Está en la página 1de 12

Il Processo del Perdono: aspetti psicologici di Enrico Molinari * , Andrea Ceccarelli **

Ricordare forse il modo pi tormentoso di dimenticare e forse il modo pi gradevole di lenire questo tormento (E. Fried, 1988)

Introduzione

Luomo un essere relazionale ed interagisce con il mondo circostante fin dalla nascita. Wallon, osservando che il neonato necessita in ogni istante di assistenza, afferma che egli essenzialmente sociale: tutte le sue reazioni hanno bisogno di essere completate, compensate, interpretate; incapace di fare alcunch da solo, manipolato da altri ed nei movimenti degli altri che prenderanno forma i suoi primi atteggiamenti. Per luomo, dunque, essere sociale unintima necessit, una condizione genetica. Gli esseri umani trascorrono gran parte della loro vita impegnandosi in relazioni significative, interagendo con persone a cui tengono. Nel corso delle interazioni sociali, inevitabilmente, si compiono azioni che feriscono. Le opportunit di ferire e sentirsi feriti sono molte, dalle meno alle pi severe, ma il loro impatto varia in modo considerevole da persona a persona e da relazione a relazione. Le relazioni interpersonali soddisfano i pi profondi bisogni umani di affiliazione, ma sono anche la fonte di alcune tra le pi dolorose ferite. Quando le offese prendono vita, emozioni negative come la rabbia e il risentimento sono reazioni piuttosto comuni che creano una potenziale rottura della relazione stessa (Fincham, Paleari & Regalia, 2000). A creare ulteriore disagio lesigenza naturale di rispondere, attraverso la vendetta, alloffesa subita, per riparare al diritto oltraggiato. Questo sentimento di vendetta pu degenerare in rancore: non pi la semplice riparazione di un diritto violato che viene ricercata, ma il male che, in cambio del torto subito, si pu arrecare alloffensore. Il rancore una passione che, aggiunto alla sofferenza per loffesa subita, ne accentua il carattere alienante (Scabini & Rossi, 2000). Un fattore significativo che pu aiutare a far fronte in maniera adattiva alle inevitabili fratture relazionali quotidiane la capacit di perdonare. Linclinazione a perdonare ha importanti implicazioni non solo per il benessere delle relazioni, ma anche per il benessere personale. Il perdono si configura, quindi, come un mezzo che luomo ha a disposizione per salvaguardare un rapporto compromesso e per rispondere con fiducia e accettazione alloffesa e al dolore infertogli. Ide (1997), citando San Tommaso, scrive: Luomo per natura incline allarmonia ed allunit tra gli uomini, il perdono ristabilisce il legame perduto, la comunione turbata, esiste uninclinazione naturale al perdono inscritta nel cuore di ogni uomo.
* **

Professore ordinario di Psicologia clinica, Universit cattolica, Milano. Ricercatore, Istituto Auxologico Italiano, Milano. n.3 2007 242

Rivista di Psicologia Clinica

Il perdono in psicologia

Il perdono divenuto oggetto di interesse da parte della psicologia soltanto in questi ultimi anni. Per lungo tempo le persone hanno praticato e studiato il perdono soprattutto allinterno del contesto religioso e filosofico. Lo studio scientifico dello stesso, al contrario, iniziato solamente in questi ultimi anni, una volta aumentati linteresse, la comunicazione tra le discipline e il dibattito teorico riguardanti questo costrutto (Berry, Worthington, Parrott, OConnor & Wade, 2001). Il concetto di perdono ha quindi una ricca storia in filosofia e nella tradizione religiosa Giudaico-Cristiana, mentre gli studi psicologici che lo riguardano sono stati molto rari fino a pochi anni fa (McCullough, Sandage & Worthington, 1997). Soffermandosi a considerare le modalit attraverso cui lo studio del perdono si sviluppato e consolidato in ambito psicologico possibile osservare come la maggior parte dei contributi pubblicati sul tema consistano in riflessioni di natura teorica. Fino alla prima met degli anni Ottanta queste riflessioni venivano prevalentemente condotte da teologi e consulenti spirituali, allo scopo di evidenziare lutilit dellapplicazione di categorie teologiche alla comprensione e risoluzione del disagio psichico. Il perdono, in questo contesto, era ritenuto uno dei mezzi pi efficaci che lindividuo ha a disposizione per superare il risentimento, lansia e il senso di colpa derivanti dal peccato e, quindi, un ingrediente necessario per il benessere psichico della persona (Scabini & Rossi, 2000). A partire dalla met degli anni Ottanta, aumentato considerevolmente il numero di scritti teorici pubblicati da psicoterapeuti, psichiatri e consulenti psicologici (Fincham, 2000; Scabini & Rossi, 2000; Worthington, E.L. 1998; Worthington, E.Jr,, 1998). Tali contributi concordano nel giudicare il perdono un valido strumento terapeutico per il trattamento di particolari gruppi di soggetti disturbati (donne che hanno abortito, individui vittime di abusi sessuali, familiari di alcolisti o di disabili, coppie in crisi o separate, malati terminali). Lultimo decennio stato contrassegnato da un numero crescente di ricerche empiriche (Fincham, 2000; McCullough, Exline, & Baumeister 1997; McCullough & al., 1998) condotte sul perdono, in particolare allinterno delle relazioni intime (close relationships).

Definire il perdono

La definizione che spesso viene citata dagli autori che trattano questo argomento quella del filosofo inglese Joanna North (1987): Per perdonare, dobbiamo superare il risentimento, non negandoci il diritto di provare quel risentimento, ma sforzandoci di vedere il colpevole con compassione, benevolenza ed amore, pur sapendo che egli ha volontariamente abbandonato il suo diritto su di essi. Lautrice assegna al perdono il ruolo di restaurare le relazioni danneggiate e sottolinea come il cambiamento della disposizione danimo verso loffensore sia necessario, ma che tale cambiamento debba esternarsi anche attraverso azioni positive rivolte a colui che ha offeso. Il perdono pu darsi a diversi livelli: quando si verifica tra persone considerate in quanto tali, nella fattispecie tra la vittima ed il responsabile dellevento offensivo, si parla di perdono interpersonale. Nel caso in cui chi si reso responsabile di unoffesa decida di perdonare a s medesimo, si parla di perdono intrapsichico, anche se in questo caso pi opportuno parlare di accettazione di s. Quando, invece, il perdono viene accordato tra gruppi sociali, ci si riferisce al perdono intergruppi. Le definizioni di perdono elaborate dalla psicologia si riferiscono prevalentemente al perdono interpersonale. Worthington (2001) propone la seguente definizione: il perdono definito come la sostituzione emotiva delle emozioni negative calde, rabbia e paura, che seguono un torto o unoffesa percepita, o delle emozioni negative fredde, rifiuto del perdono (unforgiveness) e
Rivista di Psicologia Clinica n.3 2007 243

indifferenza, che seguono il rimuginio (rumination) in merito ad una trasgressione, con emozioni positive, come lamore disinteressato, lempatia, la compassione, o addirittura lamore romantico. Il perdono, secondo Worthington, non cancella il torto subito e non cambia la natura della trasgressione, ma modifica laffetto emotivo connesso alla trasgressione. McCullough & Worthington (1995) definisce il perdono come: un insieme di mutamenti psicologici attraverso i quali lindividuo offeso diventa sempre meno motivato a vendicarsi, a rivalersi nei confronti di chi gli ha fatto del male e ad estraniarsi, fisicamente e psicologicamente, da tale persona. Al contrario, la vittima si sente sempre pi motivata a riappacificarsi e ad essere benevola nei confronti delloffensore, bench il suo comportamento labbia ferito. Il perdono un complesso fenomeno affettivo, cognitivo e comportamentale, nel quale le emozioni negative e il giudizio verso il colpevole vengono ridotti, non negando il proprio diritto di sperimentarli, ma guardando al colpevole con compassione, benevolenza e amore. Rye e Pargament (2002) definiscono il perdono come: lasciare andare le emozioni negative (lostilit), le cognizioni negative (i pensieri di vendetta) e i comportamenti negativi (laggressione verbale) in risposta ad una considerevole ingiustizia subita e disporsi in modo compassionevole nei confronti del colpevole. Considerate complessivamente, le definizioni appena richiamate ci permettono di riflettere sulle principali caratteristiche del perdono. Innanzitutto, va notato che il perdono necessariamente vincolato ad unoffesa psicologica, fisica e/o morale (Murphy & Hampton, 1988; Smedes, 1984). Un soggetto, per perdonare, deve prima aver subito una ferita profonda e personale da parte di un conoscente od un estraneo. anche necessario che la vittima riconosca coscientemente tale offesa e la giudichi intenzionale (Heider, 1958). Qualora la vittima non sia consapevole delloffesa subita o non la reputi intenzionale, il perdono risulterebbe immotivato ed impraticabile. Infatti, n colui che stato offeso avrebbe alcuna ragione di risentirsi per laccaduto, n il presunto offensore si meriterebbe di venir privato dellaffetto e della fiducia della vittima (Fincham, 2000). Nel momento in cui percepisce di aver subito unoffesa intenzionale, la vittima reagisce provando rabbia, desiderando di vendicarsi, cercando di evitare il contatto personale e psicologico con lartefice delloffesa (McCullough, Exline, & Baumeister, 1997). Rispetto a tali reazioni iniziali, il perdono assume un ruolo ed un valore catartico: agevola, cio, labbandono dei sentimenti negativi e del risentimento, facilitando cos laffievolirsi del ricordo del male subito. Per dirsi propriamente tale il perdono deve poi essere un atto intenzionale, in virt del quale chi stato ferito rinuncia volontariamente al diritto di risentirsi con il suo offensore. Perdonare non significa semplicemente negare o dimenticare il torto subito, desistere dallattuare la propria vendetta e comportarsi come se nulla fosse successo. Se cos fosse, il perdono favorirebbe il ricrearsi delle stesse condizioni in cui si generata loffesa ed agevolerebbe il suo ripetersi. Si pu riconoscere nel perdono un atto di coraggio che chiede alla vittima di accettare nuovamente nel suo cuore la persona che si resa responsabile della sua sofferenza. Perdonare, dunque, vuol dire rischiare e mettere in gioco la propria fiducia ed il proprio affetto senza aver la garanzia che ci sar contraccambiato in futuro (North, 1987). Perdonare , quindi, una scelta personale incondizionata: una via che il soggetto pu decidere di percorrere indipendentemente sia dalle eventuali reazioni di pentimento e contrizione manifestate dallartefice delloffesa (che potrebbe confessare ed ammettere la propria colpa e responsabilit, dare spiegazioni,) sia dalle pressioni esercitate dallesterno. Se, da un lato, il comportamento delloffensore e quanto avviene nellambiente circostante possono facilitare il perdono, dallaltro, nessuno dei due rappresenta una condizione necessaria per il suo verificarsi (Fincham, 2000). In questo senso il perdono un dono gratuito (Enright & Coyle, 1998; Worthington, 1998). La gratuit una qualit dellagire nella quale e per la quale un soggetto dona qualcosa di s o tutto se stesso allaltro, senza attendersi nulla in cambio. Il dono veramente gratuito
Rivista di Psicologia Clinica n.3 2007 244

perch chi dona non si chiede se la persona che lo riceve se lo merita o meno. Lassenza di qualunque aspettativa che non sia il beneficium dellaltro ci che contraddistingue la gratuit (Scabini & Rossi, 2000). Il dono non si pu ridurre ad uno scambio di tipo mercantile, come sottolinea Godbout (1998), poich esso si caratterizza specificamente per il suo carattere di libert, ovvero di assenza di obbligo, di contratto, di costrizione (contratto e costrizione hanno la stessa radice etimologica) nei confronti di chi lo offre e, parimenti, assenza di obbligo di restituire per chi lo riceve. Il dono, dunque, presuppone fiducia negli altri, ovvero nelle relazioni, poich la fiducia negli altri che, sola, pu assicurare la circolazione del dono. Il perdono spesso inteso anche quale agente di cambiamento, giacch introduce un nuovo modo di vedere e di vivere gli eventi dolorosi del passato (Hope, 1987), senza per questo sminuirne la gravit. Permette, inoltre, di considerare in termini pi positivi chi ci ha offeso, giudicandolo un essere umano fallibile e limitato al pari di chi stato da lui offeso. Secondo alcuni autori il perdono costituirebbe un cambiamento anche nel senso che determinerebbe una nuova suddivisione del potere allinterno della relazione tra vittima ed offensore. Infatti, in genere, il verificarsi di unoffesa crea una situazione di disequilibrio che provoca il trasferimento del potere da colui che lo deteneva inizialmente e ha inflitto loffesa alla vittima. Essa diventa cos la principale responsabile del futuro della relazione: sta alla vittima decidere se cercare di ricucire il rapporto perdonando oppure se danneggiarlo ulteriormente mettendo in atto comportamenti di ritorsione o di evitamento nei confronti delloffensore. Questa decisione pu essere influenzata anche dai possibili vantaggi che le deriverebbero dalla situazione venutasi a creare a seguito delloffesa. Infatti, la vittima potrebbe sfruttare il desiderio delloffensore di assecondarla e di riparare al danno commesso, cos da trarne benefici. Quando la vittima decide di perdonare, rinuncia, al contempo, a questa sua posizione di privilegio e ripristina tra lei e lartefice delloffesa una distribuzione del potere pi prossima a quella originaria. Cos facendo restituisce allartefice delloffesa il potere decisionale sulla relazione che aveva in origine. Il perdono non solo un processo interiore, ma riguarda anche la relazione con loffensore. Egli viene inizialmente deumanizzato e identificato con latto cattivo che ha compiuto: ci che loffensore ha fatto finisce col diventare ci che loffensore . Il processo che conduce al perdono comincia quando la vittima inizia a considerare il responsabile delloffesa non semplicemente ed unicamente come la creatura malvagia che gli ha fatto del male, ma come una creatura debole e fallibile, un essere umano non del tutto diverso da s (Smedes, 1997). Questo modo di vedere le cose potrebbe far realizzare alla vittima che lei stessa in passato si resa responsabile di atti ingiusti e risulta bisognosa di ricevere il perdono (Enright & Coyle, 1998). La vittima, facendo proprio questo modo di vedere le cose, pu divenire maggiormente propensa ad intraprendere il cammino che porta al perdono. Secondo Enright & The Human Development Study Group (1991), inoltre, il perdono lesito di complessi processi cognitivi, emotivi e comportamentali. Le componenti emotive concernono le diverse reazioni positive o negative provate sia dalla vittima sia dallartefice delloffesa. Per esempio, la rabbia, il desiderio di rivalsa, lempatia e la compassione nutrite dalla vittima nei confronti delloffensore. Oppure la vergogna, il senso di colpa od il sollievo di fronte al perdono ricevuto provati dalloffensore. Le componenti cognitive acquistano maggior rilevanza nella vittima, poich essa chiamata a rielaborare laccaduto, valutando loffesa subita e la sua gravit, individuando le responsabilit al riguardo, facendo un bilancio dei costi e dei benefici che ne sono conseguiti. Questa rielaborazione porter la vittima ad optare per il perdono oppure, al contrario, a rimuginare (rumination) ripetutamente sulloffesa, cosa che fomenter gli iniziali atteggiamenti vendicativi e/o di evitamento. Da ultime, le componenti comportamentali si manifestano nella vittima con lesigere delle spiegazioni e lassumere un comportamento pi conciliante, mentre nelloffensore con lo scusarsi ed il domandare perdono, a volte attuando una serie di rituali simbolici. In termini pi generali , quindi, possibile identificare nel perdono due dimensioni: una intrapsichica ed una interpersonale (Baumeister, Exline, & Sommer, 1998). La dimensione intrapsichica si riferisce a ci che avviene nella mente e nel cuore della vittima, quindi agli
Rivista di Psicologia Clinica n.3 2007 245

stati emotivi e cognitivi che chi stato ferito sviluppa quando decide di reagire positivamente alloffesa subita. La dimensione interpersonale si focalizza, invece, sui comportamenti tra vittima ed offensore e le azioni sociali che il perdono comporta e sugli atti a tutela della relazione da esso implicati. In questo senso il perdono considerato come un potente fenomeno pro-sociale, una strategia che facilita il mantenimento e la restaurazione delle relazioni interpersonali, offrendo la possibilit di un nuovo inizio, che non un semplice ritorno al passato, ma racchiude in s la consapevolezza di quanto accaduto (Scobie & Scobie, 1998). Smedes (1997) descrive il perdono come un viaggio la cui destinazione finale la speranza di riconciliarsi con lartefice delloffesa. La rottura, il distacco provocato dallatto offensivo loccasione del viaggio. La vittima percepisce lingiuria subita come unoffesa morale, una violazione del diritto, la consapevolezza di essere stata ferita le rende impossibile continuare a riporre fiducia nellaltro e nel rapporto con lui. La vittima vorrebbe, anzi, avere la soddisfazione di vedere costui provare un dolore almeno equivalente a quello da lei stessa sperimentato. Pu cos cominciare il ciclo della vendetta, in cui i ruoli iniziali si invertono: la vittima diventa, a sua volta, artefice di unoffesa. Tale ciclo pu essere spezzato da un cambiamento di rotta, che si verifica quando la vittima decide di non vendicarsi del suo offensore, ma di perdonarlo. Una volta deciso di incamminarsi sulla strada che porta al perdono, secondo Smedes, tre sono le tappe fondamentali per raggiungerlo. In primo luogo la vittima deve poter riscoprire lumanit di colui che si reso responsabile delloffesa, in modo che la sete di vendetta possa essere mitigata. Il passo successivo consiste nellabbandonare lidea di vendicarsi nonostante si abbiano tutte le ragioni per farlo. Infine la vittima deve cambiare i propri sentimenti verso loffensore, per esempio passando dal rancore alla benevolenza. Superate queste tappe il viaggio potrebbe terminare con la speranza della riconciliazione. Luso del condizionale dobbligo perch perdonare non vuol dire necessariamente riconciliarsi. Il perdono pu avvenire senza riconciliazione, ma la riconciliazione non pu avvenire senza perdono. In altri termini perdonare una condizione necessaria, ma non sufficiente affinch la riconciliazione tra vittima ed offensore possa avere luogo (Smedes, 1997).

Il processo del perdono

Oltre a definire la natura del perdono, i clinici ed i ricercatori si sono anche impegnati a descrivere il percorso che porta al perdono e le sue conseguenze a livello personale e relazionale. La metafora del perdono come viaggio, utilizzata da Smedes (1997), porta alla luce, infatti, una fondamentale caratteristica di questo costrutto: quella di non essere un atto puntuale, ma un processo. Il perdono non un atto immediato, ma lesito di un lungo lavoro psicologico, spesso doloroso. La decisione di perdonare d inizio a un difficile percorso interiore che implica il superamento dei sentimenti negativi e lassunzione di un atteggiamento positivo nei confronti di chi ci ha fatto del male (Fincham, 2000). Il perdono uno sforzo, una scelta che implica necessariamente un atto di volont e contemporaneamente un atto creativo, un percorso a spirale attraverso il quale riattraversare i propri ricordi, le proprie matrici psicologiche e relazionali (Napolitani, 1987), una novit, una rivelazione nel presente della cronologia (Jankelevitch, 1967), che nel momento stesso in cui si svela si ri-vela. Il perdono un principio di mobilit e fluidit, a differenza del rancore che in principio di staticit e rigidit (caratteristiche che accompagnano spesso la sofferenza psichica), ed un processo di umanizzazione, poich spinge a fare i conti con i propri limiti e la propria vulnerabilit, un principio di libert che presenta alcune caratteristiche che necessario specificare.

Rivista di Psicologia Clinica

n.3 2007

246

Per perdonare ci vuole tempo, a volte molto tempo, perch un processo lento; pi grave la ferita ricevuta pi tempo necessario per perdonare. Talvolta trascorrono mesi o anni prima che si riesca a perdonare completamente, anche se il passare del tempo di per s non garantisce lo sviluppo del processo del perdono. Per perdonare, inoltre, necessario sviluppare una comprensione, almeno parziale, dei motivi di chi ci ha ferito, ma anche di s stessi, ovvero delle dimensioni e delle caratteristiche della propria ferita e della relazione con chi ci ha feriti. Durante questo processo di comprensione possibile sentirsi vittime della confusione; spesso non chiaro che cosa sia accaduto esattamente. In ogni offesa c qualcuno che ha fatto del male a qualcun altro ma, spesso, attorno a questo semplice nocciolo di sofferenza ingiusta, aggrovigliata una matassa di torti e di odio quasi impossibile da sbrogliare. A volte bisogna arrivare al perdono passando attraverso lintrico dei sentimenti e gli ostacoli dellincomprensione. Molte volte, inoltre, dopo aver perdonato, rimane un po di rabbia; non si pu, infatti, cancellare il passato, ma solo guarire la sofferenza che esso ha causato. Il perdono guarisce lodio per chi ha dato vita a quella realt, ma non modifica i fatti e non ne elimina tutte le conseguenze. Tuttavia possibile provare rabbia senza odio. Quando il perdono comincia la sua opera liberatoria il rancore si affievolisce mentre la rabbia resta. Se il rancore non viene alleviato un po alla volta ci soffoca, la rabbia pu, invece, spronarci a evitare che il male si ripeta. Il rancore unafflizione che pu essere guarita, la rabbia energia che pu essere incanalata. Il processo che porta al perdono non pu mai essere un dovere, non si pu essere obbligati a perdonare; non possibile perdonare se non esercitando la propria libert di scelta. Per liberare il perdono deve esser accordato liberamente. Un requisito fondamentale di un perdono libero il rispetto per chi si perdona, ci significa permettere a chi si perdona di fare ci che vuole del nostro perdono, altrimenti il perdono diventa un tentativo di controllo sullaltro, un puro esercizio di potere, in nome, per esempio, di una presunta superiorit morale (ti perdono perch sono buono). Il perdono sincero solo se si rispettano gli altri al punto da consentire loro di assumere la responsabilit di ci che intendono farne. Il perdono, spesso, richiede che si possa identificare nelloffensore, convertendo la propria intelligenza, la persona che va al di l della finitezza delloffesa. Il perdono esige, anche, che si esca dallimmediatezza della ferita inflitta o subita e che si reintegrino sia loffensore sia loffeso in una storia che, da una parte, tenga conto del passato per perdonare, dallaltra si apra alla promessa di un futuro per sperare (Smedes, 2000).

I modelli del perdono

La letteratura psicologica, oltre a definire la natura e il processo del perdono, ha cercato anche di descriverne il percorso, gli stadi evolutivi e le conseguenze che lo stesso comporta a livello personale e relazionale. A questo scopo sono stati sviluppati vari modelli che possibile raggruppare in tre diverse tipologie: a) modelli evolutivocognitivi: descrivono levoluzione del pensiero ed del ragionamento sul perdono allinterno dellindividuo, in funzione della sua crescita e maturazione nel tempo; b) modelli processuali: identificano e definiscono le fasi o stadi che il soggetto offeso attraversa per arrivare a maturare la decisione di perdonare; c) modelli psico-sociali: descrivono i principali fattori che, a livello psico-sociale, determinano e/o conseguono la concessione del perdono.

a) Modelli evolutivo- cognitivi

Rivista di Psicologia Clinica

n.3 2007

247

Tra i modelli classificati come evolutivo-cognitivi, stata accordata dalla comunit scientifica peculiare rilevanza al modello sviluppato da Enright e The Human Development Study Group (1991), in base al quale la concezione che le persone hanno del perdono ed i conseguenti ragionamenti seguiti per decidere se perdonare o meno diventano moralmente pi elevati man mano che il soggetto cresce e sviluppa le proprie abilit intellettive. In particolare il pensiero relativo al perdono maturerebbe secondo successivi stadi paralleli alle fasi attraverso cui, stando a Kohlberg (1984), si svilupperebbe il giudizio morale. Kohlberg, infatti, ha delineato, riprendendo la concezione di Piaget, una serie di stadi nello sviluppo del giudizio morale dallinfanzia allet adulta. Nel primo stadio (orientamento premio-punizione), prevalente al di sotto dei nove-dieci anni, il bambino considera le norme che possono comportare una punizione fisica o richiedere obbedienza. Nel secondo stadio (orientamento individualistico- strumentale) riconosce che i bisogni e gli interessi delle persone possono essere diversi ed uno dei criteri valutativi che siano rispettati pi interessi, cominciando dal proprio. Il terzo e il quarto stadio vanno dalla pre-adolescenza alla tarda adolescenza. In un caso (orientamento del bravo ragazzo) assume importanza il rispetto delle norme finalizzato a corrispondere alle aspettative positive della comunit di cui si condividono i valori; nellaltro (orientamento al mantenimento dellordine sociale) limpegno morale connesso con il proprio ruolo allinterno della societ, le cui leggi devono essere rispettate in quanto assicurano lordine sociale. Infine, gli ultimi due livelli sono legati ad un sistema di principi astratti e di valori universali. In particolare, nel penultimo (orientamento al contratto sociale) lindividuo ritiene che le leggi devono essere regolate in modo da consentire il rispetto dei diritti di tutti, e quando ci non accada, si possono cambiare. Nellultimo stadio (orientamento della coscienza e di principi universali) il soggetto prevede che si possono seguire dei principi etici universali, non iscritti nelle leggi, ognuno dei quali risponde alla propria coscienza. Alcuni di tali principi possono non essere in accordo con le leggi non dipendendo da esse n dal consenso sociale. Da unanalisi pi approfondita dei vari stadi, si pu osservare che, ad un primo livello, Enright colloca un perdono definito vendicativo, cio che lindividuo ritiene di concedere soltanto dopo che lartefice delloffesa stato punito ed ha sofferto. Ad uno stadio successivo troviamo il perdono compensativo o restitutivo, che, secondo lindividuo deve essere accordato quando loffensore abbia riconsegnato quello che aveva sottratto alla vittima oppure che questa provi un profondo senso di colpa derivante dalla temporanea negazione del perdono. Salendo ancora di livello sincontra un tipo di perdono che il soggetto crede sia dettato dalle aspettative del proprio gruppo dappartenenza che fa pressioni a riguardo od un perdono semplicemente atteso in base al ruolo sociale ricoperto dalla vittima. Simile al precedente il perdono che la persona pensa debba essere concesso sulla base di unaspettativa determinata da leggi morali o religiose, cio quando le convinzioni etiche e le credenze religiose spingono in tal direzione. Al penultimo livello di sviluppo morale il perdono ricondotto allarmonia sociale, cio il soggetto pensa che debba venire accordato al fine di ripristinare relazioni positive e pacifiche, spianare divergenze e conflitti e riportare armonia allinterno della societ. Da ultimo troviamo il perdono incondizionato, che lindividuo giudica dettato dallamore autentico che non pu essere danneggiato o sminuito da unoffesa. Sulla base di quanto appena affermato lo sviluppo del perdono avverrebbe attraverso una sequenza di stadi prevedibile ed universalmente valida. , tuttavia, opportuno precisare che la successione degli stadi, cos come stata individuata e descritta, non deve essere interpretata in modo rigido, giacch nella realt il ragionamento attuato dai soggetti che perdonano spesso contemporaneamente riconducibile a due o pi livelli.

b) Modelli processuali

Il modello di seguito descritto delinea la natura processuale del perdono realmente concesso e analizza la dinamica che si sviluppa allinterno della vittima . Il modello definito processuale stato proposto da Enright & The Human Development Study Group (1991) e si fonda
Rivista di Psicologia Clinica n.3 2007 248

sullaffermazione che il perdono coinvolge contemporaneamente i sistemi cognitivo, emotivo e comportamentale della persona. Enright si concentra soprattutto sulla dinamica del perdono cos come ha luogo allinterno della persona ferita e descrive come, partendo da un torto subito ingiustamente, essa possa arrivare ad accordare il perdono, passando attraverso un processo che si sviluppa nel tempo e coinvolge strategie cognitive, emotive e comportamentali. Secondo tale modello latto offensivo determina, inizialmente, nella vittima un insieme di reazioni emotive negative quali la rabbia, la vergogna e linsicurezza, che sono causa di sofferenza psicologica. La persona offesa, emotivamente provata, si trova a rimuginare in continuazione nella sua mente gli eventi occorsi. Nella misura in cui la persona diventa consapevole della propria sofferenza, avverte anche la necessit di lenirla, scegliendo la via della giustizia, facendo cio ricorso a sanzioni legali o alla vendetta personale, oppure optando per la clemenza, cio rinunciando cos a punire laltro. La scelta di questa seconda strategia fa s che la motivazione della vittima a perdonare diventi pi forte. Tale motivazione pu essere condizionata, secondo Enright, da sette categorie di variabili quali lo stadio dello sviluppo cognitivo in cui si trova il soggetto, il suo background culturale, i gruppi sociali dappartenenza (famiglia, amici, societ), la sua educazione religiosa, il tempo trascorso da quando ha ricevuto loffesa, la gravit delloffesa e la conversione, intesa come cambiamento del cuore. Il soggetto che motivato a perdonare in genere decide di farlo. Tale decisione considerata da Enright come un preciso impegno scelto ed assunto consapevolmente dalla vittima. La decisione di perdonare stimola il soggetto che la compie ad abbandonare il risentimento ed il desiderio di vendicarsi e promuove una serie di strategie cognitivo-affettive che aiutano la vittima a percepire laltro come un essere umano vulnerabile, per il quale possibile provare empatia e compassione. Queste strategie portano a rileggere loffesa allinterno del contesto in cui si verificata ed a re-interpretarla in modo meno negativo, senza per questo distorcere la realt dei fatti. Tale rilettura degli eventi facilita laccettazione del dolore provato e offre un significato nuovo, pi positivo, alloffesa stessa. La vittima pu, inoltre, comprendere che non lunica a soffrire e che lei stessa, in passato, ha avuto bisogno di essere perdonata. Questa nuova consapevolezza passa attraverso il ricordo di episodi in cui la stessa, ora ferita, aveva offeso e, a sua volta, era stata perdonata. Considerare il responsabile della propria sofferenza e loffesa subita in modo diverso, pi positivo, stimola, nella vittima, un bisogno di agire ed induce il soggetto a trovare delle soluzioni in grado di modificare la situazione. A questo punto del processo la vittima si trova di fronte a due possibilit. Pu attuare delle strategie comportamentali finalizzate alla riconciliazione che, per, richiedono anche la partecipazione attiva dellartefice delloffesa (si attuerebbe cos un passaggio dal livello delle decisioni e dei cambiamenti interiori della sola vittima a quello dellinterazione tra vittima ed offensore). Oppure, non potendo percorrere la via della riconciliazione, perch inattuabile o imprudente, la vittima pu optare direttamente per la remissione del torto, la quale comporta una diminuzione delle emozioni negative ed un aumento di quelle positive nei confronti di chi che lha ferita. Al termine della presentazione del suo modello processuale, Enright rimarca che le varie fasi di questo processo seguono una sequenza logica che, per, non psicologicamente invariante. Questo significa che non necessario passare attraverso tutti quanti gli stadi del processo per giungere al perdono.

c) Modelli psico-sociali

I modelli psico-sociali si segnalano per le loro solide basi sia teoriche che empiriche. Tali modelli hanno riservato una particolare attenzione allanalisi di quanto, su un piano psicosociale, contribuisce a favorire od inibire la concessione del perdono. Uno dei pi importanti modelli psico-sociali presentato nei contributi di McCullough et al. (1998). Tale modello
Rivista di Psicologia Clinica n.3 2007 249

stato elaborato con lo scopo di determinare ci che consegue alla concessione del perdono allinterno di relazioni intime ed analizzare le numerose variabili sociali e psicologiche che, a loro volta, influenzano la capacit di perdonare. I fondamenti teorici ed empirici che stanno alla base di tale modello sono costituiti da una serie di ricerche condotte sui comportamenti pro-sociali (Boon & Sulsky, 1997; Darby & Schlenker, 1982) e sul perdono negli anni Ottanta e Novanta. Sulla base di questi contributi, McCullough et al. (1998) rileggono ed interpretano il perdono come una particolare forma di atteggiamento pro-sociale che molto si avvicina a variabili, anchesse con una valenza prosociale, quali la cooperazione, laltruismo, la disponibilit a sacrificarsi e ad essere accomodante. Ci che accomuna queste variabili la capacit di astenersi dal mettere in atto comportamenti che, pur inizialmente volti a proteggere chi ha subito unoffesa, alla fine si rivelano distruttivi per la relazione stessa. A ci si aggiunge la scelta di un impegno a favore di azioni che promuovono il benessere relazionale. Partendo da queste considerazioni iniziali, McCullough & al. (1998) osservano che il perdono pu essere favorito da quattro categorie di determinanti, ciascuna delle quali si differenzia dalle altre in funzione del grado di prossimit ed immediatezza con cui promuove od inibisce il perdono. possibile, pertanto, parlare di determinanti pi prossimali o moderatamente prossimali e di determinanti pi distali o moderatamente distali. Le determinanti pi prossimali sono costituite da variabili socio-cognitive, le quali si riferiscono a ci che la vittima pensa e prova in relazione alloffesa subita ed a chi lha commessa. possibile far rientrare tra le variabili socio-cognitive i processi attributivi, cio le modalit con cui ci si spiega levento offensivo imputandolo a specifiche cause, responsabilit o colpe (Girard & Mullet, 1997); la rumination, ossia il rimuginare ed il ripensare in modo ossessivo e reiterativo a quanto successo, aumentando cos le motivazioni sia ad evitare il contatto con loffensore sia a cercare vendetta (Caprara, 1986; Collins & Bell, 1997; Greenberg, 1995); lempatia, cio la capacit di mettersi nei panni dellartefice delloffesa e nutrire sentimenti benevoli nei suoi riguardi. Le determinanti moderatamente prossimali includono le variabili associate allatto offensivo, tra cui compaiono sia le caratteristiche proprie delloffesa - come ad esempio la gravit e le conseguenze nel corso del tempo - sia le reazioni manifestate dalloffensore dopo aver arrecato loffesa per esempio gli accounts o spiegazioni offerti (Girard & Mullet, 1997). pi facile che la persona offesa accordi il proprio perdono qualora giudichi il torto subito non grave e nel caso in cui il responsabile si mostri dispiaciuto ed offra delle scuse sincere Le determinanti moderatamente distali si riferiscono essenzialmente al contesto interpersonale e relazionale in cui ha avuto luogo loffesa. Poich il perdono esprime la volont di tutelare il rapporto con chi si reso responsabile di unoffesa, quanto pi, prima del verificarsi di un torto, chi lha subito e chi lha inferto erano legati da una relazione contrassegnata da unelevata soddisfazione, intimit ed impegno, tanto pi la concessione del perdono sar probabile (Nelson, 1993; Rackley; 1993). A tale riguardo bene rimarcare che la qualit relazionale pu influire in diversi modi sul perdono. Ad esempio, nel caso in cui i soggetti siano coinvolti in un rapporto qualitativamente soddisfacente, ci sono maggiori probabilit che facciano progetti a lungo termine e siano motivati a far durare nel tempo il loro rapporto. Questo li spinge a superare le discordie e le offese ricevute al fine di salvaguardare il legame con laltro. Allo stesso modo, il grado dintimit e di conoscenza che si ha dellaltra persona pu rivelarsi utile nello sviluppare nei suoi confronti empatia e nel cercare di comprendere i suoi pensieri e sentimenti, oltre alle motivazioni che lo hanno spinto ad agire in quel modo. Allinterno della relazione, oltre al grado di soddisfazione e dintimit, riveste un ruolo importante anche la misura in cui i soggetti si sono impegnati ed hanno investito nel loro rapporto. Il responsabile delloffesa pu, perci, mostrarsi pi propenso a provare rimorso, a dare delle spiegazioni ed a chiedere scusa (Hodgins, Liebeskind & Scwartz, 1996). Da ultimo, le determinanti pi distali consistono in tratti di personalit che contraddistinguono il soggetto in modo relativamente stabile (per es., il suo atteggiamento nei confronti della vendetta, larrendevolezza, gli stili di reazione alla rabbia, i suoi principi etici e le sue
Rivista di Psicologia Clinica n.3 2007 250

convinzioni religiose). Queste caratteristiche personali influenzano la concessione del perdono in modo prevalentemente indiretto. Allinterno di una relazione, la combinazione di tutte e quattro queste classi di determinanti porta alla concessione del perdono in seguito ad unoffesa. Alcuni studi hanno evidenziato come lempatia sia una delle variabili pi influenti nel determinare la capacit di perdonare gli altri (McCullough, Sandage & Worthington 1997). Essa, a sua volta, facilitata dal livello dintimit precedente loffesa e dalle scuse porte dalloffensore. Vivere una relazione soddisfacente, impegnata ed intima fa s che, da un lato, i responsabili di unoffesa siano pi disposti a mostrarsi dispiaciuti per quanto hanno commesso ed a chiedere scusa (Tagney, Miller, Flicker & Barlow, 1996) e, dallaltro, le vittime si sentano pi invogliate a mettersi nei loro panni ed a perdonarli. Un secondo risultato rilevante riguarda la rumination, ossia i pensieri, le immagini ed i sentimenti intrusivi suscitati dalloffesa ricevuta. Coloro che sperimentano alti livelli di rumination si dimostrano incapaci di eliminare dalle loro menti pensieri ed immagini intrusivi e sono pi portati a mettere in atto comportamenti aggressivi e vendicativi contro lartefice delloffesa. Da ci si deduce che la rumination ricopre un ruolo importante nel perpetuare le difficolt ed i problemi psicologici seguenti alloffesa (Greenberg, 1995) e nellostacolare lassunzione di un atteggiamento conciliante.

Bibliografia Baumeister, R., Exline, J. & Sommer, K. (1998). The Victim Role, Grudge Theory, And Two Dimensions Of Forgiveness. In E. Worthington (Ed.) Dimensions of forgiveness: Psychological research and theological perspectives (pp. 79-104). Philadelphia, PA: Templeton Foundation Press.

Berry, J.W., Worthington, E.L., Jr., Parrott, L., III, OConnor, L.E., & Wade, N.G. (2001). Dispositional forgivingness: Development and construct validity of the transgression narrative test of forgiveness (TNTF). Personality and Social Psychology Bulletin, 27, 1277-1290.

Boon, S. & Sulsky, L. (1997). Attribution of blame and forgiveness in romantic relationships: A policycapturing study. Journal of Social Behavior and Personality, 12, 19-44.

Caprara, G.V. (1986). Indicators of aggression: The Dissipation-Rumination Scale. Personality and Individual Differences. 7, 763-769.

Collins, K. & Bell, R. (1997). Personality and aggression: The Dissipation-Rumination Scale. Personality and Individual Differences, 22, 751-755. Darby, B. & Schlenker, B. (1982). Childrens reactions to apologies. Journal of Personality and Social Psychology. 43, 742-753. Enright R.D. & The Human Development Study Group (1991). The moral development of forgiveness. In W. Kurtines & J. Gerwirtz (Eds.) Handbook of moral behavior and development (Vol. I, pp. 123152). Hillsdale, NJ: Earlbaum. Enright, R. & Coyle, C. (1998). Researching the process model of forgiveness with psychological interventions. In E. Worthington (Ed.) Dimensions of forgiveness: Psychological research and theological perspectives (pp. 139-161). Philadelphia, PA: Templeton Foundation Press. Fincham, F.D., Paleari G. & Regalia C. (2000). Forgiveness in marriage: the role of relationship quality, attributions and empathy. Personal Relationships, 9, 27-37. Rivista di Psicologia Clinica n.3 2007 251

Fincham, F.K. (2000). The Kiss of the porcupines: From attributing responsability to forgiving. Personal Relationships, 7, 1-23.

Fried E. (1988). E quel che . Torino: Einaudi. Girard, M. & Mullet, E. (1997). Propensity to forgive in adolescents, young adults, older adults, and elderly people. Journal of Adult Development. 4, 209-220. Godbout J.T. (1998). Il linguaggio del dono. Torino: Bollati Boringhieri. Greenberg, M. (1995). Cognitive processing of traumas: The role of intrusive thoughts and reappraisals. Journal of Applied Social Psychology, 25, 1262-1296. Heider, F. (1958). The psychology of interpersonal relations. New York: Wile. Hodgins, H., Liebeskind, E. & Scwartz, W. (1996). Getting out of hot water: Facework in social predicaments. Journal of Personality and Social Psychology, 71, 300-314. Hope, D. (1987). The healing paradox of forgiveness. Psychotherapy, 24, 240-244. Ide, P. (1997). E possibile perdonare?. Milano: Ancora Editrice. Jankelevitch, V. (1967). Il Perdono. Paris: Aubier-Montaigne. Kohlberg, L. (1984). Essays on moral development. New York, Harper e Row, vol.II, The psychology of moral development. McCullough, M.E. & Worthington, E.L. (1995). Promoting forgiveness: A comparison of two brief psycho-educational interventions with a waiting list control. Counseling and Values, 40, 55-68. McCullough, M., Exline, J. & Baumeister, R. (1997). An annotated bibliography of research on forgiveness and related concepts. In E. Worthington, (Ed.) Dimensions of forgiveness: Psychological research and theological perspectives (pp. 193-317). Philadelphia, PA: Templeton Foundation Press. McCullough, M.E., Sandage, S.J. & Worthington, E.L. (1997). To forgive is human: How to put your past in the past. Downers Grove: InterVarsity press. McCullough, M.E., Worthington, E.L., Rachal, K.C., Sandage, S., Brown, S. & Hight, T. (1998). Interpersonal forgiving in close relationships: II. Theoretical elaboration and measurement. Journal of Personality and Social Psychology, 75(6), 1586-1603. Murphy, J. & Hampton J. (1988). Forgiveness and Mercy. Cambridge, MA: Cambridge University Press. Napolitani, D. (1987). Individualit e Gruppalit. Torino: Boringhieri. Nelson, M. (1993). A new theory of forgiveness. Unpublished doctoral dissertation, Purdue University, West Lafayette, IN. North, J. (1987). Wrongdoing and Forgiveness. Philosophy, 62, 499-508. Rackley, J. (1993). The relationships of marital satisfaction, forgiveness, and religiosity. Unpublished doctoral dissertation, Virginia Polytechnic Institute and State University, Blacksburg, VA. Rye, M., & Pargament, K. (2002). Forgiveness and romantic relationships in college: Can it heal the wounded heart?. Journal of Clinical Psychology, 58, 419-441.

Rivista di Psicologia Clinica

n.3 2007

252

Scabini, E. & Rossi, G., (2000). Dono e perdono nelle relazioni familiari. Milano: Vita e Pensiero. Scobie, E.D. & Scobie G.E.W. (1998). Damaging events: The perceived need for forgiveness. Journal for the Theory of Social Behaviour, 28:4. Smedes, L. (1984). Forgive and Forget: Healing the hurts we dont deserve. New York: Harper and Row. Smedes, L. (1997). Stations on the journey from forgiveness to hope. In E. Worthington, (Ed.) Dimensions of forgiveness: Psychological research and theological perspectives (pp. 193-317). Philadelphia, PA: Templeton Foundation Press. Smedes, L. (2000). Perdonare e dimenticare. Milano, TEA pratica. Tangney, J., Miller, R., Flicker, L. & Barlow, D. (1996). Are shame, guilt, and embarrassment distinct emotion? Journal of Personality and Social Psychology, 70, 1256-1269. Wallon, D. (1968). Les ages de lenfant (0 3 ans). Paris: Edit. Universitaries. Worthington, E.L. (1998). Dimensions of forgiveness: Psychological Research and Theological Perspectives. Templeton Foundation Press. Worthington, E.Jr. (1998). An empathy-humility-commitment model of forgiveness applied within family dyads. Journal of Family Therapy, 20, 59-76. Worthington, E.L. (2001). Five steps to forgiveness: The art and science of forgiving. New York: Crown Publishers.

Rivista di Psicologia Clinica

n.3 2007

253