Está en la página 1de 4

La casalinga dalle uova doro.

Ovvero come guadagnare 7000 euro al mese lavorando due ore al giorno tratto da: http://panopticonitalia.blogspot.it/ Dott. Francesco La Manno email: francescolamanno@hotmail.it

FRANCESCO LA MANNO1

LA CASALINGA DALLE UOVA DORO. OVVERO COME GUADAGNARE 7000 EURO AL MESE LAVORANDO DUE ORE AL GIORNO2

Sommario: 1. La vicenda. 2. La scelta razionale. - 3. Le casalinghe e la prostituzione. 4. Conclusioni.

1.

La vicenda.

Qualche giorno fa veniva pubblicato, su un noto quotidiano nazionale, un articolo nel quale una donna di Pescara, casalinga quarantenne e sposata, dichiarava, restando nellanonimato, di essere dedita al meretricio3.
1 2

Praticante avvocato, abilitato al patrocinio, presso il Foro di Casale di Monferrato e blogger. Tratto dal blog il Panopticon, http://panopticonitalia.blogspot.it/2012/12/la-casalinga-dalle-uova-

doro-ovvero_15.html.
3

LA REPUBBLICA.IT, "Io, casalinga e prostituta. Come me tante altre, colpa della crisi, articolo di in http://www.repubblica.it/cronaca/2012/12/08/news/casalinga_prostituta-

CAPORALE,

48308259/?rss&google_editors_picks=true

La casalinga dalle uova doro. Ovvero come guadagnare 7000 euro al mese lavorando due ore al giorno tratto da: http://panopticonitalia.blogspot.it/ Dott. Francesco La Manno email: francescolamanno@hotmail.it

La sex worker affermava di prostituirsi, in prima battuta, per il fatto che lattuale crisi aveva messo in ginocchio la situazione economia della sua famiglia, in quanto il marito, imprenditore, era sommerso dai debiti. Successivamente Francesca (questo il suo nome darte), precisava di svolgere la suddetta attivit perch non voleva rinunciare allelevato tenore di vita che il marito, in precedenza, le aveva sempre garantito. Inoltre sosteneva di non volere dedicarsi ad altre mansioni lavorative pi faticose e meno redditizie, poich concedendo le proprie prestazioni sessuali una o due volte al giorno (al prezzo di 100,00 euro per prestazione), poteva arrivare a guadagnare 7.000,00 euro al mese. La donna esercitava il meretricio di nascosto, soprattutto dal marito, fissando gli appuntamenti nellora di pranzo e simulando di essere in compagnia della madre o di amiche. Lo strumento per procacciarsi gli affari era internet: venivano pubblicate le sue foto su un sito web ed il relativo numero di cellulare, grazie al quale i clienti potevano contattarla. Francesca rendeva noto, altres, di sfruttare la bramosia dei tanti uomini che, pur di avere rapporti sessuali, erano disposti a corrisponderle del danaro. La sua clientela era di tutto rispetto: politici, liberi professionisti, calciatori, imprenditori, i quali, peraltro, volevano essere, da lei, dominati sessualmente.

2.

La scelta razionale.

Senza voler entrare in polemica con lautore dellarticolo, in discussione, ritengo che il titolo: Io, casalinga e prostituta. Come me tante altre, colpa della crisi, non identifichi, correttamente, il contesto reale4 in cui opera Francesca.
4

Ovviamente lidea che mi sono fatto della questione figlia di quanto ho potuto leggere nellarticolo

in parola. Pu darsi che ci siano altre circostanze di cui non sono a conoscenza e, in questo caso, sono disposto anche a rettificare quanto ho scritto.

La casalinga dalle uova doro. Ovvero come guadagnare 7000 euro al mese lavorando due ore al giorno tratto da: http://panopticonitalia.blogspot.it/ Dott. Francesco La Manno email: francescolamanno@hotmail.it

Nello scritto, predetto, vi una sostanziale antinomia. Allinizio, lautore afferma che la sex worker pone in essere le proprie prestazioni, per far fronte alla propria crisi economica familiare dovuta ai debiti del marito, lasciando intendere che la donna sia sullorlo del baratro finanziario. Dopo, tuttavia, viene evidenziata la circostanza che Francesca, pur potendo scegliere altre professioni, preferisce continuare a dedicarsi al meretricio, guadagnando circa 7.000,00 euro al mese, poich altri lavori pi faticosi non le garantirebbero i medesimi introiti, di quelli percepiti facendo mercimonio del proprio corpo. Orbene, Francesca ben lungi dallessere, secondo le parole di Adam Smith, una donna sfortunata che vive di prostituzione5. La sex worker, viceversa, mette in atto una scelta libera e razionale nella quale, valutando i possibili pregiudizi che potrebbe subire (ad es: la violenza da parte dei clienti, lignominia di essere ritenuta una meretrice) ed i potenziali benefici6 (un ingente guadagno), considera prevalere i secondi e pertanto, allo scuro di amici e famigliari, decide di fare mercimonio del proprio corpo. In altri termini il vero movente di Francesca non la crisi economica, bens i lauti guadagni percepiti esercitando questa attivit, i quali non potrebbero essere ottenuti svolgendo altre mansioni professionali7. Vi anche un altro importante fattore: Francesca consapevole di essere una donna avvenente e sfrutta questa sua dote, stringendo amicizie con uomini di potere e concedendosi, allo stesso tempo, una sorta di rivalsa nei confronti dei propri clienti, dacch la sex worker vitupera, questi soggetti, con pratiche sadomasochiste (ovviamente da loro richieste).

3. Le casalinghe e la prostituzione.
5 6

SMITH, La ricchezza delle nazioni, a cura di Anna e Tulio Bagiotti, Utet, Torino, 1975, p. 269. BECUCCI, GAROSI, Corpi globali: la prostituzione in Italia, Firenze University Press, Firenze, 2008,

p. 14.

La casalinga dalle uova doro. Ovvero come guadagnare 7000 euro al mese lavorando due ore al giorno tratto da: http://panopticonitalia.blogspot.it/ Dott. Francesco La Manno email: francescolamanno@hotmail.it

Il caso di Francesca non isolato, molte casalinghe, sebbene sposate o legate ad un uomo more uxorio, decidono di prostituirsi. Alcuni sociologi8, intervistando queste donne, hanno delineato un profilo ben preciso che si allinea a quello della protagonista della nostra vicenda. Lautore ha riscontrato che le casalinghe, dedite al meretricio, non svolgono questa attivit presso la propria dimora, bens in locali esterni9. Esse sono sessualmente esperte e richiedono un compenso che si aggira tra i centocinquanta e i trecento euro 10. Lautore rileva, inoltre, che la clientela, che frequenta questo tipo di sex workers, signorile e facoltosa11.

4. Conclusioni.
Analizzata da una diversa angolazione lintera vicenda, appare palese che Francesca non si prostituisce a causa della crisi economica e, in generale, delle avversit della vita; ma lo fa per libera scelta, rappresentando un nuovo genere di donna razionale, coraggiosa ed intraprendente che, ad onta dello stigma 12, attribuito dalla societ, a questo tipo di attivit, sceglie di fare la sex worker.

7 8

MILLET, Prostituzione. Quartetto per voci femminili, Einaudi, Torino, 1975, p. 21. FRANCIOSO, Meretrix. Prostituzione e case chiuse nellera di internet, Alberti, Roma, 2009, p. 67 e

ss.
9

Ibidem. Ibidem. FRANCIOSO, op. cit., p. 71. MILLET, op. cit., p. 27.

10 11 12

Intereses relacionados