Está en la página 1de 3

AMISSI DEL PIOVEGO

associazione culturale e ambientalista di voga alla veneta

Casetta dellAcqua Golena comunale di San Prosdocimo Via San Massimo, 137 35129 Padova www.amissidelpiovego.it e-mail: info@amissidelpiovego.it Tel e Fax 0498722256 Cod. fiscale 92095920283
Associazione iscritta al nr. 527 del registro comunale delle associazioni riconosciute dal Comune di Padova. Operante ai sensi comma IV art. 118 della Costituzione italiana secondo il principio di sussidiariet. Societ di voga alla veneta aderente al Coordinamento nazionale voga veneta Venezia. Iscritta al nr. 91256 del registro CONI Associazioni Sportive Dilettantistiche. Affiliata allEnte di Promozione Sportiva ASI al nr. VEN-PD0066.

1980
1984: da 30 anni in Golena San Prosdocimo

Presidente Maurizio Ulliana - cell. 3487077807 Presidente onorario Elio Franzin

Invito

Vogata di voga alla veneta con corteo fluviale per la presentazione della Gondola Amissi del Piovego - Servizio per la Citt con conferenza stampa SABATO 22 MARZO 2014 ore 11.00, primo giorno dopo linizio della primavera,
alla Golena del Bastione dellArena lungo il Piovego.
(da terra si entra dai Giardini dellArena, dallaccesso allarea cani lungo il Piovego, ex parco giochi bimbi. DallAcqua si accede dallapprodo Giotto ex approdo Nord lungo il Piovego). Il Bastione dellArena e la sua golena sono ben in vista dal Ponte del Corso del Popolo, lato di sinistra provenendo dalla Stazione dei treni. Eppure pochi hanno la percezione della loro importanza a causa del degrado in cui versano: vegetazione spontanea coprente le mura, macerie e rifiuti scaricati sopra la golena rialzata artificiosamente ne impediscono la percezione e la piena visibilit. La cannoniera scomparsa sotterrata. Gli Amissi hanno restaurato una storica gondola. La presentano alla Citt, quale Servizio e contributo per tutelare e valorizzare Padova Citt dAcque, e in particolare le mura veneziane del Cinquecento lambite dal Piovego, come ad esempio il centralissimo Bastione dellArena, a 50 metri dalla Cappella degli Scrovegni. E la prima di una serie di gondole che gli Amissi hanno intenzione di far navigare nel Piovego nei prossimi anni. Sar il volano delleconomia fluviale, strumento di avvio al lavoro per giovani, baluardo ambientale e culturale del Piovego, protagonista del recupero della filiera di abilit artigianali riconosciute come eccellenze mondiali, partendo dal legno, ai tessuti fino ai metalli che concorrono a realizzare la gondola, massima espressione dellarte costruttiva delle barche tipiche della tradizione veneta. La Gondola degli Amissi del Piovego a disposizione della Citt per il trasporto di passeggeri, turisti o padovani, per la promozione della voga alla veneta (legge R.Veneto nr.. 5/1999). Prenotazioni info@amissidelpiovego.it o sms/cell. 3487077807. E richiesta iscrizione o una donazione per contributo allassociazione. Amissi del Piovego

All. programma, scheda gondola, breve cronistoria della gondola degli Amissi

AMISSI DEL PIOVEGO

Il programma di sabato 22 marzo 2013 - ore 9.00 ritrovo vogatori e Amissi in sede alla Golena di San Prosdocimo, e preparazione imbarcazioni; - ore 9.30 avvio del corteo fluviale di barche in accompagnamento della Gondola "Amissi del Piovego" - Servizio per la Citt; - ore 10.30 arrivo alla Golena del Bastione dellArena (a valle del Ponte del Corso del Popolo e del Mandracchio delle Porte Contarine, approdo Giotto ex approdo nord); - ore 11.00 Conferenza stampa: presentazione alla stampa, alle autorit e alla cittadinanza, della Gondola Amissi del Piovego - Servizio per la Citt; - ore 12.30 Ganzega per la Gondola - pranzo a sacco nella Golena del Bastione dellArena; - ore 15.30 Rilevamento fotografico del degrado della Golena, del Bastione, dei Giardini dellArena, a cura dei cittadini; - ore 16.30 Conferenza del prof. Elio Franzin in Golena dellArena: Sostenitori ed oppositori ai Giardini dellArena ai primi del Novecento - 17.30 rientro in sede.

Scheda della gondola Amissi del Piovego Servizio per la Citt Lunghezza incluso il ferro 11,02 m Larghezza massima 1,40 m Altezza massima al fianco dai paioli 0,50 m Peso circa 450 kg completa di forcole Il ferro della prua mancante di alcuni elementi, andati persi. Anzianit ipotizzata circa 70 anni Cantiere veneziano costruzione: presumibilmente Tramontin Sono in corso ricerche per acquisire informazioni pi precise. Breve cronistoria A Padova si persa la memoria dellesistenza di gondole. Eppure anche a Padova sono arrivate le gondole, portate dai patrizi veneziani allepoca della dominazione della Serenissima su Padova, fra il XV e il XVIII secolo. Alle Porte Contarine, di fianco alla Chiesetta, sono scolpite le tariffe per il passaggio delle imbarcazioni in conca: cerano anche le gondole. In alcune vedute della citt della Padova veneziana compaiono fogge di gondole. Le gondole dei patrizi veneziani risalivano la Riviera del Brenta, quindi il Piovego, anche fino a Monselice, seguite dalle caorline cariche dei bagagli per le ferie estive in campagna. Una vecchia foto dellalluvione dei primi del novecento immortala una poppa di gondola intenta nelle operazioni di salvataggio. Loblio delle gondole a Padova coinciso comunque con la progressiva scomparsa dei canali cittadini e quindi della pratica della voga alla veneta in citt. Ma arriviamo ai giorni nostri.

AMISSI DEL PIOVEGO

Nellottobre 2010, a seguito di una segnalazione, gli Amissi hanno acquisito una gondola incidentata andandola a ritirare a Treporti, Laguna Nord di Venezia. Per via fluviale la gondola giunta a Padova. Dopo alcuni mesi di preparazione (sverniciatura) presso la sede degli Amissi, stata portata allIstituto darte Selvatico per una attivit di restauro compartecipato con gli studenti, dintesa con la dirigenza. LIstituto darte ora Liceo artistico Pietro Selvatico ha laboratori per la lavorazione del legno e degli altri materiali costruttivi la gondola. Inoltre ubicato a Padova nella Golena lungo il Piovego, in una posizione ideale per uno squero (cantiere di barche). Purtroppo la collaborazione con la scuola non ha dato gli esiti preventivati, ed il lavoro si fermato per diversi mesi. Nel maggio del 2012 a seguito del terremoto la esigenza di spostarla per il pericolo del crollo di una parete della scuola ha determinato il ritorno della gondola presso la sede degli Amissi. Le condizioni della gondola nel frattempo erano peggiorate. Troppi mesi fuori dallacqua avevano deteriorato il fasciame. Il socio Pietro Gusso, appassionato di voga e restauri in legno, ha preso in mano la situazione, dedicandovi tutto il suo tempo libero. Studiando le caratteristiche costruttive ha iniziato lopera di minuziosa ricostruzione, con laiuto periodico di altri soci. Sommariamente il restauro ha richiesto circa 600 ore di lavoro. 546 ore risultano registrate fino all'agosto 2013, alle quali si sommano circa 50 ore per aggiunta del ferro, forcole, copertura, ecc..... Il restauro vero e proprio cominciato a luglio 2012. La ricostruzione della struttura e delle parti in legno andata avanti ininterrottamente fino a maggio 2013. Maggio-Giugno 2013 si fatta la resinatura. Giugno-Agosto 2013 la ricostruzione delle falche, del sercio, la pulizia dei ferri (smontati e rimontati), stuccature delle fessure, lisciature. Agosto 2013 la pittura e il rimontaggio dei ferri. Poi i dettagli, non da poco,come le forcole. Diversi i contributi: il socio Gigi Negrisolo ha donato un vecchio ferro da prua (il pettine). Il socio Franco Bognolo ha realizzato le forcole, autentiche opere darte. La socia Elena Benetello ha cucito i cuscini. Il socio Gianni Balestrin ha donato la tela per la copertura. Sono intervenuti per la pitturazione anche i profughi Omar e Innusah ospitati dagli Amissi dallestate 2013, a seguito della richiesta dellassessore Verlato. E c stato il concorso di altri soci, per supportare il lavoro manuale, per individuare i fornitori dei materiali, o per spostare o capovolgere la gondola, nelle varie fasi della lavorazione. Una esperienza che ha arricchito la cultura dellassociazione, e rafforzato lattivit per la valorizzazione delle barche in legno della tradizione veneta. Un caro ricordo va a Ezio Endrigo, socio scomparso quasi un anno fa. Fu lui a segnalare lesistenza della gondola. Padova, 22 marzo 2013 Amissi del Piovego Presidente Maurizio Ulliana 3