Está en la página 1de 3

Cerca nel sito

Home Indici Consigli Ricerca Il sito


Forum | Newsletter | http://www.storialibera.it/contatti.html | English

STORIOGRAFIA Sabato 22 Settembre, 2018 Dimensioni testo:


Revisionismo storico > C: > Users > admin > Documents > testi > del%20noce > su%20del%20noce >
Insegnare storia
Aggiungi ai preferiti A Segnala questa pagina Versione stampabile
STORIA Torna al documento integrale Stampa
Epoca Antica Gianni BAGET BOZZO
- Cristianesimo e storicità(sec.I) Il filosofo della libertà politica. Del Noce
Aspetti generali tratto da: Ideazione, novembre - dicembre 1999.
Nascita di Gesù
Passione di Gesù Dieci anni dalla morte di Augusto Del Noce. Il tempo trascorre velocemente, ma la memoria non
Resurrezione di Gesù conosce il tempo, i ricordi sono tutti contemporanei. La mia vita si è intrecciata solo per brevi
Simon Pietro momenti con quella di Augusto: collaborammo insieme alla rivista dossettiana "Cronache Sociali",
Pietro a Roma discutemmo intensamente con Felice Balbo. Fu per me importante la sua collaborazione all' "Ordine
Tomba di Pietro Civile", una rivista da me diretta, critica della sinistra cattolica negli anni 1959-60. Seguii i suoi
- Impero di Roma dibattiti con il fondatore della Sinistra Cristiana, Franco Rodano. Non ho mai avuto molti contatti
Pompei Ercolano Stabia con Del Noce da allora e perciò ho scelto la via della memoria per scrivere di lui se non in parte. Del
- Origini cristiane (sec. II-IV) Noce non è stato un filosofo cristiano nel senso proprio del termine: non si è interessato né di
Aspetti generali metafisica né di teologia né di mistica. Il suo interesse è stato alla storia del pensiero politico, la
Primato di Pietro ricerca delle idee negli eventi, del senso ideale degli eventi. In questo senso egli evidenziò la
"dalla Terra alle Genti" "potenza filosofica del marxismo", anche se sarebbe stato più esatto dire "la potenza religiosa del
- IV secolo marxismo". Marx fu la figura della separazione tra fede in Dio e profezia, fu un profeta che fondava
Diocleziano il suo titolo di profeta sull'abolizione (e quindi sulla sostituzione) di Dio. Per Del Noce la storia è
Costantino soprattutto la storia delle idee. Per lui la storia della politica è la storia delle idee politiche e vi è un
Teodosio nesso storico che discende dal nesso delle idee tra di loro. Ma non si può dire, neanche in senso
- V secolo improprio, di lui come di un pensatore idealista perché non deduce i fatti dalle idee ma il ruolo delle
idee dai fatti. E' il comunismo politico che dimostra la potenza filosofica del marxismo. Ma Del
Epoca "Medioevale" Noce non è nemmeno un pensatore religioso: cioè non è un pensatore che abbia per oggetto la
- Aspetti generali religione. L'oggetto del pensiero di Del Noce è la storia politica considerata sotto il suo aspetto
- VI secolo filosofico. Augusto Del Noce è un filosofo laico della politica che ha per avversario ideale il
- Monachesimo totalitarismo moderno, considerato sotto la forma del comunismo come conclusione del moderno.
- Gregorio Magno Sotto questo aspetto Del Noce può definirsi un filosofo della libertà politica.
- VII VIII secolo
- Carlo Magno Per quanto non lo abbia mai fatto, egli potrebbe definirsi un pensatore liberale, nel senso in cui
- Islam e Cristianità
liberale si contrappone a giacobino e a reazionario, che è il senso originario del termine liberale. Ed
Islam egli combatte l'anima illiberale del moderno. Se avesse discusso il pensiero strettamente politico,
Saraceni avrebbe accettato Burke o de Toqueville, come accettò Rosmini. Esegeta di Cartesio e della sua
Repubbliche Marinare scuola, Del Noce la vede nelle sue conseguenze: quella di creare la ragione come un sistema di
Crociate assiomi, facendo quindi della matematica la forma perfetta della filosofia. Infine qui il maestro di
Templari Del Noce è Pascal. La scommessa che Pascal usa per provare al libertino la convenienza di credere
"Reconquista" Spagna nell'esistenza di Dio è all'opposto del modo con cui Cartesio fonda l'evidenza della idea di Dio. Per
- X - XI secolo Pascal Dio può esistere innanzi alla ragione, per Cartesio ne è l'idea prima. Ma il Dio di Pascal
Decadenza restaurazione esiste, l'idea di Dio è un'idea: la religione vede la sua possibilità affidata ad un gioco ai dadi e ad un
Gregorio VII calcolo eudemonistico. Il "pari" pascaliano ha il suo senso proprio nella contrapposizione alla totalità
- XII - XIII secolo della ragione cartesiana. Per quanto la teologia non lo abbia mai affascinato, Del Noce diviene
San Bernardo di Chiaravalle pascaliano contro i gesuiti. E qui posso aggiungere un ricordo personale. I colloqui di Del Noce con
Svevi e Innocenzo III Franco Rodano, il fondatore dei cattolici comunisti, erano esattamente quelli tra Pascal ed i gesuiti.
Ordini mendicanti Non solo essi parlavano di quella disputa, ma ne indossavano le parti, Del Noce quella di Pascal,
San Tommaso d'Aquino Rodano quella dei gesuiti. Franco Rodano è oggi una figura dimenticata, il suo interesse come
- Inquisizione pensatore è caduto con la fine del comunismo sovietico, che egli considerava, proprio nella sua
- Trecento e Quattrocento forma staliniana, la Rivoluzione, il salto qualitativo nella storia umana, che avrebbe dovuto
Bonifacio VIII
riconoscere il ruolo della Chiesa cattolica per diventare attualmente universale. Ma il fondatore dei
Letteratura del Trecento cattolici comunisti non era per niente quello che oggi consideriamo un cattocomunista. Era un uomo
Giovanna d'Arco della Seconda Scolastica che riteneva che il potere sovietico e quello comunista in Italia avessero il
Crisi del Medioevo ruolo che la Seconda Scolastica assegna allo Stato. Ma ne riconosceva il carattere totale e violento,
Epoca Moderna che a suo avviso si sarebbe modificato riconoscendo il carattere autonomo ed universale della Chiesa
- Umanesimo e Rinascimento Cattolica. Rodano andrebbe considerato anche oggi perché è il preciso punto di contatto tra le
- Turchi ed Europa posizioni reazionarie (lo diciamo senza polemica) della Chiesa del secolo XIX in funzione
Costantinopoli 1453 antiliberale ed antiborghese e le posizioni filocomuniste. Nessun pensatore ha affrontato il tema del
Belgrado 1456 rapporto tra Chiesa e comunismo con tale rigore, ma lo ha pensato nella chiave della teologia
Otranto 1480 preconciliare. Per questo il cattocomunismo degli anni Settanta dipende più dalla linea Lamennais e
Malta 1565 Murri che da quella di Rodano, che non fu mai censurata da Roma (mentre quella del cristianesimo
Famagosta 1571 essenzialmente democratico di Lamennais lo fu). Rodano fu un termine di riferimento molto
Lepanto 1571 importante di Del Noce perché lo vide, giustamente, come la posizione chiave dell'integrazione tra
Vienna 1683 cattolicesimo e comunismo, ed il loro dibattito avvenne in termini teologici: la bontà della natura e
- Isabella di Castiglia l'autonomia dell'ordine politico consentono un giudizio politico autonomo sulle realtà politiche e
- Scoperta dell'America sulla loro perfezione? O infine il dogma del peccato originale comportava invece che proprio la
- Riforma luterana ricerca della perfezione politica fosse, come pensava Agostino, uno splendido vizio? Questa era
- Giordano Bruno appunto la posizione di Del Noce. Del Noce riteneva che la dottrina del peccato originale fosse per il
- Galileo Galilei pensiero politico una ipotesi salvifica, perché impediva di pensare quello che egli chiamata il
- Assolutismo perfettismo. E quindi la società totale del comunismo. Per Rodano la bontà tomista della natura dopo
- "Illuminismo" il peccato originale in quanto natura era una ipotesi teologica feconda politicamente, per Del Noce
- Rivoluzione americana era invece ipotesi feconda proprio il dogma del peccato originale nella interpretazione che ne aveva
Epoca Contemporanea dato Agostino.
- Ideologia e totalitarismi
- Rivoluzione francese Questo uso del peccato originale si trova in cattolici liberali come John Acton. E, in senso
Aspetti generali politicamente diverso, è la stessa posizione di De Bonald e di De Maistre. In pochi casi come in quei
Vandea dibattiti vidi chiaro che nulla giovava ad un dibattito politico quanto essere portato a livello
Napoleone Bonaparte teologico. Altrettanto nuoce ad un pensiero teologico che al pensiero politico il passaggio inverso:
Insorgenze come nella teologia della liberazione, quando è il teologico che viene portato a livello politico. Del
Rep. Napoletana Noce esce dalla marginalità accademica e pubblicistica con la ripresa del tema dell'ateismo, che egli
- Ottocento vede sempre come essenzialmente politico, solidale al concetto moderno di Rivoluzione. L'ateismo è
Chiesa e rivoluzione la sostituzione della razionalità astratta allo spirito ed alla carne, e si impone come riduzione della
Restaurazione totalità della vita umana allo Stato divenuta Rivoluzione, incarnazione coattiva di una idea assoluta.
Arte e Letteratura Del Noce prende posto gradualmente come un filosofo della "corrente" che più tardi si dirà
- "Movimento Cattolico" revisionista ed incide sul dominio della cultura di sinistra in Europa. Una posizione rara, iniziata nel
- "Risorgimento" italiano 1955 da Raymond Aron con "L'oppio degli intellettuali". Il tema del peccato originale torna ad
Aspetti generali essere presente in Del Noce, in cui rivive il motto pascaliano: «Qui veut faire l'ange fait la bête».
Pio IX e il Sillabo L'idealismo assoluto del materialismo cade innanzi alla realtà della carne, infine esso non può che
Questione romana dissolversi nell'edonismo, che per Del Noce è l'assimilazione comunista alla decadenza borghese.
Due Sicilie e Borbone Del Noce viene dalla critica cattolica al mondo borghese, in certo senso lo spirito borghese è per lui
Brigantaggio la perdita del valore ideale della vita. La dimensione antiborghese è presente in Del Noce come in
Questione meridionale Péguy e Maritain. Il vero "materialismo pratico" è la borghesia. In questa dimensione antiborghese di
- Stato liberale Del Noce si comprende come il fascino del marxismo sul pensatore torinese nascesse dal fatto che
- I Guerra Mondiale dava un'arma ideale al vero materialismo, appunto quello borghese.
Felix Austria
"Grande guerra" Pensando il marxismo come figura della filosofia ed il comunismo come figura della politica, Del
Carlo I d'Asburgo Noce ha però mancato la percezione dei fenomeni che erano già presenti nei suoi anni e che
Genocidio degli Armeni avrebbero cambiato radicalmente i termini filosofici e politici in cui viviamo oggi: la società
- Comunismo tecnologica e la mondializzazione. In certo modo essi erano il successo di quel mondo borghese che
Aspetti generali era l'avversario originale di tutti i pensatori politici cattolici che avevano compiuto la loro
Rivoluzione russa formazione politica negli anni Trenta e Quaranta, tra l'antiborghesia fascista e l'antiborghesia
Urss-stalinismo comunista. Se vi è un pensatore assente dal pensiero di Del Noce è San Tommaso e la distinzione
- Messico 1926-1929 essenziale tra natura e grazia. Il bonum naturale non è tolto dal peccato originale e il dominio
- Guerra di Spagna dell'uomo sulla terra, fondato sulla creazione e sul primato umano della creazione, insegnata dalla
- Fascismo Rivelazione, determina conquiste per la vita umana. Ed anche l'arricchimento di umanità che il
- Aspetti generali cristianesimo porta all'umanità può accrescere la virtualità del bonum naturale. Il marxismo ed il
- Fascismo e Chiesa comunismo sono stati sconfitti proprio da ciò che avevano negato: il carattere creativo del lavoro
- Nazionalsocialismo umano e quindi le ragioni della diseguaglianza. Il marxismo come filosofia del lavoro umano era
Nazismo stato confutato dal lavoro umano. Del Noce non era sensibile a temi che fossero diversi dalla linea
Nazismo e Chiesa del pensiero dominante in Occidente, non conosceva il diverso sviluppo storico e politico del mondo
- II Guerra Mondiale americano. Era apparso anche nel dibattito con Felice Balbo, che aveva compreso come il
- "Resistenza" mutamento centrale della società sarebbe avvenuto nel rapporto tra lavoro umano e tecnica. Del
Aspetti generali Noce fece la critica della tradizione rivoluzionaria all'interno della filosofia rivoluzionaria come
Foibe orizzonte del pensiero: che era esattamente la condizione del suo tempo, soprattutto in una città come
Istria Torino, una città che ebbe una influenza sulla formazione filosofica e politica di Del Noce. Ma la
- Anni Cinquanta potenza filosofica del marxismo non fu confutata dalla filosofia ma dalla tecnologia. E' forse
Aspetti generali ingegnoso dire che a Del Noce nocque la mancanza di San Tommaso, che gli avrebbe dato un
18 Aprile 1948 sentimento del valore della natura umana anche rispetto alla grazia, e della realtà anche rispetto al
Dossettismo pensiero. Così Del Noce è rimasto chiuso in un rigetto della Rivoluzione nelle tenebre esteriori della
- Comunismo nel mondo decadenza borghese. Una parola positiva che troviamo in Del Noce è la parola "contemplazione", la
Est Europa "teoria" platonica e plotiniana, forse come qualcosa che a lui non giungeva, a lui così immerso nel
"Guerra fredda" pensiero della politica moderna. Ma che cosa era per Del Noce la contemplazione? Il termine ha
Cina assunto ormai il senso religioso, indica la vita mistica e credo che non possa ormai averne altro. Ma
Comunismo in Asia per lui, che attraverso i filosofi del Seicento aveva sentito Agostino, era la nostalgia di una verità
America latina indipendente dalla storia. Questa luce platonica è il raggio di speranza del filosofo torinese che
Post-comunismo descrisse drammaticamente il successo della Rivoluzione e non pensò che la data della liberazione
- Comunismo italiano fosse così vicina. Del Noce è un filosofo della libertà prima della caduta del muro di Berlino.
Partito Comunista Ita.
Egemonia culturale Ci fu anche Del Noce politico, ma non è una dimensione in cui egli potesse credere molto. Anche se
Economia rossa divenne senatore a Roma, portato dalla corrente andreottiana. Fu una sorta di equivoco da ambedue
Amministrazioni rosse le parti, Del Noce non era interessato alla politica parlamentare, era un improbabile "esterno". Del
Terrorismo Noce poté agire politicamente solo sui temi in cui la Chiesa si impegnava attraverso la Dc, come il
- Sessantotto divorzio o l'aborto. Ma nel mondo senza princìpi della Dc un filosofo della politica era interamente
- Concilio e postconcilio spaesato. Augusto Del Noce ha avuto una eco nel mondo cattolico, ma non una scuola. Che dialogo
- Centrodestra-centrosinistra Del Noce poteva avere con una teologia che abbandonava la filosofia, come la teologia
postconciliare? Che interesse aveva Del Noce a confutare la teologia della liberazione, quando era
ATTUALITA' impegnato nella resistenza alle forme originali del moderno, il marxismo ed il comunismo? E che
senso avrebbe avuto confutare i cattocomunisti alla Balducci egli che aveva battagliato con il grande
Politica e società cattolico comunista Franco Rodano? La grande tradizione teologica del cattolicesimo era stata
- Destra e Sinistra annientata dopo il Vaticano Secondo. Pur nel successo dei suoi ultimi anni, Del Noce fu un pensatore
- Tasse, tasse, tasse solitario, confortato dal calore di Comunione e Liberazione. Defunctus adhuc loquitur: ricordiamo un
- Lavoro o sindacato? uomo che un testimone di minoranza, che lottò contro il grande orizzonte rosso di cui conosceva la
- Giustizia e legge tragedia e la potenza, rifiutò di cantare nel coro dei cattolici progressisti, oggi svaniti dalla storia e
Stato e società dalla memoria? Ricordiamo l'uomo Del Noce come un fedele della libertà nella società civile. E
- Lo Stato come un cattolico fedele alla Chiesa, come un cristiano fedele al suo Signore, servito con fortezza e
- Sussidiarietà e welfare coraggio, che sembrava non appartenere a lui, lui apparentemente così fragile con la sua voce così
- Sanità e Stato arrotata e segnata dalle origini torinesi, ricca di alti e di bassi secondo l'emozione del concetto. Il
- Dottrina Sociale della Chiesa Signore gli dia la mercede dei giusti là dove la memoria non si cancella.
Economia e società Data inserimento: 30/10/2005
- Libero mercato
- Proprietà privata
Cristianesimo e modernità
- Chiesa edificata
- Chiesa sinistrata
Educazione e Scuola
- Educazione
- Scuola di Stato
- Scuola libera
Persona e società
- Donna & donne
- Psiche e corpo
Questioni internazionali
- Unione Europea
- Onu
Grandi sfide
- Global e no-global
- Pace o pacifismo?
- Energia e ambiente
Islam oggi
- Islam nel mondo
- Islam in Usa
- Islam ed Europa
- Islam e terrorismo
- Islam e immigrazione
Occidente in crisi
- Occidente
- Right Nation

http://www.storialibera.it/contatti.html | Sabato 22 Settembre, 2018 | Termini di utilizzo | Tutela della privacy

Powered by Mediatek Net