a finorz>ar[. N o n douerfiben*

j / abbandonar a f f a t t o il B r a f i l e , e per gli[piriti affai aitali,

che a i cuore della M o n a r c h i a d i f f o n d e u a , e perche non douea-

[ p e r m e t t e r e , chein quelle T erre [abilmente annidaffe veru-

na infedele nazione B a [ a r nulla dimeno di[ommini[rAr-

gii ora q u e l l e f o r z ^ e , c h e f o f f r o valeuoli a mantenerlo in vnaj>

ragioneuole d i f e f a , nella quale gl'inimici [ andafjero lenta-

mente con[umando N è e f f e r perciò n e c e f f a r i o inuiar cola na~

uali poderofe armate con f r e m i t o indicibile de ipopoli, e[u*

perflui d i f p e n d i j della Corona L'euento però difcoprìil

poco f o n d a m e n t o di quelli difcorfi; perche effendo c o m e

già d i c e m m o , f o m m a m e n t e intereffati i due Deputati ne

i progreffi di quella conquifla, correua loro l'impegno i m -

portantiflimo di raccogliere a collo degli v l t i m i sforzi il

frutto di tante f o m m e di oro sborzate per la medefinKu.

Q u i n d i è , che fperanzatili dal valore, e militar prudenza.

Il Generale sigìfi del n u o u o General S i g i f m o n d o , r i f o l u e r o n o d i attaccar


mondo fi p rt<i^
3 per v i a d i affedio la Fortezza dei R e a l e , che forprendere
all' aflèdia del potuto n o n aueano per afialto O n d e non t a r d ò q u e g l i di
R e a l e
' p o r t a r l i f o p r a d i effa c o n quattro mila h u o m i n i p r o u i f l i di

tutti g l i neceffari attrezzi per la c o n d o t t a d i vn'affedio. Va-

dauano già elfi i l fiume Capiuaribe f u lo fpuntar dell'Alba,

quando fcoperti dalle fentinelle, c o m a n d ò fubito i l Gene-

ral A l b u c h e r c h e , che vfcilfero fuori i Capitani Emanuele

Freire di A n d r a d a , quello, che poi i n Portogallo o c c u p ò

i p r i m i polli di guerra, Francefco di A l m e i d a Mafcare-

gnas, e L u i g i Barbaglio con ottocento h u o m i n i a difputar

loro i l paffaggio di detto fiume L ' e f e g u i r o n o elfi con si

g r a n braura > che n o n v o l e n d o c o n t e n e r l i i n f u la riua^,

doue aueano caufato graue danno con i mofchetti agli au-

uerfari , pattarono coraggiofamente dall'altra banda,e con

la fpada alla m a n o inueftirono i l p r i m o battaglione ini-

m i c o c o m a n d a t o da S i g i f m o n d o , i l quale erafi tanto auan-

F rotto <vn batta. z a t o dagli altri, che f e m b r ò a i P o r t o g h e f i d i effere folo


gih*< oundeft. A t t a c c a t a f i y n a f a n g u i n o f a z u f f a , f u r o n o g l i O l a n d e f i sì i m -

petuo-
D E L B R A S I L E P A R T S L Lib. I V . 1 3 1

petuofamente disfatti , che p o l l i i n f o m m a c o n f u l i o n e , e. A n n o 153 3.

s b a r a g l i o , fi r i c o u r a r o n o d e n t r o d i c e r t e c a f e d i f e r t a t e i n

quella C a m p a g n a , alle quali tentando i Portoghefi d i ac-

collare alcuni barili d i p o l u e r e , per farle volar i n aria,fin-

fealeutamente S i g i f m o n d o d i voler arrenderfi, c o l far S f f t m m d i

mettere f u le finellre p i ù alte m o l t e fpiegate bandiere, af- ^ g t f m o n i 0 %

finche accortifi g l i altri battaglioni del f u o i m m i n e n t e pe-

ricolo > correflero velocemente a f o c c o r r e r l o . N è f u ì r u

vano l'alluzia > i m p e r o c h e v o l a n d o q u e l l i i n v n tratto, ca-

ricarono i Portoghefi d i m a n i e r a , che obligati a cedere al

troppo fouerchiante lor n u m e r o , g l i lafciarono con alcu-

n i m o r t i libero i lc a m p o Accampoffi. ali ora S i g i f m o n d o

in tre polli fotto la Fortezza del Reale $ m a c o m e che in./

v n o d i l o r o , per rellar a quella affai v i c i n o , riceueffe gran

n o c u m e n t o dal cannone, lo ricuoprì fubito d i v n a ben re-


golata trinciera, e fortificò validamente g l i altri d u e

C h i a m a t o i n tanto dal General A l b u c h e r c h e i lConte d i / / Conte ài Ba;


Bagnuolo col terzo de ì fuoi N a p o l e t a n i , che n e l l a F o r - gnudo chiamate

tezza d i Nazaret erano d i g ù e r n i g g i o n e , g l ia g g r e g ò altre a


°M o r J e g /
*

C o m p a g n i e d i fanteria, ed o r d i n ò , che prendeffe ancor'-

egli i p i ù vantaggio!! polli fuori della Fortezza, per i m p e -

dir g l i approcci d e g l ' i n i m i c i , ed o p p o r l i a i l o r o aflalti .

M a i lm a g g i o r f u o Itudio pofe i n attrauerfar l o r o i conuo-

gli dell' artiglieria, e m o n i z i o n i , che neceffariamente^,

doueano condurre per l'affedio L a o n d e effendo la C a m -

pagna tutta coperta, v i teneua continuamente imbofeati

gl'indiani del Camarano pratichilfimi d i quella f e l u a , fa-

cendo anche feorrere alcune truppe Portoghefi, nelle ma-

n i delle quali cadeuano tutte le condotte degli Olandefi

Perilche deliberarono quelli d i trafportar l'artiglieria per

il fiume degli affogati, i l quale ingroffato all'ora dallej

pioggie, ageuolaua loro quell'intento -Imbarcarono dun-

que vndici pezzi d i cannone i n v n a naue fenza v e l e , fpal-

ieggiata da due b a r c o n i a r m a t i d i fanteria per la p r o r a , o

da quattro cento m o f e h e t t i e r i , che marciauano f u la r i u a J

R z M a
i 3 2 D E L L E G V E R K E

A n n o r 6^3 3. c o m e g u e j £ u m e f j a aflai f l r e t t o , e pieno d i tortuofe

a m b a g i , b e n c h é e g l i n o folTeropartiti d i b u o n mattino, fi

trouarono nulla d i m e n o f u la notte ancor difcoili v n tiro

d i c a n n o n e d a l l o r p r i m o a l l o g g i a m e n t o >e v i c i n o a quel-

lo del Capitano Barbaglio ? i l quale c o n altre truppe Por-

t o g h e f i erafi g i à colà trasferiro,preuedendo,che per acqua

d c u e f f e l ' i n i f l f i i c o t r a f p o r t a r 'ì f u o i c o n u o g l i Inuigilando

d u n q u e attentamente i l Barbaglio al r u m o r e de'rnarinari,

t e n t ò d ' i m p e d i r g l ii lp a f f a g g i o f o l l e n e n d o c o n gran valore

l o f p a r o d i tutte le b o c c h e d i fuoco? al setir delle q u a l i cor-

rendo velocemente ad v n i r f e g l i altre milizie infieme c o n

la fanteria del Reale comandata dal Capitano Figheiredo,

fi a t t a c c ò v n ' o f t i n a t o c o b a t t i m e n t o p e r l o f p a z i o d i quattr'

LÌ vortoghefipi. o r e
4 a f c i a n d ó tagliatia pezzi p i ù d i ducento f u icampo-E fe

gitane V arsigli* bene g l i O l a n d e f i f u r o n o d u e v o l t e foccorfi da i loroquar-


na conuogliar rieri y s - i m p a d r o n i r o n o n u l l a d i m e n o i Portoghefi d i tutti
F*Jc«*. j 1 e g n i ^ e d e l l ' a r t i g l i e r i a ,c h e portauano L a o n d e veden-

d o i l General S i g i f m o n d o perduta ^ u e l i a r r i g l i e r i a , e l e So-

m e difficoltà, che v i erano d i condurne dell'altre, fenza d i

. c u i n o n e r a p o f i i b i l e p r o f e g u i r e l ' a f f e d i o , l ol é u ò a i n o u e d i
g v f m m i o f i n - A g o f t o ^ a u e n d o i 0 a [ 4 . dell'iffeffo m e f e i n c o m i n c i a t o

M a n o n m a i f g o m e n t a r i g l i O l a n d e f i , anzi f e m p r e

più accefi d i defiderij d i dilatar quella conquifta , fi

portarono fubito a far nuoue incurfioni i n altre T e r r e de i

Portoghefi Sono fituate v e r f o i l mezzo g i o r n o alcune

ricche popolazioni f u la m a r i n a chiamate le L a g ò e , qua-

ranta f e i leghe lontano dal Reciffe . C o n mille foldati l i


Danni caufatiaU p o r t o [\ C a l a b a r a deuaftarle, e c o n poco contrailo p o f c

*tlghefi. S t
^ v n a d i effe a f e r r o , e f u o c o , auendoui p r i m a fatto v n ' i m -

portantiffimo bottino, I n d i d i f l a c c a t o f ii l C o l o n n e l l o B i -

// C o l o n
™jj° rnan c o n cinquecento fanti, m a r c i ò v e r f o la T e r r a d i Ga-

Terra di Garajsù rafsù g i à da i Portoghefi fmantejlata, c o n a n i m o d i fabrL-

carui v n a Fortezza, ad effetto d i p i ù ficuramente d o m i -

nar la Prouincia d i T a m a r a c à , reflando detta T e r r a fitua-

ta tra q u e l F l f o l a ,e la terra f e r m a . E r a i n queflo t e m p o ve-

nuto
V E L B R A S I L E P A R T E L L i b . I V 133

W t o a d o f f e r i r f i al General A l b u c h e r c h e per militar r


^tto A n n o 1*3 3.

le f u e i n f e g n e v n E t i o p e , p i ù chiaro per i l valor dei / ani-

m o , che per i l colore del v o l t o , n o m a t o E r r i g o Dias, i l

quale fatto fubito Capitario'di m o l t i altri della fua N a z i o -

n e , a m m a f s ò cori gran follecitudine v n terzo d i m o l t o ani^

mofa g e n t e , alliftando i n elfo e liberi, e f c h i a u i , i q u a l i ,

come v e d r e m o , f u r o n o d o p p o d i m i r a b i l g i o u a m e n t o a i

Portoghefi i n quelle guerre, fi c o m e già i n quelle d i Can- ^ -

ne f u r o n o gP iftefli f c h i a u i a i R o m a n i Penetrato d u n -

que i l difegno dei B i m a n dal General Albucherche, i n u i ò

Fifteffo E r r i g o Dias col reggimento de i fuoi E t i o p i ad at-

trauerfareli ia Itrada Era quella aflai coperta d i v n a f o l -


r 1 1 1 -r • T?T • 1 11» • * J 1 r L'Etiope Errigo
t a l e l u a , o n d e p r e u a l u t i n ì N e g r i d e l l o p p o r t u n i t à d e l 11- D l a f g i
s e t pp ne
0 0

t o , e della gran pratica, chen'aueano, attaccarono con-, e mette infeonfit-

g r a n i m p e t o per la retroguardia g l i a u u e r f a r i , tagliando-

ne buona parte a pezzi, ed incalzando si a r d i t a m e n t e i r i -

m a n e n t i , c h e c o n p r e c i p i t o f a f u g a fi r i t i r a r o n o a G a r a i s ù .
À r r i u a t e q u e l l e notizie al R e c i f f e , c o r f e f u b i t o i l General

S i g i f m o n d o a f o c c o r r e r l a f u a g e n t e c o n m i l l e fa.nti N o n

f u però lento i lGeneral Albucherche a fpedirgli contro

alcune truppe a carico del Capitano M a f c a r e g n a s , le qua-

li vnitefi agli Etiopi d i Errigo Dias, caricarono fortemen-

te S i g i f m o n d o fin'a rincularlo dentro d i quella T e r r a $ da.

cui eflendo già partito i l Colonnello B i m a n , n o n v o l l e

venir ad altro c i m e n t o , e nelP ore p i ù ofeure della n o t t e

voltò per i lReciffe, auendo p r i m a fatto accendere m o l t i

fuochi, a fine che penfando i Portoghefi, che tutta via egli

qùiui nalloggiafle, n o n Finuelliflero nella ritirata Così

andauano quei pochi Portoghefi refillendo con tanti Hen-

ri a l l a f u p e r i o r p o f l a n z a de i lor contrari Fiffo p e r ò f e m -

pre i lConte Duca nella fua paliata o p i n i o n e , d i che con-

fumati lentamente g l i Olandefi nel Brafile, n o n aurebbe-

ro potuto loagamente d i m o r a m i , inuiaua i n quella Re-

gione affai f c a r f i , e limitati foccorfi - O n d e f u i fine d i

quell'anno f u colà fpedito Francefco d i Vafconzelioscon


due
r 3 4 D E L L E G V E K K E

A n n o 16*3 3 . ^ u e n a u j ? e C i n q U e carauelle, fopra le quali erano imbar-

Frame/co di Va/- c a t
^ feicento h u o m i n i c o n alcune m o n i z i o n i d i guerra. M a

conzsììos è ìnuia- arriuato egli poco d i f c o l t o dalla Paraiua, f u aflalitoda vna

V r f i à ì m M % a d r a d i l e
S n I
° l a n d e r i
> c h e
guardauano quella Colta.,
buco . da i quali reftò fubito affondata v n a delle fue naui, e pre-

date tre Carauelle, durando g r a n fatica a faiuarli con 1 al-


V
J!!\ £ a a l t t
Iì a U e
tre d u e , d o p o v n faneuinofo conflitto, i n c u i p e r d e la-,

m a g g i o r parte della iua gente sbarcato col reliduo della

m e d e l ì m a nella Baia F o r m o f a m a r c i ò v e r f o la Paraiua, e

fe del f u o arriuo p r o n t o auuifo al Generale A l b u c h e r c h e ,

i l quale i n u i ò f u b i t o quattro b a r c o n i , ad efletto d i trafpor-

tar quelle rimalle m o n i z i o n i al f u o C a m p o . M a appena*.

fi f p i c c a r o n o d a q u e l p o r t o g i à c a r i c h i , e p r e f i d i a t i d a v n a

f q u a d r a d i f o l d a t i , fi v i d d e r o i n v n t r a t t o i n u e l l i t i d a m o l -

te naui d i guerra Olandefi,* e fe bene r i t o r n a r o n o liberi ad

ancorare neirifteflo P o r t o , f u r o n o da quelle nuouamente^

iui affaliti, ed i m e d e f i m i Portoghefi coftrettia confegnar-


li alle fiamme , t o l t o n e v n o f o l o , che f a c o n d o t t o alla For-

t e z z a d e l R e a l e , a l q u a l e v n i c a m e n t e fi r i d u f f e t u t t o i l f o c -

corfo del Vafconzellos, coltando per faluarlo la perdita^

d i noue l e g n i

Infieuoliti i Portoghefi per i l finiltro euento d i quel

fuflidio , i n cui aueano riporta qualche fperanza, n o n i n -

d u g i ò S i g i f m o n d o a d a p p r o f i t t a r l id e l l a c o n g i o n t u r a , che

Tefirema debolezza de 1 fuoi contrari g l i offèriua , d i far

n u o u i sbarchi per quelle c o l l e , e d ' i m p a d r o n i r f idelle m i -

ilCeulhamec* gliori Piazze d e l l ' A m e r i c a . E' tra quelle vna delle p i ù i m -


l
RkQrmds * , P o r t a n t i
> e
n g u a r d e u o l i la Fortezza d i R i o G r a n d e , chia-
ue d i tutta quella Prouincia, e per la capacità del fito a ma-

ramaglia d i f e n f i b i l e , e per i l regolato artifizio, c o n cui è

fabricata T e n e a i n quello tempo i l d i lei gouerno Pietro

M e n d e s d i Gouuea Capitano m o l t o a n i m o f o , m a fenza al-

tro p r e f i d i o , che d i ottanta cinque foldati, e tredici pezzi

d i cannone. Eflendo dunque d i sì g r a n d i c o n f e g u e n z e

l'acquifto d i quella Fortezza, fi p o r t ò i l Deputato Ceulio

ad
D E L B R A S I L E P A R T E I lab.I V 1 3 5

ad'àfleàiarlaconfcdici vafcelli, e due m i l a h u o m i n i da. A n n o i £ 3 3 .

Sbarco E non punto fmarritofi d i a n i m o per i l graue dan-

no , che riceuè dai cannon contrario*, piantò diuerfe bat-

t e n e > n a con poco nocumeto deglalfediati. A n z i facendo

querji fortemente giuocar la l o r o a r t i g l i e r i a , dauano con-

tinuo i n c o m o d o alli quartieri Olande!!, egli faceano co-

ftar gran fangue ó g n i p a l m o d i terra, che fi accoftauano

con g l i approcci M a caduto mortalmente ferito da vna-

ichie^gia i lGouernatore M e n d e s , incominciarono fubi-

t o i faoi a d a l l e n t a r i l c o r a g g i o , c o n c u i i n a n i m i t i d a v n si

brado Comandante aueano per m o l t i giorni refiflito a d i -

«erfi affarti. C i ò conofciuto d a l C e u l i o , i n u i ò l o r o v h .

T r o m b e t t a a progettarli vantaggio!! partiti per la refa, i

quali furono dal M e n d e s , b e n c h é sì g r a u e m e n t e ferito ?

c o l l a n t e m e n t e r i f i u t a t i . T r o u a u a f i p r i g i o n e n e l P i f t e f l o C a - vien t r a d i t a ^

ftello v n t a l S i m o n e P i t t a g i à f e n t e n z i a t o a m o r i r p e r m o l - ^ f ^ f ^ J "

ti fuoi e n o r m i delitti, e per ottener la libertà , tratto-

col Ceulio d i confegnarli i n m a n o l e c h i a u i della Fortez-

z a *n è c i ò g l i r i u f c ì m a l a g e u o l e , perche prendendole d i

notte tempo fotto i l guanciale del Gouernatore, le fe c o n

gran fegretezza capitar'airifteffo Ceulio Laonde entrato ^ >

quefto quafi fenza contrailo dentro della Piazza , r i m a f e

a collo d i poco fangue padrone d i vna delle p i ù confide-

rabili Fortezze d i quel R e g n o , sì v i t u p e r o f a m e n t e tradi-

t a d;?*vn m e d e f i m o P o r t o g h e f e ben indegno d i quello no-

me , Quando g i à nel feguente g i o r n o le giongeano cin-

quecento foldati d i foccorfo inuiati dal Conte d i Bagnuo-

lo , che i n f i e m e c o l Gouernatore A l b u c h e r c h e , ed i l Vaf-

c o n z e l l o s , fi r i t r o u a u a n e l l a P a r a i u a , p e r a c c r e f c e r f i m a g -

g i o r m e n t e i l d o l o r e a t r e sì q u a l i f i c a t i C a p i t a n i d i n o n po-

ter , effendo tanto v i c i n i , ouuiar ad vna p e r d i t a sì p e r n i -

ciofa. Caduta così i n mano agli O l a n d e f i la Fortezza d i

R i o G r a n d e , fi r e f e r o p o c o d o p o affoluti padroni d i quafi

tutta quella Prouincia, n o n trouando g i à i n quelle parti al-

cur^a^ine alle continue fcorrerie , c h e f a c e a n o p e r la-,

(y) Progetto. C a m -
i 3 6 D E L L E G V E K K E

Anno i $3 j é C a m p a g n a , m e t t e n d o a ferro , e f u o c o m o l t e importanti

e popolateTerre,le quali f o m m a m e n t e atterrite dal furore

delie l o r o a r m i , fe g l i arrendeuano a difcrezione

N è p u ò facilmente dirli quali f u r o n o le crudel^^che

q u e i m i f e r i p o p o l i p r o u a r o n o d a l l ' i n f o i e n t e l i c e n z a delle
Crudeltà vfatt~> / u r i * • v ,
da gli Olande/, i o l d a t e i c h e 5n e m e n o c o n q u a n t a e m p i e t à p r o c u r a r o n o i l e

m e d e f i m e d i fradicare affètto la Cattolica Fede dal-cuore*

di quelli abitanti C i ò c h e c o n irreparabil danno pónle^

g u i r o n o , preuertendo i n n u m e r a b i i i N e g r i Brafili&.i,

cili d i lor natura a cangiar R e l i g i o n e , col dar l o r o a bere

nel calice della liberta del fenzo i l veleno del Caluinirmo,

N o n v i f u Chiefa efente dalla lor fagrilega barbane, i d -

oneità donna ficura da i l o r o infiliti. Entrauano p e r l e ca-

J"e d i q u e i N o b i l i p a e f a n i , e l i c o f t r i n g e u a n o a r e d i m e r e i l

p r o p r i o onore o c o n i a p r o f u f i o n e dejla v i t a , o col sborza

di groffe f o m m e d i orQ M a c o n p i ù f p i e t a t i m o d i fi f e r u i -

»rono della fierezza de i T a p ù i diuoratori d i carne v m a n ^ j

i n d u c e n d o l i c o n m i n a c e l e , e c o n d o n i a faziar la l o r bruta?

le i n g o r d i g g i a nel fangue, e nelle robbe d i quelle infelici

genti G i à a q u e l l ' e f f e t t o a u e a n o g l i a n n i d e c o r f i m a n d a t a ,;

alcuni d e i m e d e f i m i barbari i n Olanda ad effetto /cheap-

p r e n d e n d o i u i la lor lingua, e coftunianze, potettero ritor?

nando al Brafile, tirar g l i altri all'offeruanza, e foggezzior

ne della Republica. N e n u f c ì loro i n vano quefta diligen-

za , imperoche pretto fe g l i aggregarono innumerabiii

truppe degli antropofagi chiamati G i a n d u ì s , g e n q ìa più

feroce d e l l ' À m e r i c a , e c o n etti d e t e f t a b i l m e n t e accerdaro-

n o la p i ù l a g r i m e u o l e ttrage de i Portoghefi Piangeua:

uo le d o n n e violate fopra i Cadaueri de i mariti vcCiii. LÌ

Donzelle erano pria deflorate, e p o i inumanamente diuo-

r a t e . A l c u n e v e n e f u r o n o , c h e fi p r e c i p i t a r o n o d a l l i p i ù a l -

t i b a l c o n i , e d a l t r e fi f e p e l i r o n o v i u e d e n t r o delle cauerne

p i ù o f e u r e , p e r s f u g g i r e l a f e r o c i t à d i c a r n e f i c i sì f p i e t a t i

che faziauano la f a m e c o l fangue delle flette, che poco in-

nanzi aueano l o r o feruito d i patto alla l i b i d i n e T

D E i - -
*37

D E L L A I S T O R I A

DELLE GVERRE

DEL

REGNO DEL BRASILE

PARTE Ir LIBRO QVINTOr

SOMMARIO

ROSIEGVONO gli Olandeficongran ca-

lore la conquifta dell'America I l G e n e -

" f a i Sigifmondo attacca la Città della P a -

raiua L i Portoghefiper diuertirlo, affalif-

cono quella del R e c i f f e > donde infruttuofa-

mente f i ritirano Sigifmondo s i m p a d r o -

n ì f c e del Porto di N a z a r e t N u o u a armata Olandefe in-

ni at a al B r a f i l e T r a f c u r a t e ^ K . a del C onte Duca in foccor-

rere quegli Stati La D u c h e f f a di M a n t o a Vice-Regina-*

in Portogallo A l o do del Conte Thtca per render f i arbitro de

i Configli di Spagna Sigifmondo muade nuouamente la P a -

raiua Occupa le Forte z^z^e delCabedello, di Sant'Antonio,

e poi l ' i f i è f f a Città . R i f o l u è l'attacco delle Fortez,&e di N a -

z a r e t y e del Reale A f f é d i j memorabili di quefte due Por-

t e l e y quali f i rendono a gli Olandefi I I General Liei art

- T /
'IV"A S pren-
138

prende per a f f a t t o la Pia&&a di Torto C a i r n . Le famiglio

d i Pernambuco[ritirano ad altre Prouincie« 77 Generala

Albucherche ripiglia Porto Caluo •

A V E N - 1
13-9

V E N D O la Republica d i O l a n d a altamente

penetrato le fagaci m a f l i m e d e l C o n t e Duca

d i O l i u a r e s , e q u a n t o i n f i a c c h i t a ,e p e r tan-
Anno i 6$4*
te p a r t i fneruata i lr i t r o u a f f e la M o n a r c h i a -

Spagnuola, replicaua g l i o r d i n i più p r e m u -

rofi a i Comandanti fuoi nel Brafile , d i n o n

perdere congiuntura, o tempo d i dilatar quanto poffibiL

foflela conquifta d i quel R e g n o , d a c u i fperanzauafi d'ef-

traer'il m i g l i o r neruo per l'alimento delle guerre i n Eu-

ropa Dauanfi fortemente le m a n i le due Compagnie!.


O r i e n t a l e , Se O c c i d e n t a l e - , e F v n a , e Valtra procuraua d i

fpogliar' affatto quanto p r i m a la C o r o n a Portoghefe de i

R e g n i d e l l ' A l i a , e, d e l l ' A m e r i c a , m e n t r e c o z z a n d o ìncef-

fantemente g l i Stati c o l R e C a t t o l i c o nella Fiandra, Pobli-

gauano a confumar quiui g l i fpiriti più vitali, ed i l fiore

m i g l i o r e de i fuoi eferciti Teneua, come già d i c e m m o ,

i l f u p r e m o C o m a n d o d e l l ' a r m i nel Brafile i lGenerale Si-

g i f m o n d o , v i l quale b r a m o f o dacquiflarfi maggior.fama_

per mclzzo dfqualche ftrepitofa operazione, allerti v n ' ar-

mata di venti quattro ben corredati vafcelli, oltre gran ini-

j ^ a ^ o ^ p i ù piccioli baftimenti-, e con quattro mila huo-

m i n i da sbarco f a r p ò l'ancore n e l p r i n c i p i o del corrente^

anno v e r f o la Prouincia della Paraiua , la quale, e per i l d ó -

mziofo commercio de'fuoi Porti , e per le c o n f i d e r a b i l i

Fortezze, dalle quali era p r e m u n i t a , veniua da S i g i f m o n - Sigi/mondo fi

do filmata, come v n o de i p i ù n o b i l i i m p i e g h i delle fue. * " £ / o p r a h P a


'

armi. jjNon furono al G e n e r a l ' À l b u c h e r c h e nalcofti i fuoi

;ni, e non auendo i n tanta debolezza d i forze altro

S z mez-
140 D E L L E G V E R R E

Anno 16$ 4. m ^ Z z o p i ù o p p o r t u n o da o p p o r f e g l i , che diuertirlo colf-

a t t a c c o d i a l c u n e d e l l - o c c u p a t e P i a z z e , r i f o l u è d i alìalirla

Città del R e c i f f e , l a q u a l e e i f u p p o n e u a , fi t r o u a l f e a l l o r a

dì dtuer ^ e n
^ t u t
3 d ' v n a g r a n parte de i prefidij, S c e l t i d u n q u e o_t-

filhrWrtogbefi tocento foldati,ne diede i l c o m a n d o a MartinoSoaresMo»

co» attaccar*il Re. reno Capitano di fperimentato valore, ordinandogli, che

'Ì0* • f u Tore più tacite della notte dafle v n ' i m p r o u i f o a l f a l t o a,

quella Piazza C o r r e d i r i m p e t t o alla m e d e f t m a vn* grol-

la r i u i e r a , la quale n o n p u ò vaàarfi , che al c a l a i ' affatto

della m a r è a , ed anco c o l f acqua fin* al petto, L aueano

nulla d i m e n o f e m p r e cultodita g l i Olandefi con vna naue

guernita di grolfo n u m e r o di cannoni , e di foldati Era,

la m e z z a notte i n p u n t o , q u a n d o i l S o a r e s fi r i t r o u ò f u l a ,

r i u a c o n la f u a g e n t e d i u i f a i n due truppe, ed impaziente

d ' o g n i d i m o r a p a r l ò loro i n tal guifa Q j ^ f t a 0


Valorofi

Martine Sw*ts Compagni, torà pihopfyortuna di toglier dalle mani de* noflri
eforta sfmifel* n e m t c i l a m g [ w r ' y , e più importante P i a ^ a del B r t f i l y .

T u t t a la d i f f i c o l t à c o n f i f i e nel breue tranfito di quefla riuiera,.

jM.à qual ofiacolo non romperà i l coraggio > e la coflans^a di

gente sì bratta ? ed animo f a ? Se noi a f f e t t i a m o , che a f f a t t o

f e e m i l l f i u j f o del mare ^perderemo l'opportunità delle tenebre,

le quali ora c'inuitano a dar v n ficuro a f f a l i 0 agli auuerfari

f o p i t i n e l f o n n o , e f u o r i di p e n f e r o d ' e f f e r e da noi inuafiper

queflaparte, T e n t i a m o dunque il v a d o , e f e a c a f o nonpotre-

m o f u p e r a r l o che a nuoto , abbandonati imofchetti paffiamo

con le f p a d e in bocca ? e d a f f a l t a n d o la Piaz*z,aper dt te parti,

tra la confusone, e torrore annegaremo nel proprio fangue i

p r e f i d i j , egli abitanti, epoi impadroniti f i del Porto , e delltj

Fortez^ZjeyConftringeremo S i g i f m o n d o 0 aritirarfiinQlan-

da yO a c o n f u m a r f i f o r a f a m e n t e i n vnlongo a f f éd i o . J M ^

quando la f o r t u n a non fecondi i n o f t r i p e n f i e r i , lafciaremo al-

meno grauate f u quelle porte le marche piugloriofe di corag-

gio , e d i valore Q u e l l e a n i m o f e p a r o l e dei Soares, f u r o n o

fubito accompagnate dal fuo e f e m p i o , eflendo e g l i i l pri-

m o , c h ' e n t r ò nell'acqua $ E c o m e che nonlbfledeljtutto

cala-
B E L B R A S I L E P A R T E L L i k V . 141

calata la m a r è a , f u d V o p o p a l T a r a n u o t o la riuiera Entra- Annoi<5"j4<

r o n o le p r i m e file, fupponendo d'eflere feguitate dall'altre

j n a auendo già felicemente vadata la-riuiera, fi ritrouò i l

Soares c o n f o l i c e n t o d e ' f u o i p i ù a n i m o f i foldati, l i quali

difcoperti dalle fentinelle, diedero fubito vn* impetuofo

alfalto alla t r i n c i e r a , e rotta fenza contrailo da quella par- Entra nella Piaz.

te, fifpinfero dentro della Piazza, riempiendo tutto d i

| a n g u t , e di orrore Si t r o u a u a i l D e p u t a t o Ceulio com.

foli quattro cento h u o m i n i di guerniggione, e vedendo

già d a i P o r t o g h e f i i n u a f a d a o g n i p a r t e l a C i t t à , fi s l a n c i ò

fpogliato c o m ' e r a , ad v n battello, i n cui f u g g ì verfo l'Ifo-

ia d i Sant'Antonio, dalla q u a k già al fentir delle v o c i , e_

dello llrepito, correano ancor molti a riCQurarfinella_

Piazza, n o n fapendo i n tanta confufione qual fofle i l luogo.

più ficuro Diedero i n quello mentire all' a r m i nelle For-

t e z z e , e U m i l m e n t e accortafi la g e n t e della n a u e , che cuf-

todiua la riuiera, incominciarono con gran t e r r o r i giuo-

car l ' a r t i g l i e r i e Laonde quei Portoghefi, che ancora n o n

aueano tentato i lvado >n o n vollero azzardarli, e quelli,

che già erano auujati* dietreggiarono Vedendoli dun-

que i p r i m i cento foli nella Piazza p r i u i d i f o c c o r f o , fchia-

rito i lg i o r n o , crefcendo n u o u a m e n t e la m a r è a , fi ritira- sìritira fenza-*

rono ancor'efii con gran ilento, portando m o l t i de i l o r o f r u t t 0


-

feriti i n f u le f p a l l e ,

Sbarcò i n tanto i l General S i g i f m o n d o c o n la f u a g e n t e sìgìfmondosbar^


nellajParaìna , e d i m o f i r a n d o d i v o l e r aflediar la Fortezza c* nella Paraiua.

del Cabedello, diede principio a fortificarli c o n le trin-

^ r e , g a t o p o i vn'aflalto a quelle de i Portoghefi con per-

dita ai m o l t a gente, fi l e u ò f u b i t o da quel p o l l o , eflendo

folo i lf t i o d i f e g n o diuertir'i P o r t o g h e f i dal C a p o d i Sant'-

A g o f t i n o , i l quale egli c o m e più importante premeditaua

d'inuadete > mentre llimaua folfe quello 1* o l l a c o l o mag-


g i o r e , che auea, a n o n impadronirfi totalmente della.

C a m p a g n a , e; d e l R e a l e , v e n e n d o q u e l l a c o n p i ù aggeuo-

lez^a f o c c o r f a da q u e l P o r t o . V e r f o colà dunque veleg-

g i
: i 4 2 " T X E L L E G V E R R E
t
A n n o i - t f 3-4. g j ^ g j •
C C o n t m t a p a r r n a t a p; r a 3 c o m e g i à d i c e m m o > iuj,

fabricatala Fortezza d i Nazaret p e r c u f t o d i a d i q u e l l a bar T

r a , la quale veniua anco dominata a Gaualiere da due^heia

regolati Fortini 5m a p e r d i f e f a l o r o , fi r i t r o u a u a c o n g r a t i

fcarfezza d i gente Pietro Correa d i G à m a Sargente m ag-

ii Gamafe gli giore d i quella Prouincia. N o n fmarritofi però di animo


0
PP° ne
a v i l l a d ' v n si d i f u g u a l p o t e r e d e l l ' i n i m i c o , fe diftaccar'-

alcune t r u p p e , ad effetto d i c o p r i r e la f p i a g g i a d i Ttff>oam

v n a lega difcofta dalla Fortezza, oue con più agio poteano

sbarcare g l i auuerfari N è f u i n vano quella diligenza*',

i m p e r o c h e g i à S i g i f m o n d o s'era f p i c c a t o c o n t r e d i c i n a u i ,

e dicciotto barconi carichi d i fanteria , à tentar lo sbarco

in quella parte M a elfendofi quiui già validamente at-

. t r i n c i e r a t i i P o r t o g h e f i , fecero l o r o tale o p p o f i z i o n e , che

li coftrinfero ad andar corteggiando per la m a r i n a , per

confeguir lo sbarco inoltro porto Marciauano nelFillef-

f o t e m p o f u la fpiaggia alcune maniche d i arcabuggieri

p e r o f f e r u a r e i l o r o a n d a m e n t i , i q u a l i v n i t i f i a q u a t t r o Com-

pagnie d i fanti inuiate al G à m a d i f o c c o r f o dal G e n e r a l e

A l b u c h e r c h e , fecero valorofa refiftenza a S i g i f m o n d o ;

che c o n la fua gente sbarcaua n e l fito, chiamato delle Pie-

tre . F u affai f a n g u i n o f a la zurra, venendo quelle t r u p p e

comandate da Francefco d i Ribaguero , a n i m o f o Capita-

no C a f t i g l i a n o , e da G i o : Rodrigues d i O l i u e i r a , quello ,

che p o i ingrato alla Patria, prefe l'armi contro d i e f f a , ed

occupando i l pollo d i M a f t r o d i C a m p o al f o l d o del R e

Cattolico, lafciò fenza gloria la vita nella battaglia d i M o -

tigio Si contenea p i ù al m a r e l'altra fquadra d i l ^ n » {


\

landefi, e vedendo i l contrailo , e danno patito da i l u o i ,

f p i e g ò sì a r d i t a , e f o r t u n a t a m e n t e l e v e l e , c h e n o n oftante

fia q u e l l a b a r r a a l f a i ftretta, e p e r i c o l o f a n e l l ' i n g r e f l o , fi

Gli olandefis'im. fpinfe tutta dentro i l Porto, eccetto alcune n a u i , le quali

{ * t ° f c
T incagliando i n certe fccche f u r o n o da i P o r t o g h e f i preda-
ci?* rf/.Afas*. ° . . . £> r
r e t % te A n c o r a t i lopra i l P u n t a i , i n c o m i n c i a r o n o a batterlo
. c o n sì g r a n f u r i a , che atterrita fopra m o d o la gente njari-

narefea,
D E L B R A S I L E E A R T E I . L i k V 143

n a r e f c a c h e l o c u f t o d i u a , l ' a b b a n d o n ò i m m a n t i n e n t e , at-
?
A n n o 1

taccando p r i m a i lf u o c o all'abitato, ed a m o l t i magazzini

pieni d i ricche m e r c i G i à i l General A l b u c h e r c h e era^

^ r i o n a l m e n t e venuto con le fue truppe a f o w o r r e r c u ^ ^ ' ^ / t f

quella Piazza, e trouando i l Porto i n m a n o a S i g i f m o n d o ,

echecoirattrincierarfi fortemente interra, daua m o f t r c

d i voler* alfediare la Fortezza, r i f o l u è d i attaccar c o n effo

l a b a t t a g l i a , p r i m a c h e p i ù v a l i d a m e n t e fi f o r t i f i c a f l e n e l f

illeffo Porto. N è f e m b r ò la fortuna d i voler'effere contra- s { a t g w a u ^

ria a i fuoi d i f e g n i , impercioche nel p r i m o affalto c o n gra tct gUa

flragge degli i n i m i c i , guadagno loro Fincominciata trinr

ciera ,ed infieme vna Piatta f o r m a guernita d i groffa arti-

glieria , che i u i aueano inalzata, Ma. facendo S i g i f m o n d o

sbarcarci reftante della fua gente, l irinforzò i n due bat-

taglioni , i quali caricando fortemente i Portoglieli, U r o -

uerfciarono,e ruppero d i maniera, che conuenne loro ri-

foggiarli c o n m o l t a p e r d i t a a l l a F o r t e z z a > a l d i c u i l i t o , e - Si ritirano i Por.


d i f e f a r i f l e t t e n d o S i g i f m o n d o , n o n v o l l e a z z a r d a r l i a l l ' a f - togh?/* *iu

falto, e fodisfatto dellacquiilo d i quel Porto, e d i toglie- t e z z


*

r e con effo l'importante c o m m e r c i o a i Portoghefi, v i la-

f c i ò due m i l a h u o m i n i d i p r e f i d i o , e v o l t a n d o le fpalle al- Sigifmondo ab»

l a f o r t u n a , c h e F i n u i t a u a c o n l ' i n t i e r o d o m i n i o d i q u e l l a ^ * ™* h nA
l'qfiedio

iProuincia, f p i e g ò le vele per i l Reciffe

Alla nuoua d i quelli progrefli fatti dall'armi Olandefi

nel Brafile, n o n trafcuraua punto i lPrincipe di Oranges

di accalorar grandemente g l ' intereflati della C o m p a g n i a

Occidentale, fpronandoli a far g l i vitami sforzi per quel"

la guerra, e facendo loro apparire quei auuenimenti anco

piùàuantagiofidi quelli, ch'erano i n realtà . M a per mag-

g i o r m e n t e I t i m o l a r e l e P r o u i n c i e V n i t e a d a r p o t e n t e m a - Principe di Gran
no a quella C o n q u i l l a , r i c h i a m ò da P e r n a m b u c o i n O l a n - & es
™*>iam* in~,

da i due Deputati C e u l i o , e G e f l e l i m ,ad effetto che perfo- ^ ^ J } ^ ™ 1


' * '

n a l m e n t e i n f o r m a f f e r o g l i Stati d e g l ' i m p o r t a n t i acquilli

fin a q u e l p u n t o r i p o r t a t i d a l l a C o m p a g n i a i n quelle parti.

Peruenuti dunque iDeputati all'Haya,efpoferoviuamente

agli
J 4 4 D E L L E G V E R R E "

A n n o i ^3 4- agliStati le i m m e n f e f e l i c i t a t i l e dalla valrifllma conqiiilH

d i quel R e g n o g l i fpuntauano A u e r e j f i , d i f f e r o , con propri

Loro ragionarne oc chi'veduto e ie ricche Zj&e ine f a u f i e d e l p a e f e , e la fertilità

to nel Confitto fa mirabile de i campi^èd ilbenigno temperamento del c l i m à E f

pmo * £ e r e \ a nauiga&ionedel B r a f i l e a f f a i men a r d u a , e p w v t i l u

d i quella dell'Oriente, venendo quelle Cofiieredà Pòrti inm*

mer abili a j f i c u r a t e , anz^i e f f e n d o q u a f i tutta quella Cofla vh

ficuro E orto a g l i sbarchi R i t r o u a r f i tutte le P i a z z e Porr

toghefi sì f p r o ù i f i e digerite y e m o n i z i o n i , che*niuna diloro

era in fiato di f o f i e n e r e longamente v r i affedio ; Venir le me-

d e f i m e sì f c a r f a , e lentamentefoccorfie dalla S p a g n a , che gii

i P a e f a n i , miglior neruodi quella guerra affatto efa[perati\

e fianchi, ed a c a u f a del perduto commercio a grauifrettere-

ste ridotti, non voleanopiu Contribuir alfouuenimento ài i f i -

dati E f f e r e ancora le N a z i o n i gentili d i f p o f i e a feguir il

partito Olandefe i f p e r a n c a t e di migliorar f e r m t h fiotto v m

nuouo, e p i ù benigno I m p e r ò . > A u e r le l a r i g i d a f è u e r / t à Por-,

toghe f e impofio gioghi sì intolerabili", che anfianti ricercauano

la congiontura difcuoterfene Saper fi a l l a f i n e q u a l i f i o f f e r o le

fiorz^e del R e C atto lieo, quante le diuerfioni d e l l e f u e armi > LJ

quali ifentimenti d e if u o i J d i n i f i r i Auer la Compagnia^

Occidentale inpochi anni foggiogato poco meno di quattro iri^

ter e Prouincie al f u o dominio, f e b e n e non f e n d a l o (pargi^

mento di m o l t o f a n g u e , e laprpfufione d'immenfitefori JÌda

e f f e r e già diuenuti ad v n Stato quellaguerra, chepalpabilvne-

t e fitoccauano i rileuantivantaggi alla Compagnia rifultati,

e per la ricche z^z^a degli fiejfpaefi conquifiati, e per l'abbon-

d a n z a dell' opulente commercio con tutte le N a z i o n i di E u -

Yop a fi abilitò Douer per tanto gli S t a t i inuiar nuouapodero-

f a armata a quelle Cofie^per rederfiinteramente Signori di v n

sì grande', e douiz^iofo I m p e r o , i l quale v n a volt a caduto fot*

f o le loro armi 3 e coltiuato con l ' i n d u f i r i a de i lor vaffolli y era

bafieuole a pareggiarli nella grande z^z^a, e nel dominio alltj

più alte Potenze della T e r r a . -Accreditauano quelle ra-

g i o n i la pratica, ed ifperienza de i D e p u t a t i >o n d e f u r o n o

d i
T>EL B R A S I L E P A R T E I . Ltb. V . 1 4 5

R i c a n t a efficacia a p p r e t t ò g l i Stari, c h e c o n f o m m a f o l l e - A n u o i t f j *

citudine filmarono quarantafei vafcelli d i guerra a cari-

bo del Colonnello Artifciofs d i nazione Polaco,huomo d i Si/pedi/ce „

eguarValor', e perizia n e i m a n é g g i dell' a r m i armata al ^

«o V N o n m a n c a r o n o a Portogallo le notizie p i ù d i f t i n t e d i

quell'armamento, m a c o n la nuoua mutazione del gouer-

no di q u e l k C o r o n a tolto affatto dalle m a n i de i Portoghe-

fi, e feto cadere i n quell' a n n o i n quelle d i v n a D o r i n a , fi

aueagiàillEontp Duca refo d i tal forte arbitro de 1 C o n f i -

g l i , * ficome'piùabbaflb diremo, degli llelfi voti de i C o n -

siglieri ; ch'era v a n o o g n i clamore de i p o p o l i , ed inurfi-

ciofa o g n i iftanza, e r i c o r f o de i G r a n d i I m p e r o c h e ve-

dendo egli »che Diego d i Caflro Conte del Bailo G o u e r -

natore zelantiffirhodel R e g n o , ripugnaua alla contribu-

zione d i mezzo m i l l i o n e ,che l'ilteffòConte Duca preten-

dea eftraere.ogni a n n o d a quei popoli per impiegar nelle

f a b r i c h e delBuon R e t i r o da l u i per delizia, ed adulazione

del f u o P r i n c i p e i d e a t e , l o rimo/le da quei gouerno. E po- / / Conte Duca f a

n e n d o g l i o c c h i in,v n a p e r f o n a totalmente intereffata, c cader ti y ice.Re.

dipendente dalle fue politiche ,cleffe M a r g a r i t a D u c h e f f a & " * f \ o d l P o r t 9

J* w J - i 1 rx -.T- /- 1 . . ^ . fallo in mano al*


di Manto;*, vedoua del Duca V i n c e n z o , e figlia d i C a r l o u DucbejU di
E m a n u e l e D u c a d i Sauoia ,la quale-fi trouaua i n Pauia efi- Mantoa.

liata da M a n t o a , e f f e n d ó f i , fecondo affermano graui A u -

t o r i , d i l e i i n f o f p e t t i t oi l D u c a C a r l o G o n z a g a , d i c h e trat-

tando difpofar Maria fua figlia già vedoua del Principe.

d i R e t e l còl Cardinal' Infante per' anco n o n partito al go-

uernodella Fiandra, machinaffe di confegnar quella Cit-

tà i a m a n o al R e Cattolico C o n difpiacer d u n q u e de Por-

toghefi entrò quella Principclfa a gouernarli, perche o l -

t r e alle r a g i o n i d e l f u o f e f T o , g l i f u d e l l i n a t o p e r S e g r e t a - : \

uo rortoghele non era amante, ne veneratore di quella. *'««™ di Stato.

n o n i l t a , a n z i m a l a f f e t t o a l l a m e d e f i m a fi l a f c i a u a trafpor-

c h ^ ? ^
r e m i t i , con fremito egualmente d e ' G r a n d i , e popolari.

T E co-
1 4 6 D E L L E G V E R R E 4

Anno 1634. g c o i n è che foffe i n eflremo defiderofo d i n o n tralignar,

p u n t o da i fenfi del C o n t e D u c a , nella d i c u i grazia ripo-

nea tutto i lf u o afcendente, n o n f o l o n o n r i u f c i u a a Porto-

g a l l o grata' la r e g g e n z a d i M a r g a r i t a , m a furono dflì in-

nanzi sì d e b o l m e n t e f o c c o r f e l e d i l u i inuafe conquifte,

che inbreue t e m p o n e r i m a f e d i vna gran parte fpogliato.

N o n trafcuraua p e r ò i l C o n l i g l i o d i Portogallo eliltente a

M a d r i d d i far premuro!! confulti al R e per l'opportuno r i -

paro della cadente C o r o n a , de i quali nulla dimeno noru

era egli fatto m a i confapeuole , coftumahda ordinaria-

mente i fauorirì tener celate tutte quelle cofe a i f o u r a m ,

che pollino l o r o recar dilguilo ; ed afflizione N è giani-

mai a u r e b b e v n P r i n c i p e d i sì i n n a t a , e d e r ò i c a r e l i g i o n e .

c o m e F i l i p p o l a f c i a t o i n p r e d a a g l i E r e t i c i T v n a sì g r a n par-

te d e l l ' A f f a , e d e l l ' A m e r i c a , s'egli venilfe pienamente in-

f o r m a t o delle perdite*, c h e c o l à la f u a M o n a r c h i a facea^

E che Ila v e r o , che l u i affàctò l'ignorafle,relta a furHcienza

comprQuato dal m o d o * che i lConte D u c a tenne fubito ,

che dall'ifteflb R e g l i f u r o n o confegnate le r e d i n i d e l l e


Moda che {enea £ a ~ n e i n p e r o c h e i m m a n t i n e n t e p r o c u r ò egli d i abolir

p e r f a r j ì arbìtri i ln o m e de i C o n l r g i i , e a i n v e c e l o r o i l h t u i v n g r a n nume-
de tuttìi Canjiglì 1 Q d i T r i b u n a l i , quali f u r p n o chiamati G i u n t e , oue era-

dt scagna. ^ Q tenuti i Deputati a dar i pareri l o r o fcritti i n v n foglio

figillato, f e n z a c h e n i u n o f o f f e c o n f a p e u o l e dell'opinione

dell'altro. Q u i n d i è ch'effendo i n gran mojtiplicità detti

v o t i , e prefentandoli v n Segretario, che auea l'incumben-

za d i r a c c o g l i e r l i , d i notte t e m p o al R e , g l i i n t i m à u a n o

per leggerli veglie s ì n o i o f e , e prolongate, che/gn^gVi-

m o r a l i c o n f e g n a u a f i g i l l a t ic o m ' e r a n o al Conte Duca; re-

stando i n tal guifa libero i l campo a quello d i confeguir

quelló,a cui con f o m m o ftudio l ia p p l i c a u a , c i o è d i f a r ap-

parire a fua M a e f t à per v n a certa fimpatica affezione, che

g l i portaua,quei f o l i affari d i f u a natura atti a c a g i o n a r l i fo-

disfazione, e diletto. M a come i n quella maniera rima-

nea eziandio i lC o n t e D u c a arbitro totale de i jConfif l i , c